chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il sindacato dei medici russi lancia la “mappa dei problemi” da loro riscontrati durante il COVID-19

Screenshot della Mappa Interattiva dell'Alleanza dei Medici. I cerchi rossi rappresentano problemi generici, quelli neri rappresentano le morti del personale sanitario e quelli verdi rappresentano i problemi risolti.

Al momento della scrittura di questo articolo, la Russia ha 370.680 casi confermati di COVID-19 secondo la Mappa della Johns Hopkins University [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Negli ultimi giorni, i dirigenti sanitari russi hanno affermato che la situazione potrebbe stabilizzarsi. Tuttavia, delle severe ondate regionali, come il recente picco di infezioni nel Daghestan, potrebbero mettere a rischio qualsiasi lenta ripresa.

In queste condizioni, il sistema sanitario nazionale è completamente sotto pressione.

Per questo, il 20 maggio l'Alleanza dei Medici Russi, un sindacato indipendente fondato nel 2018, ha pubblicato una mappa interattiva [ru] dettagliata relativa ai problemi riscontrati negli ospedali in tutto il paese. Un modulo di contatto consente allo staff medico di riportare un problema. Una volta che il personale del sindacato ha verificato i casi, questi vengono aggiunti alla mappa. In meno di una settimana, la mappa ha registrato 490 di questi problemi, molti dei quali dovuti a insufficienti scorte di dispositivi di protezione individuale (DPI), mancato pagamento dei salari o incapacità di sottoporre il personale sanitario al test per il COVID-19.

La mappa ha registrato la tragica morte di 268 operatori sanitari.

Nel video sottostante, la fondatrice dell'Alleanza dei Medici Anastasia Vasilyeva presenta la nuova mappa interattiva e invita i dirigenti sanitari russi a usarne i dati per capire la vera portata del problema. Altre categorie di reclami verranno aggiunte in base al tipo di richiesta, aggiunge.

L'Alleanza dei Medici è diventata sempre più nota con lo svilupparsi della crisi del COVID-19 in Russia. La sua fondatrice Anastasia Vasilyeva ha raggiunto la fama con le sue critiche insistenti al comportamento delle autorità russe durante la pandemia di COVID-19; ha anche messo in discussione le statistiche ufficiali sul COVID-19. La Vasilyeva, un'esperta oculista, è diventata un'attivista dopo aver cercato di impedire il licenziamento di sua madre e di molti altri dipendenti da una clinica di Mosca nel 2018. Una delle figure pubbliche a cui si è appellata è il famoso attivista dell'opposizione Alexey Navalny, che aveva curato un anno prima quando un aggressore gli aveva lanciato coloranti chimici in faccia. Navalny ha difeso le causa della Vasilyeva. Da quel momento, la sua Fondazione Anti-Corruzione si è battuta con l'Alleanza dei Medici per migliori stipendi e condizioni lavorative del personale sanitario, nell'ambito del suo impegno con il sindacalismo indipendente.

Come Navalny, la dottoressa-attivista gira regolarmente dei video YouTube corti, accessibili e intensi. La Vasilyeva non finisce mai il materiale; la pagina di VKontakte [ru] dell'Alleanza dei Medici è piena di commenti di operatori sanitari che esprimono le proprie frustrazioni riguardo il carico di lavoro e le scorte di dispositivi di protezione.

L'attenzione pubblica è stata anche catturata dall'emergenza del personale sanitario, a causa di alcuni recenti casi di operatori in prima linea che si sono suicidati buttandosi dalla finestra. Sebbene secondo alcuni giornali internazionali si tratti di un reato, un’inchiesta più accurata dell'Independent suggerisce che molti di questi incidenti possano essere dei suicidi, indotti molto probabilmente dagli stessi problemi che sono ora registrati sulla mappa interattiva.

In un'intervista YouTube avvenuta due giorni prima che la mappa interattiva venisse pubblicata, Ivan Konovalov, il responsabile dei rapporti con la stampa del sindacato, sembrava avere grandi speranze verso il progetto. Konovalov ha detto che la questione del rifornimento di DPI fra tutte è stata la più facile da risolvere nelle ultime settimane; l'Alleanza dei Medici non solo consegna i dispositivi stessi, ma ha anche condotto un'importante campagna a riguardo per più di un mese [ru]:

Самая эффективная, конечно, это публичность… Почему они все так резко заговорили о своих проблемах? Мы об этом говорили, наверно, три недели назад. Когда май начался, медики начали понимать что за Апрель никто им платить не собирается. И они начали к нам обращаться. Мы им говорили – обращайтесь публично. Все конечно же боялись но, по-тихоньку, одна больница стала публично обратиться, потом вторая, и запустилась волна. И эта волна, ну, может не очень правильно, но она как сама коронавируса распространилась очень резко. Две неделей казалось, что ничего не происходит, а буквально за три или четыре дня, волна обращений. И на эти проблемы обратили внимание. Если просто жаловались, писали письмо к прокуратору и все, то вряд ли бы эти проблемы решились.

