- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Come ho imparato a non odiare

Categorie: Asia centrale & Caucaso, Armenia, Azerbaigian, Citizen Media, Guerra & conflitti, Libertà d'espressione, Rifugiati, The Bridge, How the Karabakh conflict is transforming regional politics

Il sole sul Caucaso meridionale. Foto (c): OC Media, usata con autorizzazione.

Questo articolo è originariamente apparso su OC Media [1] [en, come i link seguenti]. È ripubblicato qui con il permesso, modificato secondo lo stile di GV.

Dobbiamo affrontare la nostra rabbia e il nostro trauma senza ricorrere all'odio.

Ho visto i semi dell'odio crescere lentamente nelle persone che cantavano per la pace solo pochi giorni fa, una, due settimane fa… Ho visto post nazionalistici di persone che mi hanno insegnato come andare oltre la mia nazionalità, come avere empatia verso “gli altri”, come imparare le loro storie e comprendere il loro dolore.Ho pianto istericamente per i post di persone che una volta erano i miei modelli di comportamento, desiderando con tutto il cuore di essere io a non capire qualcosa nei testi che leggo.

Sui social media, qualcuno giustifica il bombardamento di [la capitale de facto del Nagorno-Karabakh] Stepanakert, un altro scherza su coloro le cui case sono state bombardate a [la città azera di] Ganja, un terzo celebra un villaggio “liberato”, mentre i soldati di entrambe le parti giacciono morti durante quella “liberazione”, e un quarto grida per “vittoria”.

E lo spettacolo va avanti e avanti e avanti … Forse è più facile aprire gli occhi al mattino quando aspetti la “vittoria” o la “liberazione”. Forse è più facile gestire la morte di ragazzi di 18 anni che non hanno nulla a che fare con questo conflitto quando puoi coprire il sangue con le ideologie romantiche che ti sono state insegnate sin dal tuo primo respiro..

Un anno e mezzo fa, Facebook mi ha ricordato i post che ho scritto nell'aprile 2016. A quel tempo, sono diventato il tipo di persona con cui non avrei mai voluto parlare. Tutti i miei post erano odiosi e militaristi.

Il mio primo pensiero è stato di eliminarli tutti. Poi ho deciso di chiuderli al pubblico ma di lasciarli per me, per ricordarmi ogni anno chi ero e chi potrei ancora essere se non avessi iniziato a mettere in discussione le mie opinioni.

A volte le persone mi dicono “non capiresti”, “non hai perso una persona cara a causa di questo”, “non sei di Artsakh / Karabakh”. Sono d'accordo, forse nci riuscirò mai. Ma lascia che ti dica come ho iniziato a mettere in discussione il mio odio in primo luogo.

Nel maggio 2016, sono andato a casa di uno dei soldati che è stato ucciso durante la guerra di aprile per intervistare la sua famiglia. L'odio ribolliva dentro di me da un mese e mi aspettavo da loro 10 volte di più. Invece, ho sentito: “Le loro madri stanno subendo lo stesso dolore adesso. Perdono i loro bambini. Chi ha bisogno di questa guerra? “

È stato come un pugno in faccia. Da quel giorno in poi, pensavo tra me e me: “Come posso avere così tanto odio in me se una donna che ha appena perso il figlio pensa alle ‘loro madri?'”

La mia esperienza di studio presso l'Istituto georgiano per gli affari pubblici (GIPA) e la mia vita a Tbilisi mi hanno costretto a guardare più a fondo in questo conflitto.

Negli ultimi due anni, ho intervistato 10 rifugiati fuggiti dall'Azerbaigian 30 anni fa. Una donna che ha assistito ai pogrom di Baku, che ha perso la sua casa, i suoi amici, che ha vissuto in un dormitorio per decenni, mi ha raccontato col sorriso sul volto di come aveva confezionato una scatola di vestiti da bambina da mandare alla sua amica azera che aveva appena avuto una nipote.

