chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il sistema d'identificazione digitale indiano aggrava l'esclusione delle comunità vulnerabili nella pandemia

Banner image credit: Corona crisis in Kolkata 14. Indrajit Das (CC-BY-SA-4.0)

Immagine banner: Crisi da Coronavirus a Kolkata 14. Di Indrajit Das (CC-BY-SA-4.0)

Questo post è stato inizialmente pubblicato su Yoti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] come parte della Digital Identity Fellowship di Subhashish Panigrahi. È stato modificato per Global Voices.

Prima che la società indiana riuscisse a riprendersi dalle difficoltà causate da un rallentamento economico e dal controverso emendamento alla legge sulla cittadinanza, è stata colpita dalla pandemia da COVID-19 [it]. Al momento della scrittura di quest'articolo, 16.568 indiani sono morti di COVID-19 e 554.386 sono risultati positivi. A metà maggio è stato riportato che altre 24 persone, per lo più lavoratori migranti che stavano cercando disperatamente di tornare alle loro case, erano morte recentemente a causa del lockdown. La maggior parte di questi è morta nel tentativo di camminare centinaia di chilometri, tra fame e malattia, mentre altri sono stati vittime di attacchi indiscriminati.

Tuttavia, un database aggiornato gestito dalla comunità open data Datameet suggerisce che altri 882 indiani siano morti per ragioni diverse dal coronavirus (soprattutto fame e difficoltà finanziarie, spossamento, incidenti durante la migrazione, mancanza o rifiuto di cure mediche, suicidi, violenza da parte della polizia, crimini e astinenza da alcol) durante il lockdown. Molte comunità marginalizzate stavano già lottando per sopravvivere alla povertà, alla fame e alle esclusioni sistemiche, e la vita si è fatta ancora più difficile con il distanziamento sociale e le regole del lockdown.

Il sistema d'identificazione digitale indiano – già sotto esame per problemi di privacy e di esclusione [it] – ha aumentato ulteriormente gli svantaggi delle comunità marginalizzate durante la pandemia.

La preoccupazione è che l'autenticazione basata sulle impronte digitali (come quella usata da Aadhaar, il programma nazionale indiano di identità digitale basato su dati biometrici) possa aumentare il rischio di diffondere ulteriormente il COVID-19, e il Sistema di Distribuzione Pubblica indiano (o PDS, il servizio di sussidi sociali dell'India) usa principalmente Aadhaar per l'autenticazione. Lo stato del Kerala ha individuato presto questo rischio e ha sospeso l'uso di tutti i sistemi di identificazione biometrica. Questo, assieme a tutti gli altri rischi sociali, politici e commerciali legati ad Aadhaar – a causa del COVID-19 – sottopone le comunità marginalizzate a un rischio molto più alto ed esige una revisione per l'ecosistema di identificazione digitale. Mentre i lavoratori migranti nelle città di Delhi, Mumbai e Surat cercano disperatamente di tornare alle loro case, molti hanno difficoltà a ricevere gli aiuti per il COVID-19 e le regolari razioni di cereali a cui hanno diritto – tutto perché il PDS non è ancora abbastanza universale da riuscire ad assicurare sussidi pubblici in modo equo.

Aadhaar e i servizi sociali

L'uso dell’autenticazione basata sull’ Aadhaar – o il collegamento tra l'uso di Aadhaar e i servizi sociali essenziali – rende più probabili che mai le esclusioni.

Nello stato di Odisha, a una donna disabile di 68 anni a cui mancano delle dita è stata negata l'iscrizione ad Aadhaar e, per questo motivo, non ha ricevuto cereali per 11 mesi. Ad un'altra persona disabile sono state negate le razioni per tre anni e una famiglia di cinque persone, di cui due anziani, è stata in una situazione simile negli ultimi sei mesi. Ci sono più di 100 individui in questa situazione provenienti da una piccola regione amministrativa nella stessa provincia che non hanno ricevuto le razioni o i cereali a cui hanno diritto.

Ad Harshabati Kheti di Lachipur, distretto di Sonepur, Odisha, è stato negato Aadhaar perché non ha dita intatte. Non ha ricevuto cereali, altre razioni o aiuti per il COVID-19 per 11 mesi.

Dal welfare pubblico alla sorveglianza di massa

Registro Nazionale dei Cittadini

L'India sta costruendo il Registro Nazionale dei Cittadini (NRC), un tentativo di identificare e costruire un database di “cittadini legali” che, nel suo primo lancio nello stato di Assam, ha dichiarato “legali” 31 dei 33 milioni di cittadini, lasciando 1,9 milioni di persone, soprattutto musulmani, senza patria. Il governo ha intenzione di implementare l'NRC in tutto il Paese.

