chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Lo sviluppo di reti comunitarie autonome nell'Amazzonia brasiliana

Fotografia fornita dal progetto Fonias Juruá e usata con autorizzazione.

Rising Voices (RV) si è unito alla Associazione per il Progresso e le Comunicazioni (APC) [en, come i seguenti link, salvo diversa indicazione] creata da Global Information Society Watch 2018 (GISWatch), impegnata per le reti comunitarie definite come “reti di comunicazione costruite, gestite e usate per i cittadini in maniera partecipativa e aperta”. Nei mesi successivi, RV pubblicherà le versioni dei resoconti di ogni paese per rilevare le diverse reti comunitarie intorno al mondo. 

Questo resoconto paese è stato scritto da Anna Orlova e Rafael Diniz del Proyecto Fonias Jurua [pt]. Visita il sito web di  GISGuarda per la segnalazione del rapporto completo, che sarà disponibile anche con una licenza CC BY 4.0 .

Per capire come si sviluppano le reti comunitarie di radio ad alta frequenza nell'Amazzonia brasiliana, è importante considerare le caratteristiche geografiche e i precedenti storici e socioeconomici delle riserve estrattive del paese. A questo proposito, spiegando la novità della nostra soluzione tecnica, fornendo una connessione autonoma nella selva tropicale dell'Amazzonia con radio digitali con banda ad alta frequenza- – perché è la soluzione più integrata in questo contesto. Abbiamo messo in prospettiva gli aspetti delle infrastrutture disponibili e il contesto locale come i principali fattori che hanno definito una soluzione che può soddisfare la necessità e desideri di ottenere informazioni e soluzioni per le comunicazioni della popolazione locale.

Contesti socioeconomici e storici

La regione dell'Amazzonia, che si estende attraverso molti paesi sudamericani, è una delle meno sviluppate relativamente a infrastrutture e tecnologie riguardanti la comunicazione (TIC). Per molte comunità del luogo, la tecnologia per comunicare che hanno una disposizione sono i trasmettitori della radio ad alta frequenza, che sono pratici, accessibili e sono stati utilizzati per decenni.

Pensare che la prima rete della radio digitale che utilizza la banda radio ad alta frequenza nella selva tropicale dell'Amazzonia brasiliana era stata creata nello stato dell'Acre [it] nel 2014-2015, i trasmettitori di radio ad alta frequenza – dispositivi per permettere la comunicazione bidirezionale diretta tra due trasmettitori senza nessun punto intermedio – esistevano già ed erano gestiti dalla popolazione da molto tempo. I locali ricordano quando i patroni (padroni), proprietari terrieri e gli amministratori delle piantagioni di caucciù in Brasile li usavano. Dagli inizi degli anni '80, i seringueiros (raccoglitori di caucciù) hanno fatto parte del gruppo di molte generazioni di migranti della regione nord-orientale del Brasile, insieme ad alcuni popoli indigeni che abitavano la selva tropicale dell'Amazzonia, che spesso erano schiavizzati e obbligati a lavorare nell'industria dell'estrazione del caucciù. Con l'obiettivo di porre fine a  questa repressione e alle privazioni, i raccoglitori di caucciù si sono organizzati con il movimento operaio e gli ecologisti. Questo li ha condotti alla loro liberazione e la creazione della prima riserva estrattiva (riconosciuta legalmente) nell'Amazzonia brasiliana nel 1990 – la Reserva Extractia de Alto Juruá [pt]. Come conseguenza di questa lotta, i raccoglitori di caucciù reclamavano il loro diritto alla vita, al lavoro e all'organizzazione delle proprie vite nel territorio dove prima erano solo stati obbligati a lavorare in condizioni difficili.

Geografia della Riserva Estrattiva di Alto Juruá

La riserva estrattiva dell'Alto Juru [es] si trova nello stato di Acri, al confine con il Perù, e comprende una zona di 506.000 aree di foreste e fiumi. Questo è un territorio amministrativo federale definito come una riserva naturale che prevede alle comunità tradizionali di vivere e generare il proprio sostentamento, tra cui anche con l'estrazione di risorse naturali, nella zona di conservazione, gli usi sul presupposto che la forma tradizionale di vita favorisca e migliori la protezione di tutte le zone naturali. Per tanto, gli abitanti possono vivere della terra e dei fiumi della riserva estrattiva; nonostante, affrontino anche la necessità di trovare forme sostenibili per praticare l'agricoltura e per mantenere le loro vite nella riserva senza sfruttare al massimo l'ambiente naturale circostante. Questo modo di coesistere con l'ambiente circostante garantisce la conservazione della foresta e dei suoi abitanti.

