chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Questa invenzione degli studenti di scienze di Burkina e Burundi potrebbe salvare migliaia di persone dalla malaria

Screen Capture of Scientists presentation at Maker Faire in Rome , November 2014

Screenshot del video dii Niyondiko e Dembele durante la presentazione alla fiera Maker Faire di Roma, novembre 2014

Salvare la vita di migliaia di persone non deve costare milioni di dollari. Due studenti in Africa hanno dimostrato che bastano soltanto 59 centesimi per salvare la vita di alcuni esseri umani. E la soluzione può essere così semplice come un pezzo di sapone.

Moctar Dembele, nativo del Burkina Faso, e Gerard Niyondiko, nativo del Burundi, sono studenti dell'Istituto Internazionale di Ingegneria Ambientale e Idraulica [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] a Ouagadougou, Burkina Faso. Dembele e Niyondiko non sono estranei alla minaccia della malaria, che è la principale causa di morte nell'Africa subsahariana. Ogni anno, in tutto il mondo, circa 600.000 persone muoiono di malaria, una malattia causata da parassiti e trasmessa all'uomo attraverso le punture delle zanzare infette. I sintomi includono solitamente febbre, stanchezza, vomito e mal di testa.

Per aiutare a combattere questa malattia, Dembele e Niyondiko hanno inventato un sapone prodotto con erbe di origine locale, come il burro di karité e l'olio di citronella, un repellente per le zanzare portatrici della malattia. Lo chiamano il “sapone Faso”. Il concetto è attrattivo per essere molto pratico e conveniente:

Per aiutarli nella loro iniziativa, la Competizione globale per imprenditori sociali (Global Social Venture Competition) della UC Berkeley ha assegnato a Dembélé e Niyondiko un premio di 26.500 dollari.

La scienza alla base di questa idea è molto semplice, spiega Hugo Jalinière [fr], un giornalista scientifico di Sciences et Avenir, una rivista scientifica francese:

Le savon possède deux caractéristiques: D’abord, une capacité à repousser les moustiques par son odeur. Mais il contient également un composant intérieur qui tue les larves et empêche leur prolifération dans les eaux stagnantes. Les tests effectués sur un échantillon de la population à Ouagadougou se sont en tous cas révélés assez concluants.

Il sapone agisce da repellente in due modi: innanzitutto agisce da repellente contro le zanzare tramite il suo odore. Contiene inoltre anche un componente interno che uccide le larve e previene la loro proliferazione nelle acque stagnanti. I test realizzati su un campione della popolazione a Ouagadougou [la capitale di Burkina Faso] sono risultati molto promettenti.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ci sono circa 200 milioni di casi di infezioni di malaria ogni anno, che risultano in circa 660.000 morti. Non esiste ancora un vaccino contro la malaria, ma una pletora di farmaci antimalarici sono disponibili come trattamento per i vari sintomi. Le misure preventive sono molte, ma non esiste una protezione completa contro le zanzare portatrici del parassita. E i repellenti sono parte della combinazione di misure preventive usate nella regione.

Gli scienziati hanno studiato approfonditamente diversi repellenti a base di piante contro le zanzare. Sarah Moore, una scienziata della Scuola di igiene e medicina tropicale di Londra, dice che i risultati degli studi sull'efficacia di tali repellenti sono finora inconcludenti, tuttavia il loro uso ha acquisito popolarità grazie al fondamento logico dietro tali misure:

The field of plant-based repellents is moving forward as consumers demand means of protection from arthropod bites that are safe, pleasant to use and environmentally sustainable. It is also extremely fertile due to wealth of insecticidal compounds found in plants as defences against insects. The modern pyrethroids that are the mainstay of the current malaria elimination program that is making excellent progress are harmless to mammals.

Il campo dei repellenti basati sulle piante sta avanzando: i consumatori richiedono misure di protezione dalle punture degli artropodi che siano sicure, gradevoli da usare e sostenibili per l'ambiente. È anche molto produttivo grazie alla ricchezza di componenti insetticidi trovati nelle piante come difesa contro gli insetti. I piretroidi moderni, che sono il pilastro dell'attuale programma di eliminazione della malaria, che sta facendo ottimi progressi, sono innocui per i mammiferi.

Screen Capture of Interactive Africa Map of Artemisinins data via WWARN

Screenshot della Mappa interattiva dei dati dell'Artemisin in Africa, dalla Rete di resistenza antimalarica mondiale (WWARN).

Dembélé e Niyondiko sono anche dolorosamente consapevoli degli ostacoli economici nella lotta alla malaria. La nazione d'origine di Niyondiko, il Burundi, si trova nel mezzo di una grave crisi umanitaria [it] e la nazione è classificata 16° tra 177 nazioni nell'Indice di sviluppo umano dell'ONU. Il Burkina Faso ha recentemente attraversato uno sconvolgimento politico e circa la metà della popolazione vive con meno di 1,25 dollari al giorno.

Qualsiasi soluzione contro la malaria in Africa deve essere particolarmente sostenibile, considerando la storia della regione e le continue lotte. Con questo in mente, Dembélé e Niyondiko desideravano realizzare il sapone Faso al minor costo possibile.

Il progetto, inoltre, non potrebbe venire in tempi migliori. La Rete di resistenza antimalarica mondiale ha recentemente avvertito le agenzie sanitarie che sta aumentando la resistenza al farmaco antimalarico Artemisinin [fr]:

As of February 2015, artemisinin resistance has been confirmed in 5 countries [..] In the large majority of sites, patients with artemisinin-resistant parasites still recover after treatment, provided that they are treated with an ACT containing an effective partner drug. However, along the Cambodia-Thailand border, P. falciparum has become resistant to almost all available antimalarial medicines. There is a real risk that multidrug resistance will soon emerge in other parts of the subregion as well.

Nel febbraio 2015, la resistenza alla Artemisinin è stata confermata in 5 nazioni [..] Nella maggior parte dei luoghi, i pazienti con parassiti resistenti alla Artemisinin guariscono ancora dopo il trattamento, se vengono trattati con una terapia combinata con Artemisin (ACT) che contenga un farmaco partner efficace. Tuttavia, lungo il confine Cambogia-Thailandia, P. falciparum è diventato resistente a quasi tutti i farmaci antimalarici disponibili. C'è un rischio reale che la resistenza multifarmaco emerga presto anche in altre parti della subregione.

Dembélé e Niyondiko sanno che la strada da percorrere è ancora lunga, ma dicono che sono preparati per una lotta prolungata. Dembélé ritiene che la battaglia non riguardi solo la sconfitta della malattia; significa anche dare all'Africa speranze migliori per il suo futuro. Dopo aver vinto il premio della UC Berkeley, ha detto [fr]:

Je suis très content que ce prix revienne en Afrique et particulièrement au Burkina Faso. C’est la première fois qu’une équipe non américaine remporte ce prix. C’est la fierté pour la jeunesse, c’est la fierté pour l’Afrique. Ça doit encourager la jeunesse à aller de l’avant.

Sono molto contento che questo premio arrivi in Africa e in particolare in Burkina Faso. È la prima volta che un team non americano vince questo premio. È l'orgoglio per la gioventù, è l'orgoglio per l'Africa. Deve incoraggiare la gioventù ad andare avanti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.