chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Perché aumentano le difficoltà di lasciare un partner violento durante il lockdown?

Ciclo della violenza. Foto della Casa del Rifugio di Matilde a Quito, Ecuador. Usato con l'autorizzazione.

Questa storia è la prima parte del reportage dell'autore sulle donne con partner violenti nei periodi di isolamento.

Elisa (nome di fantasia) è una donna ecuadoriana di 41 anni con un master e con un'attività propria che sta subendo violenza domestica da parte del suo partner. Anche se quasi la metà delle donne in Ecuador [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]ha subito questo tipo di violenza almeno una volta nella sua vita, Elisa sente che le relazioni abusive sono poco comprese da chi non le ha mai avute. Lo ha espresso in un'intervista telefonica con Global Voices:

Me dicen: ‘Solo déjalo’, pero no funciona así. Quien no ha pasado por esto no siempre entiende por qué es tan difícil dejar a una pareja violenta, y estos comentarios solo hacen que me sienta juzgada y deje de contar lo que me pasa. Yo he intentado separarme de mi pareja algunas veces, pero él se convirtió en el centro de mi universo. Por eso, a pesar de todo, sigo con él.

Mi dicono: “Lascialo”, ma non funziona così. Le persone che non ci sono passate non sempre capiscono perché è così difficile lasciare un partner violento, e questi commenti mi fanno sentire giudicata e mi fanno smettere di dire alla gente ciò che mi accade. Ho cercato di lasciare il mio compagno alcune volte, ma lui è diventato il centro del mio universo. Ecco perché, nonostante tutto, sono ancora con lui.

Esteban Laso, psicoterapeuta e psicologo sociale, spiega che le difficoltà nel porre fine a una relazione violenta descritta da Elisa sono comuni, in quanto questo è un processo complesso e possono volerci degli anni, con una media di cinque o sette tentativi. Secondo Laso, questo perché rompere qualsiasi rapporto (violento o meno) costa sempre, ma la violenza ha alcuni fattori che rendono ancora più difficile la separazione.

Protocollo di assistenza per le donne vittime di violenza in Ecuador, condiviso da Surkuna.

Queste difficoltà possono aumentare in situazioni di crisi, come l'attuale pandemia. L'Ecuador è stato più di un mese in quarantena, con coprifuoco dalle 14.00 alle 5.00. Lily Rodriguez, presidente di Centro ecuadoriano per la promozione e l'azione delle donne, CEPAM, dice che la violenza domestica può aumentare in queste circostanze; per esempio, la quarantena diminuisce la possibilità di chiedere aiuto e di offrire sostegno.

Rodriguez aggiunge che la separazione emotiva è un prerequisito per la separazione fisica, ma è difficile da ottenere quando si vive sempre con un partner. Elisa dice che questa dipendenza emotiva è il motivo principale per ccui lei rimane con il suo partner:

Se piensa que solo es cuestión de tomar la decisión, pero no. Yo he decidido irme algunas veces, y he estado en terapia mucho tiempo, pero los hombres violentos son excelentes manipuladores y tienen mucha experiencia en hacer que te aferres a ellos. Esto hace muy complicado deshacer el lazo emocional que te ata a esa persona. Tú sabes que lo que te están haciendo está mal y que estás en peligro, pero tu dependencia hacia ellos es más fuerte.

Si pensa che si tratti solo di prendere una decisione, ma non è così. Ho deciso di andarmene qualche volta, sono in terapia da molto tempo, ma gli uomini violenti sono ottimi manipolatori e hanno molta esperienza nel far sì che tu resti con loro. Questo rende molto difficile sciogliere il legame emotivo che ti lega a quella persona. Sai che quello che ti stanno facendo è sbagliato e sei in pericolo, ma la tua dipendenza da loro è più forte.

Laso dice che ciò è dovuto al fatto che c'è la tendenza a considerare che ciò che è più importante nell'essere umano e nel processo decisionale è la ragione, ma questo è un presupposto sbagliato:

El fundamento de las relaciones humanas es el amor. Sin amor nos morimos, entonces haremos lo que haga falta para evitar la pérdida de relaciones afectivas importantes, incluso si esto implica sacrificarse uno mismo. Por eso, la primera pregunta que se hace una mujer en una relación violenta no es si la debe abandonar o no, sino si su pareja puede cambiar.

