chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'omicidio del musicista Hachalu Hundessa ha incitato alla violenza in Etiopia: Parte II

Intervista ad Hachalu Hundessa con OMN via Firaabeek Entertainment / CC BY 3.0.

Nota dell'editore:questa è un'analisi in due parti su Hachalu Hundessa, un popolare musicista Oromo il cui omicidio ha dato inizio ad un'ondata di violenza etnoreligiosa alimentata dalla disinformazione online. Leggi la Parte I qui [it].

A meno di un'ora dall'assassinio del musicista Hachalu Hundessa avvenuto il 29 giugno ad Addis Ababa, gli utenti della rete etiopi hanno riempito i social con varie teorie cospirazioniste, discorsi d'odio e campagne di disinformazione — in particolare su Facebook, Twitter e YouTube.

Molte di queste teorie cospirazioniste si basano sui problemi storici che hanno diviso il paese utilizzando parole molto forti che hanno contrapposto la comunità Amhara e quella Oromo. Hachalu era un Oromo che scriveva canzoni su temi importanti e parlava apertamente della politica divisiva in Etiopia.

Sono cominciate a circolare storie secondo le quali l'omicidio di Hachalu fosse stato orchestrato dalle autorità del governo — e secondo alcuni, dal Primo Ministro Abiy Ahemd stesso, visto da alcuni attivisti Oromo come un burattino della popolazione Amhara. Il termine neftegna o “fuciliere,” viene spesso usato in modo dispregiativo contro la gente Amhara, il secondo gruppo etnico più grande dell'Etiopia dopo gli Oromo [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

CARD ha analizzato la diffusione dei termini provocatori, ‘ነፍጠኛ’ (neftegna) e ‘ጋላ’ (galla), su twitter e ha scoperto un considerevole aumento ad ottobre 2019 e luglio 2020, quando si è verificata la violenza.

Tra queste teorie, una di quelle che riscuote più consensi sostiene [am] che i riferimenti denigratori di Hachalu alla statua di Menelik II fatti durante un'intervista ad Oromia Media Network (OMN) una settimana prima della sua uccisione abbiano irritato i “neftegna” e li abbiano portati ad assassinarlo. (La statua è stato oggetto di tensioni [it] tra le èlite politiche di Amhara e Oromo.)

Dall'assassinio di Hachalu, l'OMN ha trasmesso diversi segmenti [am] su YouTube e Facebook, con il numero di visitatori che è aumentato da 10.000 ad oltre 200.000, che mostrano diverse versioni di questa teoria — cioè che gli Amhara siano in qualche modo coinvolti nell'omicidio di Hachalu.

I sostenitori di questa teoria estrapolano dei pezzi di discorso dalle interviste della OMN per trovare quelli che potrebbero confermarla.

Queste rivendicazioni speculative hanno raggiunto rapidamente canali TV satellitari. Diversi “opinionisti” hanno quindi ripetuto [am] le stesse rivendicazioni che non sono state confermate — in particolare su due importanti canali: OMN e Tigray Media House (TMH).

Ulteriore importanza è stata data quando diversi politici di spicco—incluso Ilhan Omar un rappresentante statunitense per il quinto collegio elettorale del Minnesota, patria della più grande percentuale di Oromo degli Stati Uniti — forse inconsapevolmente ha retwittato una storia del New York Times riguardo l'omicidio di Hachalu con una frase fraintendibile:

Il mondo non è gentile con coloro che risvegliano le coscienze del pubblico.

La musica e l'attivismo di Hachalu Hundessa hanno fornito speranza alla popolazione Oromo e a tanti altri.

Riposo al potere.

Allo stesso tempo, affermazioni false e fuorvianti [am] sono riemerse in un dibattito riguardo il dove Hachalu dovesse essere sepolto. Alcuni attivisti Oromo hanno ipotizzato che alcune autorità del governo avrebbero fatto pressioni alla famiglia di Hachalu affinchè il funerale si tenesse ad Ambo, la sua città natale. Altri hanno accusato [am] le autorità di affrettare il funerale ad Addis Ababa, per nascondere le prove del crimine. Queste affermazioni hanno ulteriormente fomentato le tensioni etniche. La famiglia di Hachalu e i suoi amici più stretti hanno provato a sfatare queste insinuazioni comunicando [am] al pubblico come fosse stata una loro decisione, in realtà, quella di seppellire il figlio ad Ambo.

Dopo la violenza e le distruzioni di proprietà identificate come non-Oromo, famiglie non-Musulmane in parti dell'Oromia, molti utenti del web hanno visto ciò come l'inevitabile risultato di specifiche speculazioni e insinuazioni riguardo l'identità etnica degli assassini di Hachalu — diffuse principalmente tramite Facebook e OMN.

OMN, già sotto attacco per aver omesso dettagli fondamentali dalla fatidica intervista ad Hachalu, ha poi trasmesso un invito per il genocidio contro la popolazione Amhara, immediatamente successivo all'omicidio di Hachalu:

1 Luglio 2020 OMN LIVE da MN: citazione da uno spealer in una riunione del municipio:

“Nel nostro quartiere la popolazione Amhara deve essere sterminata.”

Nel frattempo i membri della comunità Oromo hanno continuato ad enfatizzare [am] la violenza commessa dalle forze del governo percepite come serve della èlite Amhara.

