chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Nel caos della crisi politica, la Bielorussia lancia la sua prima centrale nucleare

Centrale nucleare di Astravets,, Bielorussia, 2020. Foto (c): Hanna Valynets, utilizzata con permesso.

Da agosto la Bielorussia è scossa da proteste di massa e scioperi. Le autorità cercano di non prestare attenzione, perché sono preoccupate per uno sviluppo altrettanto importante: la costruzione di una nuova centrale nucleare. Questa è una questione controversa in un paese che ha sofferto molto per la catastrofe di Chernobyl del 1986 nella vicina Ucraina. La preoccupazione per lo stato della democrazia domina la vita pubblica bielorussa, ma parallelamente ad essa continua un'altra conversazione urgente: sull'esperienza passata del paese con l'energia nucleare e sulla necessità di un futuro post-nucleare.

Tutti gli occhi sono puntati su Astravets, una piccola città situata vicino al confine bielorusso con la Lituania. Negli ultimi anni la popolazione della città è cresciuta in modo significativo: i lavoratori sono estremamente necessari e nuovi appartamenti a più piani sono stati edificati per ospitarli.

La ragione di questi rapidi cambiamenti è che la prima centrale nucleare della Bielorussia si trova fuori città. La sua costruzione sta per finire ed è quasi pronta per essere avviata. Come spesso spiegano gli ingegneri, per avviare un reattore nucleare basta premere un pulsante.

Tale avvio avverrà in più fasi. Il carburante è già stato caricato; l'impianto dovrebbe generare la sua prima elettricità il 7 novembre. Questa è una festa nazionale in Bielorussia, poiché è l'anniversario della Rivoluzione d'Ottobre — la rivoluzione da cui nacque l’ Unione Sovietica

“Invito tutti voi. Penso che il 7 novembre, un giorno significativo per noi, potremo visitare [il luogo] e dire che abbiamo ricevuto la prima elettricità dalla nostra centrale nucleare”, ha esclamato Aljaksandr Lukašėnka, governatore di lunga data della Bielorussia, in una riunione con i funzionari [ru, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il 16 settembre. Il primo dei due reattori dovrebbe funzionare a piena capacità entro il primo trimestre del 2021. Il secondo reattore sarà lanciato nel 2022.

Ricordi tormentati

Ma non tutti i bielorussi sono così entusiasti. Ricordano l'esplosione del 1986, che ha rilasciato grandi quantità di radiazioni nell'atmosfera. La Bielorussia ha sofferto più che in qualsiasi altra parte dell'Unione Sovietica; un terzo di tutto il cesio radioattivo-137 è finito nel territorio bielorusso. Le autorità di Minsk hanno cercato di placare i timori di una seconda Chernobyl, dichiarando che la probabilità di incidenti è minima e che la centrale nucleare di Astravets è un progetto sicuro e redditizio.

“Siamo la repubblica di Chernobyl, abbiamo vissuto molto e conosciamo noi stessi le conseguenze. Circa 19 miliardi di dollari sono stati spesi solo per la riabilitazione delle aree contaminate. Pertanto, le misure di sicurezza durante la costruzione della centrale [di Astravets] suonavano come qualcosa fuori dal tempo di guerra”, ha detto Lukašėnka ad agosto, poco prima delle elezioni presidenziali.

Nel dibattito pubblico sull'energia nucleare, i confronti tra Chernobyl e Astravets non sono poi così rari. Questi parallelismi sono tracciati da tutti, inclusi giornalisti, politici, cittadini comuni e e liquidatori sopravvissuti alla catastrofe di Chernobyl. Tutti si rammaricano profondamente di quanto accaduto nel 1986, ma le loro opinioni sul 2020 sono fortemente diverse. Alcuni sostengono con forza la nuova centrale nucleare e sperano in un aumento del tenore di vita, mentre altri temono un altro incidente.

Nemmeno i media ei funzionari statali bielorussi evitano di menzionare Chernobyl.