Fotografia fornita dal progetto Fonias Juruá e usata con autorizzazione.

Per anni la principale sfida delle comunità tradizionali e indigene della selva dell'Amazzonia era che si trovavano isolati e dispersi, senza accesso alla comunicazione. L'unico mezzo di trasporto disponibile erano i fiumi, non esisteva una rete di fornitura di energia elettrica all'interno della riserva, il ché lasciava la popolazione con l'opzione di utilizzare i generatori che funzionavano a combustibile o a energia solare. Pertanto il trasporto e l'energia erano molto costosi e inaccessibili per la popolazione della riserva estrattiva.

La precaria infrastruttura pubblica all'interno delle riserve per l'accesso ai servizi pubblici diventa quasi impossibile. Per esempio, molte famiglie ricevono un sostegno finanziario dal programma pubblico Bolsa Família [it] le madri di famiglia ricevono un sussidio per ogni figlio, a condizione che frequenti la scuola. Le scuole nella riserva devono fornire il trasporto garantito per i bambini che assistono alle lezioni. Nella pratica, tuttavia spesso non funzionano, i bambini rimangono a casa. Questo ha un effetto diretto soprattutto sulle bambine: non c'è l'educazione primaria, non hanno la possibilità di continuare i loro studi o di ottenere un lavoro al di fuori della loro regione, e le possibilità che hanno sono di sposarsi in età prematura (13 o 14 anni) o rimanere in casa per accudire i bambini e svolgere le mansioni domestiche.

Attualmente, le riserve della selva tropicale dell'Amazzonia sono in pericolo. Senza sorveglianza ne protezione da parte dell'esercito di Stato, le riserve estrattive rappresentano una facile preda per le attività di estrazione illecite, come l'abbattimento degli alberi, la caccia e l'estrazione di materiali preziosi e altre risorse naturali come il petrolio. In seguito al declino dell'agenzia di estrazione del caucciù in Brasile, gli estrattori di caucciù hanno bisogno di trovare nuovi modi per mantenere le loro vite all'interno della riserva, e recentemente, molti hanno scelto di spostarsi in aree urbane con la speranza di migliori condizioni di vita e di lavoro.

Tutti questi aspetti sono stati presi in considerazione quando è iniziato il nostro lavoro comunitario. Tutti questi aspetti sono stati presi in considerazione quando è iniziato il nostro Labor Community. Vi è stata la chiara necessità di un mezzo tecnologico per la comunicazione e l'appoggio che ha aiutato i locali a controllare il loro territorio, organizzare e coordinare le loro azioni, scambiare informazioni con il centro comunale e ricevere supporto con i servizi di base, come l'assistenza sanitaria e l'educazione. A considerare la mancanza di infrastrutture e le lunghe distanze tra le comunità separate da una selva impenetrabile e il loro desiderio di utilizzare i trasmettitori radio, la soluzione per stabilire una connessione comunitaria in questo contesto è stata quella di sviluppare una soluzione autonoma e accessibile sfruttando la vecchia infrastruttura.

La rete amazzonica della radio digitale ad alta frequenza ad Acre

Per fornire una connessione alla comunità è stata implementata la soluzione di una rete di radio digitali ad alta frequenza, che attualmente opera in due stati della selva amazzonica brasiliana: nella Riserva Estrattiva dell'Alto Juruá e Acre e nella regione di Terra do Meio nello stato di Parà.

Fotografia fornita dal progetto Fonias Juruá e usata con autorizzazione.

