chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Nessuna vergogna: un'iniziativa online in Kazakistan sta aiutando i giovani a proteggere la loro salute sessuale

Tutte le immagini sono concesse da Darya Sazanovich e UyatEmes.kz.

Mentre l’agai entrava nella classe maschile della terza superiore, stava senza dubbio riflettendo su come avrebbe eseguito il difficile compito affidatogli dalla preside della scuola.

Quest’agai – così ci riferiamo agli insegnanti di sesso maschile nelle scuole del Kazakistan dove l'insegnamento è in lingua kazaka – era un insegnante di ginnastica che sostituiva la preside durante la lezione di “scienze del benessere”.

Il compito affidatogli consisteva nello spiegare a studenti di sesso maschile di 16-17 anni come avere rapporti “sicuri” con le ragazze. Nessuno dei corsi di formazione precedentemente seguiti lo avevano preparato a una situazione del genere.

Abai bolyndar!” iniziò l’agai, che in kazako significa “Fate attenzione!“.

La vaga indicazione fu accolta con un coro di risatine imbarazzate che sono prontamente sparite, lasciando spazio a una conversazione sulla partita di calcio che la maggior parte della classe aveva visto la sera prima. Parlare di calcio sembrava meno imbarazzante sia per gli studenti che per l’agai, il quale fu ben contento di passare a un altro argomento, abbandonando così la sua missione.

Questa è stata la prima e ultima esperienza di educazione sessuale per mio cugino, che si è diplomato l'anno scorso in una scuola di una prosperosa città industriale nel nordest del Kazakistan. Il sesso è considerato un argomento di discussione inappropriato nelle scuole di quest'ex paese sovietico a maggioranza musulmana.

Tuttavia, secondo uno studio condotto su scala nazionale dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA), il 64.6% dei giovani trai i 15 e i 19 anni ha il suo primo rapporto sessuale durante il periodo della scuola, e il 13.6% prima di aver compiuto 15 anni. In un paese con 18 milioni di abitanti, i giornali locali ogni anno riportano regolarmente cifre che vanno dai 6.000 ai 10.000 nuovi nati da giovani adolescenti; cifre che escludono sia nascite non registrate che gravidanze terminate con un aborto legale o illegale.

Più che una vergogna

In Kazakistan i rapporti prematrimoniali sono profondamente stigmatizzati, nonostante siano molto comuni. Di conseguenza, gli effetti delle gravidanze indesiderate possono essere disastrosi. Ci sono notizie frequenti di neomamme che abbandonano i propri bambini appena nati ai bordi delle strade [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], nei cassonetti della spazzatura o nei bagni delle aree di sosta delle autostrade. Molti di questi bambini nascono senza l'assistenza medica, poiché i minori possono accedere legalmente ai servizi sanitari soltanto se accompagnati da almeno un genitore.

Secondo la nostra ricerca, l’uyat – una parola kazaka che descrive un profondo sentimento di vergogna – è tra i motivi principali per cui l'educazione sessuale è così scarsamente considerata nel paese. È uyat per i genitori parlare di sesso e contraccettivi con i figli. E la maggioranza dei genitori non vuole neanche che queste problematiche siano affrontate a scuola, poiché pensano che sia prematuro per i loro figli ricevere informazioni di questo tipo. Inoltre se l'educazione sessuale viene affrontata all'interno delle mura scolastiche, la responsabilità diventa di insegnanti che, spesso, come l’agai di mio cugino, sono restii a trattare la questione.

Il conservatorismo sociale è molto comune nel paese, e lo è ancora di più nella comunità linguistica kazaka rispetto a quella russa.

Alla domanda:”Chi dovrebbe occuparsi dell'educazione sessuale dei giovani?” La maggioranza delle persone della comunità kazaka tra 15 e i 30 anni che ho intervistato [en] per la nostra ricerca ha indicato i genitori. La maggior parte dei giovani della comunità russa, invece, ha affermato che è responsabilità della scuola. Solo un parlante kazako e sette parlanti russi, su un campione di 57 persone, hanno ammesso di aver discusso di sesso con almeno uno dei genitori.

Sebbene i giovani siano d'accordo sulla necessità di imparare di più sulla salute sessuale e riproduttiva, hanno vergogna di fare domande o iniziare conversazioni sull'argomento a causa dei tabù.

La crescita degli uyatmen

L'uyat è un concetto ampio che regola in modo informale le vite dei cittadini del Kazakistan.

