chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Studenti arrestati in Belucistan per aver richiesto servizi internet

Kids in Baluchistan. Image via Flickr bu Beluchistan. CC BY-SA 2.0.

Bambini del Belucistan. Foto via Flickr di Beluchistan. CC BY-SA 2.0.

Gli studenti del Pakistan stanno protestando [en,  come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] contro le lezioni online organizzate da licei e università sulla scia del lockdown per la COVID-19. Non è che non vogliano imparare, ma che non riescono ad accedere: molte zone del Pakistan non hanno un servizio internet affidabile, e la maggior parte degli studenti non può permettersi i dispositivi necessari per facilitare l'apprendimento online.

Durante le proteste a livello nazionale del 23 giugno sono comparsi slogan a sostegno della giustizia e di internet gratuito per tutti. Tuttavia, a Quetta, in Belucistan [it], un sacco di studenti, molti dei quali donne, sono stati maltrattati, caricati e arrestati, e alcuni persino trascinati nei furgoni della polizia:

Foto 1: Studenti del Belucistan che si sono arrampicarti su una montagna per ricevere il segnale necessario per seguire una lezione

Foto 2: Studenti di Quetta arrestati per aver chiesto l'interruzione delle lezioni online e la fornitura di internet Benvenuti a Naya Pakistan! #LiberateTuttiGliStudenti #DiteNoAlleLezioniOnline

La pandemia ha aumentato la disuguaglianza

In seguito alla diffusione dell'epidemia da COVID-19, dal 1° giugno la Commissione per l'istruzione superiore del Pakistan ha chiesto agli istituti scolastici di passare alle lezioni online. La chiusura nazionale delle scuole ha costretto gli studenti che vivono negli ostelli a tornare alle loro case, molte delle quali situate in zone remote dove la connessione internet 3G/4G non è disponibile.

La mancanza di accesso ha spinto gli studenti a uscire in massa per protestare in ogni provincia, rifiutando fermamente l'introduzione delle lezioni online:

Non è stato fatto nulla per le cosiddette “lezioni online” in Pakistan. E, all'improvviso, tutte le scuole vogliono andare online… nonostante conoscano lo stato del sistema internet della regione…

Tutti gli studenti dovrebbero avere pari opportunità di spendere bene i loro soldi per l'istruzione. Le lezioni online non possono garantirlo in Pakistan. Gli studenti poveri non possono permettersi internet e i dispositivi per seguire le lezioni online. #vogliamoil3g4g

Gli arresti, tuttavia, si sono verificati solo in Belucistan, dove le violazioni dei diritti umani hanno destato preoccupazione nella comunità internazionale. Per anni, diverse migliaia di persone sono state oggetto di sparizioni forzate. Le notizie sono diventate subito virali sui social, con l'hashtag #ReleaseAllStudents (Liberate tutti gli studenti), traducendosi in una decisa condanna di questi incidenti:

ULTIMA NOTIZIA: Circa 70 studenti arrestati a Quetta per aver protestato contro le lezioni online. Tra gli arrestati, il coordinatore del Comitato d'azione degli studenti, Muzammil Khan, @jiandbaloch5 della BSO e @MahrangBaloch5. La polizia ha usato anche la forza bruta contro gli studenti.

Mahrang Baloch, una studentessa di medicina attivamente coinvolta nella politica studentesca, ha pubblicato i video del suo arresto da parte della polizia:

Sono stata arrestata insieme ad altri studenti che protestavano pacificamente contro le lezioni online. La polizia ha picchiato e arrestato studenti e studentesse. Questo stato barbarico non ha cambiato condotta verso le nazioni oppresse. #DiteDiNoAlleLezioniOnline

Secondo i rapporti della polizia, gli studenti sono stati accusati di aver organizzato una manifestazione durante il lockdown. La Sezione 144 del Codice di procedura penale pakistano (CrPC) ha consentito di applicare un assoluto divieto di assembramento a causa della COVID-19.

Il portavoce del governo del Belucistan, Liaqat Shahwani, ha dichiarato: “Gli studenti sono stati temporaneamente trattenuti per la loro sicurezza contro la COVID-19 e presto saranno rilasciati.” Il ministro capo del Belucistan, Jam Kamal Khan, tuttavia, ha scritto su Twitter che il governo non ha ordinato alla polizia di arrestare gli studenti e che devono essere tutti rilasciati immediatamente, e così è stato.

Anche Amnesty International South Asia ha condannato gli arresti.

Nel frattempo, Akhtar Mengal del Partito Nazionale del Belucistan ha sollevato la questione delle lezioni online in Belucistan all'Assemblea Nazionale, perché in provincia non sono disponibili i servizi 3G e 4G.

Nessuna connessione internet adeguata per le lezioni online

L'accesso a internet è un diritto fondamentale, ma, secondo DataReportal, in Pakistan si contano solo 76,38 milioni di utenti. La popolazione [it] del Paese, a gennaio 2020, era di 212 milioni.

In effetti, i servizi 3G/4G non sono disponibili in molte zone del Pakistan, comprese le aree tribali [it], e non tutti possono permettersi un laptop o uno smartphone. Il divario è anche di genere: rispetto agli uomini, pochissime donne hanno accesso a internet.

Nighat Daad della Digital Rights Foundation ha scritto un tweet sull'importanza di “internet per tutti”:

Scalereste una montagna per avere accesso a internet? Alcuni studenti delle ex FATA (aree tribali di amministrazione federale) lo fanno ogni giorno per frequentare le lezioni online. Il ministero delle tecnologie dell'informazione non dovrebbe forse impegnarsi a garantire internet a tutti durante la pandemia, invece di concentrarsi sull'introduzione di nuove leggi? #InternetPerTutti

Nella seconda settimana di giugno, gli studenti del Pakistan hanno organizzato una campagna online con l'hashtag #OnlineJaloos (corteo online). Voicepk.net, una piattaforma aperta che si impegna a mettere in evidenza le preoccupazioni in merito ai diritti umani in Pakistan, ha creato l'hashtag nel tentativo di mostrare le difficoltà affrontate dagli studenti per frequentare le lezioni online, come arrampicarsi sulle montagne solo per prendere il segnale.

Anche gli studenti che vivono nelle aree tribali del Pakistan hanno fatto sentire la loro voce per attirare l'attenzione del governo sulla questione:

Parlando all'#OnlineJaloos, Amir Ali del distretto di Chiniot dice che non può beneficiare dell'istruzione online perché a casa non ha né un laptop né un accesso a internet. Chiede a @Shafqat_Mahmood una politica più inclusiva in materia di istruzione. #DirittoDiIstruzione

Haris Shinwari del distretto Khyber dice che i servizi internet non vengono ripristinati nella sua zona da giugno 2016, nonostante le promesse e gli annunci di @IMMahmoodKhan. Gli studenti sono comunque costretti a frequentare le lezioni online, cosa per loro impossibile. #OnlineJaloos #DirittoDiIstruzione

Il 16 giugno, gli studenti di Islamabad hanno organizzato una protesta davanti alla sede della Commissione per l'istruzione superiore (HEC) per esprimere i loro timori sulla chiusura degli istituti scolastici e il conseguente passaggio a lezioni ed esami online.

I funzionari dell'HEC hanno tenuto un incontro con i rappresentanti degli studenti presso la loro sede, assicurando che la commissione terrà in considerazione le loro preoccupazioni. Tuttavia, uno dei partecipanti all'incontro ha segnalato che, anche se un funzionario dell'HEC all'incontro ha assicurato agli studenti che i loro problemi sarebbero stati risolti, ha insistito per non annullare gli esami.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.