chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Migliaia di salvadoregni affrontano la COVID-19 senza acqua corrente per lavarsi le mani

Screenshot dal video del canale di notizie EFE su Twitter, 19 agosto 2020.

Uno degli aspetti più essenziali della prevenzione per la COVID-19 è lavarsi regolarmente le mani [en]; tuttavia, centinaia di migliaia di salvadoregni stanno affrontando la COVID-19 senza un accesso affidabile all'acqua [en]. Secondo le Nazioni Unite [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], più di 600.000 persone non hanno avuto accesso a nessun tipo di acqua potabile e servizi igienico-sanitari nel 2016 e più di un milione di persone ha avuto accesso solo a servizi idrici carenti. Secondo le notizie, questa situazione potrebbe essere peggiorata a causa della pandemia.

Rosa Amelia Mendoza, una madre di tre figli di 45 anni che risiede a Colonia Altavista, un comune a circa 15 chilometri dal centro di San Salvador, non ha avuto acqua corrente in casa da quando la pandemia è iniziata nel marzo 2020. In effetti, manca regolarmente l'acqua del rubinetto a casa da oltre due anni. In una telefonata con Global Voices ha detto:

“Yo tengo miedo por mi familia, todos nos recomiendan que nos lavemos las manos con regularidad, sólo para asegurarnos de que el virus no nos llegue. Pero, ¿cómo puedo hacer eso si no hay agua para hacerlo? No hay ningún río o pozo cercano al que podamos ir a traer agua, y no tenemos los recursos para pagar un camión cisterna con regularidad. En este momento no estoy trabajando.”

“Ho paura per la mia famiglia, tutti consigliano di lavarsi le mani regolarmente per evitare il virus. Ma come possiamo farlo se non abbiamo dell'acqua? Non ci sono fiumi o pozzi nelle vicinanze dove possiamo trasportare l'acqua e non abbiamo i mezzi per pagare regolarmente un camion dell'acqua. Non sto lavorando in questo momento.”

La storia di Mendoza è simile a quella di migliaia di comunità nella capitale San Salvador e nella sua periferia. Città come Ilopango, Mejicanos, Soyapango, Ciudad Delgado, Altavista parti di San Salvador – dove vivono molte persone della classe operaia – sono tra le più colpite. Secondo l'agenzia di stampa EFE, una di queste comunità, Soyapango, ha anche il secondo più alto tasso di contagio da COVID-19 nel paese.

Non avere l'acqua corrente nelle case non è un problema nuovo, ma la COVID-19 ha reso la situazione più disastrosa poiché l'acqua è fondamentale per le misure igieniche contro il virus.

Il giornalista Santiago Leiva ha scritto a Global Voices:

“El agua es un tema tan oxidado como las cañerías que la sirven ocasionalmente, y es tan profundo, que a pesar de las protestas de calle que se hicieron en el pasado nunca hubo eco en los gobiernos pasados, y sigue siendo un líquido que aún no termina de privilegiar a toda la población.”

“Water is a rusty subject similar to the pipes that occasionally serve it. The water problem is so deep that despite the street protests that took place in the past, there was never an echo of concern from past governments. Water has not yet ended up serving the entire Salvadoran population.”

“L'acqua è un argomento arrugginito simile ai tubi, che occasionalmente la servono. Il problema dell'acqua è così profondo che, nonostante le proteste di piazza che hanno avuto luogo in passato, non c'è mai stata un'eco di preoccupazione dai governi del passato. L'acqua non ha ancora finito di privilegiare l'intera popolazione salvadoregna”.

Qual è l'origine del problema dell'acqua salvadoregna?

L'accesso all'acqua non è legalmente riconosciuto come un diritto umano in El Salvador e il paese è a rischio di siccità [en]. Sebbene la mancanza di regolamentazione dell'acqua e il cambiamento climatico siano due delle ragioni del deficit idrico complessivo di El Salvador, nelle aree urbane, il problema più urgente è legato alla mancanza di servizi pubblici. Le comunità colpite di San Salvador sopra menzionate ricevono acqua dall’impianto di lavorazione di LasPavas [en], un vecchio impianto di trattamento dell'acqua che avrebbe dovuto essere fuori uso o ammodernato anni fa con fondi approvati dall'Assemblea legislativa nel 2012, 2016 e 2018. Il lavoro non è mai stato completato.

