chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Brasile, il tasso di mortalità da COVID-19 per la comunità nera è superiore a quello delle altre popolazioni

Foto di Pedro Conforte a Plantão Enfoco. Usata con autorizzazione.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in portoghese il 6 maggio 2020 e tradotto in spagnolo dal nostro partner brasiliano Agência Publica. È stato poi ripubblicato e curato da Global Voices con il loro permesso.

In Brasile, il numero di persone di colore morte a causa del COVID-19 è quintuplicato in due settimane. Dall'11 al 26 aprile, il numero delle morti confermate a livello federale è passato da poco più di 180 a più di 930 tra i neri brasiliani contagiati dal coronavirus. Il numero di pazienti neri ricoverati in ospedale per la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) causata dal coronavirus è aumentato di 5,5 volte.

Per la popolazione bianca brasiliana, l'aumento dei decessi durante queste stesse due settimane è stato significativamente minore: i decessi sono aumentati di tre volte e il numero di ricoveri ospedalieri è aumentato in simile proporzione.

Al 18 giugno, il numero totale di morti per il coronavirus in Brasile era salito [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] a 46.842. Dall'inizio della pandemia, il presidente Jair Bolsonaro ha minimizzato la gravità del COVID-19 e si è battuto per mantenere aperta l'economia. Le regole della quarantena sono state decise dai governatori regionali. Oggi il paese ha il secondo più alto numero di casi al mondo.

Il grande aumento del numero di persone di colore ricoverate in ospedale o decedute a causa del COVID-19 ha messo in evidenza i problemi di disuguaglianza razziale in Brasile. Tra la popolazione nera, un paziente su tre è morto per complicazioni dovute al virus, rispetto a un decesso su 4,4 tra i bianchi brasiliani.

I decessi di COVID-19 in Brasile aumentano di più tra le persone di colore. Grafico usato con autorizzazione.

La percentuale di morti tra i bianchi è diminuita, mentre tra persone di colore è aumentata. Grafico usato con autorizzazione.

Morti causate dalla Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS) tra i pazienti ricoverati per COVID-19. Grafico utilizzato con autorizzazione.

Questi dati sono stati ricavati da un'analisi effettuata da Agência Pública sulla base dei dati epidemiologici del Ministero della Salute che contengono informazioni relative alle etnie delle persone ricoverate e decedute per coronavirus. Il governo federale ha pubblicato questi dati aggiornati il 26 aprile scorso.

Tombe scavate nel cimitero di Vila Nova Cachoeirinha, al servizio della comunità di Brasilândia. La popolazione di questo quartiere di San Paolo è composta per metà da neri che presentano il maggior tasso di mortalità da COVID-19. Foto usata con autorizzazione.

Per ogni decesso a Moema, ce ne sono quattro a Brasilândia

San Paolo, la città più grande del paese e quella con il maggior numero di morti da COVID-19, ha registrato un aumento dei tassi di mortalità nei quartieri dove la popolazione nera è maggiormente presente. Secondo Agência Pública, dei dieci quartieri con il più alto tasso di mortalità da coronavirus, otto hanno una percentuale di residenti di colore superiore alla media di San Paolo.

Il quartiere con il maggior numero di decessi è Brasilândia [pt], dove sono morti 103 pazienti affetti da coronavirus. Quasi il 50% dei residenti in questa zona si identifica come persona di colore (la media di San Paolo è del 37%). Al contrario, Moema, il quartiere con la più bassa percentuale di residenti di colore (meno del 6%), ha registrato 26 decessi.

Vedendo i dati in relazione al contesto, i due quartieri hanno ancora realtà diverse: rispetto al numero di residenti di Moema, Brasilândia ha circa il 25% di morti in più. Agência Pública ha utilizzato i dati dell'ultimo censimento (2010) per analizzare la dimensione della popolazione e l'etnia dei residenti.

I dati del COVID-19 in relazione ai residenti di colore a Brasilândia e Moema. Grafico usato con autorizzazione.

A Jardim Ângela, il quartiere con la più alta percentuale di persone di colore di tutta la città, i decessi per coronavirus sono quasi triplicati in circa due settimane. In altri quartieri a maggioranza nera, come Grajaú, Parelheiros, Itaim Paulista, Jardim Helena, Capão Redondo e Pedreira, i decessi per COVID-19 sono più che raddoppiati nello stesso periodo.

La diffusione del coronavirus nei sobborghi di San Paolo ha avuto un rallentamento nei quartieri più ricchi dove erano comparsi i primi casi di COVID-19. Il 17 aprile, i quartieri con un numero di persone di colore minore rispetto alla media della città hanno avuto il 13 per cento di morti in più rispetto alle zone in cui vivono più neri. Due settimane dopo, questa differenza è scesa al 3 per cento. Se il trend dovesse continuare, i decessi dovuti al COVID-19 nei quartieri con una maggiore presenza di persone di colore supereranno quelli dei quartieri dove ne vivono meno.

