chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Supergirl e Vieršnica: i simboli della rivoluzione e dell'uguaglianza di genere in Bielorussia

Meme della versione bielorussa di Supergirl di fronte al cordone di polizia con un testo che invita i cittadini bielorussi ad offrire aiuto e speranza contro il male. Foto parodia di Capitaine Biélorussie, basata su un'immagine di Warren Louw. Uso legale.

Oltre alle foto di persone nella vita reale che incarnano l'eroismo collettivo, gli artisti digitali che sostengono il movimento di protesta in Bielorussia utilizzano anche immagini iconiche di emancipazione femminile che fanno parte della cultura globale e le combinano con immagini del patrimonio storico bielorusso.

Fin dai primi giorni, le donne [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] sono state in prima linea nelle proteste in Bielorussia, sia per le strade che come leader del movimento di opposizione. Per questa ragione, tra gli altri [it], l'artista Daria Sazanovich ha definito [it] l'attuale movimento di protesta in Bielorussia “la rivoluzione dal volto femminile”.

La protesta bielorussa è esteticamente affascinante e concettualizzata. Le persone indossano abiti bianco-rosso-bianco (colori tradizionali bielorussi che fanno appello all'antica tradizione bielorussa). Il colore bianco domina la folla (contro il nero della polizia) e donne energiche rendono questa protesta sorprendente.

Oltre a diverse forme di opere d'arte, fotografie e altre espressioni artistiche utilizzate fino ad ora durante le proteste in Bielorussia, c'è anche l'immagine modificata del personaggio della supereroina Supergirl [it]. È apparsa per la prima volta nelle comunicazioni per le proteste ad agosto.

Proteste in Bielorussia a seguire questo fine settimana:
Sabato: Marcia femminile, 16:00, partenza da Pieramohi Square
Domenica: Marcia per la pace e l'indipendenza, 14:00, Independence Sq.

Possibili repressioni e detenzioni.

Per i giornalisti: siate molto cauti.

Conosciuto con lo pseudonimo di Capitaine Biélorussie, l'artista che ha iniziato a utilizzare questa immagine è stato ispirato dal lavoro del fumettista americano Bob Oskner. Global Voices ha parlato con Capitaine Biélorussie, che desidera rimanere anonimo per motivi di sicurezza, riguardo il fumetto e l'idea alla base:

Meme della versione bielorussa di Supergirl che trasporta membri OMON (forza di polizia speciale nota per la brutalità contro i manifestanti) col testo “È ora di buttare fuori la spazzatura!” Foto parodia di Capitaine Biélorussie, basata su un'immagine di Derrick Chew per DC Comics. Uso legale.

The idea of Captain Belarus was born from both my interest in comic art and my desire to create a symbol of our revolution, a 100 percent positive character who represents the whole Belarusian nation, as heroic, fair and brave as it is — and its struggle against the cruel dictator.

There are several reasons for choosing Supergirl. First, and most important is that she is a girl. This revolution indeed has a woman's face — its  flame was sparked by women and is now supported by women across the country.

The second reason is that Supergirl is a well-known superhero whose face is already associated with noble goals and heroic deeds. I also thought about using Captain Marvel but she doesn't seem as popular as Supergirl in the region.

I think I even saw a similar image of a Supergirl wearing our flag's colors on one of the posters used by protester, which proves that I'm not the only one who thinks this way. Plus — and that is the last reason I can think of – Supergirl's costume is easier to transform into Captain Belarus’. And she wears a cape. Everybody loves superheroes with capes.

 

L'idea di Capitana Bielorussia è nata sia dal mio interesse per il fumetto che dal mio desiderio di creare un simbolo della nostra rivoluzione – un personaggio positivo al 100% che rappresenta l'intera nazione bielorussa- tanto eroica, giusta e coraggiosa com'è – e la sua lotta contro il crudele dittatore.

Ci sono diversi motivi per scegliere Supergirl. Il primo, e più importante, è che è una ragazza. Questa rivoluzione ha infatti un volto femminile: la sua fiamma è stata accesa dalle donne ed è ora supportata da donne in tutto il paese.

