chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Parlare di indipendenza è sempre più difficile per gli abitanti di Hong Kong

Slogan “indipendenza di Hong Kong” all'Università cinese di Hong Kong. Foto: Apple Daily, uso non commerciale.

I leader di 10 università di Hong Kong condannano gli “abusi” della libertà di parola nei campus. In una dichiarazione congiunta [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] pubblicata il 15 settembre, i cancellieri delle università hanno anche espresso la loro ferma opposizione all'idea che Hong Kong si allontani dalla Cina.

Due giorni dopo, un politico di Hong Kong del partito pro Pechino ha etichettato come “nemici” i sostenitori dell'indipendenza, che dovrebbero essere uccisi.

I due eventi hanno evidenziato non solo il precario stato di libera espressione a Hong Kong, ma anche le tensioni sul futuro della città. Gli abitanti di Hong Kong godono di più libertà rispetto ai loro omologhi della Cina continentale in base a un principio noto come “Un Paese, due sistemi”. Questa autonomia è sancita dalla dottrina di governo di Hong Kong, nota come Legge fondamentale, entrata in vigore nel 1997 quando il Regno Unito ha ceduto l'ex colonia alla Cina.

Secondo la Legge fondamentale, la città deve mantenere il suo stile di vita per 50 anni, o fino al 2047. Dopo tale data, il destino di Hong Kong è incerto.

Quel che è certo è che negli ultimi anni Pechino ha affermato con più forza la sua influenza su Hong Kong. Coloro che sostengono più diritti democratici, come il vero suffragio universale o la vera indipendenza, hanno dovuto affrontare una feroce repressione.

La dichiarazione congiunta degli amministratori dell'università, che è stata notevolmente breve, è stata percepita come una risposta alla comparsa di slogan indipendentisti a favore di Hong Kong nei campus dal 4 settembre. La dichiarazione è stata letta integralmente [zh]:

我們珍惜言論自由,但我們譴責最近濫用言論自由的行為。言論自由並非絕對,有自由就有責任。所有下列的大學,特此聲明,不支持「港獨」,並認為這是違反基本法。

Facciamo tesoro della libertà di espressione, ma ne condanniamo i recenti abusi. La libertà di espressione non è assoluta e, come tutte le libertà, comporta delle responsabilità. Tutte le università firmatarie concordano sul fatto che non sosteniamo l'indipendenza di Hong Kong e crediamo che essa sia in contrasto con la Legge fondamentale.

Università della città di Hong Kong
Università Battista di Hong Kong
Università Shue Yan di Hong Kong
Università di Lingnan
L'Università cinese di Hong Kong
L'Università dell'Istruzione di Hong Kong
Il Politecnico di Hong Kong
L'Università della Scienza e della Tecnologia di Hong Kong
L'Università Aperta di Hong Kong
L'Università di Hong Kong

La dichiarazione fa eco a un commento dell'8 settembre di Carrie Lam, dirigente capo della città o alta dirigenza, che sostiene che i messaggi a favore dell'indipendenza di Hong Kong vanno contro il principio “Un Paese, due sistemi” e la Legge fondamentale.

I sindacati degli studenti di 12 università e college hanno risposto [zh]:

我們珍惜言論自由,此權利生而有之。校方不支持港獨,但大學師生享有言論自由,討論港獨絕無不可。所有下列的學生會,特此聲明,討論港獨絕對符合《基本法》第二十七條,校方請停止混淆視聽。

Facciamo tesoro della libertà di parola, un diritto umano fondamentale. Le università possono dire di non sostenere l'indipendenza di Hong Kong, ma gli studenti e gli insegnanti dovrebbero avere la libertà di parola per discutere dell'indipendenza di Hong Kong. Di seguito i sottoscritti sindacati studenteschi rilasciano la presente dichiarazione di chiarimento: la discussione sull'indipendenza di Hong Kong è in linea con l'articolo 27 della Legge fondamentale [che garantisce la libertà di parola e di riunione], gli amministratori delle università dovrebbero smettere di confondere il pubblico.

“Ovviamente, la dichiarazione è una risposta alle pressioni politiche…”

La dichiarazione congiunta non specificava quali fossero gli “abusi recenti”, ma poteva riferirsi a incidenti come quello di una studentessa dell'Università cinese di Hong Kong che avrebbe usato il termine dispregiativo “Chee-na” durante una lite con i coetanei del continente per l'indipendenza, o messaggi inviati alla bacheca dell'Università dell'Istruzione di Hong Kong che prendevano in giro un importante funzionario dell'istruzione di Hong Kong per il suicidio del figlio maggiore.

