chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cinque mesi dopo le elezioni in Guyana, si insedia il nuovo presidente

Il nuovo presidente della Guyana, Mohamed Irfaan Ali, alla cerimonia del giuramento del 2 agosto 2020. Screenshot da un video di Youtube dell'evento pubblicato da Guyana Uncut.

Cinque mesi dopo le elezioni generali della Guyana 2020, tenutesi il 2 marzo, il paese ha un nuovo presidente.

Il 2 agosto, il Presidente della Commissione Elettorale della Guyana (GECOM) Claudette Singh, ha dichiarato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] Mohamed Irfaan Ali come il nono presidente esecutivo del paese, confermando i risultati delle elezioni a favore del Partito Popolare Progressista [it] (PPP) dell'opposizione.

La coalizione in carica A Partnership for National Unity/Alliance for Change (APNU+AFC) aveva insistito sul fatto che i voti che aveva ricevuto nel suo distretto elettorale di roccaforte della Regione 4 equivalevano ad una vittoria, ma l'intero processo è stato ostacolato dal modo in cui i risultati di quella regione sono stati conteggiati – con un foglio di calcolo, piuttosto che con le dichiarazioni del sondaggio, che è il metodo sanzionato legalmente.

L'impasse ha indotto un processo laborioso che ha comportato verifiche, ingiunzioni [it] interventi [it] della Comunità Caraibica (CARICOM), un conteggio ed azioni giudiziarie che ne hanno contestato i risultati, alcuni dei quali sono arrivati fino alla Corte di Giustizia dei Caraibi, la maggiore corte d'appello della Guyana.

Tuttavia, quando la Corte d'Appello della Guyana ha deciso unanimemente che i voti di conteggio dovevano essere utilizzati per determinare e dichiarare il risultato delle elezioni generali – e che il rapporto ufficiale del GECOM deve essere basato su tale conteggio – si vedeva finalmente la fine.

Meno di due ore dopo la dichiarazione ufficiale del GECOM da parte di Singh, il Presidente Ali aveva prestato giuramento presso l'Arthur Chung Conference Centre nella capitale, Georgetown. Il Segretario Generale del PPP e l'ex presidente Bharrat Jagdeo [it] avevano prestato giuramento come vice presidenti, e Mark Phillips, ex capo di stato maggiore della Guyana, aveva giurato come primo ministro. Il nuovo governo del PPP dovrebbe annunciare ulteriori appuntamenti di gabinetto in un secondo momento.

Lo Stabroek News, ben considerato come il documento storico del paese, ha osservato che una volta che la dichiarazione è stata fatta, le cose si sono mosse ad un ritmo drammaticamente rapido, ma ha descritto la dichiarazione fatta dal responsabile delle relazione del GECOM, Yolanda Ward, come “concisa”:

[The Chief Election Officer] CEO submits report to Chairperson using results of the recount of ballots cast at the General and Regional Elections.

[Il Direttore Ufficiale delle Elezioni] il CEO presenta il rapporto al presidente utilizzando i risultati del conteggio delle votazioni espresse dalle elezioni generali e regionali.

Il 6 marzo, lo Stabroek News aveva pubblicato un editoriale che accusava il GECOM di “lavorare nell'interesse” del governo e di “truccare le elezioni generali del 2020 proprio davanti ai nostri occhi”.

Un comunicato del GECOM ha spiegato che il Direttore Ufficiale delle Elezioni, Keith Lowenfield, dopo aver seguito le istruzioni della corte d'appello, ha presentato il suo rapporto basato sui risultati del conteggio delle schede; la commissione si è riunita il 2 agosto per “deliberare sul rapporto”.

Una dichiarazione dal Ministero della Presidenza recita:

President David Granger, this morning, received a call from the Chairman of the Elections Commission, Justice (Ret’d) Claudette Singh who invited him to a conversation with Opposition Leader Mr. Bharrat Jagdeo to discuss the way forward.

The President explained that he had no objection to speaking with Mr. Jagdeo but as far as a proposed declaration is concerned, he recognised that the Commission has a legal obligation as a result of the recent ruling of the Court of Appeal, to proceed with a declaration.

President Granger said that notwithstanding that declaration, the APNU+ AFC coalition maintains that the anomalies and irregularities which have been uncovered during the recount process cannot be accepted and will form the grounds for an election petition.

Questa mattina, il presidente David Granger, ha ricevuto una chiamata dal Presidente della Commissione Elettorale, il Giudice (in pensione) Claudette Singh, che lo ha invitato ad un conversazione con il Leader dell'Opposizione Sig. Bharrat Jagdeo per discutere sulla via da percorrere.

