chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il motivo degli 8.7 milioni di voti di Tsai Ing-wen nelle elezioni presidenziali di Taiwan

Tsai Ing-wen. Foto presa da Stand News.

Scritto da Chang Tieh-chi

Molti analisti politici hanno espresso la loro opinione sulla vittoria schiacciante di Tsai Ing-wen, ottenuta durante le recenti elezioni presidenziali di Taiwan. In particolare modo, su come questa sia collegata alle lunghe proteste di Hong Kong [it, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] contro le violazioni di diritti umani commesse da Pechino.

I rappresentanti del partito di Tsai, Partito Progressista Democratico (PPD) favorevole all'indipendenza di Taiwan, facente parte della cosiddetta Coalizione pan-verde, hanno affermato che questo collegamento potrebbe sottolineare come i cittadini di Taiwan non accettino la formula Una Cina, due sistemi, imposta da Pechino con lo scopo di promuovere “l'unificazione” con Taiwan. Tuttavia, la Coalizione pan-azzurra guidata dal partito Kuomintang (KMT), pro-Pechino, ha affermato invece che tale spiegazione sembrerebbe dare l'impressione che Tsai non abbia nessun tipo di politica domestica degna di nota. Dal mio punto di vista, questa giustificazione non da il giusto peso agli 8.7 milioni di voti che gli abitanti di Taiwan hanno dato a Tsai.

Le proteste di Hong Kong e l'indipendenza di Taiwan hanno di certo influito notevolmente. I giovani taiwanesi sono stati testimoni delle dolorose e coraggiose proteste portate avanti da molti coetanei ad Hong Kong, e ora anche loro vogliono opporsi per proteggere il proprio modo di vivere.

Le strategie elettorali del PPD hanno di fatto approfittato del sentimento di “conclusione dell'indipendenza Taiwanese” (亡國感), questo concetto è però risultato dalla violazione dello status autonomo di Hong Kong commesso dal Presidente cinese Xi Jinping e dal capo esecutivo Carrie Lam.

Il sentimento delle proteste di Hong Kong si è diffuso anche a Taiwan in maniera inarrestabile. Il candidato alle presidenziali del partito KMT, Han Guo-yu ha ripetutamente accusato Tsai di non essere disposta ad identificarsi con la Repubblica di Cina. Ad ogni modo, ad oggi i cittadini di Taiwan si stanno rendendo conto della minaccia rappresentata dalla strategia pro-Cina nei confronti dell'esistenza della Repubblica cinese, perché Pechino riconosce una sola Cina—La Repubblica Popolare Cinese, costituita da un sistema monopartitico sotto il governo del Partito Comunista Cinese (PCC).

Il KMT è fuggito dalla Cina a Taiwan dopo essere stato sconfitto dal PCC, durante la guerra civile nel 1949. Come partito di governo della Repubblica cinese, il KMT aveva promesso di riprendersi la Cina continentale dal PCC. Ma il sogno del KMT non è condiviso dalla maggioranza dei taiwanesi che preferirebbero mantenere il loro status quo come nazione de facto indipendente.

Anche la personalità dei due candidati politici ha avuto un forte impatto sui risultati elettorali. Tsai ha alcuni difetti, ma le mutevoli posizioni politiche di Han, i suoi discorsi offensivi e detestabili nei confronti delle donne, dei lavoratori stranieri e di altri gruppi ha mortificato persino l'elite della Coalizione pan-azzurra [zh].

Durante la campagna presidenziale, Han ha commentato che “la realizzazione degli uomini arriva nella seconda metà della loro vita, mentre quella femminile avviene nella parte superiore del corpo/vita”. Questa affermazione non solo limita il ruolo delle donne alla mera sfera domestica, ma ha anche delle implicazioni sessuali: in quanto le parole ‘corpo’ e ‘vita’ in cinese sono molto simili. In passato Han, commentando il mercato del lavoro taiwanese, ha usato la metafora della “fenice che se ne va e del gallo che prende il suo posto” [zh] per descrivere il problema della fuga di cervelli e l'affluenza di stranieri nel mercato locale. La parola cinese ‘gallo’ ha svariate connotazioni negative quando viene usata per descrivere le persone.

Taiwanesi istruiti, e giovani in particolare, avrebbero scelto naturalmente Tsai Ing-wen.