La seconda ragione è che Supergirl è una supereroina famosa il cui volto è già associato a obiettivi nobili e gesta eroiche. Ho anche pensato di usare Captain Marvel, ma non sembra così popolare nella regione come Supergirl.
Penso di aver persino visto un'immagine simile di una Supergirl che indossa i colori della nostra bandiera su uno dei poster usati dai manifestanti, il che dimostra che non sono l'unico a pensarla in questo modo. Inoltre – e questa è l'ultima ragione che mi viene in mente – il costume di Supergirl è più facile da trasformare in Capitana Bielorussia. E indossa un mantello. Tutti amano i supereroi con mantelli.

L'artista americano Jamal Yaseem Igle si è guadagnato una reputazione internazionale come disegnatore e colorista dei fumetti DC e Marvel, inclusi i numeri di Supergirl acclamati dalla critica e amati dai fan.

In una dichiarazione per Global Voices [fornita tramite chat online], Igle ha spiegato il fascino universale del personaggio:

L’ artista Jamal Yaseem Igle, un esperto di Supergirl. Foto di cortesia, usata con il suo permesso.

The idea of a superhero character is partially based in the power fantasy dynamic. Superheroes allow us to go beyond our own imaginary limitations. We live, we die, we breath with them.

Supergirl was initially created during the teen sidekick heyday of the 1950's (in Action Comics #252), and for a while in the comics her presence was kept secret from “the outside world” acting as Superman's “secret weapon”. During the first few years of inception, she garnered her own fanbase. She became a central point in the book “The Feminine Mystique” by Betty Friedan and sparked even more discussions about women's independence. So much so that she finally was “revealed” to the DC Comics universe, nearly 3 years later (Action Comics #285 in February 1962).

Supergirl, from her first appearance became a bit of a cultural icon for young women at the time and continues to be so. During the 1960's and 70's, she like Wonder Woman began to embody the Independent Woman and the embrace of the Equal Rights Amendment movement. Supergirl continued to become more and more an individual voice, rather than an appendage of Superman and his comic book mission. She began to represent a sense of agency that young female comics fans could embrace as well.

These things are important. Especially now with so much international strife as well as local strife. Capitaine Biélorussie, taking it's obvious inspiration form the spirit of Supergirl and superheroes in general, shows the global reach of the character. It also shows a need for heroes in these challenging times as Belarus contends with a contested election, and a strongman who wants to stifle the voice of the people.

L'idea di un personaggio di supereroi è parzialmente basata sulla dinamica del potere fantasy. I supereroi ci permettono di andare oltre i nostri limiti immaginari. Viviamo, moriamo, respiriamo con loro.

Supergirl è stata inizialmente creata durante il periodo di massimo splendore degli adolescenti aiutanti degli anni '50 (in Action Comics #252), e per un po’ nei fumetti la sua presenza è stata tenuta segreta dal “mondo esterno” agendo come “arma segreta” di Superman. Durante i primi anni dall'inizio, ha acquisito la propria cerchia di fan. È diventata un punto centrale nel libro “La mistica della femminilità” [it] di Betty Friedan e ha acceso ancora più discussioni sull'indipendenza delle donne. Tanto che finalmente è stata “rivelata” all'universo DC Comics quasi 3 anni dopo (Action Comics #285 nel febbraio 1962).

Dalla sua prima apparizione, Supergirl, è diventata un’icona culturale per le giovani donne del tempo e continua ad esserlo. Durante gli anni ’60 e ’70, lei, come Wonder Woman, cominciò ad incarnare la donna indipendente e l’adesione al movimento per l'Equal Rights Amendament. Supergirl ha continuato a diventare sempre più una voce individuale, piuttosto che un'appendice di Superman e della sua missione nei fumetti. Ha iniziato a rappresentare un senso di libertà d'azione che anche le giovani fan dei fumetti potevano abbracciare.

Queste cose sono importanti. Soprattutto ora con così tanti conflitti internazionali e locali. Capitaine Biélorussie, traendo l’ovvia ispirazione dallo spirito di Supergirl e dei supereroi in generale, mostra la portata globale del personaggio. Mostra anche la necessità di eroi in questi tempi difficili mentre la Bielorussia deve affrontare un'elezione contestata e un uomo forte che vuole soffocare la voce della gente.

Scopri di più sui tumulti in Bielorussia qui [it]

Supergirl non è l’unica immagine iconica femminile utilizzata dai protestanti in Bielorussia. Vieršnica è la versione femminile dello stemma storico noto come Pahonia o Pogonia [it], in cui un cavaliere su un cavallo bianco è stato rimpiazzato da una ragazza dai capelli lunghi. È stato progettato da Ales Plotka e Julia Halavina nel 2015, e a causa della grande richiesta, hanno recentemente pubblicato online versioni stampabili, disponibili gratuitamente.