Altri utenti del web dicono che le autorità locali in Etiopia sono complici nell'organizzazione di gruppi di vigilanti — attivisti e gruppi politici — che stanno attivamente alimentando il risentimento etnico e religioso sia on che offline.

Riordinare il puzzle politico

Mentre le speculazioni sui social media continuano ad aumentare, le autorità governative hanno proposto una teoria riguardante l'omicidio di Hachalu che sembrerebbe essere supportata da alcune prove.

Secondo questa teoria [am] l'omicidio sarebbe stato compiuto da due gruppi di opposizione con dfferenti moventi ma che potrebbero condividere la conclusione che Hachalu doveva essere assassinato. Il primo gruppo è il Fronte Popolare di Liberazione del Tigrè (FPLT) e il secondo gruppo è il Fronte di Liberazione Oromo (FLO).

Il FPLT (una volta parte dell'ora defunto Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope) ha controllato i servizi di sicurezza e di intelligence Etiope per 27 anni prima che fossero estromessi dal potere nell'aprile del 2018. Hachalu era un chiaro opponente del regime FPLT e ha passato gran parte della sua vita a combatterli.

Nel 2017, durante un concerto trasmesso sulla TV nazionale [am], con lo scopo di aiutare i membri della comunità Oromo che erano sfollati nella regione Somala, ha coraggiosamente ed esplicitamente criticato il FPLT.

Dal punto di vista politico, il FPLT associa Abiy con l'Etiopia imperiale, sostenendo che Abiy cospiri di riportare i suoi relitti al governo. Sono avvantaggiati dall'asserto che la recente violenza è imputabile al governo di Abiy, che ha mancato di fornire la sicurezza nazionale.

L'amministrazione di Abiy, a sua volta, nega queste affermazioni e incolpa [am] il FPLT, accusato di voler provocare il caos e spingere a un cambio di regime in Etiopia.

FLO è un'organizzazione paramilitare che usa la tattica della violenza per portare avanti il suo obiettivo politico di fondare un'Oromia indipendente. Il gruppo avrebbe creato in segreto delle squadre della morte che vanno col nome di Abbaa Torbee, – una frase Afan-Oromo che significa, “A chi tocca questa settimana?”

Abbaa Torbee è anche molto attiva su Facebook. Vi sono centinaia di profili e all'incirca 28 pagine e numerosi gruppi devoti a questo gruppo estremista. Quasi tutte le pagine e i profili sono stati creati negli ultimi due anni, quando diverse fazioni della FLO sono state riaccolte in Etiopia dopo l'esilio e hanno raccolto decine di migliaia di seguaci su Facebook.

Nei mesi antecedenti l'assassinio di Hachalu, i membri di Abbaa Torbee hanno minacciato, picchiato e, in alcuni casi, ucciso i simpatizzanti del Partito della Prosperità al governo, sia civili che stranieri. Pensano che questi gruppi sfruttino ingiustamente le risorse della popolazione Oromo.

Queste uccisioni hanno avuto a malapena risonanza nei media Etiopi, figuriamoci internazionali.

Abbaa Torbee sembrava avere alcune informazioni dall'interno riguardo il caos che ha seguito l'assassinio di Hachalu. In particolare, su una delle loro pagine più popolari, hanno avvertito che cominceranno a “ripulire Addis Ababa” un giorno prima che Hachalu venisse ucciso.

Screenshot da uno dei post su Facebook di Abbaa Torbees. Screenshot fatto il 5 agosto 2020.

Infatti si sono verificati tumulti ad Addis Ababa e minoranze etniche e religiose sono state vittime di violenza in parti dell'Oromia. La stessa pagina ha postato un ingrandimento del cadavere di Hachalu a poche ore dal suo assassinio, accusando le autorità del governo di averlo ucciso.

Inoltre, diverse pagine Facebook di Abbaa Torbee hanno invitato [am] i protestanti Oromo a marciare su Addis Ababa e abbattere la statua di Menelik II.

Screenshot di un post di Abbaa Torbee su Facebook. Screenshot fatto il 5 agosto 2020.

Ai più attenti osservatori delle campagne di disinformazione Etiopi, tutto ciò suonerà stranamente familiare. Basti ripensare all'estate del 2019, quando rivalità all'interno dello stesso gruppo etnico tra le èlite Amhara si sono concluse con l'assassinio di ufficiali di alto grado nella regione di Amhara. I profili Facebook associati con i nazionalisti Amhara hanno diffuso voci secondo le quali gli assassini erano parte di un complotto creato dalle èlite Oromo per cancellare la supremazia della popolazione Amhara.

Allo stesso modo, le campagne di disinformazione riguardo il tragico omicidio di Hachalu riflettono un'amara divisione all'interno dell'èlite Oromo.

Da un lato, ci sono coloro che hanno imputato l'assassinio di Hachalu agli Amhara, radicato nell'interpretazione del moderno stato Etiope come un progetto coloniale Amhara — e l'omicidio di Hachalu è la continuazione di questo progetto.

Dall'altro, ci sono coloro che credono che gli Oromo abbiano giocato un ruolo fondamentale nella costruzione del moderno stato Etiope e l'assassinio di Hachalu vuole solo rinforzare la loro fortuna politica in declino uccidendo un'icona Oromo — e perseguire il loro progetto politico di separatismo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.