chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Abubakar Idris Dadiyata della Nigeria ancora scomparso ad un anno dal rapimento

Abubakar Idris Dadiyata, foto usata con il permesso di The SignalNg  [en, come tutti i link successivi].

Abubakar Idris Dadiyata, un docente e un vivace critico del governo nigeriano, è stato rapito da casa sua l'1 agosto 2019, nel quartiere Barnawa di Kaduna, a nord-ovest della Nigeria.

Un anno dopo il suo rapimento, Dadiyata non è stato ritrovato.

Abubakar Idrs (Didiyata) è stato rapito mentre era a casa sua nello Stato di Kaduna, Nigeria. Non si sa ancora dove si trovi. I suoi famigliari e amici pretendono una risposta alla domanda: dove è @dadiyata? Abubakar è vittima di una sparizione forzata.

Dadiyata ha insegnato presso l'Università Federale di Dutsinma, nello Stato di Katsina. Come membro del Partito Democratico Popolare dell'opposizione, Dadiyata si è spesso scontrato sui social con i membri del Partito in carica, il Congresso di tutti i Progressisti.

‘Sia lo Stato che gli agenti federali sono impegnati a non fare nulla’

Dadiyata è stato catturato contro la sua volontà dai sequestratori intorno alle 13 non appena rientrato a casa, un anno fa, l'1 agosto 2019, come riportato dal Premium Times.

Kadija, moglie di Dadiyata, ricorda in un'intervista con la BBC che suo marito stava “facendo una telefonata, la sua macchina era ancora in moto,” quando è stato raggiunto dai suoi sequestratori. Nonostante Kadija non abbia potuto sentire cosa “fosse successo al telefono o con chi stesse parlando,” ha ricordato che i rapinatori del marito “lo hanno seguito, sono persino entrati in casa.” La moglie di Dadiyata ha assistito dalla sua stanza alla scena di suo marito che veniva portato via. 

Purtroppo, non ci sono ancora informazioni su dove sia Dadiyata. “É un grande dolore,” ha detto Kadija alla BBC, quando i loro figli continuano a chiederle del loro padre scomparso

Anziché cercare Dadiyata, gli agenti della sicurezza nigeriani si assolvono da qualsiasi forma di colpa per la scomparsa dell'uomo.

A gennaio il Dipartimento dei Servizi di Stato della Nigeria (DSS) ha negato di avere in custodia Dadiyata. L'agenzia della sicurezza nazionale ha dichiarato che il fatto che Dadiyata “è stato portato via da casa sua da alcuni uomini armati non suggerisce che quegli uomini facevano parte degli operatori del DSS.”

Allo stesso modo, Aisha Dikko, il procuratore generale dello Stato di Kaduna, ha negato di conoscere  “dove si trovi l'uomo” o di essere coinvolto “in qualche modo” nel suo rapimento. “Tutto il contrario è una vile affermazione che cerca di dare credito al fatto che lui sia stato rapito all'interno dello Stato di Kaduna, sottintendendo il coinvolgimento del governo nazionale,” ha detto Dikko. 

Ciononostante, queste smentite da parte del DSS e del governo nazionale di Kaduna non alleviano il dolore della moglie di Dadiyata e dei loro due bambini — e non conducono neppure alla sua libertà. 

L'appello per il rilascio di Dadiyata riecheggia ancora su Twitter con l'hashtag #UnAnnoSenzaDadiyata, mentre i nigeriani richiedono il suo rilascio.

Bulama Bukarti ha lamentato il “trauma” che questo “tipo di impunità” ha causato alla famiglia di Dadiyata:

È incomprensibile come un nigeriano possa sparire così. Dobbiamo continuare a fare il possibile per far tornare Dadiyata dalla sua famiglia. Non ci deve essere spazio per questo tipo di impunità. Coloro che hanno rapito Dadiyata ne pagheranno il prezzo. Se non adesso, sicuramente domani.

Questo utente di Twitter era “distrutto” nel sentire l'intervista della moglie di Dadiyata:

Sono rimasto sconvolto nel sentire questa mattina la moglie di Dadiyata mentre parlava a @bbchausa.
Tutto quello che chiede è che i suoi sequestratori lo perdonino e lo facciano tornare dalla sua famiglia; specialmente dai suoi bambini. #UnAnnoSenzaDadiyata

Akin Akíntáyọ̀ non riesce a capire come Dadiyata possa “sparire senza traccia per un anno:”

Una domanda, come può Dadiyata e la sua macchina scomparire senza lasciare traccia per un anno in Nigeria e come può il governo rimanere indifferente, cercando di discolparsi anziché assumersi la completa responsabilità nelle ricerche, soprattutto quando era un bersaglio delle sue critiche?

Sfortunatamente, sembra che nessuno si preoccupi di ritrovare Dadiyata. 

Piuttosto sembra che “sia lo Stato che le agenzie federali siano impegnate” nel discolparsi e nel “non fare nulla”, afferma l'attivista dei diritti umani, il Professor Chidi Odinkalu, in un'intervista con Vyral Africa: 

Besides saying that they don’t know where he is. Nobody has really made the effort to tell us what they have done to find him and how it is that they can’t account for him. It tells you how so little we matter as citizens. The least we can do is ask where Dadiyata is and why can’t our government find him.  

Oltre a dire che non sanno dove si trova. Nessuno si è davvero sforzato a dirci cosa hanno fatto per trovarlo e come mai non posso aggiornarci sul suo conto. Questo ci dice quando poco contiamo come cittadini. Il minimo che possiamo fare è chiedere come si trovi Dadiyata e perché il governo non riesce a trovarlo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.