chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I lavoratori del tè indiani lottano per la sopravvivenza a causa della COVID-19

Tea plucking in Kerala, India. Image via Flickr by Neil Faz. CC BY-NC 2.0

Un operaio di una piantagione che raccoglie il tè in Kerala, India. Immagine da Flickr di Neil Faz. CC BY-NC 2.0

L'india, la quinta economia più grande del mondo, ha sofferto immensamente [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] durante la pandemia della COVID-19 [it] in corso. A maggio, il tasso di disoccupazione è salito al 24%, lasciando i lavoratori a giornata – come quelli che si occupano delle piantagioni di tè del paese – ad affrontare povertà e fame dovute alla scarsità del lavoro e la mancanza di assistenza governativa.

Ad aprile, molti di loro sono stati costretti a riprendere il lavoro nonostante le restrizioni causate dalla COVID-19 nel paese, anche se non c'erano in atto sufficienti misure di assistenza sanitaria o di sicurezza per la loro protezione.

La #VeritàSulTè

L'India è uno dei maggiori produttori di tè al mondo. Due regioni in particolare, Assam e il Bengala Occidentale, producono insieme oltre il 70% del tè del paese. L'industria è il secondo più grande fornitore di occupazione nel settore formale in India, offrendo lavori per più di un milione di famiglie nelle piantagioni di tè. Un sorprendente 70% di questi lavoratori sono donne, pagate con salari molto bassi e costrette a lavorare in situazioni spaventose.

Di conseguenza, la maggior parte di loro conduce una vita senza dignità – una condizione rappresentata nelle serie di campagne #VeritàSulTè su Youtube dalla no-profit Oxam India. Anche prima della pandemia, afferma la serie, vivevano in condizioni antigieniche, sopravvivendo a malapena con salari a basso costo con scarso o nessun accesso ai sistemi sanitari ed educativi:

Stando al video, in media, un lavoratore di una piantagione cammina 16 chilometri e trasportano chilogrammi di foglie di tè ogni giorno, solo per guadagnare una paga giornaliera di circa 150 rupie indiane, cioè l'equivalente di 1,70 euro, dopo 13 ore di lavoro. Solo l'87% dei lavoratori riceve lo stipendio massimo di 4500 rupie al mese (52 euro).

Alcuni operai lavorano a piedi nudi e solo una piccola percentuale di loro è dotata di indumenti protettivi come guanti, mascherine e stivali. A volte le donne sono costrette a tornare al lavoro pochi giorno dopo il parto e non ci sono abbastanza asili nido efficienti per i bambini. Inoltre, nelle piantagioni di tè non ci sono servizi igienici e molti operai non ne hanno nemmeno uno a casa.

In India il costo umano della produzione di tè è alto; privati dei diritti fondamentali, gli operai e le loro famiglie dicono di sentirsi come schiavi dei proprietari di giardini da tè.

Opzioni limitate

Il 25 marzo, quando l'India è entrata nella prima fase della sua quarantena da COVID-19, molte piantagioni di te hanno cessato l'attività. Tuttavia, il 4 aprile, l'Associazione Indiana del Tè aveva scritto al governo statale chiedendo la “ripresa delle normali operazioni nei giardini da tè nel rispetto delle linee guida di sicurezza prescritte e il distanziamento sociale”.

Preoccupato per gli effetti economici, il giornalista Pratim Ranjan Bose ha messo in dubbio le misure di quarantena, ma ha anche notato “lo stigma sul settore delle piantagioni riguardo i problemi di sanificazione, salute e igiene tra i gli operai”.

Tuttavia, le amministrazioni statali hanno consentito ad alcune piantagioni di riprendere le operazioni già dal 10 aprile. Quando è arrivata la terza fase del blocco (4-17 maggio), le piantagioni di tè sono state autorizzate a funzionare normalmente, anche se le strutture sanitarie che le sostenevano erano mal dotate per gestire i pazienti COVID-19.

I sindacati nei giardini del tè dell'India settentrionale hanno presto iniziato a presentare denunce alla polizia per violazioni della quarantena, ma in quel momento le persone erano più preoccupate per l'economia che per il benessere dei lavoratori del tè.

Harihar Nagbansi, un corrispondente della comunità di VideoVolunteers la cui famiglia lavora e vive nella piantagione di tè di Bhatkawa nel Bengala occidentale, ha riferito:

While the whole country is under lockdown to combat coronavirus, work continues as is in the tea estates of [the] Alipurduar district of West Bengal. These estates are in such far off areas that information regarding the virus has not reached everyone and they are willing to work without any protective [gear]. Quite obviously, the tea garden owners also don’t care what this pandemic will do to these workers.

Mentre l'intero paese è bloccato per combattere il coronavirus, il lavoro continua come nelle piantagioni di tè del distretto [di] Alipurduar del Bengala occidentale. Queste tenute si trovano in aree così lontane che le informazioni sul virus non sono arrivate a tutti e sono disposte a lavorare senza alcun equipaggiamento protettivo. Ovviamente, anche i proprietari di giardini da tè non si preoccupano di cosa farà la pandemia a questi lavoratori.

Al momento della pubblicazione, i casi di COVID-19 in India hanno superato i quattro milioni, quasi il 3% della sua popolazione totale.

Nel Bengala Occidentale ci sono circa 174.659 casi, con 3452 morti; Assam ha circa 121.224 casi, con 345 morti – ma non ci sono informazioni disponibili su quanti lavoratori delle piantagioni di tè abbiano contratto la COVID-19 fino ad oggi.

Secondo un rapporto scaturito da un'iniziativa intrapresa congiuntamente dal Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (UNICEF) e l'Associazione Indiana del Tè (ITA), i lavoratori delle piantagioni in queste due regioni erano riusciti a tenere la COVID-19 fuori dai giardini da tè fino alla terza settimana di maggio. L'iniziativa prevedeva l'iscrizione dei lavoratori a programmi di igiene obbligatori al fine di migliorare i loro standard di sanificazione.

I lavoratori protestano

In un altro video report, questa volta dal Madhu Tea Garden nel Bengala settentrionale, Nagbansi ha detto che ai lavoratori delle piantagioni di tè non vengono forniti i 100 giorni minimi di lavoro previsti dal Mahatma Gandhi National Rural Employment Guarantee Act (MGNREGA).

Con la vita resa ancora più difficile a causa delle restrizioni per la COVID-19, il 29 giugno i lavoratori hanno organizzato una protesta, chiedendo di ricevere 200 giorni di lavoro e un aumento del pagamento a 600 rupie (cioè 7 euro) al giorno:

Tuttavia, negli ultimi anni, i lavoratori delle piantagioni di tè indiane hanno protestato contro i bassi salari senza alcun successo.

‘Una tazza piena di disgrazie’

Uno studio di ricerca del febbraio 2019 intitolato ‘Una tazza piena di disgrazie’, in cui Subhashri Sarkar e Reji Bhuvanendran esaminano la scala salariale dei lavoratori del tè, ha rivelato che l'industria indiana del tè è in crisi.

La rigida concorrenza, l'aumento dei costi di produzione e la chiusura di diverse piantagioni di tè dovute a una diminuzione della domanda hanno provocato enormi perdite che ostacolano la sostenibilità del settore.

Ad aggravare la situazione dei salari ingiusti c'è una miriade di fattori, tra cui la mancanza di interesse da parte della direzione, la mancata attuazione delle leggi statali e l'assenza di un monitoraggio efficace da parte del governo centrale.

Nel frattempo, i tassi di COVID-19 continuano a salire.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.