La Riserva Estrattiva dell'Alto Juruá dispone di una rete di sette radio all'interno della riserva e di una stazione di distribuzione principale nella città di Marechal Thaumaturgo [it]. Questa rete è il risultato di una collaborazione a lungo termine che è iniziata nel 2013 tra le comunità tradizionali e indigene ad Acre e i ricercatori e i professori dell'Università di Brasilia [pt], l’ Università dello Stato di San Paolo [pt] e l’ Università di Campinas [pt]. La rete si è sviluppata come parte di un progetto di ricerca universitaria chiamata “Fonias Juruá” per fornire infrastrutture di informazione e comunicazione alle comunità rurali dell'Amazzonia che erano trascurate per quanto riguarda le reti di comunicazione e informazioni regolari e commerciali. Sulla base delle richieste di una comunicazione bidirezionale realizzate da 24 comunità tradizionali nella riserva di Alto Juruá, che ha aspirato a coinvolgere i locali nel processo di partecipazione politica e promozione dell'autonomia attraverso l'esperienza congiunta e sostenibile. Adesso la cifra stimata dagli utenti si aggira alle 500 persone.

Ci sono voluti quattro anni da quando è iniziato il dialogo con la comunità per ottenere una squadra di lavoro e realizzare il primo viaggio fino alla riserva estrattiva, in cui sono state installate le prime sei stazioni radio con la collaborazione dei leader delle comunità e i locali che risiedono nella Comunità. Sono state installate cinque radio dentro la riserva e una stazione nella città di Marechal Thaumaturgo, che funziona come un centro di distribuzione per connettere e intercambiare informazioni tra tutte le stazioni. L'idea era che  Marechal Thaumaturgo avrebbe fornito informazioni e notizie rilevanti da un punto di vista sociale e politico alla riserva estrattiva e, questo sarebbe servito come incentivo per incrementare la comunicazione e lo scambio di informazioni dentro e fuori la riserva. Inoltre, era necessario che gli abitanti della riserva potessero parlare con i loro familiari nella città di Marechal Thaumaturgo, scambiarsi informazioni sulla produzione locale, sui prezzi dei beni e sui servizi, assistenza medica e esser consigliati sui servizi sociali e l'accesso all'informazione che era importante a livello locale. L‘altro aspetto importante della comunicazione è stato quello di denunciare le attività illecite che avvengono nella riserva, come il disboscamento, la caccia e l'estrazione mineraria.

Attualmente, la rete di radio ad alta frequenza di Acre è composta da otto radio di comunicazione bidirezionale – un sistema di trasmissione punto a punti multipli che permette a ogni stazione di rete di ricevere la trasmissione e comunicare tra loro. Questo sistema è autonomo, richiede una manutenzione minima ed è facile da usare per qualsiasi membro della comunità dopo aver ricevuto una formazione di base. La soluzione è fatta da trasmettitori di alta frequenza standard, antenne dipolo orizzontali di cavo comune posizionate funzionalmente con un percorso di propagazione delle onde a impatto minimo verticale (NVIS), e tecniche di software defined radio (SDR) [it] per la comunicazione digitale. Poiché non esiste energia o infrastruttura per somministrare la corrente elettrica, ogni stazione radio funziona con pannelli solari e batteria, che converte, poi, in un sistema ecologico.

Dalla sua creazione, le comunità locali hanno usato regolarmente la rete senza grossi problemi. Nel 2016, abbiamo ottenuto i risultati dalle prove realizzate con un sistema di trasmissione digitale basato sullo standard di Digital Radio Mondiale [it] (è stato provato per la prima volta nel 2015, ma il risultato è stato parziale). La soluzione per la trasmissione digitale è composta attraverso l'uso di un computer incorporato, l'interfaccia per la radio e un programma SDR. Riusciamo a inviare un file di testo e immagini attraverso la radio, nella banda ad alta frequenza di 80 metri (83.545 kHz), fino a una zona dove c'è una distanza di 100 km.

Confronto tra due reti: uno sguardo sulla rete della radio digitale di Terra do Meio

La rete nello stato di Pará non ha un nome formale, ma ci riferiamo a qui alla “rete della radio digitale di Terra do Meio”. La rete funziona con una stazione principale installata dall'ONG Instituto Socio ambientale (ISA) [pt], con altre stazioni indipendenti (circa dieci) nella zona urbana di Altamira, che include servizi speciali e comunicazione. Nell'area rurale della selva amazzonica esistono almeno 50 stazioni, cioè in modo simile alla rete di Fonias Juruá, questa rete si può considerare prevalentemente rurale. La rete è stata configurata da ISA, SDR Telecom (una compagnia fondata da un membro del progetto Fonias Juruá) e gli abitanti della regione di Terra do Meio. La rete dispone di più di 4000 utenti.

