chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La prima biografia ceca di Milan Kundera: un altro attacco pubblico nel suo paese?

Da sinistra a destra: un'opera di Kundera in turco, la prima biografia ceca di Kundera scritta da Jan Novák, e un'opera di Kundera in cinese. Foto di Filip Noubel, usata con autorizzazione.

All'età di 91 anni, lo scrittore ceco naturalizzato francese Milan Kundera [it] si gode la sua posizione di scrittore cult tra milioni di lettori nel mondo. Tuttavia, in Repubblica Ceca, lo scrittore è spesso ignorato perché accusato di disprezzare il suo paese natale e di aver collaborato con la Sicurezza di Stato (Stb) durante il regime comunista. La prima biografia ceca e non autorizzata è stata pubblicata in Repubblica Ceca verso la fine di giugno, rilanciando un dibattito nazionale sulla sua figura controversa.

Il mito di Milan Kundera

Ritratto di Milan Kundera di Elisa Cabot. Licenza CC BY-SA 3.0

Milan Kundera è spesso descritto come lo scrittore mitteleuropeo del XX secolo per eccellenza: cresciuto in Cecoslovacchia, ha vissuto la Seconda Guerra Mondiale, si è unito al Partito Comunista, ha studiato letteratura e cinema, ha sostenuto l'ideologia comunista da cui in seguito ne è rimasto disilluso, per poi fuggire in Francia, paese di cui è diventato cittadino nel 1981.

Le sue opere comprendono dieci romanzi, una raccolta di racconti, quattro opere teatrali e diversi saggi, oltre che opere di poesia. Sebbene avesse iniziato a scrivere in ceco, durante il suo esilio è passato gradualmente al francese, e si considera ora uno scrittore francese.

L'ascesa di Kundera in occidente è stata eccezionale. In un numero di Literary Review [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] del 1985, la scrittrice e critica letteraria Olga Carlisle ha dichiarato senza esitazione:

In the 1980s, Milan Kundera has done for his native Czechoslovakia what Gabriel Garcia Márquez did for Latin America in the 1960s and Solzhenitsyn did for Russia in the 1970s. He has brought Eastern Europe to the attention of the Western reading public, and he has done so with insights that are universal in their appeal.

Negli anni 80, Milan Kundera ha fatto alla sua terra nativa quello che Gabriel Garcia Márquez ha fatto all'America Latina negli anni '60 e Solzhenitsyn alla Russia negli anni '70. Ha fatto conoscere al lettore occidentale la realtà dell'Europa dell'Est e l'ha fatto attraverso approfondimenti che sono interessanti agli occhi di tutti.

Uno dei suoi romanzi più famosi “L'insostenibile leggerezza dell'essere” [it] (Nesnesitelná lehkost bytí) narra le vicende di un donnaiolo e delle sue tante storie d'amore, ed è una riflessione sulle relazioni e sull'erotismo. Cita anche l'invasione della Cecoslovacchia da parte delle truppe sovietiche avvenuta nel 1968, dopo la quale Kundera lasciò il suo paese e chiese asilo in Francia nel 1975.

Nel 1988, il libro è diventato anche un film [it] diretto dall'americano Philip Kaufman, spingendo sempre di più Kundera verso la fama mondiale.

Kundera ha raggiunto il pubblico di tutto il mondo anche grazie alle più di 40 traduzioni [fr] delle sue opere ed è spesso citato come modello di ispirazione da molti scrittori di successo. Lo scrittore è stato anche nominato negli anni come candidato al premio Nobel per la letteratura.

C'è solamente un paese in cui Kundera è molto lontano dall'essere considerato una figura letteraria chiave: la Repubblica Ceca.

Nessuno è un profeta nel proprio paese

Dal momento in cui ha iniziato a scrivere in francese nel 1975, Kundera ha preso le distanze dalla Cecoslovacchia. Ma mentre molti scrittori cechi esiliati hanno poi fatto ritorno, almeno per una visita alla fine del comunismo nel 1989, Kundera non vi ha fatto ritorno prima del 1996.

Da allora ha sempre visitato il paese in incognito, ed è noto per essersi rifiutato di concedere interviste alla stampa. Ha anche bloccato o ritardato la pubblicazione dei suoi libri in ceco. Il suo famoso romanzo “La vita è altrove” è stato pubblicato per la prima volta [cs] in ceco nel 2016, 43 anni dopo la pubblicazione [it] in Francia.

In un'intervista [fr] fatta con Radio Praga International a maggio del 2019, Jean-Dominique Birerre, autore della prima biografia in francese dello scrittore pubblicata nel 2019, ha spiegato come la maggior parte dei cechi vede Kundera [fr]:

J’ai l’impression qu’une partie des Tchèques, des intellectuels entre autres, lui reprochent premièrement son passé communiste et deuxièmement, le fait d’être complètement invisible même après la révolution de Velours : de ne participer à rien…alors qu’il aurait pu être un grand homme dans son pays.

Ho come l'impressione che molti cechi, e tra loro anche intellettuali, lo colpevolizzino per prima cosa per il suo passato da comunista. A questo si aggiunge il suo essere stato completamente invisibile anche dopo la Rivoluzione di velluto [it], a cui non ha preso parte e in cui avrebbe potuto essere una figura importante per il paese.

Le dichiarazioni e l'atteggiamento di Kundera hanno rafforzato lo stereotipo diffuso in Repubblica Ceca che vede gli esiliati come persone che “hanno avuto vita facile” perché non hanno dovuto sopportare gli anni della censura, della mancanza di beni di prima necessità, e del divieto di viaggiare sotto il comunismo.

