chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il governo nigeriano ordina il rilascio di Omoyele Sowore, giornalista e attivista per i diritti umani

Omoyele Sowore. Screenshot dall'intervista a CNBCAfrica, 13 dicembre 2018.

Il 24 dicembre 2019, il procuratore generale della Nigeria e ministro della Giustizia Abubakar Malami ha ordinato al Servizio di sicurezza dello Stato “di rispettare l'ordine [del tribunale] di concedere la libertà provvisoria” a Omoyele Sowore, giornalista e attivista per i diritti umani, riporta [en, come i link seguenti] il quotidiano nigeriano Punch.

Sowore è stato arrestato nella sua residenza di Lagos, Nigeria, il 3 agosto 2019, ed è stato incriminato con l'accusa inventata di tradimento, cyberstalking e riciclaggio di denaro sporco dopo aver chiesto una protesta #RevolutionNow.

L'arresto e la detenzione di Sowore – nonostante due ordini del tribunale per il suo rilascio – ha attirato l'encomio nazionale e globale per aver palesemente ignorato lo stato di diritto in Nigeria e per aver minato i diritti umani.

Sowore, l'editore del giornale investigativo online Sahara Reporters, si è candidato contro il presidente Muhammadu Buhari alle elezioni del febbraio 2019. Il 6 dicembre, il giorno dopo che Sowore ha ottenuto la libertà provvisoria, i funzionari del Dipartimento dei Servizi di Stato (DSS) lo hanno riarrestato nei pressi di un'alta corte di Abuja.

Riguarda la timeline dell'arresto di Omoyele qui.

Malami ha anche ordinato il rilascio di Sambo Dasuki, un ex consigliere per la sicurezza nazionale, che è stato arrestato il 1° dicembre 2015, dopo essere stato accusato di aver presumibilmente rubato 2,1 miliardi di dollari con l'assegnazione di contratti militari fantasma nella lotta contro il gruppo terroristico Boko Haram. È stato tenuto in detenzione per gli ultimi due anni e mezzo, nonostante diverse ordinanze del tribunale che gli hanno concesso la libertà provvisoria.

Malami ha dichiarato:

In line with the provisions of Section 150 (1) of the 1999 Constitution (as amended), and in compliance with the bail granted to Col. Sambo Dasuki (Rtd) (as recently varied by the Court of Appeal); and the bail granted to Omoyele Sowore, I have directed the State Security Services to comply with the order granting bail to the defendants and effect their release. The two defendants [Sowore and Dasuki] are enjoined to observe the terms of their bail and refrain from engaging in any act that is inimical to public peace and national security, as well as their ongoing trial which will run its course in accordance with the laws of the land.

In linea con le disposizioni della Sezione 150 (1) della Costituzione del 1999 (e successive modifiche), e in conformità con la cauzione concessa al Col. Sambo Dasuki (Rtd) (come recentemente modificata dalla Corte d'Appello); e la cauzione concessa a Omoyele Sowore, ho ordinato ai Servizi di Sicurezza dello Stato di conformarsi all'ordinanza che concede la cauzione ai convenuti e di effettuare il loro rilascio. I due imputati [Sowore e Dasuki] sono tenuti a rispettare i termini della loro cauzione e ad astenersi dal compiere qualsiasi atto contrario alla pace pubblica e alla sicurezza nazionale, così come il loro processo in corso che si svolgerà in conformità con le leggi del paese.

Il collaboratore del presidente Bashir Ahmad ha scritto in un tweet che il governo ha ordinato il rilascio sia di Dasuki che di Sowore.

FLASH: The Federal Government orders the release of former National Security Adviser (NSA) Sambo Dasuki and Mr. Omoyele Sowore of Sahara Reporters, Minister of Justice and Attorney General of the Federation (AGF), Abubakar Malami, SAN in a statement, today in Abuja.

— Bashir Ahmad (@BashirAhmaad) December 24, 2019

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.