Un'altra donna, il cui figlio è stato gravemente ferito durante la guerra di aprile, ha detto: “È stato ferito da un proiettile azero, ma una volta una famiglia azera gli ha salvato la vita. Si sono presi cura di lui per mesi quando le tensioni sono iniziate 30 anni fa “.

Probabilmente non capirò mai il dolore delle persone che hanno perso la casa o i loro cari, ma sono le persone che hanno perso di più che mi hanno insegnato a non perdermi nell'odio.

Uno dei miei amici azeri mi ha ricordato questo oggi mentre stavo avendo un crollo, chiedendomi se potrei anche perdermi nell'odio se dovessi perdere una persona cara in questa guerra. Abbiamo iniziato a ricordarci a vicenda delle persone di entrambe le parti che hanno tutto il diritto di odiare, ma non lo fanno mai.

Una di queste persone è la mia amica più cara, che è di Stepanakert. Si è sposata e si è trasferita all'estero due settimane fa. Mentre stava ancora disfacendo le valigie e si stava adattando alla sua nuova casa, si è svegliata con la notizia della guerra.

Suo fratello è in prima linea, i suoi parenti sono a Stepanakert. Vede la sua città essere bombardata ogni giorno. Eppure è una persona che non ha mai pronunciato un solo commento odioso, è qualcuno che mi chiede dei miei amici azeri e di come stanno in questi giorni, e si arrabbia per i post nazionalistici sui social media.

Ho incontrato persone dall'altra parte che hanno perso tutto nella loro infanzia, che sono dovute scappare, lasciandosi alle spalle le loro case e le loro città. Queste persone sono state le più gentili con me e non hanno mai condiviso un testo guerrafondaio durante tutti questi giorni e prima.

Un anno fa, durante il nostro dialogo sulla trasformazione del conflitto, dovevo parlare di Ramil Safarov [2], il soldato azerbaigiano che ha ucciso un collega armeno durante un'esercitazione di addestramento della NATO in Ungheria. Ho iniziato a piangere dopo due parole. Il mio amico azero mi ha tenuto la mano in modo che potessi respirare e appoggiarmi a qualcuno.

Quando stavo parlando con lui al telefono alcuni giorni fa, mi stava gridando: “Dovrei andare al confine, stare lì e cercare di convincere entrambe le parti, cercare di metterle d'accordo su qualcosa. So che non mi uccideranno. Non mi uccideranno. ” Questa volta stava piangendo e io ridevo istericamente dei suoi desideri sinceramente naive.

Svegliarsi ogni mattina è diventato un inferno, perché non ci sono più mattine buone. Mi sveglio e scopro che i miei peggiori incubi sono diventati realtà. Guardo i nomi dei soldati morti ogni giorno, pregando un universo di non riconoscere nessuno dei nomi sulla lista. Ma ci sono altri che trovano i loro cari in quella lista ogni giorno.

Tutti noi abbiamo traumi da questo conflitto che ci siamo tramandati nel corso degli anni. Ora ne stiamo dando alla luce di nuovi. Quando mi sono svegliato la mattina per andare a parlare con una famiglia sfollata non 30 anni fa, ma ieri, mi sono sentito disperato e impotente come mai prima d'ora.

Può darsi che questa guerra abbia rimandato una soluzione pacifica per molti altri anni.

La violenza a volte sembra un cerchio che non finirà mai. Ma poi ricordo a me stesso: prima o poi tutto finisce e le guerre non fanno eccezione. Non ci sono state innumerevoli guerre su questo pianeta. Le persone vivranno di nuovo insieme pacificamente.

Fino a quel giorno, posso solo promettere a me stesso che ogni altra mattina non darò spazio all'odio e non diventerò qualcuno che lo diffonde, a qualunque costo.

Nota dell'editor: l'autore utilizza determinati termini per descrivere territori e luoghi che riflettono la sua personale prospettiva. Questi non implicano una posizione editoriale di GV sul loro status.