chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Contrariamente a quanto sostiene il governo serbo, l'iniziativa di verifica dei fatti dimostra che i giornalisti sono ben lungi dall'essere “tutti al sicuro”.

Nebojsa Stefanović, Ministro dell'Interno della Repubblica di Serbia. Foto di Zoran Drekalović/Istinomer, utilizzata con autorizzazione.

Questo articolo è apparso originariamente su Istinomer [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] (Truth-O-Meter), un'iniziativa di verifica dei fatti del Centro per la ricerca, la trasparenza e la responsabilità (CRTA). Una versione editata è pubblicata qui di seguito come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Il team della campagna di verifica dei fatti Istinomer (Truth-O-Meter) ha dimostrato che l'affermazione del ministro dell'Interno serbo secondo cui “oggi tutti i giornalisti sono al sicuro” è falsa. Dal 1991 la Serbia è stata testimone di omicidi di giornalisti ordinati da funzionari governativi di alto rango.

Secondo la ricerca dell'Istinomer, le minacce contro singoli giornalisti o gruppi editoriali sono diventate piuttosto frequenti negli ultimi mesi. L'Associazione dei giornalisti indipendenti della Serbia (NUNS) ha dichiarato che dal 1° gennaio al 10 aprile di quest'anno sono state registrate 12 minacce verbali [sr], contro le 23 di tutto il 2018 [sr].

Chi minaccia (a volte anche con la morte) di solito usa internet: lascia commenti sui post, invia messaggi alle caselle di posta di Facebook dei giornalisti, li invia direttamente sul cellulare o addirittura spedisce lettere come quella indirizzata alla redazione dell'emittente televisiva indipendente N1 a febbraio. I giornalisti che lavorano all'N1, che è un'affiliata della CNN, sono spesso etichettati dai sostenitori del regime e dai troll come “agenti stranieri”.

L'emittente è stata anche tra i destinatari degli articoli del sito Istraga.rs [sr]. Il sito è stato aperto nel febbraio 2019, e i suoi autori (sconosciuti e non firmati [sr], mentre il sito non ha neanche un Impressum) hanno pubblicato “exposés” di rispettabili media indipendenti come KRIK e NIN, così come organizzazioni della società civile o partecipanti di alto profilo di proteste anti-governative, come il movimento “Uno su cinque milioni”.

Alcuni dei loro articoli presentano informazioni sui donatori delle organizzazioni come prova del fatto che si tratta di agenti stranieri, mentre altri doxers, soprattutto giovani donne, usano le foto delle loro vacanze dai social media per ritrarle come un'incursione nel lusso con i loro presunti alti stipendi. Nel contesto balcanico, questo tipo di articoli ha un duplice scopo: intimidire i bersagli, in quanto vengono resi consapevoli di essere sotto sorveglianza, e incitare il pubblico in generale contro i media.

Una pagina Facebook chiamata Srbija naša zemlja [sr] (Serbia, il nostro Paese) adotta tattiche simili, etichettando i giornalisti come “estremisti”, “odiatori serbi” e accusandoli di demolire l'ordine costituzionale, ma anche di mettere i politici dell'opposizione in un contesto negativo.

L'impressione dei rappresentanti dell’Independent Journalists’ Association [sr], membro della International Federation of Journalists, è che l'atmosfera stessa della società stimoli le minacce contro i giornalisti. Dicono che ci sono alti funzionari statali che fanno pressione sui giornalisti.

A causa delle frequenti minacce rivolte alla summenzionata stazione N1, la Federazione internazionale ed europea dei giornalisti ha esortato le autorità a smettere di prendere di mira ed etichettare i giornalisti in una dichiarazione rilasciata il 28 marzo. Il 23 marzo il capo della ricerca della Freedom House per l'Europa e l'Euro-Asia, Zeljka Caki, ha dichiarato che “i politici serbi dovrebbero astenersi dal chiamare giornalisti traditori e mercenari stranieri”. Ha aggiunto che “il governo ha il dovere di proteggere la libertà dei media e non di stimolare la rabbia e l'odio contro i giornalisti che fanno il loro lavoro”.