Il presidente ha spiegato di non avere obiezioni a parlare con Sig. Jagdeo, ma per quanto riguarda una dichiarazione proposta, ha riconosciuto che la Commissione ha un obbligo giuridico a seguito della recente sentenza della Corte d'Appello, di procedere con una dichiarazione.

Il Presidente Granger, ha affermato che nonostante tale dichiarazione, la coalizione APNU + AFC sostiene che le anomalie e le irregolarità che sono state scoperte durante il processo di conteggio, non possono essere accettate e costituiranno i presupposti per una petizione elettorale.

Tuttavia, la dichiarazione del GECOM, affermava che il PPP preferiva rinunciare a qualsiasi discussione fino a quando il GECOM non avesse fatto la sua dichiarazione. Una volta fatto ciò, ha affermato Bharrat Jagdeo, il PPP si sarebbe “impegnato a discutere su un modello governativo”.

Il GECOM si è riunito di nuovo alle 14:00, l'orario della Guyana per “deliberare sul rapporto del Direttore Ufficiale delle Elezioni”, e dopo “un'attenta analisi” il comunicato ha continuato, “il giudice Claudette Singh ha dichiarato Mohamed Irfaan  Presidente della Repubblica Cooperativa della Guyana.”.

Il presidente uscente David Granger ha successivamente rilasciato la seguente dichiarazione:

The APNU+AFC Coalition respects the lawful consequences of the “declaration” as announced by the Chairman of the Elections Commission. I maintain that the Report ordered by the Court and presented to the Commission contains significant anomalies and irregularities.

The APNU+AFC Coalition cannot endorse a flawed Report and will continue its campaign to ensure that the votes of all Guyanese are accurately recorded, tallied and reported.

The APNU+AFC Coalition will challenge the declared results lawfully, peacefully and purposefully.

La Coalizione APNU+AFC rispetta le conseguenze legittime della “dichiarazione” come annunciato dal Presidente della Commissione Elettorale. Ritengo che il Rapporto ordinato dalla Corte e presentata alla Commissione contiene significanti anomalie e irregolarità.

La Coalizione APNU+AFC non può approvare un Rapporto difettoso e continuerà la sua campagna per assicurarsi che i voti di tutti i guyanesi sia accuratamente registrati, conteggiati e riportati.

La Coalizione APNU+AFC contesterà i risultati dichiarati in modo lecito, pacifico e intenzionale.

Tuttavia, quella sfida in sospeso, non sembra preoccupare molte persone.

Su Twitter, Michael G. Kozak, Vice Segretario ad interim per l'Ufficio degli Affari dell'Emisfero Occidentale, del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha riconosciuto il nuovo presidente:

 La democrazia governa in Guyana! Mohamed Irfaan Ali ha prestato giuramento come presidente, riflettendo la volontà del popolo guyanese.

Ci congratuliamo con il presidente Ali e non vediamo l'ora di lavorare con tutti per sostenere lo sviluppo della Guyana a beneficio di tutto il suo popolo.

Pochi giorni prima, il 30 luglio, Kozak ha twittato la sua insoddisfazione per il lungo processo democratico della Guyana, portando alcuni ad ipotizzare che la pressione degli Stati Uniti avrebbe potuto accelerare la decisione di ritirarsi dell'APNU+AFC:

Oggi abbiamo preso provvedimenti per impedire l'ingresso negli Stati Uniti di ulteriori alti funzionari responsabili o complici, per mirare la democrazia in Guayana.

Gli Stati Uniti non staranno a guardare mentre l'amministrazione Granger continua a sfidare la volontà del popolo guyanese. La democrazia deve prevalere.-MK

Il governo degli Stati Uniti aveva già applicato sanzioni sotto forma di revoca del visto su “individui responsabili e complici nel minare la democrazia in Guyana”, e stava facendo pressione sui suoi alleati affinché si unissero a loro.

Vi era anche la preoccupazione che l'impasse politico avrebbe influito negativamente sul futuro economico del paese.

Nonostante le previsioni secondo le quali le nuove risorse scoperte nello Stabroek Block sono stimate in oltre otto miliardi di barili di petrolio, e un annuncio del 30 luglio di Hess Corporation – che sta sviluppando l'interesse in combinazione con ExxonMobil e CNOOC Limited – affermando che recenti valutazioni hanno identificato altri due serbatoi di alta qualità, la rivista Forbes ha confermato che “per le compagnie petrolifere e di gas […] che cercano di fare affari nell'offshore della Guyana, la risoluzione delle elezioni e un ritorno alla stabilità del governo sono un fattore chiave”.

Come nuovo presidente della Guyana, diventerà ora responsabilità di Mohamed Irfaan Ali quella di proteggere il patrimonio del popolo guyanese e gestire con trasparenza quei miliardi di dollari in nuove entrate petrolifere, le quali hanno il potenziale per trasformare completamente il paese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.