Prima pagina della rivista Naša Niva con la prima apparizione di Vieršnica nel 2015.

Plotka, cantante e attivista bielorusso, attualmente residente a Praga, ha spiegato la storia dell'immagine in un'intervista per Global Voices:

The image appeared as a cover of my first poetry book “Baisan” and caused a scandal in 2015. A painter who pretended to be a co-author of the coat of arms standard, introduced in 1991, threatened to start a court case against me and Julia Halavina as Vieršnica authors, as well as against other artists, for “desacralizing the sacred.”

It turned into a real Brazilian soap opera: In the finale the sister of a real standard author Jauhien Kulik spoke after years of silence to describe the story of stolen co-authorship and blessed the future life of the feminized symbol. That was a crucial moment for me personally in this story. The symbol was used for the first time at a traditional spring protest march in March 2016, but needed some time to be widely recognized.

L’immagine è apparsa come copertina per il mio primo libro di poesie “Baisan” e ha provocato uno scandalo nel 2015. Un pittore che fingeva di essere un co-autore dello stemma ufficiale introdotto nel 1991, minacciò di avviare un procedimento giudiziario contro me e Julia Halavina come autori di Vieršnica, così come contro altri artisti, per “desacralizzazione del sacro.”

Si è trasformata in una vera telenovela brasiliana: nel finale la sorella del reale autore dello stemma Jauhien Kulik ha parlato dopo anni di silenzio per descriverela storia della co-paternità rubata e ha benedetto la vita futura del simbolo reso femminile. Quello è stato un momento cruciale per me personalmente in questa storia. Il simbolo è stato utilizzato per la prima volta durante una tradizionale marcia di protesta primaverile nel marzo 2016, ma ha avuto bisogno di tempo per essere ampiamente riconosciuto.

Plotka ha spiegato perché le donne sono così importanti nelle proteste in corso in Bielorussia:

The female triumvirate of the 2020 movement has weakened Lukashenka’s rhetoric against his rivals. His traditional alpha-male style of blaming his opponents with vitriolic attacks no longer worked, so he switched to messages of stability and lurking omnipresent external enemies that allegedly kept Belarus from achieving that promised stability. The trio has shown they agree quickly and give messages fast, which is what helped them gain respect of the people who have grown tired of years of ineffective round tables discussions. Our political rules changed and that had nothing to do with gender  - but with the quality of communications they introduced.

You see, revolution is a temporarily thing, and calling it just “female” is tricky. I would say Belarus is a country with a female face. A country where humanitarian values are the core, and in times of changes, a non-violent transfer of power is goal number one. As long as men adopt and support women and vice versa, it can be achieved. The speed of change in the wider region shows one thing clearly: each scenario is unique and everything is possible.

Il triumvirato femminile del movimento 2020 ha indebolito la retorica di Lukashenka contro i suoi rivali. Il suo tradizionale stile da maschio alfa di incolpare i suoi avversari con attacchi al vetriolo non funzionava più, quindi è passato a messaggi di stabilità e nemici esterni onnipresenti in agguato che presumibilmente hanno impedito alla Bielorussia di raggiungere quella stabilità promessa. Il trio ha dimostrato di essere d'accordo rapidamente e di inviare messaggi velocemente, che è ciò che li ha aiutati a ottenere il rispetto delle persone che si sono stancate di anni di tavole rotonde inefficaci. Le nostre regole politiche sono cambiate e questo non aveva niente a che fare con il genere ma con la qualità delle comunicazioni che hanno introdotto.

Vede, la rivoluzione è una cosa temporanea e chiamarla semplicemente “femmina” è complicato. Direi piuttosto che la Bielorussia è un paese con un volto femminile. Un paese in cui i valori umanitari sono il fulcro e, in tempi di cambiamenti, l'obiettivo numero uno è un trasferimento non violento del potere. Finché gli uomini seguono e sostengono le donne e viceversa, ciò può essere raggiunto. La velocità del cambiamento in una regione più ampia mostra chiaramente una cosa: ogni scenario è unico e tutto è possibile.

commenti chiusi