chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Da salvadoregna, gli Stati Uniti erano simbolo di sicurezza. Ora, questa convinzione si è sgretolata

Rappresentazione grafica di Pamela Chavez, dal suo cortometraggio animato Caracol Cruzando, utilizzata previo consenso

Questo articolo è stato inizialmente pubblicato su Central American News [en, come nei seguenti link, salvo diversa indicazione].

Quando avevo 12 anni, la mia migliore amica, il cui padre lavorava all'Ambasciata Americana, è ritornata da El Salvador a Washington D.C. Da ragazzi ci siamo sentiti sporadicamente e una volta abbiamo avuto una conversazione per messaggio riguardo l'immigrazione.

Da cittadina degli Stati Uniti, lei vedeva l'immigrazione come una questione di sicurezza nazionale, mentre invece io, come bambina cresciuta nell'epoca post-conflitto a El Salvador, il quale aveva partecipato a una guerra per procura durante la Guerra Fredda, l'immigrazione verso gli Usa veniva sempre vista come una questione di diritti umani. I miei familiari hanno ricevuto status di rifugiati, cittadinanza, permessi di soggiorno e Status di Protezione Temporanea.

Praticamente, dal mio punto di vista, emigrare verso gli Stati Uniti era sinonimo di sicurezza. Questo era quello che stavo cercando quando sono arrivato negli Usa nel 2019 con un visto da studente. Tuttavia, da quel momento in poi, la mia prospettiva ha iniziato a cambiare.

La radice del mio dubbio è la disperazione che, una volta ogni tanto, mi sopraffà a causa del fatto che sono un’ immigrata negli Stati Uniti. Si tratta di un argomento di cui parlo raramente. Questo sentimento è stato amplificato dalle incessanti restrizioni al viaggiare imposte dagli Usa e dai frequenti cambiamenti al sistema d'immigrazione e da come, a queste misure, si sia aggiunta la chiusura delle frontiere di diversi Paesi a causa della COVID-19.

Negli USA, l'Agenzia Federale sull'Immigrazione e le Regole Doganali ha affermato, e in seguito ritirato, che  se non avessero frequentato le lezioni in presenza. Quest'estate, la Corte Suprema ha ordinato al governo di iniziare ad accettare i . La  è stata posticipata, facendo rischiare ai residenti permanenti di essere deportati. I turisti bloccati negli Usa a causa della chiusura delle frontiere dei propri Paesi rischiano che il loro visto scada prima che riescano a tornare a casa. Ugualmente preoccupante, se non di più, è il fatto che gli USCIS (Servizi per la cittadinanza e l'immigrazione degli Stati Uniti), ovvero il Dipartimento per i servizi di Immigrazione e Cittadinanza degli Usa,  di dollari da parte del governo per evitare di licenziare 13.400 impiegati. Tutto questo non prende nemmeno in considerazione tutte quelle politiche che hanno come obiettivo quello di limitare il numero di rifugiati e di deportare le persone senza documenti.

Nel mio Paese d'origine, El Salvador, tutti gli aeroporti sono stati chiusi dall'inizio del lockdown, ovvero a Marzo. Per coloro che come me sono bloccati negli Usa, la situazione è molto difficile. Avianca, l'unica compagnia aerea che offre dei voli di rimpatrio, . Solo per essere inseriti  dei cittadini che possono rientrare nel Paese, si deve chiamare il consolato, aspettare mesi e successivamente pagarsi il proprio volo nel caso in cui si trovasse un posto sull'aereo.

Riesco a sentire la tensione. Il governo Trump sta spingendo le persone a lasciare il Paese quando, in realtà, non ha la capacità di svolgere questi processi e nel frattempo, a causa di tutte le sue leggi per regolare la vita dei migranti, molte persone sono bloccate negli Usa senza la capacità di auto-sostentarsi.

Ad esempio, si potrebbe dire che il mio status di visto da studente di tipo F1 mi possa dare sia un senso di sicurezza sia per la mia identità queer che un'opportunità per il mio percorso di formazione. Nonostante ciò, questo visto scadrà prima che riapra l'aeroporto a El Salvador. Dopo aver fatto una ricerca approfondita e aver interpretato la pagina web degli USCIS, ho riempito un modulo per cambiare il mio status a visto da visitatore. Sebbene sia stato confermato che sarei potuta rimanere legalmente nel Paese mentre avveniva il processo, non avrò notizie sullo status della mia richiesta per , e potenzialmente anche per di più. Tutto questo senza avere la possibilità di lavorare o studiare. Di conseguenza, la mia famiglia si sta dimenando per inviarmi del denaro per aiutarmi.

Queste situazioni non sono affatto nuove. Quello degli immigrati è sempre stato visto come un problema irrisolvibile, e le loro vite sono sempre state motivo di discussione. Per quanto mi riguarda, molti cittadini statunitensi si sono resi conto della prepotenza e ingiustizia del sistema d'immigrazione degli Stati Uniti solo quando l'ICE (Immigrazione e applicazione delle norme doganali) ha dovuto rivalutare il soggiorno degli studenti internazionali nel Paese.

Tuttavia, sebbene debba dire che le leggi sull'immigrazione varate dal governo Trump durante la pandemia siano crudeli, la situazione era già brutale in precedenza. La realtà è che le leggi sull'immigrazione possono essere cambiate sia che tu stia svolgendo il processo per entrare, sia che tu viva già nel Paese e sia che ti stia per scadere il visto. Tutto questo potere ci tiene in un limbo. La COVID-19 ha semplicemente posto una lente d'ingrandimento su questa situazione.

Questo argomento non è nuovo per noi immigrati, poiché ne parliamo spesso per il timore di essere etichettati come ingrati. Solitamente se ne parla a cena, oppure con i servizi internazionali dell'università, e a volte con i nostri amici statunitensi che non comprendono il gergo del sistema immigratorio degli Usa. Ultimamente queste conversazioni hanno iniziato ad avere un tono diverso, un tono che fa trasparire il fatto che gli Usa non ci vogliano nel loro Paese e di come tutto questo stia profondamente influenzando le nostre decisioni e la nostra psiche.

Sono arrivata a comprendere che, a prescindere da che tipo di immigrato tu sia, il sistema immigratorio statunitense può facilmente alterare le tue idee di speranza, di opportunità e di sicurezza. Sebbene ora abbia imparato a gestire lo stress causato da tutte le restrizioni derivanti dall'essere un immigrato, è sempre uno shock per me quando affronto un nuovo ostacolo tipo dover passare dei mesi da disoccupata e senza un sostegno finanziario a causa del fatto che debba aspettare che mi arrivi un documento. La solitudine di questo limbo, non solo quella generato dal brusco stop ai piani di ognuno di noi, ma anche quello per il quale il governo sotto cui vivi ha così tanto potere su di te e agisca in maniera arbitraria, è ancora più straziante.

Vorrei condividere un ultimo pensiero. Quando i miei familiari sono fuggiti da El Salvador come rifugiati di guerra e la mia scuola promuoveva delle università negli Usa, una vita a lungo termine verso nord negli Usa sembrava un'opzione fattibile, se non una permanente. Tuttavia non mi aspettavo che l'implementazione delle idee di Trump potesse farmi cambiare totalmente idea. Dal mio punto di vista, la spinta e le politiche implementate da parte del Governo Trump stanno assolutamente ribaltando l'opinione comune secondo cui gli Usa siano un luogo di sicurezza e di opportunità. Ora mi chiedo se avrò ancora un posto in questo Paese o meno. Sicuramente, le leggi, le normative e i capricciosi cambiamenti al sistema immigratorio mi fanno pensare di no.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.