chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il nuovo governo del Sudan può risolvere la crisi annuale delle inondazioni di massa?

Piogge e inondazioni in Sudan, Agosto 2013. Fotografia da Nafeer Sudan via Flickr CC BY 2.0.

Quest'anno, in Sudan, la stagione delle piogge ha portato al disastro quando la diga di Bout [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è crollata durante le vacanze annuali dell'Eid al-Adha.

La settimana scorsa, la città di Bout, situata nella provincia sud-orientale del Nilo Blu, è stata gravemente colpita da forti piogge ed inondazioni. Secondo le statistiche [ar] fornite dalla Sudanese Red Crescent Society (SRCS) la città, di circa 1000.000 residenti, ha visto almeno 1200 case distrutte. Il crollo ha causato migliaia di sfollati e molti senza accesso ad acqua pulita.

Nessun governo nella storia del Sudan è stato in grado di risolvere i disastri umanitari causati dalle inondazioni annuali di giugno e luglio, le quali portano inevitabilmente a distruzione cronica e perdite di vite umane.

Anche nella città vicina di Wad Abuk sono state distrutte oltre 120 case. Finora, le squadre sul campo stanno lavorando per aiutare le persone di Bout e Wad Abuk.

Secondo la SRCS, ci sono stati almeno quattro morti, 75 case sono state completamente distrutte e 280 case sono state parzialmente distrutte nella località di Abu-Hamad nel nord del Sudan.

Anche nell'area del Nilo Occidentale, una città di provincia all'interno di Khartoum, continua a subire inondazioni di massa. In questo momento, né macchine né persone possono attraversare l'area e l'unico modo per salvare vite è attraverso l'uso di barche locali.

L'area del Nilo Orientale è allagata. Fotografia da Khattab Hamad, usata con autorizzazione.

Residenti salvati dormono accanto alla strada principale in tende fornite dalla protezione civile, dalla Sudanese Red Crescent e alcune organizzazioni non governative.

Le inondazioni del Nilo Orientale hanno costretto i residenti a fuggire dalle loro case e chiedere assistenza lungo il lato della strada principale. Fotografia da Khattab Hamad, usata con autorizzazione.

La crisi si è aggravata per la mancanza di pianificazione da parte della leadership municipale di Khartoum.

Ogni anno in Sudan, forti piogge portano a massicce inondazioni in tutto il paese, compresa Khartoum, la capitale. I cittadini soffrono quando le acque alluvionali distruggono proprietà e tolgono la vita. Gli sforzi di recupero mettono a dura prova le limitate risorse finanziarie e umane del Sudan.

I residenti sono spesso lasciati soli a fronteggiare e recuperare:

Una donna ripara i danni alla sua casa, dopo che piogge torrenziali hanno causato frane e inondazioni improvvise, nella città di Umm Dawan Ban, vicino a Khartoum, in Sudan, il 2 agosto 2020.

‘Invito a mobilitarsi’

Nafeer, [ar] un'iniziativa guidata da giovani, ha risposto tempestivamente alla crisi umanitaria provocata dalle forti piogge e dalle inondazioni improvvise che hanno colpito il Sudan. Il termine nafeer indica una tradizione sociale Sudanese che deriva da una parola araba che significa “un invito a mobilitarsi” per aiutare le persone in crisi.

Il 2 agosto, il gruppo ha annunciato un appello a tutti i volontari per riunirsi il 4 agosto per discutere un piano di crisi. Il governatore di Khartoum si è unito alla riunione per supportarli con risorse governative.

Abdallah Hamdok, Primo Ministro del Sudan, ha scritto una discussione su Twitter in cui illustra in dettaglio tutti i modi in cui il governo è preparato ad affrontare la crisi della stagione delle piogge, sottolineando che questa pioggia è stata la più forte in 30 anni:

[Tweet 1] Presso la sede della Presidenza del Gabinetto, ho incontrato onorevoli colleghi, ministri degli Affari Interni del Gabinetto, Finanze, Sviluppi Sociali, Risorse per l'Irrigazione e l'Acqua, il Governatore dello Stato di Khartoum e il Sig. Segretario Generale del Consiglio Nazionale per la Protezione Civile, per discutere l'attuazione del piano preparato della stagione delle piogge.