La cosa più efficace è, ovviamente, la divulgazione. Perché parlano così direttamente dei loro problemi? Noi ne abbiamo parlato circa tre settimane fa. All'inizio di maggio, i medici hanno capito che nessuno aveva intenzione di pagarli per [aver lavorato] ad aprile. Quindi hanno iniziato a rivolgersi a noi. Gli abbiamo detto di affrontare la questione pubblicamente. Ovviamente all'inizio erano tutti spaventati, ma a poco a poco un ospedale ha iniziato a fare ricorso, poi un altro, e così è arrivata un'ondata di altri ricorsi. E questa ondata, beh, forse non dovremmo dire così, ma si è diffusa drasticamente, quasi come il coronavirus stesso.

Intervista con Ivan Konovalov, YouTube/VKontakte, 22 maggio 2020

Konovalov ha ammesso nello stesso video che neanche tutti i medici in Russia conoscevano l'Alleanza dei Medici.

Tuttavia, ricorsi pubblici come questi da parte dei medici sono uno fenomeno di lunga data tra il tormentato personale sanitario in Russia. Non è stata l'Alleanza dei Medici ad iniziare questo trend. E non è stato neanche il coronavirus, dato che il sistema sanitario russo è noto per essere fragile da anni, con i suoi dipendenti che si lamentano regolarmente dei salari bassi e degli straordinari. Secondo un’inchiesta di Deutsche Welle dello scorso novembre, circa il dieci percento dei medici russi lascia il sistema nazionale statale ogni anno.

Ma questi messaggi di rabbia hanno raggiunto l'apice dall'inzio della pandemia di COVID-19. Medici di decine di ospedali adesso girano dei video appello in cui protestano per una mancanza di risorse. I membri dell'Alleanza dei Medici che hanno cercato di discutere della situazione delle prestazioni sanitarie sono stati sotto pressione nelle ultime settimane (la Vasilyeva stessa è stata arrestata ad aprile mentre stava consegnando mascherine chirurgiche in una cittadina rurale).

Il 7 maggio, a Sochi la polizia ha avviato una causa [ru] contro Yulia Volkova, medico di una clinica e coordinatore locale del sindacato indipendente. Dopo la pubblicazione di un video in cui fa richiesta di dispositivi di protezione individuale per il personale medico locale, la Volkova è stata accusata di “diffondere false informazioni” o fake news. “Il novanta percento dei dipendenti va in giro senza mascherine, ma sono io quella che destabilizza la situazione”, ha dichiarato la Volkova.

La protesta della Volkova non era insolita. Nella città di Ufa, diversi medici hanno girato dei video per denunciare [ru] le proprie condizioni lavorative generali; altri, per esempio a Rubtsovsk, hanno parlato del mancato pagamento [ru] dei bonus che erano stati promessi al personale sanitario.

Questi bonus, dice Konovalov, vengono nominati nella maggior parte degli appelli che lui e i suoi colleghi ricevono tramite la mappa interattiva. Ad inizio aprile, il presidente Vladimir Putin ha decretato l'ulteriore pagamento mensile di una cifra che si aggira tra i 25.000 e i 50.000 rubli (300-600 dollari) per il personale sanitario in prima linea, come infermieri, paramedici e autisti di ambulanze. I medici che hanno curato pazienti affetti da COVID-19 avrebbero dovuto ricevere 80.000 rubli (1000 dollari). Il governo russo ha stanziato circa 45,6 miliardi di rubli (619,7 milioni di dollari) per questi pagamenti.

A metà maggio molti operatori sanitari hanno iniziato a protestare per non aver ricevuto neanche uno spicciolo. Una petizione online [ru] con cui viene richiesto il pagamento dei bonus promessi al momento ha raggiunto 116.000 firme.

Le autorità russe sembrano aver prestato attenzione: il 19 maggio l'ufficio del pubblico ministero ha avviato un procedimento penale contro l'amministrazione di un ospedale ad Armavir per non aver pagato i bonus in questione.

Non possiamo sapere se questo procedimento è stato avviato grazie all'Alleanza dei Medici. Tuttavia, gli account social del sindacato adesso celebrano tale successo per aver chiesto alle amministrazioni sanitarie di chiarire la situazione del personale medico durante la pandemia, come è mostrato in questa lettera, che annuncia una causa contro i dirigenti di un ospedale nella territorio di Krasnodar [ru]:

Ecco i primi risultati! Un medico ha denunciato una violazione tramite il nostro sito, e abbiamo presentato un reclamo agli organi di controllo. Respotrebnadzor ha aperto un'indagine e avviato un procedimento contro l'ospedale e i suoi dirigenti sanitari. Parlate apertamente dei vostri problemi, funziona.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.