chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La Corte Suprema del Brasile criminalizza l'omofobia e la transfobia

Il 13 giugno, la Corte Suprema brasiliana ha stabilito che l'omofobia e la transfobia devono essere viste come reati ai sensi della legislazione in vigore in Brasile sul razzismo.

Non ci sono leggi nel codice penale brasiliano che affrontano esplicitamente il pregiudizio o la violenza basata sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere. La corte afferma [pt, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che la nuova sentenza ha affrontato un'omissione legislativa che non è riuscita a proteggere la popolazione LGBTQ+ del Brasile.

Coloro che commettono atti di violenza contro la comunità LGBTQ+ possono essere puniti con sentenza detentiva da uno a cinque anni di prigione. Queste sono le conseguenze per quelli che discriminano in base all'etnia, colore della pelle, razza, religione o nazionalità secondo una disposizione del codice penale in vigore dal 1989.

Otto degli undici membri della Corte Suprema hanno votato per la criminalizzazione in risposta a una causa intentata dall'Associazione brasiliana di lesbiche, gay, bisessuali, travestiti, transgender e intersessuali (ABGLT, in portoghese) e dal Partito Socialista Popolare (PPS) .

13 giugno 2019: il Brasile diventa il 43º paese al mondo a stabilire una legge che criminalizza l'omofobia e la transfobia.

Secondo la decisione del STF, diventa ufficialmente un crimine “praticare, indurre o incitare alla discriminazione o al pregiudizio” a causa dell'orientamento sessuale della persona.

Immagine di Grupo Gay da Bahia, usata con permesso.

Oltre a punire gli atti di violenza, la decisione della corte ha stabilito che è un crimine negare opportunità educative, posti di lavoro e accesso ai servizi pubblici e governativi. Inoltre, anche incitare situazioni e comportamenti discriminatori sui social network o su qualsiasi media è diventato punibile sotto la legge sul razzismo del Brasile.

Il Brasile ha uno dei più alti tassi di omicidi di persone LGBTQ + al mondo, dietro a Messico, Stati Uniti e Colombia.

Nel 2018, 420 persone LGBTQ+ [en] sono state uccise, una ogni 20 ore, secondo il Bahia's Gay Group, uno dei primi gruppi per i diritti LGBTQ + in Brasile. Di questi, il 72% erano omicidi e il 24% erano suicidi.

Dopo aver dichiarato il suo voto favorevole per la criminalizzazione, il giudice Cármen Lúcia ha affermato che “ogni pregiudizio è violenza, ogni discriminazione è causa di sofferenza”. Ha sottolineato che la discriminazione spesso inizia a casa, separando famiglie e amici, e ha aggiunto:

Não há como negar a jurisdição a todos a quem foi negado, às vezes, o direito à vida. Na maioria das vezes, o direito à liberdade e à dignidade, pela ausência de uma legislação ainda 30 anos depois do início de vigência dessa Constituição.

Non si può negare la giurisdizione a chi, a volte, è stato negato il diritto alla vita. Il più delle volte veniva negato il diritto alla libertà e alla dignità, a causa dell'assenza di legislazione ancora 30 anni dopo l'entrata di questa costituzione.

Il giudice Luiz Fux, anche lui pro-criminalizzazione, ha affermato che “la violenza simbolica è allarmante tanto quanto la violenza fisica” e che una legge rivolta verso i comportamenti omofobici e transfobici può aiutare a cambiare la cultura delle persone. Continua, “esiste una preoccupazione globale per i livelli epidemici di violenza omofobica”, ma i legislatori rimangono inerti e ignari.

Negli ultimi 20 anni, ci sono stato numerosi tentativi di introdurre una legge che criminalizzasse l'omofobia in Brasile, ma la cultura religiosa e conservativa non le permetteva di raggiungere il Congresso.

Il dibattito legale divide le opinioni

Fernanda Gonçalves, avvocato penalista con sede a Rio de Janeiro, ha detto a Global Voices che alcuni esperti legali affermano che la decisione viola il cosiddetto “principio di riserva legale”, il che significa che un reato non può esistere senza una legge esistente:

No Brasil, temos três poderes independentes – Legislativo, Executivo, e Judiciário. A função característica do Legislativo é criar leis e a do Judiciário é julgar. Enquadrar atos homotransfóbicos na lei de racismo via interpretação, em tese, extrapola a função do Judiciário, por mais nobre que seja a intenção e a causa envolvida.

