chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Durante la pandemia della COVID-19, i becchini del Brasile affrontano un crescente pregiudizio

Cimitero di Vila Formosa, il più grande di San Paolo | Foto: Léu Britto/Agência Mural

Questo testo è di Lucas Veloso. Viene pubblicato qui grazie ad una partnership di condivisione di contenuti tra Global Voices e Agência Mural [es, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Tombe aperte, bare e lacrime dei parenti sono parte integrante della routine lavorativa di James Alan Gomes, residente Cidade Tiradentes [it], ad est di San Paolo. È uno degli oltre 400 becchini che lavorano nei cimiteri pubblici municipali della capitale dello Stato.

James lavora come becchino a San Paolo da oltre cinque anni, un lavoro in cui il pregiudizio è un tratto caratteristico. “Ci sono persone che ad oggi lo apprezzano, visto che il nostro lavoro è aumentato, ma ce ne sono altre che evitano di avvicinarsi a noi perché pensano che siamo contaminati”, dice facendo riferimento all'aumento delle sepolture dovute alla COVID-19.

Nella più grade città brasiliana la pandemia del nuovo coronavirus aveva causato la morte di 6454 persone fino al 21 giugno e sono ancora in corso le indagini per determinare se altri 5081 decessi sono stati causati dalla malattia, portando il numero di vittime a più 11.000. Attualmente il Brasile è il secondo Paese al mondo con il maggior numero di morti a causa della pandemia, con un totale di 43.000 vittime.

I numeri hanno un impatto diretto sulla vita di chi lavora ogni giorno a stretto contatto con la morte, come i becchini. A Vila Nova Cachoeirinha [pt], nella parte settentrionale di San Paolo, Geraldo* dice di aver sempre sofferto  dei pregiudizi dovuti al suo lavoro nei cimiteri ma la situazione si è aggravata notevolmente dalla pandemia. “Ho sempre sentito vari commenti su me ed il mio lavoro, ma ora molto di più” afferma Geraldo.

Oltre al pregiudizio, la quantità di lavoro è stata una sfida in più. “La nostra routine è molto più difficile a causa dell'aumento delle sepolture, per noi è molto più faticoso” dice James. “Abbiamo sempre avuto una routine frenetica, ma con la COVID-19 è aumentata notevolmente”.

Il lavoro a Vila Formosa è aumentato dall'inizio della pandemia | Foto: Mural Léu Britto/Agência

Il becchino lavora nel più grande cimitero dell'America Latina, Vila Formosa, nell'est della città. A causa dell'aumento della domanda di sepolture, dal 19 aprile sono state scavate 8000 nuove fosse (la prefettura ha realizzato 5000 tombe in più rispetto agli altri cimiteri pubblici).

Secondo la prefettura, sono state scavate circa 2000 fosse solamente nel cimitero di Vila Nova Cachoeirinha e, a São Luís, circa 3000 nella zona meridionale. Un'ulteriore modifica è stata la capacità di sepoltura, che è stata aumentata fino a 400 al giorno. Secondo la media storica, sono circa 240 le sepolture giornaliere in estate e 300 in inverno.

James sente anche il peso del pregiudizio delle famiglie che hanno perso i propri cari in questo periodo. Molti si lamentano della mancanza di cuore e delicatezza nell'inumazione delle vittime della COVID-19. “Sento dire da molte [famiglie] che i loro cari sono morti perché qui non hanno preso sul serio la pandemia” dice James.

Ricorda che il giorno più triste fu quando riconobbe un padre che aveva seppellito la figlia di nove mesi e due settimane dopo tornò per seppellire sua moglie. Entrambe morte a causa della COVID-19.

Inoltre, i rischi del suo lavoro generano molta diffidenza. “Nonostante utilizziamo i dispositivi di protezione individuale potremmo comunque essere contagiati a causa di qualche svista”, ha detto.

