chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le comunità indigene e afro-discendenti in Colombia denunciano l'assassinio dei difensori dei diritti umani

Hermes Pete, leader del Consiglio Regionale Indigeno del Cauca, durante una conferenza stampa virtuale organizzata dall'Associazione dei Consigli Indigeni del Cauca, 5 giugno 2020. Screenshot fatto dall'autore, usato su autorizzazione.

Il 7 luglio, degli ignoti hanno sparato e ucciso Rodrigo Salazar [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], il governatore indigeno di Llorente, una cittadina sulla costa Pacifica della Colombia, e un membro del gruppo etnico Awá. Il suo è uno degli ultimi in una lista di 170 omicidi di leader sociali e difensori dei diritti umani in Colombia solo durante quest'anno.

Secondo la ONG Somos Defensores, il numero di omicidi a danno di difensori dei diritti è aumentato dell'88% rispetto allo stesso periodo del 2019. Si stima che durante la quarantena causata dal COVID-19, siano stati uccisi 78 difensori dei diritti umani. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, in Colombia sono stati uccisi più attivisti per i diritti dell'uomo che in qualunque altro paese dell'America Latina dal 2016.

Questi difensori dei diritti umani sono membri di organizzazioni di agricoltori, di riserve indigene, e di associazioni e unioni di Afro-discendenti. Il loro lavoro — legato al diritto legale e simbolico degli agricoltori alla terra, alla difesa dei diritti umani, al rispetto per la cultura ancestrale e alla conservazione di acqua e foreste — li ha resi obbiettivo di violenza.

In una conferenza virtuale a maggio, i leader hanno denunciato la mancanza di decisioni e di azioni coordinate dal governo Colombiano per proteggere le loro vite, specialmente durante l'emergenza sanitaria causata dal COVID-19. Allo stesso modo, il procuratore generale Fernando Carrillo e le Nazioni Unite si sono trovati concordi nel ripudiare le violazioni dei diritti umani.

Mobilitazione della popolazione indigena e Afro-discendente

Nel corso degli anni, le comunità indigene e di Afro-discendenti si sono mobilitate per difendere i loro territori comuni. Gli indigeni, i Cimarroni [it] (membri della comunità nera discendenti di schiavi fuggiti) e comunità di agricoltori organizzano delle guardie mirate all'autodifesa e alla ricostituzione della giustizia in base alla tradizione e alle leggi della comunità.

Nella regione sud-occidentale del Cauca, le guardie indigene e i maroon sono presenti rispettivamente dal 2001 e dal 2013, ma con la COVID-19 e l'aumento della violenza contro i leader della comunità, le guardie stanno lavorando ancora più duramente.

Ad esempio, durante la quarantena causata dalla COVID-19 le guardie indigene hanno controllato gli spostamenti delle persone all'interno delle loro comunità tramite misure di biosicurezza, e hanno anche avuto il compito di rifornire i residenti di alimenti.

Per i gruppi indigeni, esercitare il loro diritto all'autodeterminazione ha portato a degli scontri con le autorità locali, i proprietari terrieri, le forze pubbliche e i gruppi al di fuori della legge. Si stima che da inizio anno, siano stati uccisi circa 47 leader indigeni.

La risposta del governo alla situazione della sicurezza è stata quella di aumentare la presenza militare in aree a rischio. Ma, come ha detto Hermes Pete, leader del Consiglio Regionale Indigeno del Cauca, in una conferenza stampa il 5 giugno:

La respuesta no debe ser la fuerza. La militarización del territorio genera mas pánico y zozobra. Lo que se necesita es inversión social y que se cumplan los compromisos del Acuerdo de Paz.

La risposta non dovrebbe essere la forza. La militarizzazione dei territori genera più panico e ansia. Ciò che serve sono investimenti nel sociale e il raggiungimento degli impegni presi con l'Accordo di Pace.

Rosana Mejía, leader dell'Associazione dei Consigli di Comunità del Nord del Cauca, durante la conferenza stampa organizzata dall'Associazione dei Consigli Indigeni del Cauca, 5 giugno 2020. Screenshot fatto dall'autore, usato su autorizzazione.

