- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Il rapimento di un giornalista solleva preoccupazioni per la libertà dei media in Pakistan

Categorie: Asia meridionale, Pakistan, Censorship, Citizen Media, Cyber-attivismo, Diritti umani, Governance, Legge, Libertà d'espressione, Media & Giornalismi, Politica, Protesta
Matiullah Jan, a renowned journalist and critic of the Pakistan Military. Screenshot from YouTube video by Naya Daur TV. [1]

Matiullah Jan, famoso giornalista e critico dell'esercito pakistano. Screenshot dal video di YouTube di Naya Daur TV.

La mattina del 21 luglio Matiullah Jan, noto giornalista e critico dell'esercito pakistano, è stato rapito a Islamabad [2] [en, come i link successivi, salvo diversa indicazione] da persone non identificate. È stato rilasciato circa 12 ore dopo nella città di Fateh Jang, a circa 46 km da Islamabad.

La famiglia del giornalista ha accusato le agenzie di sicurezza dello Stato di essere responsabili del rapimento.

Circa una settimana prima del rapimento di Jan, il 15 luglio, la Corte Suprema del Pakistan ha avviato un procedimento giudiziario contro di lui [3] per oltraggio alla corte per un tweet “dispregiativo” contro la stessa corte e i suoi giudici [4]. Nel tweet del 13 luglio [4], Jan ha criticato sette dei dieci giudici della Corte Suprema del Paese dopo aver respinto la petizione presidenziale [5] che accusava il loro collega, il giudice della Corte Suprema Qazi Faez Isa, di cattiva condotta e di vivere al di là dei suoi mezzi.

Il giorno dopo il suo rapimento, il 22 luglio, Jan sarebbe dovuto andare in tribunale per rispondere delle accuse di oltraggio derivanti dal suo tweet.

Cosa dice il rapimento di Jan sulla libertà di stampa

Matiullah Jan aveva appena lasciato sua moglie [6] alla scuola dove insegna quando la sua macchina è stata bloccata. [6] L'incidente, che è stato catturato [7] dalle telecamere a circuito chiuso della scuola, mostra che c'è stata una breve rissa, durante la quale Jan ha gettato il suo cellulare all'interno dell'edificio scolastico. I suoi rapitori sono stati in grado di recuperare il telefono, dopo di che è stato portato in una località sconosciuta.

Quando è stata comunicata la notizia del rapimento, il fratello e gli amici di Jan sono andati a scuola, hanno recuperato le riprese delle telecamere e pubblicato il video [8] sui social media. In breve tempo, hashtag come #RiportateIndietroMatiullah [9], che chiedeva il ritorno del giornalista sano e salvo, stavano spopolando su Twitter.

Ci sono anche state richieste per porre fine alle interferenze statali nella libertà di stampa. Il giornalista Amir Mateen ha denunciato le pressioni dell'Inter-Services Public Relations (ISPR), il braccio mediatico delle forze armate pakistane e di altre agenzie.

Lo dico pubblicamente, anche se i nostri attivisti dei media hanno così paura di dirlo in pubblico. Forza, ragazzi. Ditelo. Siamo controllati dalle agenzie. Riceviamo chiamate dall'ISPR su che cosa possiamo dire e cosa non possiamo. Sono senza lavoro perché ho detto di no. Lo direte?

L'utente di Twitter Naila Inayat ha ricordato ai suoi follower la frequenza inquietante di altre sparizioni forzate:

I video di sorveglianza del giornalista Matiullah Jan sono stati sequestrati. Le sparizioni forzate sono usate dal Pakistan come arma per mettere a tacere i dissidenti. Da Saleem Shahzad, Umar Cheema a Matiullah, continua impunemente.

Twittando dall'account di suo padre, il figlio di Jan ha chiesto che il governo lo riportasse indietro e che le agenzie statali fossero ritenute responsabili della sua scomparsa:

Matiullah Jan, mio padre, è stato rapito nel cuore della capitale Islamabad. Chiedo che venga trovato e che le agenzie che sono dietro la sua scomparsa vengano immediatamente ritenute responsabili. Che Dio lo tenga al sicuro.

Parlando con i media [16], la moglie di Jan Kaneez Sughra ha detto che quando gli ha telefonato verso l'una del pomeriggio, uno dei suoi cellulari era spento e all'altro non rispondeva. “Tutti sanno chi lo ha preso”, ha detto riferendosi alle agenzie di sicurezza dello Stato. Ha aggiunto: “Non è un segreto chi è che lo insegue da anni.”

Nel 2017 Jan è stato attaccato [17] a Islamabad, ma è fuggito illeso. Lui e i suoi figli avevano viaggiato fino a Bhara Kahu, a 18 km da Islamabad, quando due motociclisti provenienti dalla direzione opposta hanno rotto il parabrezza della sua macchina lanciandogli un sasso.