Nonostante tutte le dichiarazioni, il ministro dell'Interno Nebojsa Stefanović ha detto che “oggi tutti i giornalisti sono al sicuro”, il 24 marzo 2019, su N1 TV [sr]:

The period from 2002 to 2008 was marked by assassinations of journalists in Serbia, but today all journalists are safe. Anyone who threatens a journalist is automatically and expediently brought to justice. These people are arrested, processed and brought before prosecutors’ offices and courts. Every threat, any violence, each strike. We are making the prescribed penalties more severe.

Il periodo dal 2002 al 2008 è stato segnato dagli assassinii di giornalisti in Serbia, ma oggi tutti i giornalisti sono al sicuro. Chiunque minacci un giornalista viene automaticamente e opportunamente consegnato alla giustizia. Queste persone vengono arrestate, processate e portate davanti alle procure e ai tribunali. Ogni minaccia, ogni violenza, ogni sciopero. Stiamo rendendo più severe le pene previste.

Ha dichiarato che “il periodo dal 2002 al 2008 è stato segnato dagli assassinii di giornalisti in Serbia”. Tuttavia, in quel periodo non ci sono stati casi di omicidi di giornalisti in Serbia. Tutti gli omicidi segnalati sono avvenuti prima del 2002: il proprietario e giornalista delle riviste “Dnevni telegraf” e “Evropljanin”, Slavko Ćuruvija è stato ucciso nel 1999, mentre il corrispondente di “Večernje novosti” da Jagodina, Milan Pantić è stato ucciso nel 2001. I sospetti circondano ancora oggi la morte nel 1994 della giornalista “Duga”, Radislava Dada Vujasinović, sospettata di essere stata uccisa.

Nel periodo citato dal ministro, c'è stato un grave attentato contro un giornalista, ma non si è trattato di un caso di omicidio: una bomba è stata lanciata dalla finestra della casa di Dejan Anastastijević, giornalista del settimanale Vreme, mentre lui e la sua consorte erano dentro. Il caso non è stato ancora risolto.

Un attentato simile si è verificato nel dicembre 2018, quando due cocktail Molotov sono stati lanciati nel garage di Milano Jovanović, giornalista del settimanale Vreme con l'emittente indipendente Žiginfo.rs. Jovanović aveva indagato su casi di corruzione che coinvolgevano le autorità locali del Comune di Grocka. La sua casa è stata bruciata.

L'ex presidente del comune di Grocka, Dragoljub Simonović, è il principale sospettato di aver ordinato l'attacco. Il pubblico ministero ha chiesto il massimo della pena [sr] per lui e per altri tre. Il processo per questo atto si è aperto nel maggio 2019. Il politico accusato ha portato una folla di sostenitori per acclamarlo durante la sua prima udienza. Questa forte personalità a livello locale sta anche facendo causa al giornalista e al suo redattore in tribunale civile per diffamazione e “danno emotivo”. Jovanović è ora scortato 24 ore su 24 da due poliziotti in borghese.

Il giornalista Milan Jovanović è sfuggito a un tentativo di assassinio che comprendeva anche l'incendio doloso della sua casa, che è andato a fuoco. Foto di Zoran Drekalovic/Istinomer, utilizzata con autorizzazione.

In questo caso, almeno gli autori e i sospetti sono stati identificati. La giornalista Dragana Pećo del Crime and Corruption Reporting Network (KRIK) non è stata così fortunata – un anno e nove mesi dopo che il suo appartamento è stato scassinato e saccheggiato, i colpevoli sono ancora a piede libero [sr].

Quanto è rapida la giustizia in Serbia?