Ma la rovina più grande per l'immagine di Kundera nella Repubblica Ceca è arrivata nel novembre 2008 quando Respekt, il settimanale ceco più influente, ha pubblicato un articolo piuttosto clamoroso, ma ben studiato [cs], che dichiarava di avere la prova che Kundera avesse collaborato con la Sicurezza dello Stato cecoslovacco [it], concentrando la notizia sulle critiche al regime.

La notizia ha dato vita a uno scandalo internazionale, con diversi vincitori del premio Nobel che hanno denunciato l'articolo come una campagna d'odio contro Kundera, che ha negato le accuse [cs] ma si è rifiutato di fornire spiegazioni, e ha scelto di non fare causa alla testata giornalistica.

Una seconda caccia alle streghe?

Negli ultimi due anni si è riacceso il dibattito intorno a Kundera. Alla fine del 2019, Kundera ha invitato nel suo appartamento di Parigi il primo ministro ceco Andrej Babiš, che è ampiamente considerato una figura corrotta ed è sotto inchiesta da anni dall'Unione Europea con accuse di conflitto di interessi e appropriazione indebita di fondi europei.

Poco dopo questa visita, Kundera ha ottenuto la cittadinanza ceca, avendo perso la sua precedente cittadinanza cecoslovacca nel 1979 per ordine delle autorità comuniste di Praga.

Mentre la maggior parte delle persone converrebbe sul fatto che Kundera meriti di ottenere un passaporto ceco, le condizioni con le quali è stato ottenuto hanno inferto un altro colpo [cs] alla sua immagine pubblica nel paese, poiché si ritiene che Babiš sia stato a sua volta un agente della Sicurezza dello Stato cecoslovacco [cs].

Sono contento di aver dato inizio a questa iniziativa [dando la cittadinanza ceca a Kundera] un anno fa, e apprezzo il fatto di averlo potuto fare.

La pubblicazione del 26 giugno della sua prima biografia in ceco, scritta da Jan Novák e intitolata “Kundera Český život a doba” (Kundera: Una vita ceca durante quel periodo), racconta la vita dello scrittore fino al 1975, quando ancora viveva in Cecoslovacchia. Comprensibilmente, il libro ha creato molto scalpore. I recensori, i critici letterari e i media hanno già evidenziato le sue controversie.

Novák, che per molti anni ha vissuto in esilio a Chicago e ha passato quattro anni a fare ricerche sul suo libro, il 26 giugno ha rilasciato un'intervista video di 25 minuti al canale televisivo online DVTV [cs], in cui accusa Kundera di “mentire sulla sua biografia” e di aver fatto di se stesso una “vittima” quando in realtà era un beneficiario del sistema comunista. Novák non ha mai incontrato Kundera durante il suo lavoro sul libro.

Kundera non ha mai negato di credere nel comunismo: nel 1954 scrisse una lunga poesia, “Poslední Máj” [cs] (Il maggio scorso), in cui lodava l'eroe comunista Julius Fučík [it]. Nel 1963 gli fu anche conferito [cs] il premio statale Klement Gottwald per la sua opera “Il proprietario delle chiavi” (Majitelé klíčů). All'epoca, solo gli artisti più fedeli venivano selezionati per questo premio supremo. Ma da allora Kundera ha preso le distanze da quelle opere e non le cita nella sua lista di libri pubblicati.

Pavel Kosatík, uno dei maggiori saggisti ed esperti di identità ceca, ha commentato il libro di Novák il 17 giugno su Facebook [cs]:

Z víceméně stejných zdrojů jsem vyčetl něco úplně jiného než Novák, což je normální, ale proč musí mít černobílý hnojomet 900 stran, jsem nepochopil. Ta kniha je tou monotónností až komická: kdykoli se má nějak vysvětlit nějaký další Kunderův čin, Novák vybere vysvětlení padoušské. Když mě někdo štve (protože tohle je téma Novákovy knihy), proč to nestačí říct jednou větou?.Proč hned tzv. literatura.

Ho letto più o meno le stesse fonti ma la mia conclusione è molto diversa da quella raggiunta da Novák, che è normale, ma non capisco perché questo attacco debba essere lunga 900 pagine. Questo libro è così monotono che diventa comico: ogni volta che ha bisogno di spiegare qualcosa che Kundera ha fatto, Novák sceglie di dipingerlo come un cattivo. Quando sono arrabbiato con qualcuno (perché questo è l'argomento del libro di Novák), non basta una frase per dirlo? Perché scrivere un cosiddetto libro?

Nel Týdeník Echo [cs], Ondřej Štindl ha scritto un lungo articolo “Další kolo bitvy o Kunderu” (Il prossimo turno nella battaglia di Kundera):

Optimista může chovat naději, že jednou zdejší debata o Milanu Kunderovi překoná tu mnoho let trvající neurotickou fázi. Také je možné, že čas střetů a slovních válek vystřídá doba zapomnění a lhostejnosti. Bylo by to hořké a groteskní, svým způsobem i docela kunderovské.

Un ottimista può ancora sperare che ci sarà un momento in cui il dibattito intorno a Milan Kundera supererà la sua lunga fase nevrotica. È anche possibile che al tempo degli scontri e delle guerre di parole segua un tempo di oblio e di indifferenza. Questo sarebbe amaro e grottesco, quindi, a suo modo, molto kunderiano.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.