Au Kar Lun, un esperto operatore dei media, ha creduto [zh] che l'attenta formulazione della dichiarazione indicasse che fosse il prodotto delle pressioni politiche di Pechino:

左報與維穩機器催促鞭策之下,十間大學校長發表簡短聯合聲明,「不支持港獨」。聲明語焉不詳,明顯沒有共識,模模糊糊,沒有清楚說明問題,也沒有解釋理據,內容欠奉,卻仍然要集體表忠,只有一個目的,就是為了應付龐大壓力,交貨表態;唯一清晰的,是一句「不支持『港獨』」。

Sotto la pressione di un giornale filo-pechinese e della macchina per il mantenimento della stabilità, i capi di 10 università hanno rilasciato una breve dichiarazione congiunta in cui affermano di non sostenere l'indipendenza di Hong Kong. Il contenuto della dichiarazione è così vuoto ed è chiaro che non hanno il consenso. Non affronta il contesto e non ha spiegato il loro ragionamento alla base della dichiarazione. Non c'è alcun contenuto e serve solo ad esprimere lealtà. Ovviamente, la dichiarazione è una risposta alle pressioni politiche, poiché il messaggio più chiaro nella dichiarazione è: “Non sosteniamo l'indipendenza di Hong Kong”.

Un esempio concreto di tale pressione politica è emerso quando Leonard Cheng, il direttore della Lingnan University, ha detto che gli studenti potevano discutere dell'indipendenza di Hong Kong nel campus. In risposta, un giornale filo-Pechino lo ha criticato per aver assecondato gli studenti [zh], e alcuni membri del consiglio universitario filo-Pechino hanno avvertito che non si dovrebbe abusare della libertà accademica e della libertà di parola per “coprire atti illegali”.

Sulla piattaforma mediatica cittadina inmediahk.net, Chu Kong Wai, un ex alunno dell'Università cinese, ha espresso il suo disappunto [zh] per la dichiarazione degli amministratori dell'università:

這個聲明的目的,在十大校長和其支持者的角度,是一個棄車保帥的「止蝕」行為,希望能夠抵擋借「港獨」議題,乘勢進攻大學自主領域的攻勢。他們認為譴責所謂濫用言論自由的行為,表態反港獨效忠基本法,就能保住現有的空間;他們不是天真無知,就是鴕鳥可笑。…十間大學校長的聯合聲明正要告訴我們,香港人其實就連討論這部小憲法的權利也沒有。今日不能討論港獨,明天是否不能討論「真普選」,後天會否就不能討論「量入為出」的原則?

I sostenitori della dichiarazione dei rettori delle università ritengono che si tratti di una mossa per ” ridurre le perdite” e salvare le università da ulteriori interventi politici con la scusa di reprimere “l'indipendenza di Hong Kong”. Essi ritengono che, condannando l'abuso della libertà di parola e riaffermando la loro posizione contro l'indipendenza di Hong Kong e la loro fedeltà alla Legge fondamentale, possano mantenere lo spazio per il mondo accademico. Ma o sono troppo ingenui o si comportano come tacchini [seppellendo la testa nella sabbia]… La dichiarazione congiunta dei 10 capi delle università ci dice che i cittadini di Honk Kong non possono nemmeno avere il diritto di discutere la mini-costituzione. Oggi non si può parlare di indipendenza di Hong Kong, domani non si può parlare di vero suffragio universale e il giorno dopo non si può nemmeno parlare del principio di bilancio di “mantenere la spesa entro i limiti delle entrate” [secondo l'articolo 107 della Legge fondamentale].

“Che male c'è a uccidere i nemici in guerra?”

L'opposizione alla discussione sull'indipendenza ha preso una svolta verso un'aperta ostilità il 17 settembre, in occasione di un comizio che chiedeva all'Università di Hong Kong di licenziare il professor Benny Tai per aver guidato le massicce proteste a favore della democrazia che hanno preso il controllo del centro di Hong Kong per tre mesi nel 2014.

Al raduno, la voce pro-pechinese Tsang Shu Wo ha dichiarato sul palco:

If he advocates Hong Kong independence, he’s not Chinese, he’s an outsider and must be killed.

