chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I conflitti basati sull'identità come alimentano la retorica provocatoria dei social media in Etiopia?

Unity Park, Addis Abeba, Etiopia, dicembre 2019. Foto di Ras Addisu via Flickr CC BY-SA 2.0.

I capi di stato di diversi paesi dell'Africa orientale si sono riuniti nell'ottobre 2019 nella capitale etiope Addis Abeba, per celebrare la grande inaugurazione [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] dello Unity Park, un parco urbano situato all'interno del palazzo imperiale.

Il parco, nato dall’iniziativa personale del Primo ministro riformista dell'Etiopia Abiy Ahmed, contiene [am] gallerie storiche, etniche e culturali dell'Etiopia. Vi sono inoltre conservate delle colossali statue di cera dei sovrani passati del paese, tra cui l'imperatore Menelik II e l'imperatore Haile Selassie. La somma della durata dei regni di questi due sovrani è di circa circa 70 anni.

Il parco mira a raccontare la storia di tutti/e gli/le etiopi e a celebrare le diverse etnie, religioni, culture, figure storiche, nonché le specie animali e vegetali endemiche del paese.

Tuttavia, una rapida occhiata alle notizie apparse sui social media sull'inaugurazione del parco ha rivelato reazioni politicizzate e nazionalistiche, sviluppate secondo due narrazioni che si escludono a vicenda e che rispecchiano in gran parte i confini etnici dei due principali gruppi etnolinguistici: Amhara e Oromo.

Al centro di questa divisione ci sono due opposte reazioni alla presentazione dei monumenti che ritraggono i due imperatori, ornati con i paramenti imperiali, seduti sui loro troni: essi rappresentano le profonde fratture radicate nella politica etiope.

I nazionalisti Amhara sono rimasti in gran parte compiaciuti da queste statue, anche se alcuni di loro le hanno criticate aspramente, descrivendole come il progetto di vanità di Abiy. Il Primo Ministro stesso si identifica come Oromo.

Statua di cera di Haile Selassie. Foto per gentile concessione di Edom Kassaye.

Allo stesso tempo, vari politici e attivisti Oromo hanno reagito furiosamente. In particolare, il noto politico dell'opposizione Jawar Mohammed si è detto irritato [am], in quanto sostiene [am] che costruire delle statue di cera dell'imperatore Menelik II e dell'imperatore Haile Selassie sia un affronto agli Oromo e a tutti i gruppi etnici repressi dagli imperatori.

L'imperatore Menelik II è ampiamente riconosciuto come il primo monarca etiope moderno che ha trasformato l'Etiopia. È venerato come un simbolo di libertà e perdono; ma è anche accusato di aver cacciato gli abitanti dell'Etiopa meridionale dalle loro terre e di aver privilegiato la lingua Amhara e il Cristianesimo.

Il giorno seguente, Jawar e Lencho Leta, un politico veterano e membro fondatore del Fronte di Liberazione Oromo (OLF), hanno guidato [am] un pellegrinaggio verso il distretto centro-orientale di Hetosa, nell'Oromia, la più grande regione dell'Etiopia, per visitare il monumento in memoria dei martiri di Anole. Questo sito storico simboleggia il risentimento duraturo da parte dei nazionalisti Oromo per le brutali uccisioni dell'Imperatore Menelik II, l'emarginazione culturale e la perdita della loro terra ancestrale alla fine del XIX secolo.

Settimane più tardi Jawar ha dichiarato [am] in una intervista televisiva:

 As long as they elevate Menelik, we will dig out his crimes and make generations know about his crimes, as long as they elevate Haile Selassie. … we are going to do that.

Finché Menelik verrà venerato, noi porteremo alla luce i suoi crimini e li faremo conoscere alle generazioni a venire, finché Haile Selassie verrà venerato. … continueremo a farlo.

Questo non è stato un caso isolato.

Dopo che Abiy ha messo fine, nell'aprile 2018, a 27 anni di dittatura e oppressione, controversie sugli eventi culturali, bandiere, raduni politici, monumenti [am] e l'importanza dei sovrani passati hanno iniziato a occupare la maggior parte delle conversazioni sui social media in Etiopia. Il linguaggio utilizzato è spesso provocatorio.

