chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il network marketing in Tanzania trasforma i sogni di diventare miliardari in incubi

La città di Dar el Salaam è la capitale culturale e economica della Tanzania, dove grandi sogni possono trasformarsi in incubi con gli schemi di network marketing. Foto libera presa da NeedPix.

Tutti desiderano la stabilità finanziaria, ma i giovani spesso vogliono velocizzare il percorso verso il successo, e questo è esattamente ciò che promettono le aziende di network marketing.

Negli ultimi cinque anni, in Tanzania le aziende di network marketing, anche detto “multi-level marketing”, si sono moltiplicate negli stati dell'Africa orientale. Queste aziende attirano i giovani con il miraggio di “arricchirsi subito” [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], che si basa sulla vendita diretta di prodotti acquistati anticipatamente dal venditore. Molti schemi si basano anche sul reclutamento aggressivo da parte di un venditore di ulteriori venditori associati indipendenti.

Per quanto sia tecnicamente legale, la loro interazione con possibili clienti fa sorgere dei dubbi su come queste aziende approfittino di giovani vulnerabili e dei loro sogni di ricchezza.

“Posso assicurarti che i prodotti sono molto costosi, il che non corrisponde alla vita della comunità del terzo mondo” ha detto Traves Msangule, ex agente di network marketing a Dar es Salaam, al telefono con Global Voices.

Nel 2013, Msangule era uno studente universitario, quando un caro amico lo ha convinto a unirsi al Forever Living Products, un'azienda di salute e benessere, per aiutarlo a fare qualche soldo in più per pagarsi gli studi. Msangule non aveva un prestito governativo per pagarsi la retta, perciò ha accettato.

Per cominciare, Msangule ha dovuto comprare uno stock di prodotti del valore di 320 dollari che ha poi dovuto rivendere nella speranza di raddoppiare il profitto.

Il principio degli schemi di network marketing è che reclutare nuovi clienti farà aumentare i guadagni, ma non è una cosa facile.

“Ecco un esempio: se vendi un dentifricio dello stock per 12 dollari, mentre [in realtà] c'è un dentifricio che costa 1,20 dollari, chi comprerà il tuo? Anche se i prodotti sono di alta qualità, è molto difficile competere” ha detto Msangule.

Gli agenti di network marketing promuovono stili di vita lussuriosi e fittizi per convincere le persone del proprio successo, quando in realtà sono in pochissimi ad avere “una fetta della torta” del network marketing.

Msangule ha spiegato la sua disavventura tramite un thread su Twitter:

Allora, quando ho fatto carriera, ho dovuto raggiungere degli obiettivi (vendita di prodotti) per me e il team. Ci hanno portato a “far crescere” in tutti i modi finché non abbiamo capito che non ci si poteva arrendere. Quindi ho dovuto iniziare a chiedere soldi in prestito tutta la sera. La scadenza era mezzanotte.

Msangule ha detto a Global Voices:

These guys, first of all, are trained to discourage formal employment and small business [self-employment]. They will keep [asking] you: When will you get enough money? The only alternative is this part-time job, which deals with chatting with people, and you can earn millions in just a few weeks and you will be financially stable.

Queste persone, prima di tutto, sono addestrate per scoraggiare un'impiego normale e le piccole imprese [il lavoro autonomo]. Continueranno con [domande come]: Quando farai abbastanza soldi? L'unica alternativa è questo lavoro part-time, in cui devi solo chiacchierare con la gente, puoi fare milioni in poche settimane e sarai finanziariamente stabile.

Sfortunatamente nel 2017 Msangule ha dovuto rimandare gli studi per un anno perché questo “chiacchierare con la gente” aveva preso tutto il suo tempo. Dopo aver investito più di 750 dollari in questi prodotti, ha dovuto assicurarsi di guadagnare un profitto. Quando si è accorto che non sarebbe mai successo, ha mollato.

Il network marketing spopola in Tanzania

Le aziende di network marketing che hanno prosperato in Tanzania, come AIM Global, Forever Living Products, Oriflame, QNet, Avon e Edmark, sono parte di un'industria globale che nel 2015 contava 200 miliardi di dollari.

