chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Giamaica, un nuovo portale online rimette il potere nelle mani del popolo

Screenshot della home page del Portale Jamaica Accountability Meter. Il sito web mira a consentire ai cittadini di svolgere un ruolo attivo come parte del sistema di controllo del paese.

In una regione in cui i governi sono difficilmente messi in discussione per mancanza di trasparenza o pratiche corrotte, la Giamaica potrebbe aver finalmente trovato un modo per monitorare le prestazioni e chiedere di più ai suoi funzionari eletti.

Lanciato nell'ultimo trimestre del 2019, il Jamaica Accountability Meter Portal (JAMP) [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è un sito web innovativo progettato per monitorare le prestazioni del governo, inclusi l'abuso di uffici pubblici e le violazioni della legge, offrendo ai cittadini accesso illimitato ai loro rappresentanti politici e istruendoli sul modo in cui funziona il loro governo.

Costruito attorno a un Account-A-Meter che consente alle persone, alle organizzazioni della società civile, ai media, ai ricercatori e al governo stesso tramite i comitati di supervisione parlamentare, di tenere traccia delle violazioni delle politiche o dei regolamenti, il sito offre ai visitatori l'accesso diretto ai funzionari responsabili.

Ci sono altre caratteristiche utili: un MP [Ministro del Parlamento] Tracker che avvicina gli elettori ai loro rappresentanti parlamentari e consente ai cittadini di valutare le loro prestazioni; e un Legislative Tracker in tempo reale, che monitora l'avanzamento dei progetti di legge attraverso le due Camere del Parlamento e offre ai cittadini la possibilità di comunicare con i loro leader eletti.

Nata da un'idea di Jeanette Calder, JAMP è una società apartitica, non governativa e senza scopo di lucro dedicata al miglioramento della governance in Giamaica. Ho incontrato Calder nel suo ufficio a Kingston per discutere di come spera che JAMP colmerà il divario tra politici e cittadini, mentre ci ascoltava il suo cagnolino Baxter. Ciò che è emerso con maggiore forza durante la nostra intervista è che Calder è ottimista e fiduciosa in un cambiamento positivo .

Jeanette Calder, fondatrice e direttrice esecutiva del Jamaica Accountability Meter Portal. Credito fotografico: JAMP, utilizzato con permesso.

Emma Lewis (EL): Raccontaci un po ‘dell'ispirazione dietro JAMP. Come si è sviluppata la tua visione?

Jeanette Calder (JC): I was inspired when I came back to Jamaica in 2012 (I had been living in the Netherlands). A public opinion survey had revealed that 60 percent of Jamaicans thought it was a mistake to gain independence. I thought that was really sad. The worst part of it was I felt the same way! This was “post-Dudus” [a Jamaican drug lord whose extradition to the United States led to a standoff between his community and state authorities] so the country was really not feeling at its best. I had returned to Jamaica to serve the public sector, where I had worked for six years and loved it. I was looking forward to contributing to the government’s Public-Private Partnership Policy — that was my area of specialisation — but this survey led me to rethink, to redefine “public service.” So I opted to serve via social advocacy.

Jeanette Calder (JC): Ho avuto l'ispirazione quando sono tornata in Giamaica nel 2012 (vivevo nei Paesi Bassi). Un sondaggio sull'opinione pubblica aveva rivelato che il 60% dei giamaicani pensava che fosse un errore ottenere l'indipendenza. Ho pensato che fosse davvero triste. La parte peggiore è stata che mi sentivo allo stesso modo! Questo era il “post-Dudus” [un signore della droga giamaicano la cui estradizione negli Stati Uniti portò a una situazione di stallo tra la sua comunità e le autorità statali], quindi il paese non si sentiva davvero al meglio. Ero tornata in Giamaica per servire il settore pubblico, dove avevo lavorato per sei anni e mi piaceva. Non vedevo l'ora di contribuire alla politica di partenariato pubblico-privato del governo  – quella era la mia area di specializzazione – ma questo sondaggio mi ha portato a ripensare, a ridefinire il “servizio pubblico”. Quindi ho deciso di servire tramite la difesa sociale.

EL: JAMP è uno strumento anti-corruzione?

JC: I don’t see JAMP as an anti-corruption tool, although it can reveal that. Accountability is different! It takes in issues like waste and inefficiency, which has nothing to do with corruption. Our goal is to improve public financial management so we have more resources to redirect towards social spending, developing and advancing the nation. We are tired of seeing news with people saying, “For ten years the water lock off.”

I don’t think you can “fight corruption.” Corruption happens in the dark. I can’t tell when it’s happening. Let's hold people accountable for not doing their job, not honouring the rules and policies that are in place! Once you start doing that, it takes care of a lot of the corruption. That is […] how I think it needs to be done.

JAMP is not going to be a crutch for people to lean on. It is a tool for people to use. If they see people taking it seriously, politicians will take it seriously.

Accountability is not just a key — it is the master key to change.