In Brasile, abbiamo tre poteri indipendenti: legislativo, esecutivo e giudiziario. Il ruolo caratteristico del Legislativo è quello di creare leggi e quello della Magistratura è quello di giudicare. Inquadrare atti omotransfobici nella legge del razzismo attraverso l'interpretazione, in teoria, estrapola la funzione della magistratura, anche se le intenzioni e le cause sono nobili.

Ha anche detto che è un pericolo quando la Corte Suprema, composta da giudici scelti dal presidente e non dal popolo, crea una legge criminale.

E se, no futuro, um Presidente da República eventualmente nomeia ministros do STF que decidem que a Lei Anti-terrorismo se estende para atos praticados por ativistas e integrantes de movimentos sociais? Abre-se um precedente perigosíssimo.

E se, in futuro, il presidente chiedesse alla giustizia di ampliare la legge anti-terrorismo includendo anche gli atti praticati da attivisti e membri di movimenti sociali? Sarebbe una cosa senza precedenti e pericolosa.

Alcuni attivisti e ricercatori hanno citato l'incarcerazione di massa della popolazione nera e povera del paese come un altro problema da considerare nella creazione di un altro provvedimento penale. Il Brasile ha la terza popolazione carceraria più grande al mondo [en], dopo gli Stati Uniti e la Cina.

Iran Giusti, attivista e fondatore di Casa 1, uno spazio che accoglie le persone LGBTQ+ che sono state cacciate di casa, la pensa allo stesso modo. Ha affermato a Global Voices, dice che dobbiamo stare cauti:

Precisamos rever todo o nosso sistema penal e carcerário. Quem é punido no país? Quem é encarcerado no Brasil? Basta olhar os dados para saber que são as pessoas negras.

Dobbiamo pensare all'intero sistema carcerario e criminale. Chi viene punito in questo paese? Chi viene incarcerato in Brasile? Basta guardare i dati, la maggior parte sono persone di colore.

È stato anche con una sentenza [en] della Corte Suprema, nel 2013, che il matrimonio tra persone dello stesso sesso è stato reso legale in Brasile. La stessa decisione garantisce alle coppie gay il diritto di adottare bambini.

Vittorie e sconfitte su due linee parallele

Foto: Antonio Cruz/Agência Brasil, pubblicata con consenso.

La sentenza va in contrasto con l'attuale panorama politico del Brasile, poiché il presidente Jair Bolsonaro, eletto nel 2018 su una piattaforma esplicitamente omofobica [en], in passato ha affermato che avrebbe preferito un figlio morto piuttosto che un figlio gay [en]. Di recente si è espresso contro il turismo gay [en] in Brasile.

Crediamo che il punitivismo non debba essere la via per la regolamentazione, ma per ora, poiché viviamo in una società che si riorganizza solo con le leggi, è una decisione importante.

All'inizio di quest'anno, Jean Wyllys, uno dei primi legislatori brasiliani apertamente gay, ha rinunciato al suo posto alla Camera dei Deputati dopo aver ricevuto minacce di morte. Dice che le minacce sono state ignorate dalla polizia federale. Un altro uomo omosessuale, il rappresentante David Miranda, ha preso il posto di Jean. Alla fine di maggio, quando è stata ripresa la deliberazione della Corte Suprema sull'omofobia, David ha twittato:

Domani ci sarà questo importante voto in Corte suprema. Non possiamo chiudere gli occhi su così tanti di noi che subiscono abusi e muoiono ogni giorno. #LOmofobiaUccide #ÈUnCrimine

All'inizio di maggio, David ha proposto un nuovo disegno di legge che mira a frenare la violenza contro le persone LGBTQ+. In un post di Facebook, ha spiegato:

Se aprovada, essa Lei poderá garantir uma série de medidas protetivas que poderão salvar milhares de vidas. Será um avanço civilizatório importante em tempos de obscurantismo. Mais um passo em direção à construção de uma sociedade verdadeiramente mais justa e democrática.

Se approvato, questo disegno di legge potrebbe garantire una serie di misure protettive che salveranno migliaia di vite.Sarà un importante progresso della civiltà in tempi di oscurantismo. Un ulteriore passo verso la costruzione di una società veramente giusta e democratica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.