chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Una volta, gli studenti americani che parlavano in spagnolo erano puniti. Qui, sono premiati

Kiara Rivas-Vasquez, a sixth-grader from Oregon, gives a confident smile to her mother who is watching on from the front row. Credit: Simon Thompson/PRI

Kiara Rivas-Vasquez, una bambina di prima media dell'Oregon, sorride alla madre che la guarda dalla prima fila. Credit: Simon Thompson/PRI

Quest'articolo di Simon Thompson  [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è inizialmente apparso su PRI.org il 27 luglio 2016. È ripubblicato qui come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Il teatro è in fermento: docenti che gironzolano, studenti che mormorano su discorsi stampati e genitori che, orgogliosamente, cercano di incoraggiarli. Dopo gli ultimi abbracci e qualche lacrimuccia, i partecipanti al contest di pelling sono portati dietro le quinte.

Per Jybr Reynoso HidrogosIt, seconda media, è la seconda volta. È arrivato tra i primi cinque l'anno scorso, ma non ha vinto un trofeo. Da quel giorno, ha passato due o più ore a fare pratica di spelling. Così ha battuto i suoi compagni di classe e ha vinto la gara eliminatoria che gli ha permesso di essere qui oggi.

“Sembrava impossibile e invece sono qui. È un sogno” dice Jybr.

Questo non è lo Scripps National Spelling Bee che guardi su ESPN. Questo è il Concurso Nacional de Deletreo en Español [es], il Concorso di Spelling Nazionale Spagnolo, tenuto questo mese a San Antonio, in Texas.

Le parole sono tratte dalla “Lista de Palabras,” un elenco di 1.448 parole spagnole. Quando i partecipanti hanno bisogno che una parola venga ripetuta, definita o usata in una frase, sono invitati a chiederlo ai giudici in spagnolo. Devono anche posizionare correttamente gli accenti diacritici, come la tilde in artimaña (trucco), la dieresi in ungüento (unguento) o l'accento in constelación (costellazione).

“A volte è difficile,” afferma Jybr. “Ci sono alcune parole in cui sembra non esserci nessun accento, non lo senti, ma in realtà c'è.”

Jybr impara lo spagnolo da quando era in culla. Nonostante frequenti l'indirizzo bilingue della scuola media Bradley a San Antonio, parla principalmente in inglese con i suoi compagni.

I suoi genitori si sono trasferiti dal Messico negli Stati Uniti prima che lui nascesse. Suo padre, Liborio Reynoso, dice che vedere suo figlio competere nella loro lingua madre è motivo di grande orgoglio.

“Oh cavolo!” esclama. “La mia prima lingua, la mia lingua madre. Vogliamo che la nostra lingua si affermi in questo paese.”

Non è passato molto tempo da quando la prima generazione di cittadini americani come Jybr veniva ripresa se parlava spagnolo nelle scuole ed era invitata ad abbandonare la lingua madre.

Il direttore del contest di spelling spagnolo, David Briseño, è cresciuto nello stato americano di Nuovo Messico dove i suoi genitori, parlanti spagnolo, erano convinti che insegnare la lingua al figlio lo avrebbe trattenuto. Ora sessantenne, dice che non ha ancora abbastanza padronanza dello spagnolo.

“I miei genitori hanno vissuto il periodo in cui se parlavi spagnolo a scuola venivi punito,” dice. “Volevano assicurarsi che noi non venissimo puniti.”

Dice che i suoi genitori erano denigrati, sculacciati o gli veniva lavata la bocca con il sapone se i maestri li sentivano parlare nella loro lingua madre. A molte persone non va di parlare di queste tristi storie, ma un'altra dirigente scolastica al contest di spelling spagnolo mi ha detto che la stessa cosa è accaduta ai suoi genitori. All'evento dell'anno scorso, José Reyes, un istruttore bilingue della scuola Gadsden in Nuovo Messico, mi disse che un'insegnante lo punì perché parlava in spagnolo. Andò a scuola a El Paso, in Texas, negli anni '60 e '70.