È uno schema ricorrente.

In breve, funziona così: un ufficiale governativo, leader dell'opposizione, giornalista o celebrità di spicco esprime un'opinione sull'importanza di una figura storica, per esempio, l'imperatore Menelik II, su un social media. Nel giro di alcuni minuti, le piattaforme dei social media si riempiono di centinaia di risposte favorevoli o fortemente critiche.

Statua di cera di Menelik II. Foto per gentile concessione di Edom Kassaye.

Questi scambi connotati culturalmente rinforzano l'atmosfera di risentimento tra i diversi gruppi etnici nei vari spazi online. Più precisamente, tra le loro élite. La sensazione crescente è che il proprio gruppo etnico sia minacciato di estinzione a causa dell'aggressione da parte di un altro.

Molteplici emittenti televisive, che sono spuntate dopo l'aprile 2018, come parte principale del repentino cambiamento del panorama mediatico etiope, hanno teso a fare da eco e ad amplificare questa divisione. Le conseguenze sono state fatali.

Per esempio, la violenza tra comunità è esplosa in Oromia dopo che Jawar ha scritto un post sulla sua pagina Facebook in cui insinuava che le autorità governative avessero pianificato di assassinarlo nell'ottobre 2019. Anche il colpo di stato regionale nella Amhara nel giugno 2019 può essere collegato alle narrazioni ultra-nazionaliste sui social media.

In molti casi, numerosi personaggi di Facebook e Youtube, sostenitori del governo, figure dell'opposizione, partiti politici e giornalisti emigrati partecipano alla diffusione di informazioni provocatorie nel già complesso e confuso ecosistema dei social media; spesso come modo per ottenere supporto per le loro cause.

Come alimentano il proprio supporto due esponenti dell'opposizione?

Due esponenti dell'opposizione, Jawar Mohammed, membro dell'Oromo Federalist Congress e Eskinder Nega, ex prigioniero politico e presidente di un partito politico fondato di recente, Balderas for Genuine Democracy, sono dei portavoce che si distinguono per il modo in cui usano i social media per ottenere supporto.

Jawar, con quasi 1,9 milioni di followers su Facebook, molti dei quali sostenitori entusiasti, si definisce un difensore [am] degli interessi degli Oromo. Con il suo seguito massiccio, egli ha un'importanza simbolica per il movimento giovanile Oromo noto come Qeerroo ed è generalmente rappresentato come il loro leader.

Questo meme ampiamente condiviso è stato utilizzato per mobilitare i residenti di Addis Abeba per sostenere la richiesta di Eskinder per una manifestazione di protesta nella capitale nell'ottobre 2019. Eskinder è rappresentato come un difensore benigno ma coraggioso dei residenti di Addis Abeba da una persona dall'aspetto virulento vestita con i colori della bandiera del Fronte di Liberazione Oromo (OLF).

Eskinder, d'altro canto, è diventato sempre più dipendente da Twitter come mezzo per alimentare il suo supporto. Sebbene Eskinder sia arrivato in ritardo su Twitter, egli ha sviluppato un seguito considerevole e i suoi commenti spesso provocano reazioni furiose da parte dei suoi detrattori. L'utilizzo di questa piattaforma è considerato un imperativo politico poiché i dispositivi e la connettività mobili sono sempre più diffusi.

Eskinder usa regolarmente il suo profilo Twitter per accusare i membri di Qeerroo di genocidio contro le minoranze etniche e religiose in Oromia. La sua definizione di Qeerroo è condivisa da migliaia di account Twitter che rappresentano i nazionalisti Amhara e i seguaci della Chiesa Ortodossa Etiope di Tewahedo.

Anche se Jawar e Eskinder dominano due piattaforme diverse (rispettivamente Facebook e Twitter), la loro chimica negativa è ugualmente evidente.

Entrambi riescono ad articolare punti di vista nettamente opposti su questioni come la struttura federale dell'Etiopia, lo status giuridico della capitale etiope Addis Abeba, una città multi-etnica inserita all'interno dei confini della regione di Oromia, la storia dell'imperatore Menelik II e la costituzione etiope.

Un diffuso meme rappresentate Eskinder come una persona pacifica che apostrofa Jawar come una persona violenta.