Se sostiene l'indipendenza di Hong Kong, non è cinese, è un estraneo e deve essere ucciso.

Julius Ho a un comizio del 17 settembre che chiede il licenziamento di Benny Tai dall'Università di Hong Kong. Foto del Apple Daily. Uso non commerciale.

Il suo commento è stato accolto con cori di “nessuna pietà” dalla folla di migliaia di persone, tra cui il legislatore e il membro del consiglio dell'Università di Lingnan, Julius Ho, che ha osservato in seguito che non era “un grosso problema uccidere maiali o cani”. Egli ha inoltre affermato:

If we’re talking about Hong Kong independence, that means war. What’s wrong with killing enemies in a war?

Se parliamo dell'indipendenza di Hong Kong, questo significa guerra. Che c'è di male nell'uccidere i nemici in guerra?

Anche se un appello pubblico a uccidere è contro l'ordinanza penale, il segretario di giustizia Rimsky Yuen Kwok-keung ha minimizzato le dichiarazioni di Tsang e Ho. Al contrario, solo un mese fa, tre attivisti per la democrazia – Alex Chow, Nathan Law e Joshua Wong – sono stati condannati da sei a otto mesi di carcere per aver sostenuto le proteste pacifiche del 2014.

“Abbiamo deciso la posizione di Hong Kong dopo il 2047? Non ancora”.

Forse la questione più fondamentale è il motivo per cui alcuni abitanti di Hong Kong vogliono discutere in primo luogo dell'indipendenza dalla Cina. Hui Fung Ming, studente attivista e laureato all'Università dell'Istruzione, ha dichiarato [zh] su inmediahk.net che il dibattito su Hong Kong come Stato indipendente è necessario, dato che il futuro della città dopo il 2047 non è chiaro:

香港基本法寫明五十年不變,2047就係另一場二次前途談判,而港獨係香港未來2047年二次前途談判嘅其中一個可能性同option。依家2047年定左方向啦咩?未吖嘛,你地屋企啲屋契到時候都會到期架喎,有可能會好似中國咁行社會主義集體所有制收哂你地啲地同屋架喎,你地係咪唔介意?

La Legge fondamentale di Hong Kong promette che lo stile di vita di Hong Kong rimarrà invariato per 50 anni. Entro il 2047, il futuro di Hong Kong sarà un altro ciclo di negoziati. L'indipendenza di Hong Kong è una possibilità e un'opzione nel negoziato. Abbiamo deciso la direzione di Hong Kong dopo il 2047? Non ancora. Un gran numero di contratti d'affitto di terreni scadrà dopo il 2047, e rimane possibile che se Hong Kong seguirà la Cina nell'adozione del sistema collettivo socialista, i terreni potranno essere confiscati. Non è una sua preoccupazione?

Hui Fung Ming ha continuato, dicendo che la logica di Pechino e dei sostenitori di Pechino è imperfetta:

港獨違法根本就係一個偽命題,如果按呢個邏輯推演,咁應該除咗一國兩制作為唯一一種政治體制以外無嘢係可以討論到,因為按香港基本法去講香港係落實一國兩制個喎。咁樣嘅話嘢講一國兩制以外嘅嘢都應該係違法喎,成日指手劃腳嘅黨媒講中國政府全面實施對香港管治行一國一制都違法喎,點解佢地又可以講,政權又唔去禁止下呢又?…如果連學校都唔俾講港獨,我想問以同樣嘅邏輯推演落去的話,係咪喺街入邊警察求其聽到有人講港獨兩個字就即刻可以執法拉人呢?大家係咪想要咁樣的香港?

L'affermazione che l'indipendenza di Hong Kong è contro la legge è falsa. Secondo tale logica, “Un Paese, due sistemi” dovrebbe essere l'unico sistema politico di cui si possa discutere. Secondo la Legge fondamentale, Hong Kong ha adottato “Un Paese, due sistemi”, quindi altre alternative dovrebbero essere illegali. Ma i media favorevoli a Pechino continuano a sostenere Pechino per l'attuazione di “Un Paese, un sistema” a Hong Kong, e quindi sono autorizzati a proporre un sistema politico illegale? Perché Pechino non vieta loro di dirlo? Se non possiamo deliberare l'indipendenza di Hong Kong nelle università, secondo la logica, gli agenti di polizia devono intervenire per arrestare chi parla dell'indipendenza di Hong Kong per strada? Volete una Hong Kong come questa?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.