“Condanne su Twitter”

Il rapimento di Jan ha suscitato scalpore in Pakistan, con l'Alta Corte di Islamabad che ha richiesto un'indagine [18] sulla sua scomparsa.

Durante una sessione dell’Assemblea nazionale [19] del 21 luglio, partiti e giornalisti dell'opposizione che hanno partecipato al processo hanno organizzato una sciopero in segno di protesta e hanno annunciato [20] che avrebbero continuato a boicottare tutte le sessioni della camera bassa fino a quando il governo non avesse rivelato dove Jan era stato portato e non avesse identificato i responsabili.

Il boicottaggio è ora terminato, anche se quelle domande rimangono senza risposta.

La ministra per i diritti umani Shireen Mazari ha dichiarato sui social [21] di aver trovato il rapimento di Jan “molto inquietante”, ma è stata attaccata dai suoi follower  [22]che hanno ritenuto suo dovere garantire che Jan fosse salvato, e non limitarsi a twittare sulla questione.

Nel frattempo, il presidente della Commissione per i diritti umani del Senato, Mustafa Nawaz Khokhar, ha scritto su Twitter che l'Ispettore Generale di Polizia avrebbe dovuto informare la commissione dell'incidente:

Trattandosi di una questione di grave urgenza e indiscutibile importanza, all'Ispettore Generale di Islamabad è stato chiesto di informare domani la commissione per i diritti umani sul rapimento/scomparsa del noto giornalista Matiullah Jan.

Tuttavia, la senatrice Sherry Rehman, un membro del Partito Popolare Pakistano [25] [it] (PPP) all'opposizione, ha suggerito [26] che questa “assurdità” delle condanne su Twitter da parte dei ministri deve finire: “Non fate appelli su Twitter per condannarlo; agite o dimettetevi.”

La Commissione per i diritti umani del Pakistan, insieme ad attivisti per i diritti e organizzazioni giornalistiche, ha condannato il rapimento ed espresso preoccupazione per i crescenti tentativi di controllare i media:

Siamo profondamente preoccupati per i crescenti tentativi di controllare i media, reprimere le voci indipendenti e contenere il dissenso politico, creando così un ambiente di costante paura. Il rapimento di @Matiullahjan919 è un atto di codardia e richiede una soluzione immediata.

Il rapimento di Jan ha anche suscitato una piccola protesta da parte dei giornalisti a Islamabad:

Aggiornamento: Noi giornalisti ci stiamo radunando fuori dal club della stampa di Islamabad chiedendo #RiportateIndietroMatiullah.

Il ritorno di Jan e l'udienza

L'avvocato Shahid Abbasi, fratello e avvocato di Jan, ha dichiarato di aver ricevuto una chiamata da un numero sconosciuto che lo informava di andare a prendere Jan a Fateh Jang. Jan in seguito ha twittato la sua gratitudine a tutti coloro che hanno alzato la voce per sostenerlo:

Sono tornato a casa sano e salvo. Dio è stato gentile con me e la mia famiglia. Sono grato agli amici, alla comunità nazionale e internazionale dei giornalisti, partiti politici, social media e attivisti per i diritti, organi di avvocati, magistratura per la loro rapida risposta che ha reso possibile la mia liberazione.

Nella sua udienza dinanzi alla Corte, che è andata avanti come previsto il 22 luglio, Jan ha direttamente collegato [36] il suo rapimento con le accuse di oltraggio alla corte, dicendo [26]: “Da un lato, alle persone non è permesso parlare e dall'altro coloro che hanno il coraggio di parlare vengono accusati di oltraggio alla corte”.

Dopo la sua apparizione dinanzi alla Corte, a Jan sono state concesse due settimane per preparare la sua difesa.

Mentre la Corte Suprema ha ordinato alla polizia del Territorio della Capitale di Islamabad (ICT) di presentare un rapporto sul rapimento di Jan e sul successivo rilascio, ha anche chiesto [37]: “Cosa stanno facendo le istituzioni statali? Nessuna agenzia o istituzione ha il diritto di gestire questa situazione.”

Nel suo Indice mondiale della libertà di stampa del 2020 [38], Reporter senza frontiere (RSF) ha classificato il Pakistan al 145° posto su 180 Paesi, una vera accusa sullo stato della libertà di stampa in Pakistan.

Il rapimento di Jan non è il primo episodio di un giornalista che viene manipolato o rapito; infatti, il governo del primo ministro Imran Khan è stato accusato [39] di aver tentato di mettere a tacere il dissenso [40] [it]. Diverse case mediatiche hanno subito una stretta finanziaria [41], per cui diverse pubblicazioni sono andate fuori stampa e numerosi professionisti dei media hanno perso il lavoro [42].