Las Pavas è l'unico impianto che fornisce acqua alla più grande area metropolitana di San Salvador. Eppure, oggi, l'impianto non produce abbastanza acqua pulita per provvedere a oltre un milione di persone che dipendono da essa. Se dovesse crollare durante la pandemia, come è avvenuto nel gennaio 2020, sarebbe ancora più disastroso.

Accuse e casi di corruzione all'interno dell'ente responsabile dei servizi idrici (Administración Nacional de Acueductos y Alcantarillados, o ANDA) sono presenti dalla metà degli anni '90. Carlos Perla, presidente dell'ANDA dal 1994 al 2002, ad esempio, ha appena terminato di scontare una pena detentiva di 15 anni per corruzione. Recentemente, Frederick Benites, presidente dell'ANDA sotto l'amministrazione di Nayib Bukele, ha informato il procuratore generale di El Salvador di anni di gravi casi di cattiva gestione di fondi pubblici per milioni di dollari.

L'impianto è stato gestito male negli ultimi 15 anni, quindi ora abbiamo un deficit annuale di 33 milioni di dollari.

L'amministrazione di Nayib Bukele [it] ha affermato che l'impianto idrico di Las Pavas non ha ricevuto un'adeguata manutenzione o potenziamento da quando Francisco Flores è stato presidente dal 1999 al 2004. Il presidente Bukele ha condiviso le foto e ha spiegato come la negligenza e la corruzione degli ultimi 30 anni hanno portato lo stabilimento di Las Pavas alle sue condizioni attuali.

Solo guardando le immagini, ho detto loro: “Come può essere? Riuscite a immaginare il danno alla salute che hanno arrecato alla nostra gente? Ecco perché ci sono così tante insufficienze renali, ecco perché ci sono così tante malattie dello stomaco”.

Acqua in bottiglia come risposta di emergenza

A breve termine, lo stato, attraverso ANDA, sta distribuendo acqua in bottiglia alle comunità colpite, insieme ai camion dell'acqua. Il governo ha anche pianificato di scavare nuovi pozzi per fornire acqua e interrompere la dipendenza dalla centrale idrica di Las Pavas. Secondo il loro sito web ufficiale, ANDA sta anche potenziando Las Pavas con nuove attrezzature. Questo fa parte del nuovo “Piano nazionale dell'acqua” del governo. Il 18 agosto, ANDA ha scritto su Twitter:

Periodicamente, il nostro ente di reti idriche e acqua in bottiglia continua a fornire acqua potabile agli utenti di Sierra Morena 2. Oggi abbiamo consegnato 25.000 bottiglie d'acqua. Continueremo a sostenere le aree con approvvigionamento idrico irregolare

Tuttavia, i residenti di Colonia Altavista si sono lamentati della mancanza di servizio. Mendoza, che ha ricevuto l'acqua in bottiglia, è uno dei cittadini frustrati. Essa ha dichiarato:

La pipa de agua llega quizás una vez al mes, lo que no es suficiente para sobrevivir todo el mes. Estoy tan frustrada y enojada que estoy considerando dejar El Salvador una vez que termine la pandemia. La única razón por la que no me he ido a los Estados Unidos es que tengo niños pequeños.

Il camion dell'acqua arriva forse una volta al mese, il che non è sufficiente per sopravvivere per l'intero mese. Sono così frustrato e arrabbiato che sto pensando di lasciare El Salvador una volta che la pandemia sarà finita. L'unico motivo per cui non sono andato negli Stati Uniti è che ho dei bambini piccoli.

A gennaio, il presidente Bukele ha suggerito di riaprire il dibattito di 14 anni su come rendere l'accesso all'acqua un diritto umano e mantenere la sua gestione nelle mani del settore pubblico, limitando così la sua privatizzazione. Il 7 e l'8 settembre, una commissione dell'Assemblea legislativa guidata dall'opposizione ha iniziato a studiare proposte di legge: forse in futuro migliaia di salvadoregni avranno acqua corrente da bere e lavarsi le mani.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.