Stefanović ha anche affermato che ogni persona che minaccia i giornalisti e li attacca “sarà opportunamente consegnato alla giustizia”. Secondo i NUNS, però, “la giustizia non è così opportuna e, in alcuni casi, non viene nemmeno raggiunta”. L'avvocato dell'Associazione dei giornalisti indipendenti della Serbia, Marija Vukasović, ha dichiarato [sr] a Istinomer in aprile:

Što se tiče prethodnih nekoliko godina, još je veliki broj nerešenih slučajeva koji se i dalje nalaze u postupcima pred tužilaštvom i gde počinioci nisu identifikovani. U poslednjih nekoliko meseci imamo slučajeve gde su policija i tužilaštvo brzo reagovali, ali to svakako nije dovoljno da bi se situacija poboljšala, a pogotovo ne da bi se reklo da se svaka pretnja, svako nasilje i udarac procesuiraju.

Per quanto riguarda gli anni precedenti, vi è ancora un gran numero di casi irrisolti che sono ancora pendenti presso le procure e in cui gli autori non sono stati identificati. Negli ultimi due mesi, ci sono stati casi in cui la polizia e i procuratori hanno agito tempestivamente, ma questo non è certamente sufficiente per migliorare la situazione, in particolare non è sufficiente per dire che ogni minaccia, ogni violenza e ogni sciopero vengono processati.

In cifre, su 31 casi di aggressioni e pressioni contro giornalisti verificatisi l'anno scorso, quattro sono stati risolti, 16 sono ancora pendenti davanti all'accusa e alla polizia e in un caso è stata avviata una procedura penale, come dimostrano i dati NUNS.

“In cinque casi, è stato stabilito che non vi erano elementi di un reato penale per l'azione penale d'ufficio, e due casi sono in procedimenti giudiziari. Due casi di minacce non sono stati segnalati, e non abbiamo informazioni su un caso”, dice Vukasović.

Nel 2017 il numero totale di aggressioni e pressioni registrate contro i giornalisti è stato lo stesso del 2018 – 31. Di questi, 13 casi sono ancora pendenti presso l'ufficio del pubblico ministero (in un caso è in corso l'applicazione del principio di opportunità).

“In nove casi è stato stabilito che non vi erano elementi per il perseguimento penale, in quanto non vi erano elementi di un reato per il perseguimento d'ufficio. Sei casi sono stati risolti – tre casi per sentenza, due casi per applicazione del principio di opportunità e, in un caso, un altro Stato si è assunto la responsabilità del perseguimento penale. In due casi la procedura è in corso e, in un altro, il tribunale ha respinto le accuse penali”, spiega l'avvocato NUNS.

Per quanto riguarda le disposizioni penali più severe, annunciate anche dal Ministro, Vukasović ha commentato che i rappresentanti dei NUNS non erano a conoscenza di alcuna modifica in corso della legislazione penale. Ha detto:

Ukoliko jeste, bilo bi dobro da se uključe i relevantna novinarska i medijska udruženja, s obzirom na to da učestvujemo u radu Stalne radne grupe za bezbednost novinara a imamo i Podgrupu za analizu krivičnog zakonika u okviru koje je urađena analiza krivičnih dela koja se mogu izvršiti na štetu novinara. NUNS je zajedno sa pravnim stručnjacima i advokatima uradio predloge za izmene krivičnog zakonodavstva koji bi trebalo da unaprede položaj novinara kada je u pitanju pravo na bezbedan i nesmetan rad.

Se è in corso, sarebbe opportuno coinvolgere le associazioni dei giornalisti e dei media interessati, considerando che partecipiamo ai lavori del Gruppo di lavoro permanente sulla sicurezza dei giornalisti e che esiste anche un sottogruppo per l'analisi del codice penale, dove è stata preparata un'analisi sui reati penali che possono essere commessi a danno dei giornalisti. Insieme ai giuristi e agli avvocati, NUNS ha preparato le proposte di modifica delle disposizioni penali che migliorerebbero lo status dei giornalisti per quanto riguarda il loro diritto a un lavoro sicuro e indisturbato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.