“Utilizzavo lo spagnolo e mi ricordo che lei mi portò al lavandino all'angolo e mi lavò la bocca con il Borax, con il sapone. E mi disse, ‘Non userai più questa lingua.’”

Fifth-grader Mariana Moya-Rubiano from Thomas Harrison Middle School, Harrisburg, Virginia, correctly spells her first word in the competition. 27 students competed — accents, tildes and all — in the bee this year. Credit: Simon Thompson/PRI

Mariana Moya-Rubiano della quinta elementare della scuola Thomas Harrison, a Harrisburg, in Virginia, fa lo spelling corretto della sua prima parola nella competizione. Tra accenti, tilde e tutto il resto, quest'anno hanno partecipato alla competizione 27 studenti. Crediti: Simon Thompson/PRI

Briseño ha fondato il Contest Nazionale di Spelling Spagnolo sei anni fa per cambiare queste attitudini e per innalzare lo status della lingua spagnola negli Stati Uniti.

Gli sforzi come il suo fanno la differenza. I benefici del bilinguismo hanno avuto il loro riconoscimento nel 1968 con l'Atto dell'Educazione Bilingue. La legislazione federale ha invitato le scuole ad affiancare l'insegnamento in lingua madre per gli studenti le cui abilità con l'inglese sono limitate.

Uno studio del 2010 sulla Rivista della Ricerca Educativa ha esaminato 63 casi riguardanti gli effetti del bilinguismo. Ne è risultato che essere in grado di parlare più lingue migliora la memoria, le abilità di risoluzione dei problemi e si incrementa l'attenzione.

Non è solo un vantaggio per coloro che a casa parlano un'altra lingua oltre all'inglese. Briseño ha dichiarato che anche chi non è di madrelingua spagnola sta approfittando dei programmi scolastici in due lingue. Secondo la Lettera d'Educazione dell'Harvard, i programmi sono aumentati di 10 volte in 10 anni. Nel 2011, erano circa 2.000 i programmi nazionali insegnati in inglese e in una seconda lingua.

Gli studenti la cui lingua madre è l'inglese stanno al passo nella competizione in spagnolo. Dopo tre ore di intensi round, tre dei primi cinque finalisti non sono di madrelingua spagnola.

Joe Dooley, terza media, di Dedham in Massachusetts è stato eliminato proprio prima della pausa pranzo.

“Ho fatto meglio di quanto pensassi,” ha detto. “Ero contento quando ho indovinato [la parola].”

Dooley è tra i pochi a non essere bilingue. Lo stato americano del Massachusetts richiede che nelle scuole pubbliche si insegni solo in inglese. Secondo l’Associazione dell'Educazione Bilingue del Massachusetts, solo 33 scuole, in tutto lo stato, offrono programmi in doppia lingua o programmi d'immersione in altre lingue.

La scuola media Dedham non è una di queste, perciò Dooley studia spagnolo come materia opzionale. È così che ha scoperto il contest spagnolo di Spelling.

“Quando l'ho saputo ero felicissimo, sono stato il primo della mia classe, terzo della scuola e sono arrivato secondo ai regionali” ha detto Dooley.

Il Massachusetts sta considerando la legislazione che permetterebbe alle scuole locali di scegliere tra i programmi più appropriati in base agli studenti che imparano l'inglese. Cambiare la legge potrebbe mischiare più principianti della lingua inglese con i madrelingua inglesi come Dooley.

Sua madre, Liz O’Donnell, spera che il modello della doppia lingua venga implementato nella scuola di suo figlio.

“Mi piacerebbe accadesse. Sarebbe meraviglioso, soprattutto considerando che stiamo diventando un paese a maggioranza minoritaria,” dice, riferendosi alle Proiezioni dell'Ufficio del Censimento degli Stati Uniti secondo cui le persone di colore saranno maggiori di quelle bianche nel giro di 30 anni.