Terra contesa

Uno dei motivi della violenza nelle aree rurali in Colombia è una disputa sul terreno. Durante gli anni che vanno dal 1990 al 2000, migliaia di contadini sono stati espropriati dei loro appezzamenti e violentemente sfrattati dai gruppi paramilitari e di guerriglia, mentre lo stato è rimasto passivo. Il terreno di appartenenza di proprietari terrieri e di narcotrafficanti è stato utilizzato per allevamenti estensivi di bestiame, progetti agroindustriali e minerari.

Alla fine del 2016, le FARC [it] – il più antico gruppo di guerriglia del continente – e il governo Colombiano hanno firmato uno storico accordo di pace per porre fine al sanguinoso conflitto armato che è durato più di 50 anni. Ma per raggiungere una pace duratura occorre ottemperare agli impegni dell'accordo di pace, ha detto Alirio Uribe Muñoz un esperto di diritti umani al Collettivo di Avvocati José Alvear Restrepo, in un'intervista WhatsApp con Global Voices.

Sono necessari programmi per risarcire le vittime, supportare le campagne, garantire un accesso equo ai terreni, disarmare i gruppi armati, e per aumentare la partecipazione delle comunità alle decisioni politiche del paese, spiega Uribe Muñoz.

Durante una conferenza stampa, Mejía, leader dell'Associazione dei Consigli di Comunità del Nord del Cauca, ha denunciato l'aggressione contro i difensori della terra:

Nosotros nos levantamos cada día con la noticia de que un compañero tuvo que irse o que lo han matado. Y uno piensa, ¿es la última vez para mí? Es una campaña de miedo, es una campaña de terror para callarnos.

Ogni giorno ci svegliamo con la notizia che un collega ha dovuto andarsene o che è stato ucciso. E questo ti porta a pensare: è l'ultimo giorno anche per me? È una campagna della paura e del terrore per costringerci al silenzio.

Oggi, i gruppi armati illegali di narcotrafficanti, paramilitari, e guerriglieri dissidenti stanno combattendo per il controllo di territori strategici per la produzione e il traffico di droga. Questi gruppi vedono i leader sociali e i difensori dei diritti umani come ostacoli alla loro economia e come obiettivi militari.

Coltivazione di coca

La coltivazione della coca è stata una forma di sostentamento per l'economia agricola nelle regioni montane e con foreste che vengono spesso dimenticate dallo Stato. In queste aree, i leader sociali, all'interno del contesto dell'accordo di pace, hanno promosso e aderito a programmi per spingere i contadini a sostituire le colture utilizzate per sostanze illegali con colture legali.

Ma, senza una consultazione preventiva con le comunità, il governo ha deciso di accelerare l'eradicazione forzata di colture illecite durante i mesi della quarantena. Questa situazione ha causato proteste, scontri, dislocamenti e più violenza contro i leader sociali e le loro comunità.

Alirio Uribe Muñoz evidenzia che:

…mientras los líderes [en regiones cocaleras] han convencido a cientos de familias vecinas a sustituir sus cultivos, el gobierno ha no ha apoyado el desarrollo de la agricultura local, no ha invertido en proyectos productivos o en vías para sacar sus productos al mercado.

…Mentre i leader [nelle regioni in cui si coltiva la cocaina] hanno convinto centinaia di famiglie vicine a sostituire le loro colture, il governo non ha supportato lo sviluppo dell'agricoltura locale, non ha investito in progetti produttivi o in modi per portare i loro prodotti sul mercato.

Secondo Uribe Muñoz, gli stessi leader subiscono pressioni da parte di contadini disperati, minacce dai narcotrafficanti e dai gruppi paramilitari che si oppongo a questa sostituzione, e sono anche vessati dalle forze pubbliche inviate dal governo per distruggere con la forza le colture.

I leader e i difensori dei diritti umani hanno sempre invitato il governo e le agenzie internazionali a migliorare i sistemi di protezione, e hanno anche insistito affinché i loro territori venissero demilitarizzati, affinché fossero portate avanti indagini per far luce sui crimini, e affinché venissero rispettati gli accordi di pace.

Uribe Muñoz sottolinea:

La protección no puede ser reducida al tema de la protección física. El gobierno responde con celulares, escoltas, chalecos antibalas, todo eso está bien, pero la gente no se puede proteger con esos esquemas individuales en el campo. La protección debe ser social, colectiva.

Proteggere non significa solo proteggere fisicamente. Il governo fornisce cellulari, guardie del corpo e giubbetti antiproiettile. E va bene, ma la gente in questo settore non può avere solo queste protezioni individuali. La protezione dev'essere anche sociale, collettiva.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.