chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I costumi in stile nazista di un gruppo di idol giapponesi evidenziano il “problema fondamentale” della storia

nazi cosplay girl band

Immagine largamente condivisa sui social media, da Keyakizaka 46 blog, è stata rimossa [ja, come i link seguenti salvo diversa indicazione].

Un gruppo di idol giapponesi ha provocato indignazione internazionale dopo essersi vestite con quelle che sembravano uniformi naziste per un concerto di Halloween a Yokohama il 22 ottobre. Il 31 ottobre, il produttore del gruppo così come la loro casa discografica Sony Music si sono scusati pubblicamente dopo essere stati esortati a farlo dal Simon Wiesenthal Center, un'organizzazione globale per i diritti umani che lavora per combattere l'antisemitismo.

La scelta di costumi del gruppo ha anche generato una discussione riguardo l'affermare o meno l'essere ignoranti in storia possa essere veramente utilizzato come una scusa per mostrare simboli del nazismo in Giappone.

Produzione di pop “idol”

Keyakizaka46 [it] è un gruppo idol composto di solo ragazze, creato e controllato dal legendario produttore di musica giapponese Akimoto Yasushi [it]. Akimoto, di 58 anni, ha creato diverse band molto popolari, tra cui AKB48 [it]. Eventi musicali come AKB48 e Keyakizaka46 sono prodotti più come una serie di musical [en], con spin-off o gruppi satellite in diverse parti del paese, in modo da accontentare i fan locali.

AKB48 affiliated acts

Fondato e creato dal produttore Akimoto Yasushi, AKB48 ha generato un gran numero di franchise associati, incluse le Keyakizaka46. Screencap da Wikipedia.

L'obiettivo dei gruppi di idol è di generare il massimo introito per le etichette discografiche, e le giovani ragazze che formano le band e i loro affiliati sono solo un ingranaggio dell’astuta macchina del marketing [en]. Le ragazze sono reclutate da giovani [en] (alcune non hanno neanche finito la scuola media prima di lavorare nell'industria dell'intrattenimento), e il loro lavoro è quello di apparire carine (anzichè intelligenti [en]) sul palco.

Indossare uniformi e altri costumi fa tutto parte dello sviluppare un carattere distintivo per aiutare a differenziare ogni gruppo idol.

In questo caso, come produttore, Akimoto ha scelto delle uniformi simil-naziste per identificare le Keyakizaka46.

La risposta da parte dei fan giapponesi non è stata forte il giorno dopo che le Keyakizaka46 hanno svelato i loro costumi di Halloween a Yokohama il 22 ottobre.

“Le uniformi nere di Keyakizaka46 le fanno apparire come delle streghe”

La mattina dopo il concerto, ZIP TV, un programma televisivo giornaliero su Yomiuri affiliato con Nippon TV, ha sottolineato che due membri del gruppo sembravano delle “streghe” nella loro uniforme militare al Yokohama show:

TV screencap caption: le uniformi nere di Keyakizaka46 le fanno apparire come delle streghe.

Tuttavia, l'ovvia somiglianza dei costumi con l'uniforme nazista della Seconda Guerra Mondiale è stata subito notata da molti utenti giapponesi dei social media. Il termine “Nazi uniform” è diventato di tendenza su twitter quasi immediatamente.

Il giorno successivo, un'immagine che ha chiaramente dimostrato la somiglianza tra il costume del gruppo e l'uniforme nazista è stata largamente condivisa su twitter e sui forum della cultura pop.

About Keyakizaka46's new costume looking just like a Nazi uniform… LOL! (click through for an image)

— High School Trend Report (@kohkoh_torendo)

Riguardo il nuovo costume delle Keyakizaka46 che sembra proprio un'uniforme nazista…LOL! (clicca per l'immagine)

La storia è giunta anche sui media in lingua inglese [en] fuori dal Giappone, principalmente come un altro esempio di “stranezza giapponese [en]”.

Causa “molta sofferenza alle vittime del genocidio Nazista”

La storia ha dominato i social media e la stampa inglese per almeno una settimana, fin quando il Simon Wiesenthal Center ha esortato l'etichetta discografica di Keyakizak46, la Sony Music, e il produttore Akimoto Yasushi a scusarsi il 31 ottobre [en]:

#SWC chiede al prduttore e alla Sony Music di scusarsi riguardo l'uso di costumi a tema nazista da parte del gruppo giapponese,…

Il Simon Wiesenthal Center, in quanto organizzazione internazionale per i diritti umani [en] dedicata a preservare la memoria dell'Olocausto, ha spesso parlato contro l'Antisemitismo in tutto il mondo. Nella sua dichiarazione riguardo i costumi della band, dopo aver chiesto direttamente al produttore Akimoto di scusarsi, il Centro ha espresso il suo “disgusto”, citando il Rabbino Abraham Cooper, che ha detto [en]:

Watching young teens on the stage and in the audience dancing in Nazi-style uniforms causes great distress to the victims of the Nazi genocide.

