chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Trasferirsi in Canada rappresenta il vero sogno americano?

“American Flag on Canada Day 2008″ (“Bandiera americana del Canada day 2008”) di Antony Pranata.  L’immagine è stata pubblicata grazie alla licenza CC BY-NC-ND 2.0

Chiamiamolo il momento canadese americano.

All'inizio di febbraio, poco dopo una riunione di lavoro telematica in un caffè locale, Victoria Heath, un'americana che vive a Toronto, ha assistito a qualcosa di straordinario. Un uomo si è avvicinato al barista e ha chiesto dell'acqua. Quando questo si è voltato per prendere una tazza, l'uomo ha sgraffignato il barattolo delle mance. Sorpreso, il personale del bar ha cercato di convincerlo a cedere il barattolo, offrendogli anche pochi dollari e cibo gratis. “Mi dispiace, signore, ma non ho soldi”, ha risposto l'uomo, con evidente rimorso, prima di uscire con il barattolo.

La trasgressione, con sorpresa di Heath, non ha prodotto ulteriori drammi. E in un gesto di simpatia, alcuni avventori hanno trovato un barattolo vuoto e hanno iniziato a riempirlo di contanti.

“Per un americano questa è una cosa davvero surreale. Infatti, non ci sono state minacce o aggressioni contro quest'uomo. Non sono nemmeno sicura che sia stata chiamata la polizia”, ha scritto [en, come tutti i link seguenti] in seguito Heath su LinkedIn.” C'era solo la calma comprensione che l'uomo non intendeva fare del male a nessuno e che probabilmente aveva un disperato bisogno di soldi “.

Con le sue torri di acciaio e vetro, i pendolari privi di emozioni e i fan sfegatati dello sport, Toronto potrebbe sembrare una qualsiasi città americana. Eppure sono momenti come quello di Heath che portano alla luce quello che non è di certo un segreto: il Canada può sembrare un mondo a parte rispetto agli Stati Uniti.

Nel 2018 ho lasciato la Cina, dove sono nato e cresciuto, per frequentare la scuola di specializzazione in Canada. Avevo appena concluso un percorso di sette anni come giornalista, in un momento in cui la stessa professione sembrava sempre più pericolosa in uno stato autoritario. Trasferendomi in Canada, ho avuto la possibilità di mettere radici in un paese aperto e democratico. Come Heath, da nuovo arrivato spesso mi trovo ad accostare il Canada al suo vicino meridionale. Entrambi i paesi, dal lavoro con gli americani alla mia istruzione in Canada, hanno contribuito ad influenzare la mia personalità e visione del mondo.

L'autore all'aeroporto internazionale di Pechino il 17 agosto 2018. Foto dell'autore usata con permesso.

Ad esempio, ho imparato l'inglese colloquiale guardando la serie televisiva americana Friends. Per il mio primo master in Cina, il mio relatore di tesi era un americano del Kansas. Mi sono fatto le ossa nel giornalismo al McClatchy Newspapers, un'organizzazione giornalistica americana, e ho lavorato per il New York Times a Pechino per quasi tre anni. Se la mia cultura nativa cinese mi ha insegnato il duro lavoro e la conformità, gli americani mi hanno introdotto a un altro sistema di valori, uno che premia il pensiero critico, l'ingegnosità e la libertà personale.

Per molto tempo ho pensato che il Canada fosse solo un'altra America, solo con persone più gentili e clima più freddo. Da quando mi sono trasferito a Toronto, sono rimasto affascinato dal rapporto speciale che esiste tra i due paesi. Stando alla mia esperienza, i canadesi spesso lottano per spiegare ciò che contraddistingue la loro nazione oltre al multiculturalismo, e tendono a sottolineare frequentemente di non essere americani. Ripetono spesso, infatti, la frase “noi non siamo loro”, riferendosi ai vicini di casa del Canada. “Semplicemente NON siamo americani”, mi dicevano molti canadesi, prima di snocciolare una lunga lista di differenze: sistema sanitario, cultura delle armi e persino carattere nazionale.

Eppure, qualunque cosa dicano i canadesi sul loro vicino meridionale, gli Stati Uniti incombono ancora nella psiche canadese. Prendete, per esempio, la mia vita al campus. Un compagno di classe canadese spesso ci intratteneva senza sforzo con le sue imitazioni dei presidenti statunitensi da Donald Trump a Ronald Reagan. Un professore si è vantato che il nostro programma di laurea aveva un tasso di accettazione vicino a quello delle migliori università americane. E nonostante il loro disprezzo per lo stile americano, alcuni canadesi del mio gruppo seguivano la politica americana in modo ancora più ossessivo di quanto guardassero l'hockey.