Il Concorso Nazionale di Spelling in spagnolo ha avuto 11 partecipanti nella prima edizione. In passato si è tenuto ad Albuquerque, in Nuovo Messico. Quest'anno, sono 27 i partecipanti, e rappresentano nove stati: California, Colorado, Florida, Massachusetts, Nuovo Messico, New York, Oregon, Texas e Virginia. Circa 270 studenti hanno partecipato alle eliminatorie statali e regionali fino ad arrivale sulla scena nazionale, afferma Briseño.

William Moss è un educatore nella scuola di Brentwood a Long Island, New York. Nella scuola il 79% è ispanico, una delle scuole più ispaniche dello stato. Questo è il primo anno che New York è rappresentanto nel contest.

“Un programma così, al sesto anno, dovrebbe essere già in ogni stato,” ha dichiarato.

Moss sta organizzando la prima gara di spelling spagnola di New York per il 2017: “Sono sorpreso dal fatto che certe cose non fossero già state fatte. Perché gli insegnanti di spagnolo dell'America non hanno un contest di spelling spagnolo? Assurdo!”

Questo è anche il primo anno che la competizione nazionale è tenuta fuori dal Nuovo Messico. Briseño ha detto che c'erano speranze che il contest avrebbe raggiunto un bacino d'utenza spagnola più ampio inserendosi nel mercato dei media ispanici con un passo verso San Antonio. Ma fondi ed esposizione restano un ostacolo per il contest.

“Ne avevamo un altro [partecipante] — in realtà delle Isole Vergini, territorio degli Stati Uniti — ma non avevano soldi sufficienti per arrivare qui,” ha detto. “Questo è un lavoro di amore e sta arrivando qui a mie spese.”

All'ultima manche, la sfida è stata tra Jybr e Kiara Rivas-Vasquez dell'Oregon. I loro passi hanno fatto eco nel teatro, le poltrone cigolavano e il pubblico era in tensione prima di ogni parola.

Gli spettatori facevano profondi sospiri di sollievo quando gli spelling erano confermati. “Correcto,” dicevano i giudici dopo ogni round.

I partecipanti hanno gareggiato per un tempo che è sembrato infinito (ma in realtà erano circa 25 minuti) finché Rivas-Vasquez ha commesso un errore. Ha messo la “h” all'inizio di ermitaño, che significa “eremita.”

Jybr non riusciva a star seduto quando lo hanno chiamato per il suo turno. Ha raggiunto il microfono. Correttamente e consapevolmente ha detto: “E-r-m-i-t-a-ñ o.”

“Correcto.”

Jybr non ha esultato né si è deconcentrato mentre ha rivolto lo sguardo verso i giudici per la parola finale. Se non sbaglia, conquisterà il titolo nazionale.

La parola è Tahití, l'isola dell'Oceano Pacifico.

Jybr non ha chiesto la definizione, il contesto o una spiegazione.

“T-a-h-i-t i con l'accento.”

“Correcto.”

La folla è esplosa in un applauso. Jybr ha fatto un sospiro che sembrava trattenesse dagli ultimi tre round. Famiglia, amici e docenti sono corsi sul palco per celebrare il campione della Nazionale Spagnola di Spelling. Lui ha detto di non vedere l'ora di tornare a scuola per dirlo ai suoi amici.

“Probabilmente diranno, ‘Oh mio Dio.’ Saranno sicuramente sbalorditi.”

E sta già pensando a come difendere il suo titolo nel contest del prossimo anno. Ma sta anche pensando di partecipare ad una competizione di spelling inglese.

After winning with the word "Tahití,” Jybr Reynoso Hidrogos of Texas is presented with the 2016 National Spanish Championship and $500 in prize money. He is surrounded by organizers of the spelling bee, and the founder and director, David Briseño, who is at the far right. Credit: Simon Thompson/PRI

Dopo aver vinto con la parola “Tahití,” a Jybr Reynoso Hidrogos del Texas viene assegnato il titolo di Vincitore del Campionato Nazionale Spagnolo del 2016 e un premio di $500. Circondato dagli organizzatori del contest, dal fondatore e dal direttore, e da David Briseño, all'estrema destra. Credit: Simon Thompson/PRI

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.