chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il nuovo “momento gay” della Disney scandalizza i conservatori religiosi in Malesia e Singapore

Walt Disney World, Florida. Foto via Flickr sotto licenza CC BY NC ND 2.0

I gruppi religiosi e le censure statali a Singapore e in Malesia mostrano il loro malcontento sul remake live action del film d'animazione Disney “La Bella e la Bestia”.

A Singapore, i dirigenti delle comunità cristiane hanno consigliato ai loro di  “proteggere” i loro bambini contro la cosiddetta “agenda pro-LGBT” del film, in seguito alle segnalazioni di un “momento gay” nel film. In Malesia, la censura ha inizialmente approvato il film per la proiezione pubblica, ma con un “taglio minore”.

La Bella e la Bestia è una storia d'amore tra una giovane donna e un uomo maledetto, condannato a vivere con i tratti di un mostro in un castello. I produttori hanno dichiarato ai media che il remake metteva in scena un personaggio gay.

Il Consiglio nazionale delle chiese di Singapore ha espresso indignazione per il fatto che il nuovo film “rigetti” la “salubrità” del film d'animazione Disney del 1991, denunciando il personaggio gay, interpretato dall'attore Josh Gad, come “totalement inutile”. Il Consiglio ha pubblicato una dichiarazione formale in cui mette in guardia il pubblico sulla presunta intenzione di Walt Disney di “normalizzare lo stile di vita omosessuale”:

Some Christian leaders here are deeply concerned about the LGBT representation in this new Disney movie. They see this as an attempt to influence young children and socialize them at an early age into thinking that the homosexual lifestyle is normal.

Alcuni leader cristiani sono profondamente preoccupati per il ritratto delle persone LGBT in questo nuovo film Disney. Lo vedono come un tentativo di influenzare i bambini piccoli e socializzarli fin dalla tenera età facendoli credere che lo stile di vita omosessuale sia normale.

La Chiesa cattolica romana di Singapore Singapore ha anche rilasciato una breve dichiarazione che esorta i genitori ad adottare un atteggiamento consapevole durante la visione del film:

With extensive media reports of the purported ‘gay moment’ in this movie, we believe that parents must discern and reflect with their children on whether the lifestyle portrayed is consonant with the teaching of Christ. They must explain the implications and the consequences of such a lifestyle for themselves and society.

Con i numerosi resoconti dei media sul cosiddetto “momento gay” di questo film, riteniamo che i genitori debbano esercitare un buon giudizio e riflettere con i loro figli sul fatto che lo stile di vita rappresentato sia in linea con l'insegnamento di Cristo. Dovrebbero spiegare le implicazioni e le conseguenze di un tale stile di vita per se stessi e per la società.

A Singapore, gli atti omosessuali tra uomini sono considerati un crimine.

Allo stesso modo, la Malesia vieta la sodomia e il Comitato di censura del paese ha posticipato a tempo indeterminato tutte le proiezioni di La Bella e la Bestia per preoccupazioni persistenti, anche sulla versione modificata. La società Walt Disney afferma che sta conducendo una “indagine interna” per saperne di più sulla situazione del film in Malesia.

L'apparente vigilanza del governo sulla perniciosa influenza di Hollywood ha deluso molti fan della Disney in Malesia, dove il ministro della Cultura ha fatto eco alle loro preoccupazioni per la censura ingiusta.

Sui social media, i malesi hanno espresso frustrazione per una decisione che equivale a vietare il film, mentre altri hanno sfidato il Consiglio di censura a spiegare perché impedisce la proiezione di La bella e la Bestia nei cinema, ospitando ogni tipo di intrattenimento violento sui grandi e piccoli schermi:

Non ci sono parole per descrivere la situazione di La Bella e la Bestia.

Sono solo così deluso che la Malesia possa essere così sensibile A TAL PUNTO.

“La Bella e la Bestia vietata in Malesia a causa della scena gay tra l'orologio e la candela”.
Amo il mio paese.

La Malesia ha tanto da migliorare, ma scegliamo di concentrarci su cose banali e sciocche come il divieto di La Bella e la Bestia. È disgustoso.

Malesia, la terra delle possibilità.

La Bella e la Bestia è stata vietata mentre mostrava i film di wrestling della WWE in televisione. A quanto pare il nostro paese incoraggia la guerra, non l'amore.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.