chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le famiglie keniote subiscono le conseguenze dovute alla chiusura delle scuole

Scuola elementare Kibera, Nairobi, Kenya, 18 settembre, 2012. Photo via ARC / Flickr CC BY 2.0.

Nota dell'editor: questo post è stato scritto dal collaboratore di Global Voices Bonface Witaba insieme all'ospite Sri Ranjini Mei Hua, ricercatrice e scrittrice di Singapore.

A marzo, il governo del Kenya ha annunciato la sospensione [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] delle scuole come parte delle misure per frenare la diffusione della COVID-19. L'annuncio ha gettato il programma scolastico nel caos, colpendo 18 milioni di studenti a livello nazionale. Ha anche minacciato di far fallire il progresso per un'istruzione inclusiva, equa e di qualità come descritto nell’Obiettivo 4 degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Tra gli sforzi per garantire l'apprendimento continuo proteggendo la salute, la sicurezza e il benessere di studenti ed insegnanti, il Ministero dell'Istruzione, in collaborazione con i partner educativi e le parti interessate, ha progettato il Kenya Basic Education COVID-19 Emergency Response Plan [piano di risposta all'emergenza COVID-19 per l'istruzione di base in Kenya], con l'obiettivo di promuovere “l'apprendimento extrascolastico” tramite radio, TV, e-cloud e telefoni cellulari.

Oggi, nonostante gli sforzi del Kenya Institute of Curriculum Development (KICD) per diffondere la fornitura di contenuti online, si stima che l’80% degli studenti non abbia ancora accesso a lezioni a distanza, secondo uno studio condotto dalla Usawa Agenda.

Ciò è dovuto, in parte, alle disuguaglianze nell'accedere a tecnologie come computer, laptop o smartphone, nonché ai costi proibitivi e all'accesso non sempre sicuro di internet, soprattutto per gli studenti provenienti da famiglie svantaggiate e da comunità emarginate. Anche dove la tecnologia è disponibile, ci sono preoccupazioni riguardo l’utilizzo di Internet da parte dei bambini senza supervisione.

Prima del lockdown, gli studenti avevano accesso a pasti gratuiti a scuola. Le ragazze avevano accesso ad assorbenti igienici gratuiti grazie ad un'iniziativa. Tuttavia, con la chiusura prolungata, il segretario del Gabinetto dell'Istruzione George Magoha ha dichiarato il calendario scolastico come “perso”, il che significa che le scuole rimarranno chiuse fino al 2021, lasciando migliaia di studenti in una situazione disastrosa poiché le famiglie non sono in grado di permettersi cibo e beni di prima necessità a causa della recente disoccupazione.

A Kibra, ad esempio, un'area considerata il più grande insediamento informale di Nairobi (e in Africa), la maggior parte degli studenti non è in grado di accedere ai programmi di “apprendimento extrascolastico” di KICD e la maggior parte non ha un posto in cui poter studiare, tanto meno per giocare o fare esercizio fisico.

(Per molti anni, l'area è stata chiamata “Kibera”, una pronuncia errata della parola nubiana kibra, che significa “foresta”. La comunità nubiana del Kenya ritiene che l'uso di “Kibera” li privi della loro identità).

In un'intervista via Skype con Asha Jaffar, una giornalista residente a Kibra che si occupa di storie riguardo la difficile situazione di questa comunità, ha detto a Global Voices che c'era un numero ristretto di biblioteche gratuite che consentivano a un massimo di 10 studenti alla volta di fare i compiti. Tuttavia, questi studenti sono tenuti a cedere il posto al prossimo gruppo di studenti dopo circa un'ora. Ha aggiunto che le iniziative di insegnamento gratuito per gli studenti si sono ridotte a causa delle regole di distanziamento sociale imposte dal governo e dalle autorità sanitarie.

Asha Jaffar, giornalista e residente di Kibra, indica l'insediamento di Kibra. Foto di Kibra Food Drive, agosto 2020, utilizzo autorizzato.

