chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In che modo YouTube ha aiutato una attivista di Hong Kong a diventare una sostenitrice di Trump?

Steve Bannon, ex consigliere della Casa Bianca, ed Elmer Yuen, un popolare commentatore di YouTube in merito ai rapporti tra Hong Kong, Cina, e gli USA. Immagine video catturata dal canale YouTube di Elmer Yuen.

Il post seguente è una traduzione parziale della storia pubblicata [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] su Stand News il 2 novembre 2020. Viene pubblicata su Global Voices sulla base di un accordo di partenariato.

Ci sono stati diversi articoli pubblicati sui media di lingua inglese che analizzano il fenomeno secondo il quale gli attivisti favorevoli alla democrazia ad Hong Kong siano favorevoli alla rielezione del presidente USA Donald Trump.

Chan Lai Chung, 61 anni, è una di questi sostenitori, e questa è la sua storia.

Quando, nel 2019, è scoppiata la protesta anti estradizione, Chan viveva nella città di Zhongshan in Cina con le sue sorelle. Non appena ha potuto, è tornata ad Hong Kong per unirsi ai dimostranti – e da allora non è mai più ritornata sulla madrepatria.

Chan non ha solo preso parte alle proteste, ma è anche diventata un'osservatrice del tribunale, ed ha sovente fatto visita agli attivisti arrestati in carcere. E’ e si dimostra carica quando parla degli arresti: “non abbiamo pistole e cannoni in Hong Kong, quindi se la comunità internazionale non desidera parlare, non possiamo fare nulla”

Chan ha inizialmente pensato al lobbying internazionale nel settembre 2019, quando gli attivisti di Hong Kong Joshua Wong e Denise Ho hanno partecipato alle audizioni del congresso statunitense relative all’ Hong Kong Democracy Act [it], una legge che richiede al governo statunitense di imporre sanzioni alla Cina per le violazioni commesse ad Hong Kong.

Quando la protesta si è placata ne 2020, ha iniziato a trascorrere più tempo sulle piattaforma dei social media. Alcuni mesi fa, ha conosciuto il canale YouTube “Father Yuen, Yuan Gong Yi Political and Economic Commentary.” (commenti politici ed economici di Padre Yuen, Yuan Gong Yi) che offre commenti politici sugli Stati Uniti, Cina ed Hong Kong in cinese, con un seguito di 175.000 visualizzatori dal momento della sua creazione in maggio.

“Padre Yuen” è l'uomo d'affari 71enne Elmer Yen Gong Yi, la cui figlia Erica Yuen è la presidentessa del People Power (potere del popolo), un partito politico sostenitore della democrazia, fondato nel 2011, che si basa su di un canale radio e sui social media per raggiungere i propri sostenitori. Ad inizio giugno, Elmer Yuen ha lasciato Hong Kong per Washington, D.C., dove ha avviato incontri con figure politiche statunitensi come lobbista diplomatico indipendente.

Mentre ad Hong Kong non era stato un attivista politico di alto profilo, Yuen ha facilmente ottenuto accesso ai circoli politici statunitensi, incontrando importanti attivisti politici quali Wei Jingsheng, il consulente per le politiche cinesi di Mike Pompeo Miles Yu, e l'ex consigliere della Casa Bianca di Trump Steve Bannon.

Al momento dell'entrata in vigore della National Security Law (legge nazionale di sicurezza) in Hong Kong in luglio, Yuen ha deciso di rimanere oltremare. Ad agosto, aveva già più di 100.000 iscritti al suo canale YouTube, compresa Chan.

“Mi piace veramente ascoltare Padre Yuen”, dice. “ha disegnato una via da percorrere e mi guida a seguirla”. Ogni giorno, oltre a seguire i processi dei protestanti in tribunale, Chan dichiara di passare il suo tempo guardando canali politici YouTube. .

Interrogata in merito alle elezioni statunitensi, Chan ha risposto “Trump sostiene Hong Kong, Biden sostiene la Cina”. Alla domanda di chiarimenti ha risposto: “Trump ha tentato di essere duro verso la Cina avviando la guerra dei dazi, mentre Biden dice che eliminerà le tariffe imposte sulla Cina”.

