chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La grande diffusione dell'artemisia in Camerun durante la lotta al COVID-19

La pianta di artemisia è stata a lungo usata come erba medicinale per curare la malaria e altre malattie in Camerun e in tutta l'Africa. Screenshot da “Il business della malaria: la grande industria farmaceutica vs la medicina naturale,” un documentario di Franc24 su YouTube.

Quando il 6 marzo il Camerun ha registrato il primo caso di COVID-19 a Yaounde, nella capitale, i funzionari della sanità pubblica hanno rassicurato i cittadini che il governo avrebbe preso misure rapide per contenere la diffusione del virus, come l'obbligatorietà di indossare mascherine nei luoghi pubblici.

Ma il virus si è diffuso rapidamente gettando anche scompiglio sull'economia del paese.

Dal 17 marzo, quando il Primo Ministro Joseph Dione Ngute ha annunciato 13 linee guida per fermarne la diffusione, 10 persone sono risultate positive. Da marzo, il Camerun ha registrato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] 8060 casi, con più di 200 morti e più di 4700 casi ricoverati dall'8 giugno.

Inoltre, il 30 aprile, Ngute ha allentato diverse misure contro il COVID-19, a seguito di una riunione del comitato inter-ministeriale con l'obiettivo di risanare l'economia e i mercati locali.

Poiché i casi di coronavirus continuano ad aumentare in Camerun e il governo pensa di riaprire i confini del paese, molti che credono nelle piante officinali hanno riconsiderato l'artemisia. Molti camerunesi credono nell'efficacità della pianta di artemisia per curare la malaria e altre malattie.

Conglad Ngwa, un botanico e ricercatore sui funghi all'Università di Buea, ha dichiarato a Global Voices che l'artemisia edibile può curare il mal di testa e disturbi che interessano lo stomaco, oltre a molte altre malattie.

Il 25 aprile, l'arcivescovo della Diocesi Metropolitana di Douala, Samuel Kleda, ha annunciato all'emittente nazionale CRTV che ha inventato un trattamento a base di erbe per il COVID-19, includendo l'artemisia. L'Arcivescovo Kelda ha sostenuto:

Given that I already knew the plants according to the symptoms of the coronavirus, I have simply put together these combinations, prepared them and given to persons with the symptoms and they were relieved.

Dato che conoscevo già le piante in base ai sintomi del coronavirus, ho semplicemente messo insieme queste combinazioni, le ho preparate e le ho somministrate alle persone i cui sintomi sono stati alleviati.

Kleda ha circa 30 anni di esperienza di ricerca sulle piante officinali, in particolare ha studiato i trattamenti a base di erbe per curare le malattie che attaccano le vie respiratorie.

Il governo del Camerun ha preso del tempo prima di reagire alla cura contro il coronavirus proposta dall'arcivescovo, facendo sorgere domande tra i camerunesi. Sorprendentemente, il 19 maggio, il Presidente Paul Biya ha incoraggiato l'uso di cure casalinghe per combattere il temuto coronavirus in un messaggio televisivo alla nazione.

L'intervento del presidente ha incoraggiato i camerunesi ad affidarsi ulteriormente alla combinazione di erbe officinali locali per curare i sintomi del COVID-19. La potenza dell'artemisia – conosciuta anche come estratto di assenzio o assenzio – ha portato a un incremento della coltivazione della pianta in Camerun.

La popolare ricetta prevede lime, limone, ananas, citronella e artemisia che vengono bollite e bevute come se fosse un tè.

Quando sono andato in Camerun alcuni mesi fa, mi hanno dato da bere questo tè all’ “artemisia” come difesa preventiva contro la malaria.

È interessante scoprire che potrebbe offrire una sorta di immunità contro il Coronavirus, si dovrebbe proseguire nello studio delle proprietà di questa pianta contro il Covid-19.

Atoh Mercy Acca, una contabile che lavora a Doula, Camerun, ha riferito a Global Voices che i suoi genitori le hanno mandato un preparato di erbe tradizionali da bollire e bere dopo che si è lamentata del fatto che la famiglia del suo capo stesse manifestando i sintomi da coronavirus:

As soon as I informed my parents about my boss whose child died of an alleged COVID-19, my parents did not hesitate to send my bottles of traditional herbs for me to boil and drink.

Non appena ho informato i miei genitori riguardo al figlio del mio capo che è morto presumibilmente di COVID-19, non hanno esitato a spedirmi bottiglie di erbe tradizionali da bollire e bere.