JC: Non vedo JAMP come uno strumento anti-corruzione, anche se può rivelarsi come tale. Lo scopo è diverso! Si occupa di questioni come gli sprechi e l'inefficienza, che non hanno nulla a che fare con la corruzione. Il nostro obiettivo è migliorare la gestione delle finanze pubbliche in modo da avere più risorse per reindirizzare verso la spesa sociale, lo sviluppo e il progresso della nazione. Siamo stanchi di vedere notizie con persone che dicono: “Per dieci anni l'acqua è stata chiusa”.                                                                                                                                  Non credo che si possa “combattere la corruzione”. La corruzione avviene nell'oscurità. Non riesco a capire quando stia succedendo. Riteniamo le persone responsabili per non aver svolto il proprio lavoro, per non aver rispettato le regole e le politiche in vigore! Una volta che inizi a farlo, si inizia a gestire gran parte della corruzione. Questo è […] come penso che debba essere fatto.                                                                                                                                                                              JAMP non sarà una stampella su cui fare affidamento. È uno strumento che le persone possono usare. Se vedono che le persone che lo prendono sul serio, anche i politici lo prenderanno sul serio.                                                                                                                                      La responsabilità non è solo una chiave: è la chiave principale per il cambiamento.

EL: Ci sono altri modi in cui JAMP può essere utilizzato?

JC: JAMP is an educational tool and we are going to build it out in that direction. Students can find out more about the ministers, who is who, what the functions of parliamentarians are, how a Bill becomes law and the process [it goes through], things like that.

JAMP is bridging the gaps in accountability. There is an information gap and there is an access gap.

JC: JAMP è uno strumento educativo e lo svilupperemo in quella direzione. Gli studenti possono saperne di più sui ministri, chi è chi, quali sono le funzioni dei parlamentari, come un disegno di legge diventa legge e il processo [che passa], cose del genere.

JAMP sta colmando le lacune nella responsabilità. C'è una carenza di informazioni e c'è una lacuna nell'accesso.

EL: Cosa ne pensano i nostri parlamentari di JAMP?

JC: That’s a really good question. I have written to all of the Members of Parliament at least twice; they are aware of it. I have received only five responses to my requests for their constituency development reports.

It has been a little quiet… [Laughs].

We are expanding to the senators. I am not clear how the public is to communicate with them. Many are on social media in their personal capacity. We will have to meet to find out how citizens can contact them via the website.

JC: Questa è davvero una buona domanda. Ho scritto almeno due volte a tutti i membri del Parlamento; ne sono consapevoli. Ho ricevuto solo cinque risposte alle mie richieste di rapporti sullo sviluppo del collegio elettorale.

C'è stato parecchio silenzio … [Ride].

Ci stiamo allargando ai senatori. Non mi è chiaro come il pubblico debba comunicare con loro. Molti sono sui social media a titolo personale. Dovremo incontrarci per scoprire come i cittadini possono contattarli tramite il sito web.

EL: Quanto è importante il ruolo della tecnologia?

JC: Very important. Traditional methods are costly. We will still organise meetings [and] “on the corner” sessions, but we will be taking the tool to the people. Schools can use it; teachers can base their homework assignments on it. Digital penetration is well over 1.5 million now, and about the same number have smartphones.

JC: molto importante. I metodi tradizionali sono costosi. Organizzeremo ancora incontri [e] sessioni “all'angolo”, ma porteremo lo strumento alla gente. Le scuole possono usarlo; gli insegnanti possono basare i compiti a casa su di esso. La penetrazione digitale è ben oltre 1,5 milioni ora e circa lo stesso numero ha uno smartphone.

EL: A livello globale possiamo trovare piattaforme equivalenti a JAMP?

JC: We are all connected. I am already thinking about networking internationally. Though there are other civil society organisations that track government performance, I have looked but have not yet found any that track breaches in this citizen-friendly digital design that we use. There are other civil society organisations that track government performance, but not in the way we are doing it.

We did find one website in Mexico, but the tracking of breaches is done by the government. I commend them for that, but there is a big difference. It’s not the prettiest website and though it is rich with data, is it not presented in a way that is easily understood by site visitors. It doesn’t make sense to inform citizens and then leave them to figure it out on their own — you want to connect the dots and show them what actions they can take.

JC: Siamo tutti collegati. Sto già pensando di fare rete a livello internazionale. Sebbene ci siano altre organizzazioni della società civile che monitorano le prestazioni del governo, ho cercato ma non ho ancora trovato nessuna che tenga traccia delle violazioni in questo design digitale a misura di cittadino che utilizziamo. Ci sono altre organizzazioni della società civile che monitorano le prestazioni del governo, ma non nel modo in cui lo stiamo facendo noi.

Abbiamo trovato un sito web in Messico, ma il monitoraggio delle violazioni viene effettuato dal governo. Li lodo per questo, ma c'è una grande differenza. Non è il sito web più carino e sebbene sia ricco di dati, non è presentato in un modo facilmente comprensibile dai visitatori del sito. Non ha senso informare i cittadini e poi lasciare che lo capiscano da soli: vuoi collegare i puntini e mostrare loro quali azioni possono intraprendere.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.