- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

In Bielorussia il governo di Lukashenka resiste al 2020 — sopravviverà al 2021?

Categorie: Europa centrale & orientale, Bielorussia, Citizen Media, Elezioni, Governance, Politica, Belarus In Turmoil

“Superata la data di scadenza, 1994-2020″: denuncia il cartello [sopra] durante una protesta a Minsk, avvenuta nell'agosto del 2020. Lukashenko è diventato presidente della Bielorussia nel 1994. Foto CC BY-NC 2.0: Natallia Rak / Flickr [1]. Alcuni diritti riservati.

Quest'anno, i bielorussi hanno pagato un prezzo amaro per aver resistito ad Alyaksandr Lukashenko.

Il suo tentativo di rivendicare un sesto mandato presidenziale consecutivo nelle elezioni del 9 agosto ha suscitato la più grande ondata di proteste nella storia post-sovietica del Paese. Quando centinaia di migliaia di dimostranti pacifici si sono riversati sulle strade delle città principali, le autorità hanno scatenato una violenza di portata storica. I servizi di sicurezza e la polizia hanno arrestato centinaia di protestanti [2] [it] dei quali, almeno quattro, sono stati uccisi [3] [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. I protestanti hanno esposto credibili accuse di tortura e maltrattamenti durante la detenzione da parte della polizia, [4] nessuna delle quali è stata investigata dalle autorità.

Lukashenko, al potere dal 1994, ha lanciato un segnale si sfida accusando potenze straniere [5] e incolpando di cospirazioni interne. A fine agosto è stato sorpreso mentre, lasciando un elicottero [6]  vicino al palazzo presidenziale di Minsk, impugnava un fucile d'assalto AK-47 scarico. Pur potendo essere stata ampiamente schernita [7] [ru], questa trovata è stata intenzionalmente pensata.

La violenza (la minaccia e la sua applicazione) pare aver dato i suoi frutti. Sviatlana Tsikhanouskaya, divenuta leader di questo gruppo di opposizione, è celebrata nelle capitali europee, dove continua a rivendicare [8] niente meno che le dimissioni di Lukashenko e la ripetizione delle elezioni che, a suo avviso, sono state da lei ampiamente vinte. Continua ad ispirare i manifestanti in Bielorussia, sebbene ci sia la convinzione crescente che la loro lotta sia divenuta fine a se stessa, priva, a fronte di tanta intransigenza, di una strategia a lungo termine.

Lukashenko sarà anche diventato un paria, ma resta un reietto in carica.  E con l'arrivo dell'inverno, ha ripreso in mano le redini. È tutt'altro che certo che possa tenerle.

Le figure d'opposizione, tra le quali molti membri del Consiglio di coordinamento, sono state incarcerate o mandate in esilio. Protestare senza leader può avere vantaggi tattici nell'eludere la repressione, ma offre poco nei termini di strategia duratura.  Il malcontento in ambiente lavorativo, una vera e propria forma di disobbedienza civile interclassista diffusasi in diverse grandi imprese statali [9] [it], è ormai diminuito. Inoltre, i confini del Paese sono stati, questo mese, completamente blindati [10] [ru] – apparentemente per effetto della pandemia da COVID-19, sebbene l'impatto economico dell'emigrazione politica possa essere dettato da ben altra motivazione.

Se ci sono crepe nel regime, queste non sono però sufficienti a determinarne il crollo. Mentre alcuni membri dei servizi di sicurezza si sono effettivamente dimessi, [11] non vi sono ancora defezioni da parte dell'élite di alto rango. Come scrive [12]l'analista polacco Kamil Kłysiński, Lukashenko sta promuovendo i membri dei servizi di sicurezza a ruoli nell'amministrazione civile. In ottobre, Ivan Kubrakov, capo di polizia nella capitale di Minsk che ha presieduto l'inasprimento delle repressioni nelle grandi manifestazioni, è stato nominato [13] Ministro degli Interni.

Queste figure hanno ancora meno da guadagnare nell'affiancarsi ad un'opposizione che richiederebbe la loro lustrazione. Come il politologo russo Andrey Okara ha riferito [14][ru] al sito web ucraino Telegraf.UA, l'élite politica bielorussa si trova sulla stessa lunghezza d'onda di Lukashenko, ed è giunto, ormai, il tempo di affondare o nuotare [ru]:

Что-то точно случится с Лукашенко. Он явно вышел на финишную прямую. Вопрос лишь в том – когда именно и что случится. Ключевые люди которые эти три месяца калечили других (или не мешали этому) уже в какой-то мере связаны с Лукашенко кровью. Причем это в данном случае – не фигура речи. Кровью они повязаны в прямом смысле слова.

Qualcosa accadrà sicuramente a Lukashenko. È chiaramente giunto al capolinea. Le uniche domande riguardano quando e cosa succederà esattamente. Figure chiave che, negli ultimi tre mesi, hanno paralizzato alcune persone (o, comunque, non hanno fatto niente per impedirlo) sono in qualche modo legate a Lukashenko dal sangue. In questo caso, non si tratta di un modo di dire figurato, bensì, nel senso letterale del termine, di un vero e proprio legame di sangue.

