chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cresce la violenza in Myanmar con l'avvicinarsi delle elezioni generali di novembre

Sostenitori di un partito politico durante uno scontro nella città di Kantbalu, regione di Sagaing. Foto fornita da The Irrawaddy.

Questo articolo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] di San Yamin Aung è stato scritto per The Irrawaddy, un sito di notizie indipendente della Birmania, rivisto e ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti

Mentre il Myanmar si prepara per le elezioni generali dell'8 novembre, la campagna elettorale si è già tinta di sangue.

Nel'incidente mortale più recente, una folla dell'Union Solidarity and Development Party (USDP) ha attaccato un uomo di 38 anni che tentava di fermare il pestaggio dei giovani sostenitori della National League for Democracy (NLD) durante uno scontro tra i due partiti nella città di Kanbalu, regione di Sagaing. L'uomo, che quando è stato attaccato indossava una maglietta dell'NLD, ha riportato delle gravi ferite alla testa ed è morto in ospedale sabato mattina (24 ottobre), diventando la prima vittima di quest'anno causata dalle violenze elettorali.

Secondo quanto riferito dal corpo regionale governativo per il controllo delle leggi e della giustizia, la folla ha anche danneggiato una casa in cui dei sostenitori dell'NLD tentavano di nascondersi, oltre alle moto di questi e al centro di controllo per il COVID-19 del villaggio.

[L'USDP è un partito sostenuto dai militari che ha governato in Birmania dopo la sua transizione a governo civile del 2011. L'USDP è stato sconfitto dal partito di opposizione NLD durante le elezioni del 2015.]

“Si ritiene che questa violenza sia intenzionale”, dice U Than Htay, un membro del corpo. Secondo le loro indagini, un convoglio dell'USDP con circa 2.000 sostenitori avrebbe fatto avanti e indietro nel villaggio sin dal mattino di giovedì. La conferma è arrivata verso le 15:00, gli aggressori avevano con loro bastoni e coltelli, dice ancora U Than Htay.

Riguardo la morte del sostenitore dell'NLD nella città di Kanbalu, regione di Sagaing, l'ufficio regionale dell'USDP ha dichiarato di non essere a conoscenza dell'incidente, esprimendo il loro rammarico in una conferenza stampa del 27 ottobre per la morte verificatasi durante un raduno dei sostenitori del partito. Cinque sostenitori dell'USDP sono stati arrestati per omicidio e distruzione di proprietà.

I sostenitori del partito non ne fanno parte e, poiché non vi erano prove del coinvolgimento del candidato o di suoi o sue rappresentanti nel caso, la pena per la violenza elettorale ricade sotto il codice penale, con l'accusa di aver commesso atti osceni, lesioni volontarie e vandalismo nei confronti dei leader del gruppo.

Violenza crescente in vista delle elezioni

Preoccupazioni simili sono state manifestate anche da un amministratore locale della città di Myaing, regione di Magwe, dove una folla pro-USDP ha fatto irruzione nella casa di un membro dell'NLD regionale nella notte del 3 ottobre.

La folla ha attaccato la casa di U Myint Naing, membro dell'NLD, dopo che questo avrebbe avuto una discussione con un abitante del villaggio riguardo l'esecuzione dell'inno del partito per la campagna elettorale. U Myint Naing e la sua famiglia sono fuggiti dalla casa mentre vi venivano lanciate bombe molotov.

Gli abitanti del villaggio che facevano parte della folla hanno dichiarato che U Myint Naing e altri due uomini avevano aggredito un altro cittadino che si era recato alla casa e aveva chiesto ai presenti di smetterla di ascoltare l'inno della campagna, sostenendo che i disordini erano in risposta alla violenza dell'NLD. L'amministratore locale U Thant Zin Khaing ha però dichiarato a The Irrawaddy che non ritiene che l'attacco fosse dovuto all'inno della campagna elettorale, sostenendo che l'uomo avesse un coltello e che gli assalitori fossero venuti armati di bombe molotov.

Trentadue persone coinvolte nella violenza sono accusate di vandalismo, violazione di domicilio e distruzione di proprietà pubblica.

Anche dalle regioni di Yangon, Naypyitaw, Mandalay e Ayeyawaddy sono stati riferiti diversi altri casi di intimidazione e aggressione collegati alle elezioni.

Tra i casi più recenti, alla fine di settembre è stata ritrovata una granata inesplosa nella casa di un funzionario elettorale di Naypytaw [it]; a inizio ottobre delle bombe molotov sono state lanciate sulla casa di un membro regionale della National League for Democracy (NLD) nella Birmania centrale; alla fine di ottobre l'Arakan Army (AA) ha rapito tre candidati dell'NLD nella città di Taungup, stato di Rakhine; in diversi luoghi si sono verificate delle rivolte, durante le quali dei sostenitori dell'Union Solidarity and Development Party (USDP), ex partito al governo, hanno gravemente ferito i sostenitori dell'NLD, loro principale rivale. Durante gli scontri sono state danneggiate anche le case e le automobili dei sostenitori dell'NLD.