Ad Agosto è stato chiesto a Biden in un'intervista su NPR se avrebbe mantenuto le tariffe imposte da Trump sui prodotti di produzione cinese, e sembra abbia risposto di no.

Chan dice che, per sconfiggere il Partito Comunista Cinese e salvare Hong Kong, gli abitanti di Hong Kong devono sostenere la rielezione di Trump.

Le sue raccomandazioni YouTube comprendono nuovi reportage daEpoch Times, Voice of Hope, e Radio Free Asia (RFA). I primi due canali sono stazioni mediatiche di lingua cinese fondate dal Falun Gong [it], un gruppo cristiano cinese costretto all'esilio da governo cinese negli anni '90.

Una recente indagine da parte del New York Times ha rivelato che il sostegno di Epoch Times verso Trump ha aumentato la sua influenza presso i lettori dell'ala destra negli Stati Uniti.

Interrogata in merito alle ultime notizie ricevute in merito alle elezioni USA; ha fatto riferimento a notizie riportate dal canale You Tube dell’ Epoch Times. Il titolo del reportage di 25 minuti è “Biden’s 5 million bribe / Joe Biden spies on his son and brother, the family is in chaos / New York Time has been infiltrated? / Xi Jinping attempts to subvert the U.S with 600 organizations! / The 0 patient is man made? Story behind the Covid 19 outbreak in Xinjiang” (cioè la sposa da 5 milioni di Biden / Joe Biden fa la spia su suo figlio e fratello, la famiglia è nel caos / Ci sono state infiltrazioni nel New York Time? / Xi Jinping tenta di sovvertire gli Stati Uniti con 600 organizzazioni! / Il paziente zero è creato in laboratorio? Storie dietro la propagazione del Covid 19 in Xinjiang) ed il suo contenuto è pieno di asserzioni non verificate, cospirazioni e disinformazione.

Alla domanda su cosa sapesse di Joe Biden, Chan ha risposto “il figlio di Biden ha qualcosa con sua nipote”, riferendosi probabilmente ad una bufala che insinua falsamente che siano state trovate foto indecenti della 16enne nipote di Joe, Nathalie Biden, nell'hardware del computer del figlio del presidente Hunter Biden.

Il New York Post, un tabloid statunitense conservatore, ha recentemente dichiarato di aver ricevuto dall'avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, un hard drive di un computer che si ritiene appartenga ad Hunter Biden, contenente e-mail personali che suggerivano che Joe Biden fosse convolto negli affari di Hunter in Ucraina.

Molti dei media ufficiali statunitensi hanno messo in dubbio la credibilità della storia e non le hanno dato seguito.

Il Wall Streer Journal, pro-repubblicano, che parimenti ha avuto accesso all'hard drive, ha solamente pubblicato un breve articolo dichiarando che le insinuazioni contro Biden non sarebbero state provate.

Ma, sul canale YouTube di Yuen, la persona di Giuliani è stata elogiata, ed il contenuto dell'hard drive è stato chiamato “prova”.

Anche il The Epoch Times ha pubblicato diversi video che portavano le e-mail come prova del coinvolgimento di Joe Biden negli affari ucraini di Hunter.

“Padre Yuen” ha detto che la maggioranza dei media negli USA ha soppresso le notizie in merito all'hard drive” dice Chan. Aggiunge inoltre che almeno la metà dei media statunitensi, compresa CNN, “sono stati comprati alla Cina”. Chan dice di non leggere mai notizie in lingua inglese.

Alcuni giorni prima delle elezioni presidenziali statunitensi, Yuen ha nominato Trump in un suo video YouTube intitolato “China will own the United States if Biden is elected.” (cioè la Cina sarà proprietaria degli stati uniti se Biden viene eletto). In effetti, poco dopo aver lanciato il proprio canale, Yuen ha asserito che il presidente cinese Xi Jinping avrebbe stanziato fino a 1,5 miliardi di dollari dandoli in gestione al figlio di Biden.

Chan dice di concordare con Yuen che Trump “non può perdere”. È lieta che “Padre Yuen” l'abbia aiutata a comprendere le questioni geopolitiche e crede che dovrebbe essere l'esecutore capo della “liberazione” di Hong Kong dalla Cina.

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.