L'uso dei dati personali è al centro di tutto – dall'identificazione dei dimostranti con il riconoscimento facciale all'identificazione selettiva dei veicoli di proprietà di musulmani da un database governativo durante un pogrom comunitario, o anche alla localizzazione [it] delle persone che hanno viaggiato in Paesi colpiti dal coronavirus. A quanto si dice, il governo sta sviluppando un’app di geofencing che può avvertire le autorità locali se una persona in isolamento o quarantena da COVID-19 cerca di “fuggire”, localizzando il ripetitore della persona in questione.

I tentativi di combattere il COVID-19 hanno anche fatto sì che un'agenzia governativa provinciale pubblicasse dati personali – inclusi nomi e indirizzi completi – di 19.240 individui che erano in isolamento domiciliare dopo aver viaggiato all'estero. L'avvocato Rahul Matthan sostiene che la ragione per questo è la mancanza di attenzione del governo per la privacy personale. Aadhaar ha un ruolo fondamentale nella maggior parte delle iniziative d'identificazione su larga scala. Un recente reportage investigativo in tre parti rivela che il governo indiano sta progettando di costruire un “database onnicomprensivo, consultabile, con auto-aggiornamento per seguire ogni aspetto delle vite” del miliardo e duecento milioni di residenti. Il passaggio di Aadhaar dalla sua ideazione iniziale come sistema d'identificazione a un sistema per migliorare il welfare pubblico a strumento per la sorveglianza di massa è preoccupante. Nel 2016, l'allora ministro delle finanze indiano Arun Jaitley cambiò anche il nome della Legge Aadhaar della costituzione indiana in “Legge Aadhaar (Consegna Mirata di Benefici, Servizi Finanziari e altri Sussidi)”.

I diritti civili degli individui possono essere compromessi quando uno Stato repressivo – con al potere un partito indù di destra – chiede ai possessori di Aadhaar musulmani di provare la loro nazionalità. Prima della pandemia, c'erano proteste su larga scala in tutto il Paese contro l’Emendamento alla Legge sulla Cittadinanza (CAA), una controversa modifica alla legge sulla cittadinanza del 1955 che promette la cittadinanza ad alcuni migranti senza documenti sulla base della loro fede religiosa ma nega lo stesso diritto ai migranti musulmani e a molte altre minoranze. La paura dell'apolidia e di un'altra situazione come quella dei Rohingya ha portato a proteste su scala nazionale durate 100 giorni in cui 65 persone sono state uccise.

Special Hospital for Corona patients, photo credit: Government of Odisha (CC-BY-4.0)

Ospedale Speciale per pazienti di Coronavirus, foto del Governo di Odisha (CC-BY-4.0)

Il governo indiano insiste che l'identificazione basata su Aadhaar e i dati biometrici (ABBA) ha aiutato a ridurre gli errori e la corruzione nella distribuzione dei benefici. Tuttavia, uno studio recente fatto da ricercatori universitari lascia intendere qualcosa di diverso. Lo studio ha rilevato che usare Aadhaar aggiunge un peso finanziario del 17% per i beneficiari perché possano ricevere i sussidi, mentre il 10% di beneficiari reali del PDS si sono visti negare i sussidi per errori di autenticazione.

L'uso di Aadhaar da parte di Direct Benefit Transfer (DBT), un piano governativo per trasferimenti bancari diretti, ha anche causato il fallimento di transazioni per un valore di 690 milioni di rupie indiane (9,08 milioni di dollari), secondo l'agenzia di notizie indiana Economic Times.

Oltre agli errori di autenticazione, sono anche emersi casi di calchi di impronte digitali rubati e usati per truffe – casi del genere non esistevano prima che l'identificazione basata su Aadhaar fosse implementata su così ampia scala. Inoltre, considerando l'incertezza di un ritorno alla normalità dopo il COVID-19, sarebbe saggio evitare il contatto fisico usando metodi di autenticazione alternativi – al posto della scansione delle impronte digitali laddove l'uso obbligatorio di Aadhaar per i pagamenti del welfare pubblico sarebbe problematico. Molte comunità indigene isolate potrebbero non avere immunità neanche contro le malattie più comuni e bisogna prendere precauzioni extra nel caso di persone non indigene coinvolte nella distribuzione delle risorse. Anche la mancanza di informazione medica d'emergenza nelle lingue indigene rimane un grande ostacolo.


Per saperne di più sulla marginalizzazione e l'esclusione causate dall'identità digitale in India, ascoltate MarginalizedAadhaar, un podcast in cui l'autore intervista l'avvocato e ricercatore dei diritti umani Dr. Usha Ramanathan a proposito dei diritti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.