“La memoria degli eventi di Chernobyl viene ora strumentalizzata e utilizzata per legittimare la nuova centrale nucleare. Nel 30 ° anniversario dell'incidente, è stato trasmesso un film documentario che è iniziato con le riprese dell'incidente del 1986 e si è concluso con un suggerimento che questa volta sarebbe andato tutto bene,” scrive Alexey Bratochkin, responsabile dei progetti di storia pubblica presso l'European College of Liberal Arts nella capitale bielorussa di Minsk.

Una volta che la centrale nucleare sarà pienamente operativa, hanno spiegato le autorità nelle prime fasi di costruzione, i prezzi dell'elettricità scenderanno. Nel 2014, il Ministero dell'Energia ha promesso che l'elettricità “diventerà più economica per il consumatore” del 20-30%.

Ma alcuni bielorussi sembrano essere scettici riguardo alle promesse di energia a basso costo. Dubitano anche dell'apertura della centrale, visto che il suo lancio è già stato posticipato almeno quattro volte. Tutti questi punti di vista possono essere visti nei gruppi della comunità locale sui social media:

“Lavoro nel cantiere della centrale nucleare e [i conoscenti] a volte mi chiedono quando verrà lanciata. Penso che neanche [la direzione dello stabilimento] lo sappia con certezza, dicono entro due o tre anni come minimo “, dice Alyaksandr, nata e cresciuta ad Astravets, in una chat di Telegram con GlobalVoices.

Alyaksandr prevede un calo dei prezzi dell'elettricità? Potrebbe avere ragione, dato che i veicoli elettrici sono già in fase di sviluppo e gli ingegneri energetici stanno modernizzando le reti di riscaldamento negli edifici residenziali di nuova costruzione per essere più efficienti dal punto di vista energetico.

“Logicamente dovrebbe essere così. Ma anche a Volgodonsk [una città in Russia] c'è una centrale nucleare. Ci sono più di due reattori, ma dopo la costruzione dell'impianto l'energia è effettivamente diventata più costosa ”, osserva Alyaksandr.

He may be right, according to the results of a study conducted by the Belarusian NGO EcoDom this summer. The authors concluded that the electricity prices for Belarusian consumers will almost double in price.

“TIl costo principale dell'elettricità nella rete nel suo complesso non diminuirà, ma aumenterà da quattro centesimi a 7,26 dollari; ovvero 1,8 volte ”, ha concluso EcoHome.

Una mossa geopolitica

Ci sono state anche promesse geopolitiche. Vale a dire, che la Bielorussia ridurrebbe la sua dipendenza energetica dalle forniture di gas naturale dalla Russia. L'energia nucleare è “parte della nostra indipendenza” e il suo maggiore utilizzo garantirebbe “sovranità e indipendenza”,  ha promesso Lukashenka a settembre.

Infatti, poco prima della decisione di costruire Astravets nel 2007, la Russia rappresentava circa l'85% di tutte le importazioni energetiche della Bielorussia. Gran parte di questo è gas naturale, da cui la Bielorussia genera il 93% della sua elettricità.

Nella loro ricerca per ridurre la dipendenza energetica del loro paese dalla Russia, le autorità bielorusse si sono rivolte a un vecchio partner: la Russia. Mosca fu felice di accontentarsi, offrendo un prestito fino a 10 miliardi di dollari per la nuova centrale elettrica. Il prestito dovrà essere rimborsato in un periodo di 15 anni, a partire dal 2023. La leadership bielorussa si è quindi legata a un enorme obbligo finanziario nei confronti dello stesso paese dal quale voleva ridurre la dipendenza.

“Il significato politico della costruzione e del lancio della centrale nucleare era associato all'obiettivo di garantire la sicurezza energetica per la Bielorussia. Probabilmente non è l'idea migliore. La centrale nucleare è un errore di calcolo economico e politico “, afferma Andrey Yegorov, politologo e analista presso il Center for European Transformation e membro del consiglio di amministrazione della Green Network, una partnership di organizzazioni ambientali. In un'intervista a GlobalVoices, Yegorov ha sottolineato che ora la Bielorussia non solo pagherà prestiti alla Russia, ma dovrà ancora acquistare risorse energetiche russe. Solo ora importerà combustibile nucleare.

