chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Funzionari pubblici di Hong Kong costretti a scegliere tra libertà di espressione e il loro lavoro

Immagine di Stand News. Usata con licenza.

Questa è la terza puntata di una storia originariamente pubblicata [zh] su The Stand News in cinese. Tradotto in inglese da Global Voices e sarà pubblicato qui in cinque parti con licenza. Leggi la prima [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] e la seconda parte. 

Da quando sono scoppiate le proteste contro l'estradizione nel 2019, i 180.000 [zh] i funzionari pubblici di Hong Kong hanno dovuto affrontare una tremenda pressione per dimostrare lealtà al governo.

In seguito all'entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale, le autorità di Hong Kong hanno incluso una “clausola di lealtà” nei contratti di lavoro dei funzionari pubblici, chiedendo loro di “giurare fedeltà” alla legge fondamentale.

Secondo il Segretario della Pubblica Amministrazione Patrick Nip, la partecipazione ad attività anti-governative sarà interpretata come una violazione del contratto. Tuttavia, ciò che significa “anti-governo” in tal senso rimane poco chiaro.

Nip, inoltre, avverte che i funzionari pubblici devono prestare attenzione a come gli altri percepiscono la loro attività online. Un certo numero di funzionari pubblici ha già ricevuto lamentele riguardo dei post nei social media – e almeno uno è stato licenziato dopo aver criticato online la polizia di Hong Kong.

Il 18 aprile, dopo che il governo di Honk Kong ha accettato la reinterpretazione dell'Ufficio China Laison dell'art. 22 della legge fondamentale, Peter (nome di fantasia), un funzionario pubblico sui 40 anni, ha deciso di rinunciare al suo stipendio mensile di 100.000 dollari Hong Kong [12,900 dollari USA] e lasciare il suo lavoro. Lavorava per il governo da oltre un decennio.

L'art.22 della legge fondamentale, la mini-Costituzione di Hong Kong del 1997, era stata scritta per impedire alle autorità Cinesi di interferire direttamente negli affari interni della città. Dichiara che “nessun dipartimento del Governo Centrale del Popolo e nessuna provincia, regione autonoma o municipalità direttamente sotto il Governo Centrale possono interferire negli affari che la Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong amministra da sola in conformità alla presente legge.”

Il 17 aprile, l'Ufficio China Liaison ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che l'articolo non dovrebbe essere applicato alle due autorità di Pechino presenti nell'isola, l'Ufficio per gli Affari di Hong Kong e Macao e l'Ufficio China Liaison. Il giorno seguente, il governo di Hong Kong ha accettato la proposta, nonostante il fatto che i due organismi siano stati ufficialmente istituiti nel 2000 in base alle restrizioni previste  dall’art.22.

A maggio, dopo l’annuncio di Pechino sui dei dettagli della legge sulla sicurezza nazionale, Peter si è messo in contatto con un’agenzia di investimenti migratori a si è preparato per lasciare Hong Kong per Taiwan.

Afferma di non poter tollerare che il principio di “neutralità politica”, precedentemente previsto per i funzionari pubblici, sia stato cambiato in “lealtà politica”. Un esempio degli effetti del cambiamento per i funzionari pubblici è stato quando l’Ufficio per gli Affari Interni si è rifiutato di fornire sostegno amministrativo ai consigli distrettuali – come i rimborsi delle spese d’ufficio [zh] – dopo che i pro partiti democratici hanno ottenuto la maggioranza dei seggi al consiglio alle elezioni di novembre 2019 [it]. Peter afferma:

You know, Hong Kong has changed. Now the principle of how things are done is not based on rationality nor public interest… In the past, people used to criticize Hong Kong people as being too materialistic and the Hong Kong government as being too utilitarian and calculative. You can say that the way society is operated is a kind of pragmatic economic principle. However, under such principle, there is a baseline, such as you can’t jail a person for his speech and thought. Even such a pragmatic principle has vanished in current Hong Kong. The totalitarian China and Hong Kong government has led HK into this — now the police can say that chanting a slogan is a crime!

Sapete, ora Hong Kong è cambiata. Ora il principio di come si fanno le cose non è basato sulla razionalità né sull’interesse pubblico… In passato, la gente criticava il popolo di Hong Kong come troppo materialista, e il governo come troppo utilitarista e calcolatore. Si può dire che il modo in cui viene gestita la società è una sorta di principio economico pragmatico. In ogni caso, sotto tale principio, vi è una linea di base, non si può imprigionare una persona per  le sue parole o per il suo pensiero. Anche un tale principio pragmatico come questo è svanito nell’attuale Hong Kong. La Cina totalitaria e il governo di Hong Kong hanno portato HK a questo – adesso la polizia può dire che canticchiare uno slogan è un crimine!.

