- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

La condanna di un'influencer turca accende il dibattito sulla libertà di parola

Categorie: Turchia, Censorship, Citizen Media, Cyber-attivismo, Donne & Genere, Libertà d'espressione, Media & Giornalismi, Politica

Targa in mostra al Museo dell'Innocenza di Istanbul. Foto di Filip Noubel, usata su autorizzazione.

Una celebrità turca di Twitter è stata denunciata per aver presumibilmente incitato all'uso di droghe, e aver provato ad usare il social media per rovesciare il governo. La celebrità di Twitter, Pınar Karagöz, afferma che i suoi tweet invece erano dei riferimenti ad una serie di Netflix.

Una lista crescente di presunti crimini

Karagöz, meglio conosciuta online con il nickname di Pucca [1] [tr, come i link seguenti], ha postato nel 2018 un tweet in cui diceva [2] che “centinaia di povere persone sono in grado di guadagnarsi il pane vendendo droghe”.

Questo tweet è stato portato come prova in corte accusando Karagöz del crimine di promuovere l'uso di droghe che è un vero crimine in Turchia [3]. Sebbene Karagöz dica che il tweet era stato pubblicato “per divertimento” in riferimento alla serie Netflix Narcos [4] [it] che racconta del barone della droga colombiano Pablo Escobar [5] [it], la sentenza [6] le ha dato inizialmente 7 anni di carcere il 12 luglio 2019.

Dopo aver saputo della sua sentenza, Karagöz ha pubblicato un video molto toccante in cui diceva — con la voce strozzata e in lacrime —”ho saputo che mi sono stati dati 7 anni di carcere per il mio tweet su Escobar.”

Questa donna è stata condannata a 7 anni a causa di un tweet che ha pubblicato per gioco.

In seguito, la corte ha ridotto la sentenza a 5 anni e 10 mesi di carcere e una multa di oltre 11.000 dollari americani. Karagöz ha quindi scritto su Twitter:

Non guardate e commentate la serie Escobar qui, avrete tra i 5 e i 10 anni di prigione… Che grande paese…

L'altro crimine di cui era stata accusata Karagöz era di usare i social media in un tentativo di rovesciare il governo. La decisione [13] della corte si basava sull'affermazione che “prendendo in considerazione l'impatto dei social media sulla società, è possibile concludere che in alcuni paesi, i social media siano riusciti a rovesciare il governo unendo le persone sotto specifiche ideologie.”

Dibattito sulla libertà di parola

Appena il video di Karagöz ha cominciato a circolare sui social media, alcuni utenti del web hanno notato che la punizione non era giusta, considerando le condanne solitamente applicate contro gravi trasgressori come gli stupratori:

È stata condannata a sette anni di carcere e una multa di 4000 lire. Non perché è un'assassina o una stupratrice. Ma perché è una madre, e una scrittrice. Per aver guardato la serie Narcos e aver twittato su Escobar. Per incoraggiare l'uso di droghe. Perfetto (!) Paese Perfetto (!) Giustizia.

Düşündükçe aklım almıyor. Dizilerde uyuşturucu kaçakçıları kahraman yapılıyor, ufacık çocuklar tecavüze uğrayıp tecavüzcüsüyle evlendiriliyor ama bir sosyal medya fenomeni Escobar hakkında tweet atınca 7 yıl hapis alıyor. Başka bir boyutta yaşıyoruz. Ya da yaşıyor muyuz? #pucca [7]

— Özgür Uysal (@etoburzebra) July 20, 2019 [16]

Non capisco. Nelle serie turche trafficanti di droga diventano eroi, bambine adolescenti che vengono stuprate sposano il loro stupratore, ma quando lei (Pucca) ha twittato riguardo Escobar, ottiene addirittura sette anni di prigione. Viviamo in un'altra dimensione. Siamo addirittura vivi?

Tuttavia altri dicono che ha meritato la sentenza perché ha stabilito un “brutto esempio” per la gioventù turca.

Decine di migliaia di giovani hanno visto il tuo messaggio che promuoveva le droghe. Se solo uno di loro ha mai considerato e provato questo veleno, può la vita di quella giovane persona essere paragonata a una sentenza di sette anni di carcere? Quella giovane persona poteva essere tuo figlio. Ora smetti di piangere e guarda a quello che hai fatto da questa prospettiva, prova a guardare attraverso quella finestra.

#Pucca [19] hapse girmeyi haketti
1 genç onun yüzünden uyuşturucuya başlasaydı vebali kimde olacaktı

7 yıl hapis 1 TÜRK gencinin hayatı için az https://t.co/uwBAMfNpcf [20]

— Ceren Laz Kızı ⚡ LAZ-400 🇹🇷 (@CerenLazKizi) July 12, 2019 [21]

Pucca merita di andare in carcere. Chi sarebbe da incolpare, se solo un giovane iniziare a fare uso di droghe per colpa sua. 7 anni di prigione per 1 giovane turco non è abbastanza.

Il dibattito ha preso un'inaspettata piega internazionale quando il figlio di Pablo Escobar si è unito al dibattito iniziando a seguire Karagöz su Instagram.

Il figlio di Pablo Escobar ha seguito Pucca su Instagram.

Mentre i commenti continuano ad evolversi, e sempre più persone si schierano, la conversazione riguardo il caso del tweet di Karagöz ha riaperto il dibattito riguardo la censura oggi in Turchia. Alcuni utenti di Internet hanno espresso la loro opinione secondo cui l'esperienza di Karagöz ha rinforzato la paura di scrivere quello che pensano, in particolare se sono critiche alle politiche del Presidente Erdoğan.

Ora ho paura di andare in carcere a causa di questo tweet, maledizione, sono stanco.

La Turchia effettivamente ha perso un numero di libertà politiche negli ultimi anni, come documentato dai numeri dei rapporti internazionali. Il Rapporto Freedom House Freedom in the World [25] [en] del 2019 afferma che l'auto-censura è in aumento. Secondo il rapporto:

“While not every utterance that is critical of the government will be punished, the arbitrariness of prosecutions, which often result in pretrial detention and carry the risk of lengthy prison terms, is increasingly creating an atmosphere of self-censorship.”

“Mentre non tutte le frasi che criticano il governo vengono punite, l'arbitrarietà della prosecuzione, che spesso risulta nel carcere preventivo e comporta il rischio di condanne in prigione più lunghe, sta pian pian creando un'atmosfera di auto censura.”

Chiaramente, la decisione della corte nel caso di Karagöz è percepita dagli utenti dei social media turchi come un avvertimento a pensare due volte prima di esprimersi sui social media.

Correzione: Una versione precedente di questo articolo ha erroneamente identificato Pablo Escobar come messicano.