chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli hongkonghesi affrontano la nuova Legge sulla Sicurezza Nazionale con una protesta senza leader

1 luglio – migliaia di protestanti per le strade protestano contro la legge sulla sicurezza nazionale. Immagine presa da inmediahk.net

Per il 23esimo anniversario del passaggio di Hong Kong alla Cina, e nel giorno in cui è stata promulgata la nuova legge draconiana di Pechino sulla sicurezza nazionale, migliaia di protestanti hanno sfidato il divieto della polizia di scendere in strada.

Le proteste del 1 luglio hanno portato all’arresto di 370 persone [zh]. Alcuni sono stati accusati di partecipare ad una manifestazione non autorizzata e di ostacolare le forze dell'ordine, altre 10 sono state condannate secondo la nuova legge sulla sicurezza nazionale.

Sette poliziotti sono rimasti feriti, nel caos uno di loro è stato accoltellato al braccio da un protestante.

Le forze dell'ordine di Hong Kong hanno impedito al Fronte dei Diritti Umani di ospitare il raduno annuale il 1 luglio, a causa delle regolamentazioni per la pandemia, mentre i protestanti si sono riuniti senza essere guidati da nessuno.

Nonostante la presenza della polizia, migliaia di protestanti sono andati a fare “shopping” in alcuni centri commerciali situati a Causeway Bay e hanno poi inondato le strade intorno alle 15:00.

La polizia antisommossa ha mandato via i protestanti dalle strade principali usando spray urticanti, manganelli e idranti, ma loro si sono riparati nei vicoli e nelle stradine adiacenti prima di ritornare nelle strade principali non appena si sono resi conto di avere via libera [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

Giornata di protesta ad Hong Kong, circa 370 arrestati. Migliaia di manifestanti hanno giocato al gatto e al topo con la polizia a Causeway Bay, Wan Chai, inneggiando slogan, un poliziotto è stato accoltellato. Gli ufficiali celebrano il 23esimo anniversario dalla cessione.

La maggior parte delle traverse adiacenti alle strade principali erano piene di protestanti che gridavano i loro slogan “Cinque richieste, non una in meno” e “L'indipendenza di Hong Kong è l'unica soluzione”:

Ignorare le minacce del CCP, il governo comunista di Hong Kong, la polizia e la nuova legge draconiana, masse di cittadini marciano per le strade verso Victoria Park. Urlano gli slogan proibiti: “L'indipendenza di Hong Kong è l'unica soluzione!”

Il numero di protestanti si è rivelato essere enorme considerando il fatto che ogni singola persona ha dovuto combattere la paura di essere arrestata.

Allo stato attuale, anche il solo cantare una canzone di protesta in mezzo alla strada, autorizza la polizia armata alla perquisizione:

1 luglio, 23esimo anniversario della restituzione di Hong Kong

Una donna è stata fermata e perquisita dai poliziotti mentre cantava uno slogan di protesta “potete sentire le persone cantare” vicino ad un negozio a Sogo.

Il primo arresto in nome della legge sulla sicurezza nazionale è quello di un uomo che alzava la bandiera d'indipendenza di Hong Kong.

[ULTIME NOTIZIE] A Causeway Bay, la polizia ha arrestato un uomo con la bandiera d'indipendenza di Hong Kong. Lui sarebbe il primo ad essere stato arrestato secondo la legge sulla sicurezza nazionale.

Nonostante rischiassero arresti e processi giudiziari, i protestanti si sono presi anche dei rischi fisici:

Non siamo dei rivoltosi, guardate per favore questo video e capirete che siamo sempre pronti ad aiutarci nonostante le minacce e i rischi. Sono fiero di essere cittadino di Hong Kong.

Verso le ore 20:00 la polizia antisommossa ha invaso Time Square – un importante centro commerciale a Causeway Bay – con spray urtcante e ha arrestato alcuni manifestanti [zh]:

Un grande striscione riassume l'umore provocatorio dei protestanti. “Noi amiamo Hong Kong, c***o”, si legge sullo striscione.

Foto di Oiwan Lam

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.