chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'Armenia sprofonda nella crisi dopo il trattato per la fine della guerra nel Karabakh

I manifestanti fanno incursione sulla tribuna del Palazzo del Parlamento armeno a Yerevan, 10 Novembre, 2020. Immagine di Radio Azatutyun / YouTube.

Armenia e Azerbaigian hanno concordato di cessare le ostilità, ponendo fine alla guerra nel Nagorno-Karabakh.

“Ho preso una decisione molto difficile per noi tutti e per me”, ha ammesso il primo ministro armeno Nikol Pashinyan in una diretta streaming  Facebook [en, come in tutti link successivi, salvo diversa indicazione] nelle prime ore del 10 novembre. “Ho preso questa decisione come risultato di una profonda analisi della situazione militare e le valutazioni di persone che ne sanno di più”.

Questa guerra è andata male per l’ Armenia. Ha annullato molte se non tutte le conquiste della prima guerra Karabakh, combattuta sul palcoscenico del crollo dell'Unione Sovietica. Dal 1994, quella guerra ha abbandonato il Karabakh a se stesso, così come le tante regioni circostanti l'Azerbaigian, sotto il controllo della popolazione etnica armena in uno stato di fatto conosciuto come Repubblica di Artsakh. Centinaia di migliaia di azerbagiani e curdi sono fuggiti o sono stati espulsi nel territorio controllato dal governo azerbagiano.

La guerra scoppiata il 27 settembre era l'ultimo tentativo di Baku di riconquistare Karabakh, e la guerra più seria dal cessate il fuoco del 1994. Un'offensiva azera ha preso prima le fasce dei territori in basso lungo il confine con l'Iran, prima di andare verso nord in un territorio più nel cuore del Nagorno-Karabakh. A inizio novembre, i soldati azerbagiani erano vicini a tagliare l'unico collegamento stradale di Karabakh con gli alleati armeni per la città di Lachin — una strada che migliaia di civili hanno usato per fuggire da Nagorno-Karabakh quando le città erano sotto l'intenso bombardamento dell'esercito azerbagiano.

Da nessuna parte questa guerra era così evidente che a Stepanakert, la capitale del Nagorno-Karabakh. Di conseguenza, vi fu un punto di svolta quando le forze azerbagiane erano pronte alla conquista di Shusha, un'imponente città collinare che si affaccia su Stepanakert. Il 9 novembre, il Ministro della Difesa azerbagiano ha rilasciato un video che mostrava i soldati azerbagiani fuori il palazzo del sindaco di  Shusha. Intanto gli azerbagiani, in particolare quelli sfollati dalla città, festeggiavano nelle strade  di Baku.

Questi sviluppi hanno sollecitato il presidente di fatto di Artsakh Arayik Harutyunuyan a supportare Pashinyan in una pubblica dichiarazione il 10 novembre. L'accordo di pace, ha dichiarato, era un male necessario dato dallo stato precario delle forze armate armene nel Karabakh e dalla possibilità che un accordo successivo sarebbe meno favorevole.

L’ accordo mediato dalla Russia essenzialmente equivale ad una resa, chiedendo il ritiro delle forze armate armene dalle regioni circostanti il Nagorno-Karabakh in tre fasi fino al dicembre 2020. In particolare, sono stati distribuiti alla regione 2000 soldati russi, lungo la strada che collega l'Armenia al Nagorno-Karabakh,e in quei tre distretti di Nagorno-Karabakh che rimangono sotto il controllo armeno. Lo status di quei territori controllati dagli armeni non è specificato nel testo dell'accordo, e sarà presumibilmente stabilito in negoziazioni future. Inoltre, l'Azerbaigian garantirà anche l'uso delle strade lungo l'Armenia , offrendo un collegamento terrestre alla sua exclave di Nakhchivan.

Una mappa veloce di quali parti del #Artsakh/#Karabakh gli armeni hanno tenuto (in giallo), quali sono state già militarizzate e tenute dall'Azerbaigian (in verde/blu) e il resto, che è circondato dall'Azerbaigian, i termini includono anche la restituzione dell'enclave di Qazakh occupata dagli armeni e la strada per Nakhchivan

Le forze di pace russe  stanno già per arrivare a Nagorno-Karabakh. La loro presenza formale nel territorio è ora vista come un segno importante del raddoppiamento dell'influenza russa nel Caucaso meridionale – un'influenza di cui gli armeni potrebbero risentire dopo che la Russia, che è formalmente il loro alleato nel CSTO, non ha dato all'esercito l'aiuto sperato. L'aiuto entusiasta della Turchia per gli sforzi bellici azerbagiani ha anche consolidato Ankara come un attore nella regione, con multiple risorse indicando che la presenza delle forze di pace turche sarà regolamentata in un documento separato con l'Azerbaigian.

Ma per molti in Armenia, l'accordo è visto come un'umiliazione assoluta.

