chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Dopo un doppio spoglio con lo stesso risultato, il governo di Trinidad e Tobago si è finalmente insediato

Il Primo Ministro di Trinidad e Tobago, Keith Rowley, si rivolge all'assemblea presso la Casa Presidenziale a Port of Spain, dopo l'insediamento del suo nuovo esecutivo il 19 agosto 2020. Screenshot [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] preso dalla diretta di CCN TV6 della cerimonia di giuramento.

Nove giorni dopo le elezioni in Trinidad e Tobago del 10 agosto, il governo del Paese si è finalmente insediato.

Dopo il rilascio da parte della Commissione Elettorale e dei Confini (EBC) dei risultati preliminari indicanti la vittoria del partito in carica People's National Movement (PNM) in 22 seggi parlamentari contro i 19 dell'opposizione parlamentare dell’United National Congress’ (UNC), quest'ultimo, sostenendo ci fossero state delle irregolarità, ha chiesto un nuovo spoglio in molti collegi elettorali.

Il leader dell'opposizione Kamla Persad-Bissessar ha fatto notare che l'assenza di osservatori internazionali delle elezioni era “probabilmente un piano [del PNM] per vincere illegalmente le elezioni. Però, alla fine, i risultati del nuovo spoglio hanno riconfermato i risultati preliminari rilevati dell'EBC.

Le rivendicazioni dei candidati perdenti, secondo cui ci sarebbero state delle firme sospette sulle schede elettorali, hanno nuovamente portato ad un nulla di fatto. Ciò prova la veridicità dell'orientamento che l'amministrazione in carica ha da tempo: i controlli e i bilanci che controllano il processo elettorale della nazione “rendono impossibile manipolare le elezioni in Trinidad e Tobago”.

Tuttavia, uno dei seggi che l'UNC ha vinto è al centro di una disputa. In una conferenza stampa tenuta il 18 agosto, il Dr. Keith Rowley, leader del PNM, ha rivelato che il suo partito aveva richiesto una consulenza legale a due consulenti esperti, che ha sancito che la nomina del candidato dell'UNC Barry Padarath, vincitore del seggio per il collegio elettorale di Princes Town, “non soddisfaceva i requisiti legali ed era totalmente invalida”.

Il PNM aveva sollevato dei dubbi sulla legittimità della nomina di Padarath prima dell'elezione. Rowley ha dichiarato che il partito non avrebbe approfondito oltre la questione in sedi legali, in quanto la disputa “non era gratuita, non era economica e non era priva di rischi”, ma aveva ritenuto che fosse importante portare il tema all'attenzione della nazione.

Rowley ha constatato che il PNM ha sostenuto spese processuali per 23 millioni di dollari del Trinidad e Tobago (poco più di 3,4 milioni di dollari statunitensi) rispondendo alla decisione dell'UNC di contestare in tribunale i risultati delle elezioni del 2015, contestazione costata all'EBC circa 14 milioni di dollari del Trinidad e Tobago (circa 2 milioni di dollari statunitensi).

Il Dr. Rowley afferma che fornirà all'EBC una copia del parere legale così che possa determinare la propria posizione rispetto alla questione e notificare il Presidente.

Nel frattempo, Padarath ha dichiarato che il Primo Ministro Rowley dovrebbe o portare la questione in tribunale o “tacere”, posizione contestata dal magistrato Justin Phelps:

We should be expecting more from our leaders than arguments that say ‘We have a legal right to do it’. We should be asking be them to account for the implications of exercising it, for the benefits which it could bring, for the reasons why they intend to exercise it.

Dovremmo aspettarci di più dai nostri leader di argomentazioni che sostengono “abbiamo il diritto di farlo”. Dovremmo chiedere loro di rendere conto delle implicazioni comportate dall'esercizio del diritto, dei benefici che ne deriverebbero e delle ragioni per cui intendono esercitarlo.

Siccome il nuovo spoglio è andato per le lunghe, voci del partito UNC hanno iniziato a protestare a gran voce affinché Persad-Bissessar ammettesse la sconfitta. L'ammissione è avvenuta il 18 agosto, durante la quale ha detto che non avrebbe più permesso a sé stessa di essere “descritta come un'ostruzionista […] una scusa del governo per non andare avanti”.

Ha anche parlato del bisogno di “rispettare le scelte politiche gli uni gli altri senza invocare ed incitare il nostro popolo a dividersi”. Entrambi i principali partiti politici hanno proferito insulti razziali nel corso degli anni, ma l'UNC è stato pesantemente criticato per il tono dei suoi slogan nella corsa alle elezioni, che molti hanno reputato offensivi nei confronti dei neri.

Riferendosi alle chiamate ricevute da membri del suo stesso partito affinché si dimettesse dal ruolo di leader politico, Persad-Bissessar ha dichiarato: “Fuggire non è la soluzione in questo momento”, mettendo a tacere così ogni speculazione secondo cui avrebbe permesso che la sconfitta elettorale potesse farla agire contrariamente ai suoi principi. Tuttavia, l'UNC, terrà delle elezioni interne nel 2021 per definire la futura leadership del partito.

L'insediamento del Primo Ministro Rowley e del suo esecutivo è cominciato alle 16, ora di Trinidad e Tobago (UTC-4) il 19 agosto presso la Casa Presidenziale della capitale, Port of Spain.

L'opposizione si insedia normalmente alla prima seduta della legislatura. Se prima di allora non si terrà un ricorso giurisdizionale per la nomina di Padarath, egli pronuncerà il giuramento d'ufficio, essendo stato votato  dagli elettori di Princes Town con 6,572 preferenze.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.