Jawar e Eskinder mirano a rafforzare le loro già solide connessioni con i loro follower sui social media. Le reazioni, i commenti, i retweet e le condivisioni su Facebook e Twitter sono più numerose di quelle di qualsiasi altra figura dell'opposizione.

Nonostante tutte le differenze tra i due leader dell'opposizione, entrambi fanno la loro parte iniettando una buona dose di informazioni ingannevoli nell'ecosistema dell'informazione dell'Etiopia.

Spesso Eskinder esagera sull'eccezionalismo etiope, la distruzione dei siti storici e enfatizza le atrocità commesse nella regione di Oromia.

Per esempio, nel seguente tweet, Eskinder ha manifestato la sua approvazione per il fatto che l'Amarico fosse stato scelto per essere incluso tra le lingue di lavoro dell'Unione Africana. Ma questo non è mai avvenuto:

SÌ all'AMARICO, la lingua di lavoro (ufficiale) dell'Etiopia da oltre 700 anni, come una delle lingue di lavoro dell'UNIONE AFRICANA….. l'AMARICO è il simbolo della lunga storia della COSTRUZIONE NAZIONALE dell'AFRICA……non si tratta solo di una lingua, si tratta della posizione dell'AFRICA nella STORIA del mondo

Dal settembre 2018, i due sono impegnati in una battaglia serrata che, più recentemente, nel novembre 2019, si è disputata negli Stati Uniti, quando entrambi erano in tour per raccogliere fondi dai membri delle comunità etiopi emigrate per i loro progetti politici in Etiopia.

Se i Qeerroo fossero ribelli senza motivo, staresti ancora marcendo nei gulag di Weyane! Ingrato!

Nessun momento è riuscito a catturare meglio la rivalità e la contesa ideologica tra i due uomini come il tour negli Stati Uniti, con i loro sostenitori che hanno giocato al gatto e topo tra le varie tappe.

Il tour di Jawar è arrivato sulla scia di diversi giorni tumultuosi in cui la violenza tra comunità si era diffusa in Oromia, portando alla morte di 86 persone, dopo che il suo post di accuse su Facebook avevano scatenato una catena di reazioni [am] iniziate con i suoi sostenitori riuniti davanti alla sua residenza ad Addis Abeba.

I suoi detrattori sostengono che il suo post abbia causato la morte di 86 persone. Eskinder, in particolare, gli ha addossato [am] la responsabilità.

Jawar ha negato [am] che i suoi post avessero a che fare con gli scontri, sostenendo invece che le sue azioni abbiano in realtà fatto sì che la violenza non degenerasse [am] ulteriormente.

Mentre viaggiava attraverso gli Stati Uniti, i suoi sostenitori hanno mostrato solidarietà, coordinando le riunioni del municipio e raccogliendo fondi in varie città degli Stati Uniti con una forte presenza Oromo.

Gli oppositori di Jawar, la maggior parte dei quali membri della base di supporto di Eskinder, hanno organizzato una serie di manifestazioni contro le riunioni di Jawar nei municipi.

Come Eskinder, anche Jawar ha l'abitudine di usare discutibili tecniche di persuasione: accusa spesso le autorità dello stato regionale di Amhara di essere nostalgiche dell'era imperiale dell'Etiopia e sottolinea la violenza che colpisce le minoranze nella regione di Amhara.

Dopo aver completato il suo tour negli Stati Uniti, Jawar ha accusato le autorità dello stato regionale di Amhara di organizzare e finanziare quella che ha descritto come una “campagna odiosa, vergognosa e violenta”.

Come prova della sua accusa, ha accompagnato il suo articolo con una fotografia che mostrava un funzionario statale di alto livello dell'Amhara, Yohannes Buayalew, in posa con Yoni Magna [am], un personaggio dei social media residente all'estero, noto per i suoi sproloqui, insulti [am] e teorie complottiste.

Il tentativo è quello di insinuare che i funzionari statali regionali di Amhara hanno lavorato con Yoni Magna, che è stato visto [am] anche in una delle manifestazioni.

Alcune persone hanno lanciato apertamente insulti razzisti [am] usati per riferirsi a un individuo di origine Oromo durante le proteste, ma non ci sono prove che suggeriscano che questi raduni fossero in realtà organizzati e finanziati dalle autorità etiopi.