Per adesso, nessun fattore interno costringe Lukashenko a cedere o rinunciare. Tuttavia, le sue precedenti richieste di riforma, un tempo sgravate di dettagli subiscono, ora, un attento approfondimento.

La stesura di una nuova costituzione è solo una tra le tante tematiche discusse con il presidente russo Vladimir Putin durante un incontro [15] avvenuto nel mese di settembre, nella città di Sochi, località turistica sul Mar Nero. A novembre, Il Ministro degli Esteri di Mosca Sergey Lavrov ha ribadito [16] le speranze russe verso questa riforma; Lukashenko ha poi accennato [17] ad una possibile rinuncia alla carica di presidente, nel caso una nuova costituzione venisse approvata.

Dell'opposizione bielorussa, che rigetta questa riforma a mera apparenza, pochi sembrerebbero prendere Lukashenko in parola. Sono convinti che ci sia un tranello.

Imitando la transizione

L'esperienza recente prova che hanno ragione. Negli ultimi anni, diversi leaders autocratici in difficoltà attorno allo spazio post-sovietico hanno armeggiato con disposizioni costituzionali per assicurarsi il mantenimento del proprio potere.

Nel 2016, Serzh Sargsyan, in Armenia, ha tenuto un referendum sulla democrazia parlamentare [18] quando, avvicinatosi al limite del suo mandato presidenziale, si è permesso di far perno sul seggio autorizzato del primo ministro. Nonostante le dimissioni da presidente nel 2019, Kazakhstan's Nursultan Nazarbayev guida ancora il partito al potere, presiede il consiglio di sicurezza e gode dell'immunità penale.

Quest'anno, Putin, dopo anni di speculazioni su cosa accadrà una volta avvicinatosi il suo limite ai successivi mandati presidenziali, ha scompigliato tutte le previsioni.  La sua è risultata essere la soluzione più sfrontata- ha semplicemente azzerato il contatore [19] [it] sul limite di quei termini, ed è tornato al punto di partenza.

Ci sono opzioni diverse anche per Lukashenko. Tuttavia, come scrive [20] [ru] l'analista politico bielorusso Artyom Shraibman, poche di esse sono allettanti: un referendum costituzionale comporterebbe frodi elettorali e stimolerebbe un'altra ondata di proteste. Il trasferimento del potere ad un referendum costituzionale richiederebbe, invece, l'indesiderato incarico di accrescere l'influenza del partito politico nel caso di screditamento pubblico.

IL Congresso Nazionale Bielorusso [21] (BNC) è un consiglio consultivo composto da una schiera selezionata di rappresentanti della società bielorussa. Mentre i democratici paragonano aspramente il BNC al defunto Congresso sovietico dei deputati del popolo, [22] esso potrebbe invece essere la salvezza di Lukashenko. Questo popolare canale del telegramma sulla politica dei bielorussi ritiene, come altri, che il BNC possa ottenere nuovi poteri che gli permetterebbero di apportare cambiamenti costituzionali attraverso una legittimazione democratica simbolica.

Потому что это самый простой вариант. И он решает много задач одним махом. Создавать устойчивые партии и отлаживать механизм их взаимодействия в рамках управляемой демократии долго и дорого. Партийная политика неминуемо ведёт к большей публичности и постоянным медийным конфликтам, чего власти хотели бы избежать (сохранить, так сказать, демобилизующее существо авторитарной системы) […]

В такой конфигурации Лукашенко может возглавить этот орган и формально уйти с поста президента, гарантируя при этом своё решающее влияние на управленческий процесс и сохраняя своё идейное наследие. А дальше, когда ситуация позволит, можно заняться и тонкой настройкой, и партийным строительством.

Perché questa è l'opzione più semplice e risolve molti problemi in un colpo solo. Creare partiti politici stabili e affinare la loro interazione in una democrazia amministrata è dispendioso sia in termini di molto tempo che di costi. La politica di partito porta invariabilmente a una pubblicità maggiore e allo scandalo mediatico costante che le autorità sono ansiose di evitare (in modo da preservare, per così dire, la natura smobilitante del sistema autoritario). […] 

Ma in questa configurazione, Lukashenko potrebbe guidarne il nucleo rinunciando formalmente, nel frattempo, alla carica di presidente, garantendo la sua influenza decisiva sul governo e preservando il proprio lascito; poi, qualora la situazione lo permettesse, potrebbe fare alcuni aggiustamenti o lavorare ad una struttura di partito.

Questa settimana Lukashenko ha dichiarato [23] [ru] che sono in corso i preparativi per il congresso che si terrà nel gennaio 2021. Svolgerà un ruolo importante [24] [ru] in una qualche forma di riconfigurazione politica – come incoraggiato da Mosca.

È importante ricordare che negli ultimi anni c'è stato poco amore tra Mosca e Minsk.

