chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Studenti pakistani in quarantena a Wuhan chiedono l'assistenza del loro governo

Pakistani students in Wuhan appealing to the government. Screenshot from Twitter.

Studenti pakistani in Wuhan fanno appello al governo. Fermo immagine Twitter.

A Dicembre 2019 la Cina ha affrontato la prima propagazione del nuovo coronavirus (2019-nCoV) [it, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]. A quel punto, il governo ha risposto sottoponendo Wuhan alla quarantena [en], la città nella provincia di Hubei dove il virus è stato avvertito per primo – così come per altre 13 città vicine.

La misura ha colpito più di 40 milioni di persone, tra cui cittadini cinesi e stranieri, inclusi quasi 500 studenti Pakistani a Wuhan. Nel 29 dicembre 2019, quattro di loro erano già testati positivi al coronavirus. Il 30 gennaio 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato la pandemia come emergenza internazionale per la salute pubblica.

Il Coronavirus [it], che di solito si trova negli animali, si è evolto al punto in cui potrebbe (e ha) infettato esseri umani, come evidenziato in passato da attacchi della Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS) [it] e la Sindrome Respiratoria Mediorientale da Coronavirus (MERS) [it] . Ci sono anche quattro forme di Coronavirus tra le sette già note che causano leggeri sintomi respiratori tipici del rappreddore.

Problema anche per chi viaggia

Il 28 gennaio, quando uno studente pakistano viaggiava da Wuhan a Karachi, è stato subito ammesso al reparto di isolamento di un ospedale privato. Lo studente, identificato come Arsalan, sarà tenuto sotto osservazione per 14 giorni.

L'intensificarsi dell'epidemia ha da quel momento reso difficile viaggiare per altri. Tanti quanti 150 pakistani sono stati bloccati per giorni all'aeroporto Ürümqi nella provincia nord-occidentale del Xinjiang. Tariq Rauf, che si trova in Cina per studiare per il suo dottorato, ha rivelato in un video che la comunità pakistana è bloccata in Ürümqi siccome i voli per il Pakistan sono stati cancellati.

Come molti altri paesi, il Pakistan ha cancellato tutti i voli per e dalla Cina fino al 2 febbraio 2020, quando, si spetta, le autorità riassesteranno la situazione e decideranno come è meglio procedere.

Modello a sezione trasversale del 2019 n-CoV che mostra i componenti del virus. Fonte: Scientific Animations (CC BY-SA 4.0)

Gli studenti fanno appello al loro governo

Gli studenti pakistani bloccati nella provincia di Hubei si sono rivolti ai social media per appellarsi al Governo pakistano per poter tornare a casa; c'è anche un hashtag #EvacuatePakistaniStudents >(evacuate gli studenti pakistani) che sta circolando.

Su Twitter, Umar Bhutto, che proviene da Karachi, ha condiviso la sciagura dei suoi fratelli e amici:

Mio fratello maggiore ed altri studenti pakistani hanno fatto richiesta al Governo pakistano di essere aiutati a spostarsi dalla Cina a causa del coronavirus. Ci sono altri parecchi studenti pakistani che sono bloccati in Cina. Vi prego gentilmente di fare qualcosa per i nostri studenti pakistani.

Nel video, Bhutto spiega che quando gli studenti bloccati hanno contattato l'ambasciata pakistana a Pechino, gli ufficiali li hanno avvisati di recarsi presso le autorità più alte. Loro, pertanto, hanno creato un video di appello per il governo pakistano per chiedere aiuto ed informare il pubblico sulla situazione.

C'erano simili appelli su tutti i social media:

per favore fate circolare la notizia sugli studenti pakistani bloccati a Wuhan

Inoltre, l'Ufficio degli Affari Esteri del Pakistan ha scritto su Twitter:

vigilanza #coronavirus:

Contatti e aggiornamenti regolari sono richiesti dalle autorità cinesi. La nostra ambasciata sta comunicando apertamente con tutti gli studenti e cittadini. Le università cinesi stanno offrendo pasti gratuiti a tutti gli studenti e sta monitorando regolarmente la salute degli studenti.