Ultimamente è stato utilizzato da alcuni uomini con lo scopo di umiliare le donne per la loro mancata adesione ai canoni sociali convenzionali che stabiliscono come una donna dovrebbe apparire, vestire, comportarsi o anche chi dovrebbe frequentare o sposare.

Un famoso fumettista kazako ha coniato una parola che descrive i suddetti uomini: uyatmen. Gli uyatmen spesso usano tattiche violente e intimidatorie per costringere gli altri ad emularli. Lo scorso marzo, ad esempio, un uomo che si è autodefinito “poliziotto morale” è sceso in strada ad Almaty, una grande città del Kazakistan, e ha colpito delle prostitute di etnia kazaka con una frusta.

Le adolescenti che incorrono in una gravidanza e, più in generale, le adolescenti sessualmente attive, sono stigmatizzate e considerate motivo di vergogna. Se il 65% dei giovani ha regolarmente rapporti sessuali, ma non è informato in modo corretto ed esaustivo sull'argomento, cosa ci dice questo dato sulla società del Kazakistan?

Chiudere gli occhi non elimina il problema. Una meta-analisi di 89 programmi di educazione sessuale negli Stati Uniti ha dimostrato che neanche gli approcci conservatori, come quelli che inneggiano all'astinenza da ogni contatto sessuale, aiutano la causa. Anzi, quest'atteggiamento repressivo non fa altro che rafforzare la schiera degli orfani statali, l'analfabetismo sessuale che induce le adolescenti all'aborto, l'errata condotta riproduttiva, i matrimoni precoci e le scarse opportunità educative ed economiche per i giovani genitori. Ma, in modo schiacciante, il governo e la società del Kazakistan hanno scelto di ignorare il problema.

È per questo motivo che ho lanciato la piattaforma online UyatEmes.kz. Il nome del sito web significa “Nessuna vergogna” e fornisce brevi articoli su pubertà, bullismo, relazioni, sesso, contraccezione e altri argomenti correlati.

UyatEmes.kz offre uno spazio in cui i giovani possono fare domande, in modo del tutto anonimo, ai nostri consulenti su questioni sessuali e riproduttive, o anche su problemi strettamente personali. Possono anche condividere le loro esperienze o leggere testimonianze scritte da collaboratori adulti che ricordano momenti difficili della loro adolescenza.

La piattaforma non è dedicata solo ai giovani, ma anche ai genitori. Inoltre esistono due versioni del sito: una in kazako e l'altra in russo, il che è importante, poiché le risorse online in lingua kazaka sulla salute sessuale sono praticamente inesistenti.

UyatEmes.kz è in continua evoluzione. In futuro conto di aggiungere un gioco interattivo che insegni ai giovani la capacità pratica di prendere decisioni su questioni come le molestie sessuali o le pressioni sociali.

Il messaggio principale che voglio trasmettere attraverso la piattaforma è che la salute sessuale non è qualcosa di cui vergognarsi, e che possedere conoscenze sull'argomento è vantaggioso per ogni singolo individuo.

Com'era prevedibile, poco dopo il lancio della piattaforma, sono spuntati alcuni uyatmen. Nella sezione dei commenti sotto la mia intervista su YouTube mi hanno augurato di morire, immaginando i possibili modi in cui questo dovrebbe accadere. Dopo essermi ripresa dallo shock iniziale, ho detto a me stessa che non ci sarebbe bisogno di un progetto come il mio, se tutti fossero d'accordo sul fatto che i giovani kazaki abbiano bisogno di una migliore consapevolezza sulla salute sessuale.

Dopotutto, se l’agai di mio cugino non avesse avuto paura di parlare in modo franco con i suoi studenti, probabilmente quei ragazzi avrebbero avuto il coraggio di fargli domande che non avrebbero osato fare a nessun altro. Se lo Stato e la società avessero preso misure adeguate per educare i giovani sulle buone pratiche sessuali, molte giovani donne non si sentirebbero costrette ad abbandonare i loro neonati sul ciglio di una strada. Se ognuno di noi si impegnasse a educare se stesso sulla salute sessuale e riproduttiva e iniziasse a discutere di questi argomenti in famiglia, forse gli adolescenti avrebbero più fiducia in noi e sarebbero più propensi a parlare apertamente dei loro problemi.

Una piattaforma online non può risolvere tutto questo. Ma se UyatEmes.kz guiderà almeno un ragazzo o una ragazza verso un futuro migliore, allora potrò dire che gli sforzi fatti non saranno stati vani.

Karlygash Kabatova, fondatrice di UyatEmes.kz.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.