chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La proposta di riforma della legge sudanese sull'accesso all'informazione

Protestanti vicino al quartier generale dell'esercito sudanese a Khartoum nell'aprile 2019. Foto di M. Saleh (CC BY-SA 4.0)

Il mese di dicembre 2018 ha segnato una svolta nella storia contemporanea sudanese. Quelle che erano cominciate come manifestazioni pacifiche in alcune città fuori dalla capitale, Khartoum, si sono trasformate in una rivoluzione politica che ha deposto un regime militare che ha governato il Paese per 30 anni [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] sotto l'ex presidente Omar Bashir.

Un regime di questo tipo non si è sostenuto solo attraverso l'esecuzione di nemici, guerre civili e corruzione, ma ha anche legiferato e promulgato leggi che hanno protetto e servito i suoi interessi. Una di queste leggi è il Sudanese Access to Information Act del 2015. La legge – ancora oggi attuata – pone diverse restrizioni al diritto di accesso alle informazioni. In questo periodo post-rivoluzionario del Sudan, gli attivisti dicono che la legge dovrebbe essere modificata come parte del lungo cammino del Paese verso un governo democratico e civile.

La legge sudanese sulla libertà d'informazione: “Un mero processo di facciata”.

Il diritto alla libertà di informazione è riconosciuto a livello internazionale attraverso la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (UDHR) e il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (ICCPR). Questo diritto è anche sancito dalla Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli. Il Sudan è uno Stato parte sia dell'ICCPR che della Carta africana.

L'articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo afferma che “ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione; questo diritto include la libertà di avere opinioni senza interferenze e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione e a prescindere dalle frontiere”.

Ai sensi dell'articolo 9 della Carta africana, “ogni individuo ha il diritto di ricevere informazioni.

La legge sudanese sull'accesso alle informazioni [ar] è la prima del suo genere in Sudan, anche se l'articolo 39, paragrafo 1, della Costituzione provvisoria del Sudan del 2005 – recentemente abrogata – ha sancito il diritto di ricevere e diffondere informazioni.

La legge, che comprende 19 sezioni e otto capitoli, presenta delle lacune, in particolare per quanto riguarda i tipi di informazioni cui è consentito l'accesso alle persone. Quando la legge è stata approvata nel 2015, gli attivisti hanno reagito con dubbi sugli incentivi, gli obiettivi e le agende dietro di essa.

Ali A Khalil, un noto avvocato sudanese, in un articolo pubblicato dal titolo “The Sudanese Access to Information Act 2015″: A Step Forward?” ha criticato l'adozione della legge come “un mero processo cosmetico volto a mascherare gli spiacevoli risultati del governo sudanese in materia di trasparenza e responsabilità”.

Salma Maarouf, una giornalista, ha attaccato la tempistica della legge e l'incentivo dietro di essa: “Stanno cercando di usare questa legge come una soluzione rapida per rimuovere lo spettro della classifica di Transparency International, che ha messo il Sudan in fondo alla lista dei Paesi meno trasparenti”.

La blogger sudanese Usamah Mahmoud ha criticato pesantemente la legge e le eccezioni che essa pone sull'accesso alle informazioni. “Hanno chiarito molto bene che molte informazioni rimarranno classificate. Hanno codificato questa legge in modo da poter dare la caccia alla stampa se oltrepassano il limite”, ha detto al Comitato per la protezione dei giornalisti dopo che la legge è stata approvata nel 2015.

Le carenze della legge 

La legge elenca 12 tipi di informazioni classificate che sono riservate ai cittadini, comprese le informazioni relative alla sicurezza nazionale e alla politica estera. Il linguaggio di queste eccezioni è volutamente vago per proteggere gli interessi del governo.

Un altro ostacolo all'accesso alle informazioni è rappresentato dalle tariffe. La legge stabilisce che ”l'ente pubblico può richiedere il pagamento di tasse, previa approvazione del Commissario, per coprire i costi di preparazione e fornitura delle informazioni”.

Mentre i governi possono far pagare a chi richiede l'accesso alle informazioni alcune tasse, queste ”non dovrebbero essere tali da dissuadere i richiedenti e non dovrebbero mai superare il costo effettivo della ricerca, della preparazione e della comunicazione delle informazioni”, ha spiegato Article19, un'organizzazione non governativa. In un Paese in cui quasi la metà dei suoi cittadini si trova in condizioni di povertà, tali tariffe rappresentano una vera e propria barriera che dissuade i cittadini dal godere del diritto alla libertà di informazione.