Se si comparano le liste dei candidati proposte sia dal KMT che dal PPD, per i posti della rappresentanza proporzionale divisi tra i partiti durante le elezioni legislative nazionali a Taiwan, è possibile individuare le diverse idee politiche in base alle scelte dei due partiti. I candidati del PPD sono nella maggior parte ex membri del Yuan legislativo (Parlamento taiwanese), capi di gruppi professionali, gruppi ambientali, organizzazioni di donne e sindacati. (È un peccato che Omi Wilang, capo della comunità aborigena di Taiwan, non sia stato incluso della lista del PPD.) Per quanto riguarda il KMT, anche Simon Chang [en], l'ex Premier del partito KMT durante la presidenza di Ying-jeou, ha attaccato le candidature scelte dal partito [zh].

Come editorialista di notizie politiche, raramente classifico figure pubbliche come i rappresentanti del PCC. Ma la lista di candidati del KMT da l'impressione di essere stata stilata sotto l'influenza di Pechino. Candidati come Sandy Yeh [zh], professore pensionato della Central Police University, Wu Sz-huai [zh], tenente generale in pensione dall'esercito della Repubblica di Cina, e Chiu Yi [en]  ex legislatore) sono noti per essere pro-Pechino e per essere favorevoli a politiche che appoggiano la riunificazione.

Le elezioni dello Yuan legislativo [en] sono avvenute nello stesso giorno — l'11 gennaio 2020 — delle elezioni presidenziali. Lo Yuan legislativo ha tre collegi elettorali: 73 posti sono riempiti mediante le elezioni regionali dirette, 6 posti mediante elezioni nazionali degli aborigeni, e 34 posti sono riservati ai candidati in base al sistema proporzionale a liste di partito.

Alcuni si sono lamentati che il PPD abbia utilizzato i problemi riguardanti l'indipendenza per rinforzare il proprio appoggio non contribuendo minimamente alla politica domestica. Questo tipo di commenti sottovalutano l'intelligenza dell'elettorato. Negli ultimi anni, Tsai ha fatto delle mosse corrette per quanto riguarda la politica sociale, tra cui la riforma delle pensioni [en], l'aumento del salario minimo [en], la diversificazione delle fonti energetiche [en], la promozione degli scambi culturali [en] internazionali, affrontando problemi riguardanti la giustizia di transizione [en], e investimenti in innovazioni sociali [en].

Ultimo ma non meno importante, il supporto del PPD per la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Dopo la  sua scarsa menzione nelle elezioni locali del 2018 [en], molte critiche sono state mosse al PPD per la mancata determinazione nella legalizzazione dei matrimoni LGBT. Ciononostante, il matrimonio tra persone delle stesso sesso è diventato effettivo il 24 maggio grazie alla coraggioso supporto della Presidente Tsai Ing-wen e del Premier Su Tseng-chang. Questo avvenimento ha toccato molti giovani taiwanesi.

Durante le elezioni presidenziali, il KMT stava diffondendo l'idea che i matrimoni omosessuali avrebbero interrotto il circolo di sangue, ovvero, quello delle famiglie taiwanesi [en]. Considerando che una retorica di questo tipo fa riferimento ai valori della tradizione cinese, era stato anticipato che il PPD avrebbe perso alcuni posti di legislatori. Appena rilasciati i risultati la sera delle elezioni, molti dei miei amici LGBT friendly hanno gioito sul loro Facebook per i risultati dicendo al mondo intero che i diritti LGBT non erano più tra i problemi che infastidivano i votanti taiwanesi. Un momento davvero toccante.

Visto che il PPD era disposto ad assumersi il rischio politico in supporto di valori così importanti, i giovani taiwanesi li hanno ripagati con il voto.

Non sto dicendo che le riforme del PPD siano state perfette. Han ha avuto 5 milioni di voti e i voti del PPD e del KMT ottenuti tramite la rappresentazione proporzionale nelle elezioni legislative nazionali era praticamente la stessa—entrambi i partiti hanno ottenuto 13 posti [zh]. Questo indica che le azioni del partito di governo devono ancora essere apprezzate da molti taiwanesi.

In breve, gli 8.7 milioni di voti che Tsai ha ricevuto sono per lo sviluppo di una società più giusta e progressista che permetta a Taiwan di alzarsi con dignità. I voti sono inoltre un modo per esprimere la nostra solidarietà con le proteste di Hong Kong. Perseguiremo gli stessi valori per controllare e criticare il governo, e per aspirare al cambiamento.

Il mondo intero è testimone della scelta di Taiwan riguardo la nostra posizione sulle relazioni bilaterali con la Cina. A Taiwan, stiamo entrando in una nuova era politica che appartiene ad ogni taiwanese.

Chang Tieh-chi è un editorialista taiwanese di notizie culturali e politiche.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.