Per alcuni, tra l'altro, non è abbastanza. Hajrat Ali, uno studente pakistano che vive a Wuhan, ha condiviso un video che mostra come l'India stia evacuando i propri studenti dalla Cina:

L'India sta evacuando i propri studenti da un'università in Wuhan. Mentre i nostri politici rifiutano di farci andare via, trovando scuse. Non trovate scuse dicendo che nessun altro sta evacuando i propri studenti e non raffigurate i pakistani come se fossero degli stolti.

Nel video, ha condiviso la sua frustrazione causata dal fallimento del governo pakistano di procurare l'assistenza ai suoi studenti rimasti bloccati, mentre altri paesi confinanti come il Bangladesh e l’India hanno cominciato ad evacuare i loro cittadini dalla provincia di Hubei.

Nessun piano di evacuazione

Le possibilità del Pakistan di seguire la stessa linea di azione sembra improbabile. Il 31 Gennaio, il Senatore Seemi Ezdi del partito di governo Tehreek-e-Insaf (PTI) ha ammesso che, anche se la decisione del governo di non evacuare gli studenti “sembri rigida […] è più probabile che gli studenti ricevino un trattamento migliore in Cina”. Lui teme che il Pakistan non sia sufficiemente preparato a provvedere al livello di cura medica di cui gli affetti da coronavirus necessitano.

Il Dr. Zafar Mirza appoggia tale posizione ed è assistente speciale del primo ministro dei servizi della salute nazionale; ha detto “Crediamo che sia nell'interesse dei nostri cari in Cina di rimanere nel paese. Non evacuarli ora rientra anche nell'interesse più vasto della regione, del mondo, e del paese.”

Nel frattempo, la prima consegna dei kit di tamponi per testare il coronavirus, donati dal Giappone, ha raggiunto l'Istituto della Salute Nazionale del Pakistan (NIH) in Islamabad. La consegna ha permesso agli impiegati nel settore della salute di testare almeno 1,000 campioni sospetti del nuovo coronavirus.

Paura e disinformazione in Pakistan

Nonostante il rifiuto del governo di evacuare gli studenti pakistani, il fatto che ci sia un gran numero di cittadini cinesi in Pakistan — così come viaggi frequenti tra i due paesi – sta allarmando i pakistani.

Intanto, il Karachi Port Trust (KPT) ha attuato misure per porre in quarantena il personale di bordo cinese e del sudest asiatico per interrompere la diffusione del coronavirus. E c'è anche molta disinformazione che circola.

Ne è l'esempio la voce che girava sul Governo del Punjabm, il quale avrebbe emesso un allarme contro il consumo di carne di capra per 60 giorni; le autorità l'hanno negato, ma si diffondeva ancora molto velocemente sui social media. Un altro esempio è la falsa notizia di emergenza secondo cui il ministero della salute pakistano avrebbe avvertito il pubblico di evitare luoghi affollati.

Alcune persone hanno pubblicato commenti insensibili e memes sui social media, suggerendo che il virus fosse la vendetta di Allah sulla Cina contro il divieto del niqaab; e per la sua repressione dei musulmani uiguri, aggiungendo che i pakistani, poichè musulmani, saranno protetti. La religione di Stato del Pakistan è l'Islam; più del 96 % della popolazione è musulmana:

Prima era la Cina che diceva “Il Niqaab è vietato”. Ora i cinesi indossano le maschere come “niqaab”.

Il potere di Allah…

I pakistani bloccati nella provincia di Hubei hanno fatto del loro meglio per affrontare la situazione, mentre le loro famiglie attendevano ansiosamente il loro ritorno.

Guarda qui la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del coronavirus.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.