Vedere giovani ragazze sul palco e tra il pubblico ballare in uniformi simil-Naziste causa molta sofferenza alle vittime del genocidio Nazista.

Per pura coincidenza con il furore riguardante le uniformi del gruppo, il Rabbino Cooper aveva in programma di viaggiare in Giappone come parte di una mostra itinerante su Anna Frank e Sugihara Chiune [it] (un diplomatico giapponese dei tempi della guerra a cui è stato dato l'onore di Giusto tra le Nazioni [it]) organizzata in collaborazione tra il Wiesenthal Center e l'Università Soka del Giappone.

La condanna da parte del Simon Wiesenthal Center è stata a sua volta largamente riportata dai media giapponesi il giorno successivo.

Tweet: la comunità ebraica chiede alle Keyakizaka46 di scusarsi per i costumi che sembravano uniformi naziste.

Estratto dell'articolo: Dopo che il gruppo idol Keyakizaka46 ha indossato costumi simili alle uniformi naziste della germania sul palco, una comunità ebraica (le ha invitate a scusarsi).

‘Le nostre più sentite scuse se abbiamo offeso qualcuno’

Appena 12 ore dopo la pubblicazione del tweet del Simon Wiesenthal Center, sia Sony Music che Akimoto Yasushi si sono scusati pubblicamente.

Il mea culpa è stato largamente coperto dai media giapponesi. NHK, l'emittente nazionale, ha intervistato Akimoto e una compagnia associata, Seed and Flower, riguardo la controversia che ha circondato le uniformi.

Il dramma riguardo le scuse delle Keyakizaka46 continua ad attirare l'attenzione sui programmi mattutini di NHK, l'emittente nazionale pubblica.

Ciò che spicca nelle interviste di NHK ad Akimoto e Seed and Flower sono stati i titoli in grassetto che sottolineavano le rispettive scuse: “Sono terribilmente spiacente” (大変申し訳なく思う) da Akimoto, e “Le nostre più sentite scuse” (心よりおわび) da Sony.

Ma le due parti hanno anche fatto un tentativo per evadere la responsabilità e deviare la colpa per i costumi simil-nazisti. Sia Seed and Flower che Akimoto hanno incolpato una generale  “mancanza di consapevolezza” così quanto i costumi di Halloween della band assomigliassero alle divise naziste.

Akimoto, che è responsabile per aver costruito la strategia del brand delle Keyakizaka46 e di altri franchise musicali, ha affermato di non sapere delle uniformi fin quando non l'ha saputo dai media, e ha incolpato il suo “staff”, Seed and Flower:

「ニュースで知りました。ありえない衣装でした。事前報告がなかったので、チェックもできませんでした。スタッフもナチスを想起させるものを作った訳ではないと思いますが、プロデューサーとして、監督不行き届きだったと思っております。[…] すべて事前にチェックし、スタッフ教育も徹底して行いたいと思います」

Ho saputo dei costumi dai notiziari. Erano costumi davvero allucinanti. Dal momento che non ero stato informato in anticipo [che sarebbero stati usati dei costumi del genere], non ho potuto controllare [se erano appropriati]. Anche se dubito che il mio staff avesse in mente delle divise Naziste quando ha creato i costumi, sono stato negligente come produttore e come direttore. Andando avanti controllerò [i costumi] e lavorerò anche per assicurarmi che il mio staff sia adeguatamente educato.

Seed and Flower, a cui Akimoto sembra aver delegato la responsabilità di pianificare la performance di Halloween, ha dichiarato la sua ignoranza insieme ad una classica non-scusa:

私どもの認識不足により、衣装の色やその他を含む全体のデザインが、そのようなイメージを想起させる部分があり […] 心よりおわび申し上げます。

私どもの認識不足により、衣装の色やその他を含む全体のデザインが、そのようなイメージを想起させる部分があり、ご不快な思いをさせてしまったことに対し、心よりおわび申し上げます。

Eravamo inconsapevoli di qualsiasi somiglianza [ad un'uniforme Nazista] che potesse essere fatta riguardo al colore dei costumi e al design complessivo. Facciamo le nostre più sentite scuse se abbiamo offeso qualcuno.