Astravets potrebbe certamente coprire gran parte del fabbisogno energetico interno della Bielorussia – infatti, secondo il ministero dell'Energia, è probabile che l'impianto generi un surplus. Tutta quell'energia in eccesso deve andare da qualche parte, ma dove?

La Russia è ben fornita dalle proprie centrali nucleari. Gli altri vicini della Bielorussia non intendono acquistare energia da Astravets, che considerano non sicura.

La Lituania è un avversario particolarmente feroce sia per la costruzione della centrale elettrica che per l'acquisto di energia che genererà. Dopotutto, Astravets si trova a soli 20 chilometri dal confine. Vilnius ha persino approvato una legge sul boicottaggio dell'elettricità dalla nuova centrale elettrica.

Il 26 ottobre Litgrid, gestore della rete elettrica nazionale lituana, ha annunciato come reagirà alla prima ricezione di elettricità dalla Bielorussia, prevista tra l'1 e il 10 novembre. “Imposteremo immediatamente la capacità a zero megawatt per tutti i flussi di elettricità commerciale dalla Bielorussia “, ha affermato in un comunicato stampa il capo ad interim di Litgrid Vidmantas Grušas.

Questa affermazione è la conseguenza della posizione di lunga data della Lituania. È stato riassunto dal presidente Ginatas Nausėda il 21 ottobre.

“La centrale nucleare bielorussa rappresenta una minaccia per la sicurezza dei cittadini dell'UE. Pertanto è necessario porre fine al lancio irresponsabile di questa centrale nucleare ”, ha affermato Nausėda.

Estonia, Lettonia e Polonia hanno tutte annunciato il loro rifiuto di acquistare energia da Astravets, in parte per solidarietà con la posizione della Lituania. Anche l'Ucraina ha rifiutato, affermando di avere il proprio surplus energetico.

In una riunione del Consiglio d'Europa in ottobre, i leader europei hanno sottolineato [en] che il grado di conformità e attuazione dei requisiti di sicurezza e dei test presso la centrale nucleare di Astravets influenzerebbe le relazioni tra l'UE e la Bielorussia.

La rivolta degli ecologisti

A settembre, il Partito dei Verdi bielorusso e diverse organizzazioni ecologiche hanno rilasciato una dichiarazione contro la centrale nucleare di Astravets. Secondo loro, il suo lancio era ancora più pericoloso nel contesto di una crisi politica.

“Cominciamo dal fatto che le truppe interne e le forze di sicurezza, che potrebbero essere coinvolte nel mitigare le conseguenze di qualsiasi crisi, sono ora impegnate completamente con qualcos'altro – scontrarsi con i manifestanti “, scrivono gli ecologisti.

In effetti, la polizia detiene in media 500-700 persone ogni fine settimana durante le proteste. E le proteste non si svolgono solo nei fine settimana. A giudicare dalle stime del centro bielorusso per i diritti umani Viasna, dal 9 agosto sono state detenute più di 16.000 persone. All'inizio di ottobre, i difensori dei diritti umani avevano registrato oltre 2.000 denunce di tortura e violenza durante la detenzione, secondo il Comitato internazionale per le indagini sulla tortura.

Nel frattempo sono in atto anche licenziamenti e scioperi. Ad esempio, il 26 ottobre alcuni operai, compresi quelli degli stabilimenti chimici, non si sono presentati al lavoro. Lo stesso giorno, il canale Telegram di Alyaksandr Lukashenka ha osservato che “il presidente, come tutti i bielorussi di buon senso, è al lavoro oggi”.

Yegorov, lo scienziato politico, osserva che nella situazione attuale, avere una mentalità giusta significa valutare sensibilmente i rischi:

“Una centrale nucleare può essere molto pericolosa ed è molto rischiosa da gestire. Metterne in funzione una durante crisi epidemiologiche, politiche ed economiche senza precedenti è rischioso ”, afferma.

Va aggiunto che al momento della scrittura, il tasso di infezione da COVID-19 in Bielorussia ha raggiunto il picco. Ora è dove era a maggio, durante la prima ondata di pandemia.