Uno screenshot del post su Facebook di Jawar Mohammed, pubblicato il 25 novembre 2019. Un'autorità statale di alto livello della regione di Amahara Yohannes Buayalew (destra) posa con Yoni Magna (sinistra).

Il sentimento ultra-nazionalista attraverso le canzoni

Fino ad ora, il linguaggio provocatorio è stato limitato alla scrittura, ai meme, a brevi video, a grafiche e immagini. Ma con la crescita del ruolo dei social media, il terreno della tensione etnica si è esteso ai video musicali di YouTube.

Una nuova legge contro i discorsi di odio e la disinformazione

All'inizio di quest'anno, i legislatori etiopi hanno approvato la Proclamazione per la prevenzione e repressione dell'hate speech e della disinformazione [am], per frenare la diffusione dell'odio e della disinformazione al fine di promuovere “l'armonia sociale” e “l'unità nazionale”. I gruppi per i diritti, tuttavia, affermano che la legge metta in pericolo la libertà di espressione perché contiene definizioni ampie e vaghe e disposizioni che non sono in linea con gli standard internazionali sui diritti umani.

Nei loro numerosissimi video musicali in lingua Afan Oromo e amarica, i cantanti promuovono narrazioni nazionalistiche che affermano la superiorità del loro gruppo, a volte persino promuovendo conflitti con l'altro gruppo.

Alcune delle espressioni più nazionalistiche nelle canzoni si concentrano su patria, bandiera e personaggi storici. Lodare l'imperatore Menelik II come liberatore o denunciarlo come un mostro è stato a lungo un tema ricorrente.

Nel 2013, infatti, è stata aperta una pagina Facebook per non dimenticare le atrocità commesse da un soldato dell'imperatore Menelik II.

Ma l'inaugurazione dello Unity Park ha stimolato la produzione di numerosi video musicali Oromo incentrati sulle origini etniche delle autorità governative.

Poiché il parco è il progetto di Abiy, alcune canzoni lo descrivono come una persona che ha commesso un tradimento etnico onorando l'imperatore Menelik II. Una canzone lo descrive come un venduto; un altro cantante si domanda se sia davvero un Oromo.

Caalaa Daggafaa, un cantante di lingua Afan Oromo, ha accusato Abiy di essere un venduto per aver elogiato i monarchi del passato. Egli inveisce contro la statua di Menelik II, il quale è descritto come un mostro.

Nello stesso video, rende omaggio alle forze armate del Fronte di Liberazione Oromo, descrivendole come eroi che svolgono un duro lavoro continuando la lotta per l'emancipazione del popolo Oromo.

Nel frattempo, i cantanti amarico intonano odi a Menelik II, descrivendolo come unificatore e liberatore.

In un video musicale, Dagne Walle, un cantante amarico in ascesa, oscilla verso la telecamera, brandendo il suo fucile, mentre canticchia di aver ereditato il valore di Menelik II, alludendo all'imperatore come suo padre.

Il video musicale, intitolato “Wey Finkich” (“Hell No”), è scandito da scene di gruppi di persone vestite con abiti tradizionali e armate di fucili, che sbattono i piedi a terra mentre sventolano la bandiera dell'Etiopia, e dal ruggito di un leone.

Queste canzoni ottengono un numero enorme di visualizzazioni su YouTube, raccogliendo denaro tramite la pubblicità e rafforzando la polarizzazione etnica.


Questo articolo è parte di una serie intitolata “Identity matrix: regolamentazione delle piattaforme sulle minacce online alla libertà d'espressione in Africa.” Questi articoli affrontano il tema dell'odio online basato sull'identità o le discriminazioni basate sulla lingua o l'origine geografica, la disinformazione e le molestie (in particolare contro attiviste e giornaliste) prevalenti negli spazi digitali di sette paesi africani: Algeria, Camerun, Etiopia, Nigeria, Sudan, Tunisia e Uganda. Il progetto è finanziato dal Fondo per i diritti digitali dell'Africa del centro per la Collaborazione sulla politica internazionale in materia di TIC per l'Africa orientale e meridionale (CIPESA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.