Fotografia fornita dal progetto Fonias Juruá e usata con autorizzazione.

Paragonata alla rete comunitaria di Acre, la rete di radio digitale a Terra do Meio è decisamente più grande, e conta circa 60 stazioni radio che si estendono lungo tutta la regione. Grazie a questo, la rete connette molte più comunità, perciò crea un'alta domanda. L'uso quotidiano è vitale per la popolazione locale. Per esempio, in alcuni casi quando le persone viaggiano in un altro luogo della regione, si portano con loro la propria radio e arrivati ​​a destinazione le assemblano per poterle utilizzare. In una riunione, assistiamo a una fila di persone in attesa di usare la radio per parlare con le famiglie e conoscenti, per ragioni personali o commerciali. Questo potenziale della rete non sarebbe stato possibile se era più piccola. Di conseguenza, la grandezza della rete gioca parte rilevante nella sua utilità.

Nonostante i contesti sociali e geografici molto simili, la maniera in cui lavorano entrambe le reti è diverso in termini di proprietà (il modo in cui è collegato e condividono le radio), così come l'incentivo economico per utilizzarle. Qui la capacità economica dei membri della comunità gioca un ruolo fondamentale nel modo in cui la rete della radio si presenta e si estende all'interno del territorio della selva, così come i membri della comunità attribuiscono importanza all'uso delle stesse. Basandoci sulle nostre osservazioni, è possibile affermare che un uso della rete è di ragione economica. Le persone della comunità realizzano attività commerciali quotidiane attraverso la radio, perciò, le utilizzano con più frequenza e regolarità. Questo fattore apparentemente ha avuto un impatto nel mantenimento della rete.

Ad Acre osserviamo che solo in una comunità i membri hanno dato più importanza al mantenimento della radio, una differenza dell'assistenza della manutenzione ricevuta dalla squadra del progetto. In questa comunità, il capo della casa, in cui è stata installata una stazione radio, si è fatto carico personalmente della manutenzione poiché la usava per gestire i suoi affari – in altre parole, ha ricevuto un incentivo economico. Dal suo portafoglio, si è fatto carico delle spese per una nuova batteria, quando si è esaurita quella che aveva, per mantenere la radio in funzione. Questo suggerisce che le reti che offrono attività economiche alle comunità hanno una possibilità in più per la loro sostenibilità.

Rafforzare le donne

Esiste una divisione tra il lavoro nella Riserva Estrattiva dell'Alto Juruá che, si è stabilito nel corso degli anni, ed è stata definita per il modo di vivere nella riserva. La maggior parte del lavoro duro che richiede forza fisica, come la caccia e l'agricoltura, è affidato agli uomini, mentre le donne rimangono in casa per cucinare e prendersi cura della famiglia e della casa. Tuttavia, quando si tratta di prendere delle decisioni, le donne assumono un ruolo uguale a quello degli uomini e partecipano attivamente.

In una comunità, quando hanno organizzato una riunione per decidere e votare in quale casa sarebbe stata installata la radio, una donna ha votato pubblicamente contro suo marito quando quest'ultimo ha proposto di installarla in casa sua. In un'altra comunità, le donne sono state molto attive durante la riunione della comunità, esprimendo le loro preoccupazioni e ponendo domande. Erano coinvolte così tanto che hanno partecipato al processo di installazione delle antenne e hanno aiutato a scavare le buche per assicurare i ponti di legno insieme agli uomini – attività che realizzavano solo gli utenti in altre comunità. Le prime volontarie che hanno provato a usare la radio sono state alcune adolescenti, che sembravano essere meno timide dei giovani della loro stessa età che hanno dimostrato resistenze nell'utilizzo per la prima volta davanti a tutti i presenti.

Visto che le donne devono prendersi cura delle faccende domestiche, è naturale che rimangano vicino alla radio durante il giorno e che siano molto più interessante a parlare, condividere notizie con gli altri, paragonate agli uomini.

Per avere maggiori informazioni sulle azioni prese dal Brasile, visita il rapporto completo nel sito web di GISWatch.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.