Perché quest'anno le elezioni sono più violente?

Riguardo gli attacchi degli attivisti dell'USDP durante diversi raduni per la campagna elettorale, U Than Htay, membro del corpo regionale per il controllo delle leggi e della giustizia, ha dichiarato che nella campagna elettorale di quest'anno l'USDP è diventato più violento e aperto alle ostilità rispetto alle elezioni del 2015.

Le elezioni generali del 2015 si sono tenute con l'USDP al governo. Il partito dell'USDP era convinto del proprio successo elettorale e riteneva di vincere abbastanza seggi parlamentari per mantenere il controllo del governo. Invece, riuscì a ottenere soltanto un umiliante 10% dei seggi disponibili per le elezioni.

U Than Htay ha aggiunto:

Unlike with the previous election, this time they know they are likely to lose. Instead of accepting a loss peacefully and competing honestly, they think intimidation will work.

Questa volta, al contrario delle elezioni precedenti, sanno che probabilmente perderanno. Invece di accettare pacificamente la sconfitta e concorrere onestamente, credono che le intimidazioni funzioneranno.

Daw Mya Nandar Thin, membro del gruppo di monitoraggio delle elezioni della New Myanmar Foundation ha detto che quest'anno anche il diverso modo di fare campagna elettorale è stato uno dei fattori principali che hanno portato all'aumento della violenza elettorale:

Unlike with previous election, this year’s election is occurring under a different set of circumstances. Because candidates and parties’ campaigns are largely restricted under COVID-19 related guidelines, the campaign convoys and rounds of parties’ supporters replaced the candidates’ campaigns. But there was a lack of specific rules for the parties’ supporters regarding campaign gatherings and security support at events.

Le elezioni di quest'anno si svolgono in circostanze diverse rispetto a quelle precedenti. Poiché le campagne elettorali dei candidati e dei partiti si trovano limitate dalle linee guida per il COVID-19, la campagna effettuata nei raduni e nei convegni dei sostenitori dei partiti ha preso il posto della campagna dei candidati. C'è stata però una mancanza di regole specifiche per i sostenitori dei partiti riguardo alle riunioni per la campagna e di supporto alla sicurezza durante gli eventi.

Daw Mya Nandar Thin ha dichiarato che, anche se sono necessarie delle misure di sicurezza per prevenire ulteriori violenze elettorali, i partiti politici stessi dovrebbero imporre ai propri sostenitori e membri di evitare violenze.

Secondo la New Myanmar Foundation, dalla metà di agosto in poi ci sono stati più di 40 episodi di violenza legati alle elezioni. Durante le elezioni generali del 2015 è stato riportato un totale di 28 episodi violenti.

il dott. Myo Nyunt, portavoce dell'NLD, ha dichiarato che il partito ha chiesto ai suoi membri e sostenitori di essere tolleranti e evitare la violenza.

Il dott. Myo Nyunt ha ricordato l'incontro dell'USDP e dei loro alleati dei partiti filomilitari con il capo militare Generale Min Aung Hlaing prima delle elezioni:

Even before the election campaign season began, there were calls for the military to intervene if the election is not free and fair. The public knows a violent organization when they see one and don’t view them favorably. I think the public will become more politically active in response to that electoral violence.

Già prima dell'inizio della campagna elettorale, ci sono state richieste per l'intervento militare qualora le elezioni non fossero state libere e imparziali. Il pubblico riconosce un'organizzazione violenta quando ne vede una, e non le vede di buon occhio. Credo che il pubblico diventerà più attivo politicamente in risposta alle violenze elettorali.

Daw Mya Nandar Thin invece vede le cose in maniera diversa e ha dichiarato che gli episodi di violenza collegati alle elezioni potrebbero aumentare la sensazione di insicurezza e paura fra gli elettori. Se questi incidenti si verificassero nei pressi delle case degli elettori, ha continuato, potrebbe incidere sull'affluenza.

La legge elettorale criminalizza l'uso di violenza, minacce e influenza indebita per impedire a qualcuno di candidarsi o esercitare il proprio diritto di voto. Anche la Legge per la Registrazione dei Partiti Politici (Political Parties Registration Law) vieta le attività di campagna che potrebbero causare conflitti tra persone di religione diversa o attentare all'integrità di gruppi o individui. Qualsiasi partito politico o candidato giudicato colpevole di violazione di questo divieto viene interdetto.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.