chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Questo account Twitter celebra le donne in Giappone con un breve profilo al giorno

nakano

Foto di un'attrice nei panni Nakano Takeko, una famosa guerriera e capo militare che ha combattuto ed è morta durante gli ultimi anni dello Shogunato in Giappone. Immagine da Wikipedia, dominio pubblico.

Celebrating Women in Japan [en, come tutti i link successivi] è un progetto che pubblica brevi biografie di donne rilevanti in Giappone su Facebook e Twitter una volta al giorno, ogni giorno.

Una donna descritta di recente è stata l’influente autrice di manga Rumiko Takahashi.

Ieri, Rumiko Takahashi è stata insignita del Grand Prix al Festival international de la bande dessinée d'Angoulême per il suo contributo allo sviluppo dei manga. Congratulazioni. Il suo lavoro è stato descritto come “estremamente progressista”.

Il progetto è capeggiato da Melanie Brock, una consulente aziendale internazionale in Giappone, ed è stata ispirata da una campagna simile condotta da Kirstin Ferguson nel 2017. Ferguson, dall'Australia, voleva contrastare l'abuso online indirizzato regolarmente alle donne usando l'hashtag #celebratingwomen (celebriamo le donne) come “un modo per vedere più celebrazione e meno denigrazione delle donne”.

Spesso le donne descritte da Celebrating Women in Japan hanno dei consigli per altre donne che cercano di avere successo nella loro carriera o nella vita in generale. Keiko Kojima, una studiosa giapponese, personaggio televisivo e saggista, è stata intervistata per la prima volta da Celebrating Women in Japan nel 2018. Il suo consiglio?

Consiglio per la nuova generazione: prendetevi cura degli amici coi quali potete avere un dibattito costruttivo. Pensate attentamente al tipo di mondo nel quale volete vivere. Lavorate duramente per costruirlo e sorridete mentre lo fate. Fate tutto ciò che potete per supportarvi mentre cercate di realizzare quel luogo.

Non tutte le donne descritte da Celebrating Women in Japan sono originarie del Giappone. Con sede nella città di Hiroshima, nel Giappone occidentale, Rachel Nicholson è una traduttrice, imprenditrice e personaggio mediatico di successo:

Nel 2006, Rachel Nicholson è venuta a Hiroshima come traduttrice prima di perseguire la sua passione per la cucina e aprire una piccola tavola calda. Nel 2017, è tornata alle sue origini e oggi passa le giornate come scrittrice bilingue, traduttrice, talento televisivo e snob del cibo a tempo pieno.

Il tema comune delle biografie che vengono pubblicate quotidianamente, è che le donne celebrate appartengono a diversi ceti sociali e tutte hanno vissuto sfide e traguardi unici.

Oggi celebriamo Azusa Shiota. Recentemente, Azusa, è diventata la prima donna giapponese membro della squadra di emergenza e di soccorso dell'Agenzia nazionale di polizia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.