Il campus dell'Università di Toronto. Foto dell'autore usata con permesso.

“I canadesi sono convinti che il Canada sia completamente contrapposto agli Stati Uniti”, ha scritto Jeffrey Simpson, un ex giornalista del The Globe and Mail, nel suo libro Star-Spangled Canadians (2000). “Questa valutazione canadese genera una miriade di reazioni, che vanno dall'invidia alla rabbia, dal complesso di inferiorità alla superiorità morale, dal dubbio alla sfida”.

A differenza delle considerazioni canadesi sugli USA, il Canada si registra a malapena nella coscienza americana. Quando è stato chiesto di nominare la capitale canadese, un intervistato americano ha detto a BuzzFeed News nel 2015 che “è Toronto, o Quebec, o c’entra qualcosa con Victoria?” Non c'è da stupirsi che l'autore Margaret Atwood paragoni il rapporto tra Stati Uniti e Canada ad uno “specchio unidirezionale” attraverso il quale i canadesi vedono gli Stati Uniti, ma non viceversa. Nel 1969, il primo ministro Pierre Trudeau fece la nota osservazione in cui paragonava l'America ad un elefante: sosteneva infatti che trovarsi accanto all'America è come “dormire con un elefante” di cui si sente “ogni spasmo e grugnito”.

Nonostante il disequilibrio, alcuni sostengono che le differenze percepite siano esagerate. Prendete, per esempio, Charlotte, una mia compagna di classe americana che si è trasferita in una scuola di specializzazione canadese dopo aver studiato in Scozia per anni. “Sapevo che non avrei dovuto adattarmi così tanto. Durante i miei studi universitari, infatti, sono riuscita a sentirmi a casa anche senza essere effettivamente tornata negli Stati Uniti “. Ha detto:” I canadesi si considerano diversi dagli americani perché non vogliono ammettere quanto siano simili “.
In effetti, se chiedeste a statunitensi e canadesi quale musica ascoltano e quali film vedono ricevereste risposte molto simili.

In entrambi i paesi vige un regime democratico che accoglie numerose popolazioni immigrate. Circa il 70% del commercio estero del Canada fluisce verso gli Stati Uniti attraverso il confine più lungo ed indifeso del mondo.

Ed Grabb, professore di sociologia alla Western University, afferma che qualsiasi tentativo di mettere in evidenza le differenze tra i due paesi deve tenere conto delle varianti regionali. Per lui, le differenze possono essere comprese più facilmente dividendo gli Stati Uniti e il Canada in quattro sottogruppi distinti: il sud degli Stati Uniti conservatore, il Quebec politicamente e culturalmente liberale di sinistra, il Canada inglese e il nord degli Stati Uniti. “Il Canada inglese e il nord degli Stati Uniti sono molto simili nei loro atteggiamenti e comportamenti”, ha riferito alla UBC News nel 2011.

Tuttavia, il motto “noi non siamo americani” è particolarmente radicato nelle convinzioni canadesi, probabilmente spinto da un senso di patriottismo e orgoglio. Il Nord America, dicono, non è un concetto monolitico e anche tra i vicini più prossimi si possono notare non poche differenze: dalla politica all'etichetta e ai modi di fare.

Una popolare pubblicità della birra canadese del 2000 con protagonista “Joe”, un personaggio con una tipica camicia a quadri da boscaiolo, è diventata ben presto un bersaglio degli Stati Uniti.

“Ho un Primo Ministro, non un Presidente. Parlo inglese e francese, non americano”, esclama Joe nel suo entusiasmante monologo davanti ad un grande schermo, con la voce che si fa più forte man mano che il discorso prosegue. “Credo nel mantenimento della pace, non nella polizia, nella diversità, non nell'assimilazione … e si pronuncia” Zed “, non” Zee! “… Il Canada è la seconda massa continentale per estensione, la Prima Nazione di Hockey e la parte migliore del Nord America! Il mio nome è Joe, e IO. SONO. CANADESE!”

Il divario si riflette anche nel temperamento: un americano stereotipato è sfacciato, arrogante e supponente, mentre i canadesi sono considerati deferenti, gentili e avversi al rischio. Le divergenze – almeno secondo la narrativa popolare – sono sorte nel corso dei secoli.