Quattro anni fa, il volto di Peter è stato ripreso in una fotografia, che è stata ampiamente diffusa, scattata mentre partecipava ad un'assemblea pubblica. Il suo supervisore lo avvertì che tale atto era inappropriato per un funzionario pubblico, il quale dovrebbe rimanere politicamente neutrale. Gli fu chiesto di non partecipare più alle attività politiche.

Anche se Peter non discusse con il suo supervisore, afferma di avere una differente visione di “neutralità politica”. Per lui, significa non discriminare coloro che hanno opinioni politiche diverse e che le sua azioni non dovrebbero essere influenzate da chi detiene la carica di Amministratore Delegato. In altre parole, dovrebbe sostenere il sistema esistente in qualsiasi circostanza politica. Chiede:

If the Hong Kong government introduces a policy that would harm the interest of Hong Kong as a whole, as a Hong Konger, shouldn’t the civil servants voice out our opposition?

Se il governo di Hong Kong introducesse una politica dannosa per l'interesse di tutta Hong Kong, come abitanti di Hong Kong, i funzionari non dovrebbero dar voce alla nostra opposizione?

e aggiunge:

The current situation is that the top government officials are forcing tens of thousands civil servants to lead Hong Kong into an authoritative path. [But] civil servants are also humans with independent thoughts.

La situazione attuale è che gli alti funzionari governativi stanno costringendo migliaia di funzionari pubblici a guidare Hong Kong in un autorevole percorso. [Ma] i funzionari pubblici sono anche essere umani con pensieri indipendenti.

Sub Bak (nome di finzione) è un ufficiale di un'agenzia di polizia. Durante le proteste contro l'estradizione, ha assunto il ruolo di “tutore”, donando buoni pasto e aiutando i manifestanti in prima linea a lasciare i luoghi di protesta in modo sicuro.

Il 1º luglio, quando è entrata in vigore la legge sulla sicurezza nazionale, si è dotato di un telefono fantasma anonimo. Sostiene di credere che Hong Kong alla fine adotterà il sistema di credito sociale cinese per controllare gli abitanti di Hong Kong:

If you subscribe the pro-democracy Apple Daily News, you will get a demerit; if you put up a yellow ribbon on your Facebook profile picture, you will get a demerit; if you buy at a pro-democracy “yellow shop,” you will get a demerit (…) The national security bureau will create political profiles of many individuals, categorize them and turn all the information into a database. They will start with the law enforcement units as these units are politically more sensitive. Tens of thousands of civil servants will be profiled and eventually even the ordinary people will have their own political profile stored in the database.

Se sottoscrivi l'Apple Daily News pro-democrazia, otterrai un demerito; se metti un nastro giallo sulla tua foto del profilo su Facebook, otterrai un demerito; se acquisti in un “negozio giallo” pro-democrazia, otterrai un demerito (…). L'ufficio di sicurezza nazionale creerà profili politici di molti individui, li categorizzerà e trasformerà tutte le informazioni in un database. Inizieranno con le unità di polizia, dato che sono unità politicamente più sensibili. Decine di migliaia di funzionari pubblici saranno profilati e alla fine anche la gente comune avrà il proprio profilo politico memorizzato nel database.

Si aspetta, inoltre, che il sistema di sorveglianza del riconoscimento facciale, ampiamente utilizzato in Cina, sarà presto importato ad Hong Kong.

Siccome Sub Bak ha una famiglia da sostenere e non poteva permettersi di perdere il suo attuale lavoro, all'inizio del 2020 ha smesso di protestare. Ha deciso di fingere di essere un filo-sostenitore del “nastro blu” (un'espressione che significa “pro-governo”, al contrario di “giallo” che significa “anti-governo”) e ha cancellato la sua storia dai social media.

Dice di comportarsi come un “blu” nelle sue interazioni quotidiane, ad esempio chiamando “rivoltosi” i manifestanti e usando il termine “scarafaggi” per descriverli.

Una volta ha intravisto un gruppo WhatsApp in cui i colleghi “blu” hanno segnalato i colleghi “gialli”. Credeva che chiunque venisse segnalato come “giallo” non sarebbe stato in grado di passare il periodo di prova o non sarebbe stato promosso in futuro.

Sub Bak dice che presterà giuramento di fedeltà in cambio di un salario migliore, ma dice che probabilmente lascerà il suo lavoro se sarà costretto a svolgere compiti che vanno oltre la sua coscienza.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.