Nel 2017, QNet, una delle più grandi aziende di vendita diretta del mondo con sede a Hong Kong, ha esteso le sue operazioni nell'Africa orientale, con un ufficio a Dar es Salaam, la capitale culturale della Tanzaia. Migliaia di cittadini della Tanzania “si sono registrati per commercializzare e promuovere i prodotti online di QNet…” secondo BusinessForHome, un sito del settore.

AIM Global, con sede nelle Filippine, è arrivata in Tanzania nel 2019 e ha appena festeggiato il suo primo anniversario con oltre 4000 distributori indipendenti.

Molte di queste aziende sostengono di offrire un esteso training, tutorato e educazione professionale per assicurare successo, comprese conferenze e un sistema di premiazione per i venditori migliori.

I prodotti più venduti in Tanzania includono prodotti di salute e benessere, beni di consumo e prodotti di lusso.

Ingenuità, avidità e pressione sociale

Il 21 giugno, il famoso attore e comico Idriss Sultan ha caricato un video su Twitter dove spiegava i mali del network marketing in Tanzania, illustrando nel dettaglio come queste compagnie sfruttino i giovani che lavorano sodo con “sangue e sudore” per migliorare la propria vita.

Inizia con la frase: “Buongiorno, futuri miliardari, buongiorno, soci in affari!” un famoso slogan del network marketing:

Ho fatto questo video con un'unica ripresa e non ho tagliato nessuna parte. Educherà tutti e se qualcuno dovesse sentirsi offeso, va bene, non ho nessun problema, dico solo “Lascia che siano i cittadini che guadagnano con il proprio sudore a godersi il frutto del propri soldi, e non tu e i tuoi figli.”

Senza nominare alcuna azienda in particolare, Sultan dice che il proliferare del modello di network marketing in Tanzania, con i vari nomi vivaci e appariscenti, costituisce una minaccia per la vita dei giovani.

Spesso i giovani non riescono a resistere a questi schemi perché provano rispetto per le persone che li spingono a entrarci. Queste aziende usano anche persone famose per promuovere i propri brand, che hanno molta influenza e molto potere.

Nel suo video Sultan ha detto:

…Young people are working very hard, their money is a result of very, very hard work, so it is unacceptable to allow someone from nowhere to come with this system that exploits people.

I giovani stanno lavorando sodo, i loro soldi sono il risultato di un lavoro molto, molto duro, quindi è inaccettabile che si permetta a persone di arrivare qui dal nulla con questo sistema che sfrutta la gente.

Altri utenti hanno raccontato della loro esperienza col network marketing [sw]:

Alcune donne a Dar, erano mie amiche, mi hanno fatto un sacco di pressioni per unirmi a questi business, ma non ho accettato subito, cioè, non riuscivo a capire, cosa stavano facendo esattamente? Avevo paura di investire i miei soldi e, inoltre, ho calcolato quanto guadagnassero realmente…

La mancanza di informazioni e la sete di scorciatoie possono essere un mix pericoloso per i giovani che si sforzano e lavorano sodo per migliorare la propria vita in Tanzania, dove lo stipendio mensile medio varia tra i 150 e i 250 dollari americani. Uno studio del 2017,da parte di Theobald Francis Kipilimba, sull'effetto degli schemi piramidali sull'economia della Tanzania, ha rivelato:

…most Tanzanians are very naïve when it comes to pyramid schemes, with very scant knowledge about these schemes. Many do not know if they have participated in these schemes but in those instances that they had, they suffered huge financial losses. …

As to the reasons as to why they participated in these schemes in the first place range from pure naivety, personal greed and peer pressure.

…la maggior parte dei tanzaniani è molto ingenua quando si parla di schemi piramidali, con una conoscenza molto scarsa di tali schemi. Molti non sanno se hanno partecipato a questi schemi, ma nel caso in cui lo abbiano fatto, hanno perso grandi somme di denaro…

Le motivazioni che li hanno spinti a partecipare a tali schemi vanno dalla pura ingenuità, all'avidità personale, alla pressione sociale.

Il governo della Tanzania ha destinato il 10 percento del ricavato totale a prestiti a interesse zero per giovani, donne e persone con disabilità, ma queste categorie sono ancora vulnerabili alle promesse predatorie delle aziende di network marketing.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.