Immaginando una nuova repubblica i padri fondatori dell'America scrissero “vita, libertà e ricerca della felicità” nella Dichiarazione di Indipendenza del 1776. Dopo la Rivoluzione Americana, un trionfo sui colonizzatori britannici, il mantra gettò il seme per l'individualismo sfrenato e un profondo scetticismo nei confronti di un eccessivo intervento del governo. Il Canada, invece, seguì  un percorso diverso:  i suoi mandati costituzionali – pace, ordine e buon governo – furono prescritti a Londra per una colonia britannica.

Il compianto romanziere canadese Robertson Davies è arrivato ad etichettare il suo paese come una “monarchia socialista”.  È opinione diffusa, infatti, che l’autonomia e le libertà incontrollate possano minare il bene collettivo superiore.

Bisogna poi considerare la recente risposta dei due governi alla crisi della COVID-19: mentre gli Stati Uniti a volte hanno lasciato che la partigianeria minasse gli sforzi per raccogliere una forte risposta del governo, i politici canadesi di diverse fasce si sono uniti in una mossa largamente collettiva per affrontare una crisi senza precedenti. Su base pro capite, il tasso di mortalità della COVID-19 negli Stati Uniti è il doppio di quello del Canada.

Se avessi frequentato una scuola di specializzazione negli Stati Uniti, come sarebbe stata la mia esistenza adesso? Sarei in grado di ricostruire la mia vita nell'America di Trump, dove i lavoratori stranieri e gli studenti internazionali sono stati presi di mira da una spietata repressione dell'immigrazione?

A differenza degli Stati Uniti, il Canada non ha voltato le spalle agli immigrati, molti dei quali arrivano nel paese nutrendo sogni e ambizioni diversi. Questi aiutano a costruire l'economia e si aggiungono ai punti di forza della società. Secondo gli ultimi dati ufficiali disponibili pubblicati nel 2011, tra gli immigrati residenti nel paese ospitante da sei a dieci anni, il tasso medio di cittadinanza in Canada è del 71%, contro il 24% degli Stati Uniti.

Pendolari mattutini a Toronto, una delle città culturalmente più diversificate del mondo. Foto dell'autore, pubblicata con permesso.

Ovviamente il Canada non è perfetto. Molti problemi che affliggono gli Stati Uniti, tra cui razzismo e vagabondaggio, affliggono anche il Canada. Tuttavia, il paese si sente diverso, più sicuro e più accogliente. Mi sento a mio agio a parlare cinese nella Yonge Street a Toronto, in una città multiculturale dove il colore della pelle e l'accento raramente creano disapprovazione. E anche se la gente si aspetta che io sia rispettoso, nessuno mi obbliga a “comportarmi come un canadese”.

In questo periodo di pandemia in cui sto cercando di pianificare la mia vita in Canada, sto percependo da lontano la forte tensione scaturita tra il mio paese natale e gli Stati Uniti, e sto vedendo come Pechino e Washington lottino per una maggiore influenza a livello globale. La pandemia COVID-19, infatti, ha contribuito a velocizzare una spiacevole competizione tra le due potenze: entrambe le parti tendono a reclamizzare l’eccezionalità autoproclamata del proprio governo.

Purtroppo, l'aggressività sta emergendo come una nuova moneta nella geopolitica globale. Ha ferito il Canada, in seguito all‘arresto di un dirigente di una società tecnologica cinese a Vancouver nel 2018 per conto degli Stati Uniti. Poi, Ottawa ha dovuto affrontare sia l’ira di Pechino che l‘indifferenza di Washington.

Per molti immigrati che vivono negli Stati Uniti, l'aggressività può essere altrettanto atroce. Un amico cinese, che sta per iniziare il suo dottorato in un'università della Ivy League [gruppo di università particolarmente prestigiose], ha imballato tutti i suoi averi per prepararsi al peggio quando l'amministrazione Trump ha recentemente minacciato, senza successo, di revocare i visti degli studenti internazionali i cui corsi erano interamente online a causa della pandemia.

La scorsa settimana mi ha contattato con una richiesta insolita. “Molti dei miei compagni di classe cinesi a Washington vogliono immigrare in Canada. Hai tempo per chattare? ” ha chiesto su Facebook Messenger. Durante un'ora di conversazione su Zoom, lui, insieme ai suoi colleghi, alcuni dei quali lavorano per organizzazioni internazionali come il FMI e la Banca mondiale, mi hanno tempestato di domande sulla vita in Canada e sulla sua politica di immigrazione. Infatti, non riescono a sentirsi benvenuti né negli Stati Uniti né in Cina.

Oggi, a due anni dall'inizio della mia nuova vita in Canada, penso ancora alle parole di commiato di un ex collega americano: “Congratulazioni, stai realizzando sia il sogno cinese che il sogno americano, trasferendoti in Canada”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.