chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Bosnia-Erzegovina i volontari difendono i migranti bloccati dalle rimostranze locali

Tuzla, Dicembre 2019. Foto di Armin Durgut/Balkan Diskurs, utilizzo autorizzato

Questa storia di Belma Kasumović è stata originariamente pubblicata da Balkan Diskurs [en, come i link successivi, salvo diversa indicazione], un progetto del Post-Conflict Researcher Center (PCRC). Una versione editata è stata ripubblicata da Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

La Bosnia-Erzegovina si trova in un bivio migratorio tra l'Europa orientale e l'Europa occidentale. Secondo il Servizio per gli Affari Esteri del paese, circa 60.000 persone sono entrate senza documenti nel paese dall'inizio del 2018 al giugno del 2020. Molti provengono dal Medio Oriente e dall'Asia meridionale e si dirigono verso l'Europa occidentale.

Ma con la strada che attraversa la Serbia e l'Ungheria bloccata da una recinzione lungo il confine, e con la Croazia che diventa sempre più pericolosa da attraversare per i migranti, a migliaia sono stati bloccati in Bosnia, distribuiti tra centri di accoglienza e campi improvvisati.

A Tuzla, la terza città più grande della Bosnia, i migranti vivono nella stazione principale degli autobus o nei suoi dintorni, dove hanno accesso a una piccola fontana pubblica e possono incontrare persone appartenenti allo stesso culto. Mentre la loro presenza lì infastidisce alcuni locali, un gruppo di volontari sta facendo di tutto per fornire loro una qualche forma di sollievo.

“Mi approccio ad ogni uomo come ad un essere umano. Non mi importa se viene dal Pakistan, dal Marocco, dall'Algeria. Vedo un essere umano bisognoso davanti a me, e agisco di conseguenza. È così che tutto inizia”, afferma Senad Pirić, un volontario di Tuzla.

Un uomo usa la fontana pubblica vicino alla stazione degli autobus a Tuzla nel dicembre 2019.  Spesso i migranti fanno uso di questa fontana per rinfrescarsi e lavarsi. Foto di Armin Durgut/Balkan Diskurs. utilizzo autorizzato.

Nel 2018, Pirić lavorava come giornalista e gli venne assegnato il compito di scrivere una storia sui migranti della stazione. Dopo averli conosciuti, cominciò ad aiutarli portando loro provviste, cibo o denaro.

“Il primo anno è stato relativamente facile per noi, poiché i cittadini di Tuzla non avevano notato queste persone. Venivano qui di notte, dormivano qui nella stazione o nel parco”, ha affermato.

Alla stazione degli autobus, la proprietaria del ristorante Azra Alibegović, fornisce ai migranti un accesso illimitato ai bagni, alle docce e alle prese elettriche. Come segno di gratitudine, spesso la aiutano a pulire il giardino del ristorante.

“La sera, quando chiudiamo, mettono da parte sedie, tavoli, tolgono gli ombrelloni e salutano. In questi tre anni di lavoro con loro, non ho mai avuto un solo incidente. Sono bravi con me qui, mi rispettano, ed io ho per rispetto loro”, ha aggiunto Alibegović.

Stazione dei treni di Tuzla, Dicembre 2019. Foto di Armin Durgut/Balkan Diskurs, utilizzo autorizzato.

Secondo Wikipedia [it], Tuzla è una delle poche città bosniache che “è riuscita a mantenere un carattere multietnico durante e dopo la guerra bosniaca, con bosniaci, serbi, croati e una piccola minoranza di ebrei bosniaci ancora residente in città”.

Ma l'intolleranza ha trovato la sua strada al ristorante di Alibegović. La proprietaria afferma che la gente del posto ora evita di mangiare lì, e anche trovare una nuova cameriera si è rivelato difficile. “Direbbero subito ‘no, ci sono migranti, non lavoro con loro.”

Recentemente, la polizia ha detto a Alibegović che i migranti non sono più autorizzati a radunarsi alla stazione.  “il poliziotto ha detto: ‘Azra, ci sono di nuovo dei migranti nel ristorante’ ed io ho risposto ‘sono i miei unici clienti, non posso cacciarli via”.

Anche i volontari hanno affrontato la condanna dei locali. “Siamo accusati di contrabbando di essere umani, dotandoli di armi e cose simili” dice Pirić. “In realtà, [in tono critico] non possono trovare imperfezioni in noi o nel nostro lavoro, perché lo facciamo con tutto il cuore e senza alcun interesse personale, ed è qualcosa di incomprensibile per le persone”.

Amila Rekić, che di solito aiuta le migranti fornendo loro alloggio al Safe House, un rifugio per le donne vittime di violenza domestica , dice che la mancanza di fondi e la pressione pubblica sta allontanando altri volontari. “Alcuni cittadini pensano che se non ci fosse l'aiuto dei volontari, i migranti non verrebbero più a Tuzla”, sostiene Rekić.

Per Rekić, la costante attenzione dei media ha contribuito ad alimentare la sfiducia nella comunità locale. “Sì, ci sono gruppi di persone che causano problemi. E questo accade come conseguenza della perdita di tutto, incluso il venir privati dei diritti umani fondamentali. Succede perché tutto quello stress, ansia, ed altre cose si accumulano, o perché sono semplicemente quel tipo di individuo – come alcuni di noi sono”, ha affermato.

Pirić sostiene che molti migranti vengono con il desiderio di trovare un lavoro, e si risente del fatto che la società li escluda nonostante i loro talenti. “Uno di loro ha, per esempio, un talento per la pittura. Abbiamo avuto un hafiz [it] del Corano, un falegname, un cuoco. E ora chiedono tutti le elemosina per le strade del nostro paese, mentre da qualche altra parte il loro talento sarebbe apprezzato”.

I dati di IOM della Bosnia Erzegovina pubblicati nel settembre 2020 [en] mostrano che ci sono 7400 migranti registrati in sette centri di accoglienza, provenienti principalmente da Afghanistan, Pakistan, Palestina, Siria e Algeria.

Gli amici marocchini

La stazione di Tuzla è una casa temporanea per due amici marocchini che, oltre a condividere il nome – Hamza-, dividono lo stesso posto per dormire sotto il cielo aperto. Si sono conosciuti quando erano in Serbia e si sono rincontrati a Tuzla.

Uno dei due ha descritto come pensa che la comunità locale li percepisca: “Pensano che siamo tutti uguali. So che alcune [persone] stanno causando dei problemi, ma non siamo tutti uguali”.

La Bosnia non è la loro destinazione finale – la coppia spera di trasferirsi nell'Europa occidentale.

I due amici Hamza durante un pranzo nel ristorante di Alibegović. Foto di Belma Kasumović/Balkan Diskurs, utilizzo autorizzato.

Rekić afferma che i migranti spesso mostrano gratitudine per l'aiuto che ricevono. “Il fatto che ci chiamino una volta lasciato il paese lo dimostra. Seguiamo il corso delle loro vita, restiamo in contatto. Incontriamo le loro famiglie”.
“I momenti più emozionanti sono quelli in cui le madri appaiono dall'altra parte dello schermo del telefono e piangono, ci ringraziano per aver fornito loro un pasto o delle scarpe quel giorno, o per aver trovato loro un alloggio”.

Per Pirić non basta dar loro da mangiare o trovare un posto dove dormire. “Voglio ridargli la loro dignità, voglio che vedano che contano”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.