Il fondamento delle relazioni umane è l'amore. Senza amore si muore, quindi faremo tutto il necessario per evitare la perdita di importanti relazioni emotive, anche se questo significa sacrificare se stessi. Ecco perché la prima domanda che una donna si pone in una relazione violenta non è se deve lasciarla o meno, ma se il suo partner può cambiare.

Soledad Ávila, psicologo clinico responsabile della direzione accademica della Fondazione Azulado in Ecuador, aggiunge che molte volte l'abuso inizia con la violenza psicologica, che è più difficile da riconoscere e che influisce sull'autostima della vittima, diminuendo così le sue possibilità di chiudere la relazione. Secondo Ávila,  l'aggressore non è sempre violento, ha anche i suoi momenti buoni in cui dichiara “amore eterno” e si offre di cambiare. Questo ciclo genera modelli difficili da rompere.

“se l'aggressore ti ha sequestrato il telefono e non sai come chiamare, ricorda che puoi uscire, gridare e chiedere aiuto, se la tua vita è in pericolo, la sanzione riguardo il coprifuoco non viene applicata.” Consiglio di CEPAM. Più consigli qui.

Anche il timore che la violenza aumenti con la decisione di abbandonare la relazione rallenta il processo. Questa paura può aumentare durante la quarantena, dove le restrizioni di mobilità rendono difficile cercare e offrire aiuto di fronte a una minaccia. Tuttavia, Rodriguez chiarisce che in Ecuador è permesso uscire e chiedere aiuto di fronte ad una minaccia imminente durante la quarantena.

Ávila aggiunge che hanno un ruolo anche le norme culturali alla base di una struttura violenta:

Se promueve una posición pasiva de la mujer. Esto nos lleva a aguantar y pensar que, con paciencia, vamos a lograr que nos traten bien. Muchas veces no notamos estas ideas porque están muy arraigadas en la sociedad.

Viene promossa una posizione passiva delle donne. Questo ci porta a resistere e a pensare che, con pazienza, ci faremo trattare bene. Molte volte non ci accorgiamo di queste idee perché sono radicate nella società.

Queste norme culturali si intrecciano con fattori economici e strutturali. Per esempio, esistono disuguaglianze che mettono le donne in una posizione di svantaggio e di dipendenza economica che rende impossibile la separazione senza il necessario reddito per sé e per i propri figli, poiché la responsabilità, se esiste, di solito ricade su di loro. La quarantena intensifica la difficoltà di generare questo sostentamento.

D'altra parte, nonostante il fatto che in Ecuador ci siano standard e protocolli per la cura delle vittime di violenza, Ávila identifica mancanza di riconoscimento del problema da parte dei professionisti in diversi settori, come quello della sanità e quello della giustizia. Questo è stato il caso di Elisa, che racconta la sua storia:

Aparentemente tienes apoyo legal, pero existen muchas trabas que te desaniman. Cuando mi pareja me pegó por primera vez, fui a denunciarlo, pero fue terrible. El abogado me dijo: “Si vas a poner la denuncia tienes que seguir hasta el final y no puedes volver con él”. Yo no estaba lista para eso.  Lo que te deberían decir es: “Tu vida está en peligro. Vamos a poner la denuncia juntos y vas a tener un acompañamiento psicológico y legal para que tú culmines este proceso”, pero te asustan en vez de darte este soporte.

Presumibilmente hai il supporto legale, ma ci sono molti ostacoli che ti scoraggiano. Quando il mio partner mi ha colpito la prima volta, sono andata a denunciarlo, ma è stato terribile. L'avvocato mi ha detto: “Se vuoi denunciarlo, devi andare fino in fondo e non puoi tornare da lui”. Non ero pronta per questo.  Quello che dovreste sentirvi dire è: “La vostra vita è in pericolo. Presenteremo la denuncia insieme e voi avrete un supporto psicologico e legale per farvi superare questo processo”, ma vi spaventano invece di darvi questo supporto.

Rodriguez conclude che per affrontare queste difficoltà è necessaria una combinazione di sforzi, e ritiene che la quarantena presenti la necessità di nuovi modi per riunirle:

Es fundamental que las mujeres no se sientan solas en el confinamiento; que sepan que estamos unidas de diferentes maneras, y que esta unión nos fortalece. Así, seguimos tejiendo hilos de solidaridad que aumentan nuestra resistencia colectiva hoy y siempre.

È essenziale che le donne non si sentano sole durante la quarantena, che sappiano che siamo unite in modi diversi e che questa unione ci rende più forti. In questo modo, continuiamo a tessere fili di solidarietà che aumentano la nostra resistenza collettiva oggi e sempre.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.