E alla fine del 2020, è facile dimenticare che prima delle elezioni di agosto, Lukashenko ha anche accusato la Russia di disordini politici – menzionando la presenza di mercenari russi a Minsk [25] prima del voto. Ma mentre le proteste di piazza crescevano e Tsikhanouskaya cercava il sostegno dell'Ue, Lukashenko si appellava con più forza allo spettro delle “rivoluzioni di colore” [26] o di una ripetizione delle proteste euromaidee nella vicina Ucraina nel 2014.

A disagio con il creato precedente di un alleato diffidato – ma comunque alleato – spodestato dalle proteste di piazza, Mosca non ha avuto altra scelta se non quella di farsi carico di Lukashenko. La sua guardia nazionale verrà addestrata [27] ora insieme alle forze dell'ordine bielorusse. Il suo massimo diplomatico accusa [28]  veementemente l'Occidente di “intromettersi” negli affari bielorussi. In ottobre, Mosca ha emesso un mandato di arresto [29] per Tsikhanouskaya.

Nondimeno, la sua insistenza verso una riforma politica potrebbe implicare un gioco più lungo  non necessariamente a vantaggio di Lukashenko. Gli analisti russi sospettano che, dietro le quinte, Mosca stia adesso considerando chi prenderà il posto dell'attaccato leader bielorusso. È una danza delicata; supportare Lukashenko troppo sfacciatamente potrebbe distruggere la gratitudine dei bielorussi [31] [it] di cui la Russia gode, persino di coloro che accanitamente contrastano chi è al governo.

Visti lo stato d'animo e la dipendenza strutturale della Bielorussia nei confronti della Russia, Mosca può permettersi di far pressione per una limitata liberalizzazione politica. Così facendo, spera  sommessamente di alimentare un successore favorevole a Lukashenko  qualcuno che non sia macchiato da stretti legami con il suo regime e la sua brutalità.

Non per niente la pubblicazione investigativa The Insider ha recentemente rivelato [32] [ru] che l'amministrazione presidenziale russa ha intenzione di istituire in Bielorussia un partito politico filo-russo ma anti-Lukashenko.

Niente Primavera Araba

Ciò che è chiaro è che Lukashenko sia stato pronto a distruggere il contratto sociale con i cittadini, in modo da mantenere il potere. Infatti, data la pressione economica crescente sulla Bielorussia, sarebbe un miracolo se un simile contratto sociale, con il suo ampio settore pubblico, durasse  di fronte all'enorme pressione dalla sua più grande creditrice, la Russia.

All'incontro di ottobre a Sochi, la Russia ha promesso  1.5 miliardi di dollari in prestiti alla Bielorussia [33], un terzo dei quali è poi tornato nelle tasche di Mosca sotto forma di azzeramento del debito da parte di Gazprom, il gigante petrolifero statale della Russia. Esso supporterà, per un certo periodo, ciò che rimane del contratto sociale.

Ma la perturbazione dell'economia del Paese, esasperata dalla pandemia dalla COVID-19, è stata significativa. Compagnie private, in particolare quelle del settore IT in piena espansione, [34] sono state vessate per motivi politici. Alcune di esse sono addirittura fuggite dal Paese.

Questo è un regime che sta esaurendo le energie e, ora, ha solo il bastone dalla sua parte.

La bruttezza del 2020 avrebbe potuto costringere il resto del mondo a distogliere lo sguardo. In un anno sovrastato dalla pandemia, la Russia si è dovuta preoccupare per il crollo dei prezzi del petrolio e per le problematiche legate alla politica interna. Lo stesso si può dire dell'Ue e degli Stati Uniti al tramonto dell'amministrazione Trump. Bruxelles, Mosca e Washington potrebbero essersi rassegnati ad un'altra elezione profondamente dubbia.

Ma l'ondata di attivismo civico bielorusso e la tenacia dei manifestanti hanno colto il mondo di sorpresa.

Eppure, la percezione ottica non è, da sola, sufficiente a garantire il trionfo delle proteste. Per ora, Lukashenko sopravvivrà – ma indebolito, in gran parte detestato e subordinato alle buone grazie della Russia, un Paese che negli ultimi anni ha cercato disperatamente di ridurre il prezzo che paga per la fedeltà dei suoi alleati.

L'approfondimento dell'isolamento dall'Occidente, che ha recentemente introdotto nuove sanzioni [35] contro i politici bielorussi e potrebbe assumere un ruolo più attivo sotto la nuova amministrazione Biden, non farà altro che costringere Minsk a una dipendenza ancora più profonda dalla Russia. La Russia può essere leale oppure offrire un buon rapporto qualità-prezzo – la strategia di Lukashenko sarà quella di insistere sul fatto che non può avere entrambe le cose.

Il governo di Lukashenko potrebbe trascinarsi ancora per qualche anno, impersonando una transizione politica e una repressione continua.

Ma la brutalità della polizia, in alcuni casi contro persone che non hanno mai protestato prima, sembra aver catalizzato e politicizzato i bielorussi su una scala mai vista prima.

Questo non garantirà né la passività dei governati né la longevità dei loro governanti.