La zia del libero professionista Ronaldo Cavalcante, 43 anni, residente a Jardim Real, a Grajaú, nella zona a sud di San Paolo, è stata una delle migliaia di vittime del nuovo coronavirus in Brasile. Morta a 81 anni, 11 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi della malattia

Secondo il nipote la diagnosi è stata lenta. “Era anziana e aveva problemi di salute. Si è sentita male e quindi è andata in ospedale, lì non videro nulla di diverso e tornò a casa. Poi peggiorò ancora e quindi si recò in un altro ospedale, e lì videro che era infetta”, ricorda.

Il momento del lutto è stato più doloroso a causa delle misure di protezione per le sepolture. “La persona non poteva ricevere visite, è stato tutto molto difficile per la famiglia”, dice.

Secondo i becchini, riporre una bara è una delle fasi che richiedono più  attenzione di tutto il processo| I Foto: Mural Léu Britto/Agência

A San Paolo, i servizi funebri hanno adottato una serie di misure per prevenire il contagio. L'accesso alle camere mortuarie era limitato ad un massimo di 10 persone per un massimo di un'ora, per evitare assembramenti.

Dal 30 marzo, le vittime confermate o sospette di COVID-19 sono state avvolte in dei sacchi di plastica impermeabile direttamente in ospedale, al fine di garantire una maggiore sicurezza ai becchini, agli autisti e a tutti i lavoratori che possono entrare in contatto con il corpo.

Triste per la morte della zia, Ronaldo afferma che le persone è scettica sulla gravità della malattia. “È una cosa molto seria. Ora per esempio dovremo fare dei test al resto della famiglia per vedere se qualcuno sia stato contagiato”.

L'epidemia ha obbligato la prefettura ad aumentare la quantità di professionisti che lavorano per l'emergenza. Nella prima settimana di aprile, 220 persone hanno iniziato a lavorare nei cimiteri.

Secondo il Sindacato dei Lavoratori Municipali di San Paolo (Sindesp), la città aveva meno becchini del necessario. Erano circa 200 ma in realtà ne servivano almeno 350. Con la pandemia il numero è stato superato dagli appaltatori.

Omaggio ad un familiare a Jardim São Luís (Léu Britto/Agência Mural)

A San Paolo, per lavorare come becchino, è necessario partecipare ad un concorso pubblico ed aver completato almeno l'istruzione elementare. Lo stipendio iniziale varia tra i 775 e i 1100 reali (tra i 145 e i 206 dollari) e può arrivare fino a 1500 reali (circa 280) per una giornata di otto ore. Dicono che ci sono giorni in cui lavorano più ore a causa domanda.

Con la pandemia, Manoel Noberto Pereira, direttore del sindacato, afferma che l'esigenza principale è quella della sopravvivenza di fronte ad un virus minaccioso.

I dispositivi di sicurezza come i camici, i guanti e le mascherine sono essenziali. “La nostra più grande preoccupazione riguarda i dispositivi di sicurezza per poter fornire il servizio alla popolazione”, ha detto.

Per lui, la situazione in altri paesi dell'America del Sud ha fatto in modo che San Paolo trattasse il caso come un'urgenza. Ad aprile, le immagini di decine di cadaveri di pazienti COVID-19 sparsi per le strade in Ecuador hanno fatto il giro del mondo. Guayaquil, la città più colpita, ha ricevuto delle casse di cartone per cercare di rispondere all'aumento della domanda dovuto alla pandemia.

Manoel sostiene che la mobilitazione dei sindacati è stata importante affinché le autorità consegnassero i dispositivi di protezioni di lavoratori per svolgere le loro funzioni, nonostante le stigmate. “Il pregiudizio verso di noi è antico, ma è tornato con più forza con l'oscurantismo e la mancanza di informazioni alla popolazione per quanto riguarda il nostro lavoro”, sostiene.

*Il nome è stato cambiato su richiesta dell'intervistato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.