Non molto tempo dopo che questo è stato annunciato, migliaia di persone sono fuggite nella Piazza della Repubblica della capitale di Yerevan e hanno assalito il palazzo del governo. La folla è subito entrata nel palazzo del parlamento e, in cerca di Pashinyan, in un attimo è entrata nella residenza del primo ministro. Il portavoce del Parlamento Ararat Mirzoyan, un alleato chiave di Panshinyan, è stato trascinato fuori dalla sua macchina e gravemente picchiato.

Molti colleghi del primo ministro sembrano aver preso le distanze da Pashinyan. Armen Sarkissian, presidente dell’ Armenia, ha dichiarato in un comunicato ufficiale questa mattina che non era a conoscenza dell'accordo fino a quando non l'ha saputo dai media.

Pashinyan ha cercato di mantenere un tono discreto nelle recenti dirette streaming su Facebook — il suo mezzo di comunicazione preferito con i normali cittadini. Tuttavia, la società sembra profondamente divisa. Nei social network in lingua armena, la parola ամոթ (“peccato” in armeno) può essere vista accanto al suo nome. Così anche  #iostoconNikol dei sostenitori.

Un ritornello comune sui social media armeni è quello del tradimento— quando il portavoce ha gridato Հաղթելու ենք (“saremo vittoriosi”), la situazione era così poco rosea di quanto loro fossero preparati ad ammettere.

Così mentre l'opposizione armena si schiera dietro la bandiera nel conflitto in Karabakh, ora sembrano mobilitarsi contro il governo. Il 9 novembre, alcuni dei 17 partiti di opposizione hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo le dimissioni di Pashinyan come primo ministro. Tutti questi partiti sono extra-parliamentari con una importante eccezione: Prospera Armenia (PAP), guidata dall'influente oligarga Gagik Tsarukyan. La PAP era una degli unici partiti di opposizione ad entrare in parlamento nelle elezioni del 2018, insieme all'Armenia Luminosa. Sebbena la seconda nno abbia segnato la dichiarazione del 9 novembre, molti dei suo legislatori hanno anche richiesto le dimissioni di Pashinyan.

Molti di questi partiti rappresentano al precedente elite che è stata detronizzata dalla Rivoluzione del velluto armena del 2018, che ha mandato al potere Pashinyan con un mandato di lotta contro la corruzione e le impunità. Ma il vigore di Pashinyan nel raggiungimento di quell'obiettivo ha sorpreso e onorato molti — in particolare con sonde di anticorruzione indirizzate ad oligarchi come Tsarukyan e un'indagine sulla soppressione violenta di proteste nel 2008 che ha condotto alla detenzione dell'ex presidente President Robert Kocharyan. Ma queste mosse hanno anche dato a Pashinyan potenti nemici interni. Inoltre, hanno fomentato la sensazione costante che Mosca sia stata turbata dal prospetto di una vittoria di Pashinyan nel proprio paese — che potrebbe essere meno disposto ad ricevere il suo aiuto sul fronte.

Con questi timori di schemi d'opposizione, gli esperti di politica armena come il sociologo Dr. Artyom Tonoyan adesso si chiedono se comincerà una nuova battaglia per la lega della Rivoluzione di Velluto:

Qualunque cosa possa succedere, una sola cosa certa sono le luci rosse che lampeggiano sull'esperimento armeno con la democrazia. È un rischio e potremmo non sopravvivere a questo. Spero di sbagliarmi. Prego di sbagliarmi.

Sebbene molti in Armenia abbiano avuto un grande disappunto per l'accordo, sembrano ugualmente sprezzanti verso coloro che hanno occupato i palazzi del governo la scorsa notte. Secondo Samson Martirosyan, un giornalista del sito indipendente Hetq, rappresentano una vecchia guardia disgraziata [hy]:

Da quel che ho capito, all'inizio quelli [in Piazza della Repubblica] stavano mostrando espressamente il loro dolore e la loro sofferenza. Ma il vandalismo è stato commesso dai tirapiedi della Prospera Armenia, i repubblicani [il precedente partito in carica], il Dashnaktsutyun, e il Kocharyan. Molte persone erano infatti molto silenziose la scorsa notte, piangendo le vittime.

Molte migliaia di civili e soldati sono state uccise in quella che è diventata nota come la Seconda Guerra Nagorno-Karabakh. Qualunque siano state le loro perplessita, gli armeni che hanno perso amici e famiglia nel conflitto saranno sollevati con la fine dello spargimento di sangue.

Ma l'assenza della guerra non è una pace duratura. Nelle passate tre decadi, il conflitto Nagorno-Karabakh ha reso e distrutto leader  in Armenia e Azerbaigian, qualunque sianostate le loro alleanze o i sistemi politici in cui erano confinati. Pashinyan sarà il prossimo?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.