Nella sua discussione su Twitter, continua dicendo:

Tweet 2: The meeting decided to provide urgent shelter needs for those affected by the rains of the previous days. We also decided to allocate all machines that have been restored through the empowerment removal committee [ar] to work in the treatment of the effects of the rainy season.

Tweet 3: We have issued a directive to all states to form committees to deal with rainy season emergencies headed by the governor, provided that the National Council of Civil Defense continues to coordinate centrally and establish a media platform to own information and publish weather forecasts and actions taken by the council.

Tweet 4: We also mandated the Ministry of Labor and Social Development to address international agencies and international organizations to coordinate the response to the rainy season emergency, and we also decided to direct the Ministry of Health to prepare for the epidemics accompanying the rainy season and launch an early cholera vaccination campaign to avoid any possible epidemic outbreaks.

Tweet 5: Rain forecasts indicate that we will face an unprecedented rainy season during the past 30 years, and there are emergency measures in place to avoid the effects of long-term treatments to fix urban planning problems and ensure the safety of citizens and their property.

Tweet 6: I introduce my great thanks and pride for the active role that popular organizations, resistance committees and civil society activities initiated, to move quickly to ward off the effects of the fall as a role that evokes the authentic Sudanese values of social solidarity and the activation of the values of collective action in the journey of building and reconstruction.

Tweet 7: We will go hand-in-hand to harness all the capabilities and efforts to take advantage of the bounties of the rainy season and avoid its negative effects on citizens in all parts of the country. May God save Sudan and the people of Sudan.

Tweet 2: L'assemblea ha deciso di fornire urgenti necessità di rifugio a chi ha subito le piogge nei giorni precedenti. Abbiamo anche deciso di assegnare tutte le macchine che sono state restaurate attraverso il comitato di rimozione dei potenziamenti [ar] per lavorare nel trattamento degli effetti della stagione delle piogge.

Tweet 3: Abbiamo emesso una direttiva a tutti gli stati per formare comitati per affrontare le emergenze della stagione delle piogge guidate dal governatore, a condizione che il Consiglio Nazionale della Protezione Civile continui a coordinarsi a livello centrale e istituire una piattaforma multimediale per possedere informazioni e pubblicare previsioni meteorologiche e azioni intraprese dal consiglio.

Tweet 4: Abbiamo anche incaricato il Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Sociale di rivolgersi alle agenzie e alle organizzazioni internazionali per coordinare la riposta all'emergenza della stagione delle piogge, e abbiamo anche deciso di guidare il Ministero della Salute a prepararsi per le epidemie che accompagnano la stagione delle piogge e lanciare una campagna di vaccinazione precoce contro il colera per evitare possibile focolai epidemici.

Tweet 5: Le previsioni di pioggia indicano che dovremo affrontare una stagione delle piogge senza precedenti negli ultimi 30 anni e sono in atto misure di emergenza per evitare gli effetti dei trattamenti a lungo termine per risolvere i problemi di pianificazione urbana e garantire la sicurezza dei cittadini e delle loro proprietà.

Tweet 6: Presento il mio grande ringraziamento e orgoglio per il ruolo attivo che le organizzazioni popolari, i comitati di resistenza e le attività della società civile hanno avviato per muoversi rapidamente per scongiurare gli effetti della caduta come ruolo, che evoca gli autentici valori sudanesi di solidarietà sociale e l'attivazione dei valori dell'azione collettiva nel cammino di costruzione e ricostruzione.

Tweet 7: Andremo mano nella mano per sfruttare tutte le capacità e gli sforzi per trarre vantaggio dai doni della stagione delle piogge ed evitare i suoi effetti negativi sui cittadini in tutte le parti del paese. Possa Dio salvare il Sudan e il suo popolo.

Un futuro senza crisi alluvionali richiede una pianificazione per la sistemazione degli sfollati che vivono lungo le rotte delle inondazioni. Il Sudan deve, inoltre, emanare piano per beneficiare effettivamente delle forti piogge attraverso il deposito delle precipitazioni e altre misure ecologiche.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.