In un apparente tentativo di mettere a tacere coloro che si oppongono al regime, la legge ha totalmente trascurato di menzionare o alludere alla protezione di coloro che chiedono informazioni per non essere rintracciati o attaccati da qualsiasi organo governativo o da qualsiasi altra persona o organizzazione che potrebbe trarre vantaggio dall'occultamento dell'informazione richiesta. Non esiste inoltre alcun articolo che protegga gli informatori che fanno trapelare informazioni per il pubblico interesse. Ad esempio, nel 2014, l'ex agente di polizia Abuzaid Abdalla Salih è stato citato in giudizio per diffamazione, privato del suo grado e multato e condannato a quattro anni di carcere [ar] per aver diffuso informazioni relative alla corruzione della polizia sudanese.

La legge è molto vaga nel linguaggio utilizzato per descrivere la fonte di finanziamento per l'accesso al comitato di informazione che regola e organizza le richieste di informazioni. L'articolo 14 del capitolo sette permette alla commissione di ricevere sovvenzioni e contributi da individui e società, e qualsiasi altra fonte approvata dal ministro designato nominato dal presidente. Questo articolo ha trascurato di menzionare le protezioni e le misure necessarie per evitare qualsiasi conflitto di interessi, in quanto i donatori possono avere un'influenza sulle politiche e le attività della commissione, mettendo a rischio la sua indipendenza.

Per contro, la legge ha riconosciuto positivamente il diritto delle persone con disabilità di accedere alle informazioni. Tuttavia, Alradi Abdalla, un attivista per i diritti dei disabili con sede a Khartoum, ha sottolineato che la legge non chiarisce come queste informazioni saranno fornite:

The Sudanese Information Law stipulates that the request for information can be made orally by persons with disabilities. Ironically, the same law does not mention information about how the materials will be provided to the requesters who are with disabilities

— alradi abdalla (@alradiabdalla) August 23, 2019

La legge sudanese sull'informazione prevede che la richiesta di informazioni possa essere fatta oralmente da persone con disabilità. Ironia della sorte, la stessa legge non menziona le informazioni su come i materiali saranno forniti ai richiedenti che sono disabili

Libertà di informazione per prevenire la disinformazione

Quando si tratta della diffusione di “notizie false” e di disinformazione online, il Sudan non fa eccezione. Durante le recenti proteste antigovernative che hanno cercato di porre fine al dominio militare nel governo, giornalisti e attivisti hanno documentato diversi casi di cattiva e disinformazione come foto manipolate, campagne di disinformazione sponsorizzate dal governo e persino falsi resoconti su Instagram che hanno dirottato gli sforzi di solidarietà e di donazione durante la rivoluzione. Questi incidenti rivelano la terribile necessità di modificare la legge sulla libertà di informazione per rendere più facile per i giornalisti e i gruppi mediatici contrastare la disinformazione. Il governo, così come il settore privato, dovrebbe prendere l'iniziativa di condividere le informazioni online e renderle accessibili al pubblico, un passo che faciliterebbe gli sforzi di controllo dei fatti da parte dei singoli.

Il 21 agosto, Abdallah Hamdouk è stato nominato primo ministro e i membri del Consiglio di Sovranità del Sudan hanno prestato giuramento, nell'ambito di un accordo di condivisione del potere per guidare la transizione triennale del Sudan verso un governo civile, in conformità con la Carta costituzionale per il periodo di transizione del 2019.

La Carta, firmata dal Consiglio militare di transizione e dalla coalizione politica che rappresenta i manifestanti, Forze di libertà e Cambiamento, ha abrogato la Costituzione transitoria del Sudan del 2005.

Secondo la nuova Carta, le leggi che sono state emesse in precedenza rimarranno in vigore ”a meno che non vengano abrogate o modificate”. L'articolo 56 della Carta stabilisce che “ogni cittadino ha il diritto illimitato alla libertà di espressione, di ricevere e pubblicare informazioni e pubblicazioni e di accedere alla stampa, senza pregiudizio dell'ordine pubblico, della sicurezza e della morale, come definiti dalla legge”.

In effetti, la legge a cui si fa riferimento nella Carta è il Sudanese Freedom to Information Act, che con le sue carenze, è stato progettato non per liberare le persone, ma piuttosto per aiutare a servire coloro che governano rendendo difficile l'accesso alle informazioni.

Con la nomina di un nuovo governo di transizione e di un consiglio legislativo di transizione, che avrà il compito di modificare ed emanare nuove leggi, i cittadini hanno ora l'opportunità di discutere, discutere e proporre una nuova legge che risponda alle reali esigenze di un nuovo Sudan – un Sudan in cui la libertà di informazione serve il diritto del pubblico di sapere e permette ai cittadini di chiedere conto a chi ha il potere.

Sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza di modificare questa legge sarà una sfida, ma questo è il vero significato della rivoluzione: una battaglia senza fine per la libertà al di là della semplice cacciata di un dittatore dalla sua poltrona.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.