L’impatto a lungo termine della chiusura delle scuole è di ampia portata e ancora più devastante per le famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà. Dato che la sicurezza alimentare ha la precedenza sull'istruzione, gli studenti – in particolare ragazze e giovani donne – provenienti da famiglie vulnerabili, spesso, devono lavorare nelle fattorie e contribuire alle faccende domestiche o al lavoro di cura, invece di studiare. Ciò si è verificato durante il lockdown che ha coinciso col picco del periodo di semina a marzo.

Alcune ragazze possono anche essere soggette a matrimonio precoce, il che le espone a un rischio maggiore di abbandonare la scuola, spesso a causa di gravidanze precoci. Pertanto, i risultati scolastici per le famiglie più vulnerabili ne risentiranno poiché non hanno motivo di rimandare i propri figli a scuola quando riaprirà.

A marzo, Jaffar ha lanciato Kibra Food Drive per aiutare ad alleviare la fame nella comunità di Kibra attraverso la donazioni di pacchi alimentari alle famiglie più vulnerabili. È iniziata grazie alla richiesta di donazioni tramite M-Pesa (un portafoglio mobile), con l'obiettivo di nutrire 100 famiglie vulnerabili a settimana, ma con un crescente bisogno di sostegno, l'iniziativa ha alimentato 2400 famiglie, dal 5 agosto. Jaffar riconosce che fornire pasti gratuiti non è sufficiente perché le famiglie hanno bisogno di sostegno per avviare piccole imprese. Tuttavia, la comunità rimane in una situazione di stallo poiché il commercio e l'attività economica sono bloccate.

Un volontario consegna del cibo ai residenti di Kibra tramite Kibra Food Drive, Kenya, August 2020. Foto di Kibra Food Drive, utilizzo autorizzato.

Il Kenya prevede un nuovo anno accademico nel 2021 ma, secondo il Segretario del Gabinetto dell'Istruzione Magoha, tutto dipende dai casi di infezione da COVID-19.

Diversi esperti in materia di istruzione affermano che questo periodo è un'occasione propizia per il governo per condurre un'analisi riguardo le lacune del sistema educativo ed eseguire un rinnovamento completo nel tentativo di fornire a tutti un accesso equo all'apprendimento, come previsto nel Piano kenyota di risposta all'emergenza COVID-19 per l'istruzione di base. Il primo passo sarebbe destinare il budget al miglioramento delle infrastrutture scolastiche in termini di illuminazione, scrivanie, sedie e fornitura di elettricità stabile, sopratutto nelle aree rurali. Successivamente, il governo potrebbe abbassare le tariffe di acqua ed elettricità per le scuole, dato che questi enormi costi stanno danneggiando le loro attività.

Solo quando queste priorità saranno state soddisfatte, gli sforzi potranno concentrarsi su un progetto di istruzione digitale in stallo avviato nel 2013 dal governo. Il programma di istruzione digitale mirava a garantire che gli studenti della scuola primaria inferiore (classi 1-3) potessero utilizzare la tecnologia digitale e gli strumenti di comunicazione, con l'obiettivo generale di trasformare l'apprendimento in Kenya in un sistema educativo del XXI secolo.

Il progetto in stallo era a malapena decollato, dopo la sua fase iniziale, a causa del mancato raggiungimento dei risultati previsti e degli insegnanti poco preparati per affrontare l'iniziativa. Per avere successo, il programma prevede un'ampia formazione per gli insegnanti riguardo le TIC in modo che possano risolvere problemi ed utilizzare efficacemente i dispositivi.

Il Kenya è passato dal programma Universal Primary Education (UPE) a Education For All (EFA). UPE, il secondo obiettivo degli Obiettivi di sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, mirava a garantire che entro il 2015 tutti i bambini del mondo completassero la scuola primaria, mentre EFA, era un movimento globale guidato dall’UNESCO, volto a portare i benefici dell'istruzione a “ogni cittadino in ogni società “. Con questi risultati, il Kenya non può permettersi di regredire sul progresso.

La prossima sfida del Kenya è ora quella di garantire che gli studenti abbiano accesso a progetti di istruzione digitale che forniscano non solo un'istruzione convenzionale, ma completa, basata sulle competenze e sull'insegnamento autonomo, al fine di soddisfare la sua idea di formazione e gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.