chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Social media in America Latina: intrappolati tra l'incudine e il martello

Manifestanti in Plaza Baquedano, nella capitale cilena Santiago, 8 novembre 2019. Crediti: Wikimedia utente B1mbo  (CC BY-SA 4.0)

Questo articolo è stato scritto da Agustina Del Campo, Direttore del Centro di Studi sulla Libertà di Espressione e Accesso alle Informazioni (CELE) presso l'Universidad de Palermo, Buenos Aires, e un professore di Internet e diritti umani e diritto internazionale dei diritti umani. 

Nel gennaio 2020, in seguito a segnalazioni informali riguardanti problemi legati alla protesta sui social media, tre organizzazioni cilene, Fundacion Datos Protegidos, l'Università del Cile e l'Osservatorio del Derecho a la Comunicación hanno condotto uno studio [es] che indaga sulla censura nei social media tra il 18 ottobre e il 22 novembre 2019. Lo studio ha documentato 283 episodi di censura in cui i contenuti relativi alle proteste sono stati cancellati o bloccati sui social. In alcuni casi, gli utenti attivi nel movimento [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] di protesta del paese hanno avuto i loro account chiusi o sospesi senza che fosse disponibile un ricorso tempestivo. Secondo gli autori, così come altre organizzazioni della società civile che monitorano il fenomeno l'automazione, la mancanza di contesto e la mancanza di chiarezza sulle regole delle piattaforme sono state tra le principali cause dichiarate.

Capire quali sono le regole sui contenuti latinoamericani e come vengono applicate è una sfida continua.

Sebbene le aziende affermino di aver adottato politiche globali, gli approcci differiscono da paese a paese e da regione a regione. Gli ultimi due mesi sono stati rivelatori per quanto riguarda queste pratiche, ad esempio, nel diverso trattamento che i contenuti fuorvianti hanno ricevuto tra le principali piattaforme. A marzo Twitter ha cancellato i tweet poco chiari sulle cure per il COVID-19 pubblicati dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro, al contrario, sembra che siano stati più tolleranti nei confronti di tweet simili del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Anche i tweet fuorvianti di Trump sulla frode elettorale sono stati trattati allo stesso modo, li hanno mantenuti, ma gli è stato assegnato un avviso di falsa dichiarazione.

Nel 2017, il Center for Studies on Freedom of Expression and Access to Information (CELE) ha condotto una propria ricerca sulle misure di Facebook, YouTube e Twitter per combattere le fake news e la disinformazione. La nostra intenzione era di tracciare gli annunci relativi alla disinformazione fatti da aziende a livello globale, in particolare all'indomani di eventi noti come il voto sulla Brexit, lo scandalo di Cambridge Analytica e il referendum colombiano, e le misure di contrasto annunciate e attuate alla luce di questi eventi comparandoli con quanto è stato implementato in America Latina.

Abbiamo scoperto che le norme venivano annunciate, in alcuni casi su base giornaliera, e che nuovi strumenti, politiche e programmi spesso si sovrapponevano o si contraddicevano a vicenda, rendendo difficile valutare cosa fosse effettivamente stato fatto e dove. Le informazioni disaggregate sull'implementazione locale erano difficili da trovare e le procedure o le norme non erano sempre tradotte nelle lingue locali, rendendo difficile per gli utenti capire come veniva valutato il loro contenuto e quali rimedi potevano essere a loro disposizione. A volte le iniziative sono state distribuite in diversi paesi del mondo con diversi livelli di risorse alle spalle, portando  disparità nell'applicazione. Come ricercatori, è molto difficile sapere come, o anche se, annunci globali di alto profilo stiano effettivamente influenzando gli utenti in America Latina. Il CELE sta ultimando un nuovo studio per aggiornare la sua ricerca del 2017 sulle risposte della piattaforma alla disinformazione e delle 61 azioni più rilevanti identificate e analizzate nel documento: in almeno 28 di esse i ricercatori non hanno potuto verificare la loro implementazione in America Latina.  

Tutto questo si riferisce ad una sfida più ampia intorno alla trasparenza, responsabilità e accesso alle informazioni riguardanti le operazioni delle più grandi piattaforme su Internet. Sebbene riconosciamo che negli ultimi due anni siano stati compiuti sforzi per migliorare la trasparenza dei rapporti, è ancora difficile trovare dati disaggregati per la nostra regione. Ciò include anche informazioni di base su quali politiche vengono applicate e dove, oltre a dati sugli impatti regionali e locali della moderazione dei contenuti e su come il contesto locale differisca dal quadro globale. Facebook e Twitter, ad esempio, hanno recentemente iniziato a fornire ulteriori informazioni sulle loro pratiche di moderazione dei contenuti, ma non sono ancora disaggregate geograficamente. Ciò mina gravemente la capacità degli agenti statali e non di valutare le implicazioni sociali della moderazione dei contenuti privati a livello locale.

L'assenza di chiarezza riguardo le modalità di moderazione dei contenuti, unita alla mancata considerazione del contesto locale, ha portato a crescenti richieste di regolamentazione contro le principali piattaforme, provenienti sia dai governi che dalla società civile. Sebbene le intenzioni possano essere ben strutturate, i governi di questa regione sono meno preoccupati della riduzione dello spazio per la libertà di espressione che dello sviluppo di nuove restrizioni alla parola, a causa della loro percezione che lo spazio online rimanga sotto-regolamentato. La propagazione di leggi o proposte legali dall'Europa e dagli Stati Uniti, che sono altrettanto ostili alla libertà di espressione, non aiuta certamente le campagne di molte delle più antiche democrazie del mondo, comprese quelle europee e britanniche, per fare pressione sulle piattaforme e spingerle ad utilizzare i loro termini di servizio in modo più aggressivo per attaccare contenuti dannosi ma ritenuti legali. Sebbene ben intenzionate, queste iniziative promuovono restrizioni vaghe e eccessive alla libertà di espressione nelle piattaforme online. In effetti, nel contesto di una regione con una lunga storia di censura statale, queste proposte possono fornire ai governi una copertura politica per adottare un approccio altrettanto aggressivo per reprimere il discorso online.

Gli utenti di Internet latinoamericani, in particolare quelli coinvolti nella difesa o nei movimenti sociali, si trovano tra l'incudine e il martello. In questo contesto, la necessità per la società civile e gli attivisti latinoamericani di alzare la voce nei dibattiti globali riguardo alle pratiche di moderazione dei contenuti e alla libertà di parola appare più necessaria che mai.


Questo articolo è stato sviluppato come parte di una serie di documenti della Wikimedia / Yale Law School Initiative on Intermediaries and Information per acquisire prospettive sugli impatti globali delle decisioni di moderazione dei contenuti delle piattaforme online. Puoi leggere tutti gli articoli della serie sul loro blog o sul loro feed Twitter @YaleISP_WIII.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.