“Innanzitutto, il pericolo rappresentato dalla centrale nucleare non è connesso al sistema politico né alla situazione epidemiologica ”, osserva Andrey Ozharovsky, un partecipante attivo del movimento antinucleare bielorusso.

Ozharovsky ritiene che l'energia nucleare sia pericolosa in ogni situazione; Chernobyl è esplosa sotto il socialismo e Fukushima sotto il capitalismo. Tuttavia, il pericolo può aumentare se il lancio stesso diventa un evento politico:

“Il progetto atomico della Bielorussia è stato politico sin dall'inizio, come ha affermato più volte Lukashenka. Se è nel suo interesse personale affrettare il suo avvio, secondo le antiche tradizioni sovietiche, l'impianto può essere commissionato con imperfezioni. Quando si tratta di una centrale nucleare, ciò aumenta notevolmente la probabilità di incidenti gravi ”, avverte Ozharovsky.

Anche il futuro a lungo termine della struttura di Astravets pone un problema chiave: la centrale funzionerà per 60 anni, ma i rifiuti radioattivi rimangono pericolosi per diverse migliaia. Tuttavia, le realtà politiche possono essere molto più fugaci.

“Se i governanti in Bielorussia cambiano, sorgerà la questione se la Bielorussia abbia bisogno di questa centrale nucleare. Permettetemi di ricordarvi che paesi come la Germania hanno rifiutato l'energia nucleare. La Francia si è posta come obiettivo politico di ridurre la sua indipendenza dall'energia nucleare dal 70 al 50 per cento ”, spiega Ozharovsky.

Aspettando la rivoluzone verde

A breve termine, gli ecologisti vedono Astravets come una battuta d'arresto per l'energia rinnovabile bielorussa.

Secondo uno studio del 2018 condotto da EcoHome e dall'Istituto per la termodinamica tecnica del Centro aerospaziale tedesco, la Bielorussia potrebbe chiudere la sua centrale nucleare entro il 2040 e passare completamente alle energie rinnovabili entro il 2050.

Pavel Gorbunov, un ricercatore energetico con EcoHome, definisce la centrale nucleare di Astravets un progetto non redditizio. È convinto che sarebbe più conveniente non avviare l'impianto, riconoscendo l'investimento come fonte di perdite e iniziando a rimborsare il prestito che la Bielorussia ha contratto per la sua costruzione.

“Nel medio e lungo termine, la centrale nucleare di Astravets competerà con i prezzi dell'elettricità da fonti rinnovabili ”, ha affermato Gorbunov in un'intervista.

Questo perché la Bielorussia sta attualmente sviluppando energie rinnovabili insieme al suo settore nucleare. Tuttavia, il lancio della nuova centrale elettrica e il surplus di elettricità che produrrà dovrebbero ridurre l'interesse degli investitori nello sviluppo di energia rinnovabile su scala industriale. Questa è la convinzione di Vladimir Nistyuk, direttore esecutivo dell'Associazione bielorussa per le energie rinnovabili, che comprende circa 40 organizzazioni.

Il lancio rischia anche di ridurre le opportunità per i produttori di energia da fonti rinnovabili di rivendere la loro elettricità alla rete nazionale. Impatterà anche “l’ eliminazione dei coefficienti crescenti”, che ha permesso loro di farlo a un prezzo più favorevole.

Allo stesso tempo, l'esperto osserva che permane un interesse pubblico per le fonti energetiche che consentono alle persone comuni e alle aziende di generare la propria elettricità. Il biogas viene sviluppato attivamente, aggiunge.

“In generale, anche se lo sviluppo delle fonti [energetiche] rinnovabili rallenterà, non durerà a lungo. Come ha detto Karl Marx, non si può vivere nella società ed esserne liberi ”, ha detto Nistyuk a GlobalVoices.

“Non c'è modo di evitarlo, perché viviamo in un mondo civile che da tempo ha iniziato ad apprezzare i vantaggi delle energie rinnovabili e le sue prospettive. Siamo ottimisti ”.

Questo articolo è stato reso possibile grazie a una partnership con Transitions [en], un'organizzazione di formazione per i media e l'editoria con sede a Praga.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.