Le aree con una popolazione nera più densa sono quelle in cui l'Indice di Sviluppo Umano Comunale (MHDI), che calcola la longevità, l'istruzione e il reddito, è al suo livello più basso. I dieci quartieri con l'MHDI peggiore di San Paolo sono quelli in cui vivono più neri rispetto alla media della città. I dieci quartieri con l'MHDI migliore sono invece quelli in cui ne vivono meno. Nei dieci quartieri con il maggior numero di morti, otto hanno un MHDI medio inferiore allo 0,8. La percentuale di persone di colore in questi otto quartieri è superiore alla media della città.

A Rio, i quartieri dove vive in media più gente di colore hanno già più morti

A Rio, l'aumento dei casi di COVID-19 nei quartieri in cui la popolazione nera è presenta in numero maggiore alla media delle città ha portato a un aumento dei decessi in queste aree. Foto usata con autorizzazione.

A Rio, i quartieri abitati maggiormente da persone di colore, rispetto alla media della città, sembrano avere già più morti in assoluto rispetto ai quartieri con meno persone di colore.

Attualmente, Campo Grande, la cui popolazione è costituita per più del 50% da neri, è il quartiere con il maggior numero di morti. Il quartiere ha superato Copacabana, che precedentemente aveva il più alto numero di morti da COVID-19. Dopo Copacabana, Bangu e Realengo, due quartieri a maggioranza di popolazione nera, sono al terzo e quarto posto tra i più colpiti della città.

I quartieri con il maggior numero di morti da COVID-19 a Rio de Janeiro. Grafico usato con autorizzazione.

A Rocinha, il quartiere povero più grande della città, il numero di morti registrato secondo i dati ufficiali al tempo delle indagini era di nove persone. I dottori [pt] che lavoravano lì hanno però messo in discussione tale numero e hanno dichiarato che i morti nella favela erano già 22.

Anche la relazione tra il numero di casi confermati e il numero di morti è molto diverso se si confrontano i quartieri ricchi e quelli poveri di Rio de Janeiro. Questo può indicare la difficoltà per gli abitanti delle favelas e delle periferie di poter esser testati. A Rocinha, per esempio, ci sono il doppio dei morti in relazione ai casi confermati rispetto che a Leblon. I quartieri con più casi confermati sono Copacabana e Barra da Tijuca.

Ad Amazonas, i bianchi sopravvivono più delle persone di colore

Nello stato di Amazonas, dove il sistema sanitario pubblico è collassato [pt], i morti registrati tra chi è stato colpito in modo grave dal COVID-19 sono maggiormente persone di colore e non bianchi. Secondo Agência Pública, una persona di colore muore per ogni 2,4 pazienti in condizioni critiche, mentre per le persone bianche ne muore solamente una per ogni 3,2 pazienti molto malati.

I dati relativi al COVID-19 per lo stato di Amazonas. Grafico usato con autorizzazione.

Lo stato di Amazonas, il primo a raggiungere la massima capacità delle unità di terapia intensiva per i pazienti con COVID-19, ha registrato un aumento maggiore delle persone di colore in gravi condizioni rispetto ai bianchi. Alla fine di aprile, in meno di una settimana, il numero di pazienti di colore gravemente malati si è duplicato.

Sempre nello stato di Amazonas, per ogni persona bianca deceduta ne muoiono 13 nere. Il Ministero della Sanità ha registrato circa 850 pazienti di colore in gravi condizioni, dovute al coronavirus, e più di 340 morti. Tra i bianchi, i casi gravi erano 81 e i decessi 25. Le informazioni sulle etnie sono state aggiornate [pt] il 29 aprile.

A Manaus, la prima città brasiliana ad aver visto il collasso del proprio sistema sanitario pubblico, per ogni paziente bianco deceduto ne muoio più di 13 di colore. Foto usata con autorizzazione.

Nonostante i dati mostrino un netto aumento di decessi tra le persone di colore e ancora di più tra coloro che sono ricoverati, il governo federale non rilascia altri dettagli relativi a queste informazioni. Per esempio, non sono disponibili informazioni riguardati il numero di casi confermati per etnia, o il numero di test effettuati su persone di colore, bianchi o altre etnie.

L'avvocato Daniel Teixeira, direttore del Centro per lo Studio dei Rapporti di Lavoro e delle Disuguaglianze (Ceert), ha dichiarato che la mancanza di dati ufficiali sulle etnie non è una novità per il paese. Secondo lui:

There are several factors that may explain the high lethality [of COVID-19 among the black population]. Indeed, having more information means that we can even confirm or exclude the importance or relevance of each of these factors, as the case may be. That's where the importance of the data lies.

Ci sono diversi fattori che incidono sull'elevate mortalità [del COVID-19 tra le persone di colore]. Nello specifico, avere maggiori informazioni significa che possiamo confermare o escludere l'importanza o la rilevanza di ciascuno di questi fattori, a seconda dei casi. È qui che sta l'importanza dei dati.

Teixeira è convinto che questa differenza non sia presente solamente per quanto riguarda la salute e che sia diffusa in tutto il paese.

The lack of this type of data could prevent people from having public policies that take into account this situation which, historically, ignores the factors of structural inequalities in Brazil.

La mancanza di questo tipo di dati potrebbe impedire alle persone di avere politiche pubbliche che tengano conto di questa situazione che, storicamente, ignora i fattori di disuguaglianza strutturale in Brasile.

Articolo [pt] pubblicato inizialmente da Agência Pública. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.