Bekondo Nestorine, un addetto stampa di Limbe, Camerun, ha detto a Global Voices che lui e i suoi colleghi bolliscono e bevono circa tre volte al giorno nel loro ufficio l'infuso di artemisia insieme a dello zenzero che fortifica il sistema immunitario.

Ritornare alla coltura dell'artemisia

Asaba Lynda, un'appassionata dell'ambiente che lavora con la delegazione regionale sud-occidentale per la protezione della natura e per lo sviluppo sostenibile, ha riferito a Global Voices che “grazie al coronavirus molte persone sono tornate a coltivare piante – specialmente le specie che credono possano aiutare nella cura del virus.”

Set Ekwadi Songe, un altro delegato regionale, ha espresso la sua preoccupazione per una possibile carenza di artemisia a causa della sua crescente popolarità come ingrediente essenziale nei rimedi a base di erbe officinali prodotti in casa:

As people want to protect themselves from COVID-19, many herbalists, many traditional practitioners, are now going to nature to look at all types of species to produce cures, hence tampering with the existence of such species. Like the artemisia plant, it’s going to be difficult for us to get the plant because everybody wants it to treat COVID-19.

Poiché le persone vogliono difendersi dal COVID-19, molti erboristi e diversi professionisti della medicina tradizionale si addentrano ora nella natura per trovare tutte le specie di piante per produrre cure, alterando quindi l'esistenza di tali specie. Diventerà più difficile per noi ottenere la pianta di artemisia poiché tutti vogliono curare il COVID-19.

Il delegato Songe ha manifestato, tuttavia, la sua gioia in quanto la pianta può aiutare la popolazione.

Rispettare la medicina tradizionale

Il crescente uso di artemisia come pianta curativa non è una sorpresa per il Camerun, dove i guaritori tradizionali hanno fatto uso di questa pianta per secoli per curare numerose malattie tra cui la malaria.

Ora che l’industria farmaceutica ha riconosciuto l'efficacità della pianta in possibili cure contro malattie contagiose, si è registrato un aumento sia di grandi che di piccole coltivazioni di artemisia. Ciò può essere interpretato come un affronto alle grandi case farmaceutiche che cercano di controllarne la produzione, secondo quanto riportato da Irene Teis nel suo blog su “Malaria World”. L'anno scorso ha scritto:

Artemisia plantations are spreading like a bushfire all over Cameroon, under the vigilant eye of universities and local organizations who avoid that the plant is improperly cultivated, handled and used.

Le piantagioni di artemisia si stanno diffondendo a macchia d'olio in tutto il Camerun, sotto il vigile controllo delle università e delle organizzazioni che cercano di evitare che la pianta venga coltivata, maneggiata e usata impropriamente.

Teis racconta che le vite dei guaritori tradizionali sono a rischio e che le piantagioni di artemisia sono state distrutte dalla polizia:

Several cases of murder or attempted murder have become known recently. It is also discouraging for them that their research and numerous clinical trials are ignored or depreciated by the medical neocolonialism, mostly by French experts.

Recentemente si sono registrati casi di omicidio o tentato omicidio. Scoraggia inoltre il fatto che la ricerca e i numerosi test clinici siano ignorati o disprezzati dal neocolonialismo medico, principalmente da esperti francesi.

Di recente, la pianta dell'artemisia è comparsa sulle prime pagine dei media quando il presidente del Madagascar Andry Rajoelina ha presentato il COVID organics, una mistura di erbe, tra cui l'artemisia, prodotta localmente, in grado di curare i sintomi provocati dal virus.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha subito criticato l’ efficacità del COVID organics, dichiarando che non c'è ancora una cura nota per il COVID-19, ma i leader politici di diverse nazioni africane, tra cui la Tanzania e l’Unione delle Comore, hanno aderito all'uso del prodotto.

Netizen Kathleen Ndongmo ha lanciato un appello su Twitter per incoraggiare la ricerca sul potere delle piante tradizionali e delle erbe officinali per curare virus particolarmente contagiosi.

Il Madagascar ha recentemente scoperto che un rimedio al COVID-19 è a base di artemisia.

Ora, l'Africa non dovrebbe riunire un consiglio di esperti per approfondire lo studio di quei medicinali naturali che abbiamo usato per anni?

Quanti di noi si affidano completamente alla citronella, all'infuso a base di scorze d'ananas, all'ibisco o alle foglie di papaya?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.