chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Come adattarsi ai cambiamenti climatici estremi in Mali e Madagascar

Forest in the Kayes Region in Mali CC-NC-2.0

Foresta nella regione di Kayes (Mali) CC-NC-2.0

Il Mali and il Madagascar hanno affrontato sfide simili negli ultimi 5 anni. Una crisi politica intervallata da un colpo di stato che ha visto la rimozione del loro presidente, eletto prima della fine del termine. Di conseguenza, l'economia di entrambi i paesi è in picchiata in termini di PIL. Oggi, il Madagascar e il Mali stanno cercando di ricostruire il loro sistema politico ormai frammentato, attraverso l'elezione di nuovi organi esecutivi. Una sfida meno conosciuta che questi paesi affrontano è la lotta contro i cambiamenti climatici estremi. I paesi fragili sono spesso più vulnerabili alle condizioni atmosferiche estreme e lo si può notare dal recente sviluppo dell'ecosistema in Madagascar e Mali.

Un impatto innegabile 

A Mali, la foresta sta lentamente cedendo terreno al deserto del Sahara nella parte del nord. La regione di Kayes si distingue per l'apparentemente inarrestabile avanzamento del deserto in una regione che era solita ospitare una vigorosa foresta, che oggi accoglie vaste aree di sabbia e rocce.  

Adrien de Chaisemartin e i suoi colleghi dell'ufficio McKinsey di Johannesburg hanno fornito un resoconto sull’impatto dei cambiamenti climatici nella regione del Mali [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione]:

Mali is a mostly dry nation, subject to frequent droughts. Increasing temperatures and decreasing rainfall tell of a shift in climate zones as the desert moves south over productive land. In these regions, farmers dependent on agriculture and livestock already face trying periods of drought and have few options to overcome them. Many are moving to the cities, others to the country’s less arid south.

Il Mali è una nazione prevalentemente umida, soggetta a frequente siccità. L'aumentare delle temperature e la diminuzione delle precipitazioni annunciano un cambiamento delle zone climatiche, come l'avanzare del deserto verso sud al posto delle terre coltivabili. In queste regioni, i contadini che dipendono dall'agricoltura e dall'allevamento stanno già affrontando periodi piuttosto difficili di siccità e hanno poche opzioni per superarli. Molti si stanno trasferendo nelle città, altri in paesi del sud meno aridi.

Kayes region in Mali at the border with Senegal via wikipedia CC-BY-2.0

Regione di Kayes (Mali) al confine con il Senegal tramite wikipedia CC-BY-2.0

Di seguito è riportato come viene considerata la situazione attuale e la potenziale perdita economica per il paese:

The climate zone shift—the combined effect of rising average temperatures and declining average rainfall—has already pushed the country’s agroecological zones to the south over the past 50 years, with average rainfall down by about 200 millimeters and average temperatures up by 0.5°C over the same period. [..] The pessimistic high-change scenario could involve losses of about $300 million annually (some 15 percent of the value of agriculture and livestock); the optimistic scenario, losses of $120 million annually (6 percent)

Lo spostamento della zona climatica—l'insieme degli effetti dell'innalzamento della temperatura media e della diminuzione delle precipitazioni— ha già spinto negli ultimi 50 anni le zone agro-ecologiche del paese verso il sud, con precipitazioni al di sotto di 200 millimetri e con un aumento della temperatura media di 0,5 C° nello stesso periodo. [..] Lo scenario pessimistico di grandi cambiamenti comporterebbe perdite annue di circa $300 milioni (circa il 15% dell'agricoltura e dell'allevamento); lo scenario ottimistico, perdite annue di $120 milioni, il 6%).

In Madagascar, l'impatto ai cambiamenti climatici è stato anche più drammatico. In seguito al susseguirsi di 2 cicloni (Giovanna nel 2012 e Haruna nel 2013) che si sono imbattuti nell'isola e hanno lasciato circa 100.000 persone senza dimora. La regione del sud è stata colpita da un'invasione di locuste. Come questi eventi siano connessi tra di loro è spiegato da Emmanuel Perrin on maxisciences [fr]:

Le cyclone Haruna a touché l’île de Madagascar. Or, son passage a créé les conditions d'humidité favorables à la prolifération de criquets migrateurs. Les autorités n’ont pas réagi à temps et, aujourd’hui, leur population atteint 500 milliards d’individus, estime une récente mission de comptage.

Il Ciclone Haruna ha colpito l'isola del Madagascar e le sue frane hanno creato condizioni di umidità tali da favorire una massiva proliferazione di locuste. Le autorità non hanno reagito in tempo e oggi la loro densità ha raggiunto i 500 miliardi, secondo le stime più recenti.

Locust invasion in down town Fianaratsoa, Madagascar

Invasione di locuste nel centro di Fianarantsoa, Madagascar

Il Programma Alimentare Mondiale afferma che il 60% della produzione di riso sarà colpita dall'invasione di locuste. Gli effetti immediati del Ciclone Haruna sono stati percepiti in modo drammatico anche dagli agricoltori del sud, 6.351 ettari di campi sono stati sommersi. Questo video su YouTube dello user ongbelavenir mostra alcune immagini crude delle inondazioni:

Come adattarsi

Cosa può fare la popolazione locale per sostenere questo attacco climatico? Di seguito alcune idee di Michael Kleine e dei suoi colleghi scienziati o ricercatori dell'Unione Internazionale degli Istituti di Ricerca Forestale (International Union of Forest Research Organizations):

New modes of governance should enhance effective stakeholder and community participation, transparent and accountable decision-making, and the equitable sharing of benefits. And strategies for adapting forests to climate change must be coordinated with those of other sectors and integrated into national and regional development programmes and strategies.

Nuovi metodi di governo dovrebbero migliorare l'efficienza degli stakeholders, la partecipazione, la trasparenza e la responsabilità di prendere decisioni della comunità e un'equa ripartizione dei benefici. Le strategie per adattare le foreste ai cambiamenti climatici devono essere coordinate con quelle di altri settori e integrati nei programmi e nelle strategie di sviluppo nazionale e regionale.

In questo campo, le nuove strategie dipendono dai contesti locali e dal tipo di attività nella regione. Ad esempio, il declino delle rese agricole può essere contenuto con le seguenti misure: aumentando la diversificazione delle colture e piantando delle varietà a maturazione precoce, come ad esempio NERICA, una varietà di riso.

Il Dottor Balgis Osman Elasha ha messo in risalto l'importanza di comprendere il contesto locale e  di raggiungere consensi dai leader della comunità per attuare nuove misure:

The same policy could yield contrasting results ,for different sectors or different activities in the same sector, e.g. removing subsides on inputs, from agriculture produced positive impact on traditional rain fed sector (using minimum inputs), and negative impacts on mechanized irrigated agriculture (using intensive inputs) [..] Community Leaders are key players in the policy process , they possess a wealth of indigenous knowledge regarding the wise use and conservation of natural resources, moreover, customary rules and orders issued by them , are considered sacred by their local community.

La stessa politica potrebbe avere risultati differenti, in diversi settori o in diverse attività dello stesso settore, ad esempio la rimozione di sussidi in entrata, dall'agricoltura che ha prodotto un impatto positivo sull'agricoltura pluviale (servendosi di contributi minimi), e impatti negativi sull'agricoltura irrigua meccanizzata (servendosi di contributi intensi) [..] I Leader delle Comunità sono protagonisti del processo politico, possiedono parecchie conoscenze indigene riguardanti l'uso e la conservazione di risorse naturali. Inoltre, le abitudini e gli ordini che stabiliscono, sono considerati sacri dalla comunità locale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.