“Colpevoli di essere volontariamente ignoranti in storia”

Le scuse non sono state abbastanza per tutti. Il Collettivo di Azione Antirazzista Giapponese (C.R.A.C.) ha notato che LITERA, un sito di notizie femminile che si occupa di letteratura, media e cultura pop, ha demolito le scuse in un articolo che è stato condiviso migliaia di volte su Twitter e Facebook:

“Le scuse di Akimoto per i costumi Nazisti delle Keyakizaka46 sono le peggiori! Incolpa il suo staff, e non ha intenzione di riflettere sul come le azioni del gruppo perpetuino la discriminazione.” [Titolo dall'articolo di LITERA]

Il tabloid Nikkan Gendai anche si è ritenuto insoddisfatto. In un articolo anonimo del 3 novembre, un giornalista ha notato l'importanza del comprendere il contesto sia storico che contemporaneo dei costumi che usano l'immaginario nazista:

[…] ヨーロッパでは若者世代を中心に排斥主義が進み、ナチスを肯定する極右のネオナチ思想が台頭する中での大チョンボだけに、ウェブ上の謝罪で幕引きとはいかないだろう。

無邪気に歌って踊ってファンに手を振るアイドルの子たちは衣装の持つ意味など「カッコイイ」「ヤバイ」という以上には考えもしなかっただろう。だが、今回の騒動が単なる衣装のセレクトミスで済まされないのは、戦争体験や虐殺の記憶の風化に手を貸していることへの無自覚さこそが問題だから根が深い。欅坂は解散の危機を乗り越えられるか。

C'è qualcosa di sbagliato se si devono osservare le nuove generazioni in Europa abbracciare la xenofobia mentre l'ideologia neo-Nazista acquista popolarità. Una scusa postata sul web non è abbastanza.

L'unica intenzione potrebbe essere stata quella di far pensare alle persone che le uniformi erano “cool” o “folli” come le idol che devono semplicemente salutare i loro fan mentre cantano e ballano. Tuttavia, questo trambusto non può essere giustificato come un “malfunzionamento del guardaroba.” É un prboblema più serio. Il vero problema è che c'è la tendenza a cancellare la memoria della guerra e dei suoi orrori — di essere volontariamente ignoranti in storia.

Ignoranza storica un “problema fondamentale”?

L'utente di twitter @lautrea ha notato che sembra esserci stato da molto tempo il tentativo di incorporare l'immaginario Nazista nel brand delle Keyakizaka. Le componenti del gruppo idol sono apparse in passato con uniformi simili—create dal famoso stilista delle AK48, Onai Kimika — su un programma in prima serata che parlava proprio della storia del Nazismo:

Le componenti delle Keyakizaka46 sono apparse in un episodio di “Shikuji-sensei – Tanaka History Cram School” per introdurre l'argomento del Nazismo, mentre indossavano le uniformi Naziste disegnate da — avete indovinato — Onai Kimika.

É molto brava a creare questi look militari.

Un altro utente di Twitter ha evidenziato che questa non era la prima volta che una band di idol femminile era stata associata al Nazismo. Nel 2008, un'associata di Hello Project [it], un gruppo diretto dal leggendario produttore Tsunku [it], ha definito Adolf Hitler un “grande uomo” [en] (偉人) durante un'apparizione sul canale TV Tokyo. Anche questo incidente ha richiesto delle scuse ed è stato etichettato come “ignoranza storica”:

Tweet: ho scoperto che anche alle AK48 è accaduta la stessa cosa. Il fatto che la storia si ripeta in questo modo è molto negativo. Un problema fondamentale?

Estratto dell'articolo: “Hitler, un grande uomo”? TV Tokyo posta le scuse scritte per “aver frainteso la storia.”

Per l'utente Twitter @lautrea, che ha notato il tema ricorrente del Nazismo nei costumi delle Keyakizaka, le scuse di TV Tokyo sembravano più appropriate di quelle del produttore delle Keyakizaka Akimoto:

Le scuse di TV Tokyo di otto anni fa erano le più giuste. TV Tokyo infatti ha scritto che avevano “frainteso la storia” [anzichè semplicemente affermare di non esserne a conoscenza, come aveva fatto Akimoto].

TV Tokyo si scusa:

Le nostre scuse.

La scorsa settimana nel programma Yorusen, c'è stato un segmento intitolato “Le persone più grandi del Mondo!”
Il 4 dicembre, abbiamo parlato di Adolf Hitler. Basato su un fraintendimento della storia (誤った歴史認識), abbiamo mandato in onda un contenuto inappropriato. A tutti i nostri telespettatori vorremmo esprimere le nostre più sentite scuse.


NOTA: Questo articolo è stato aggiornato.

Masae Okabayashi ha contribuito alla ricerca per questo articolo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.